Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Istanbul?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Chiese a Istanbul

9 chiese a Istanbul

Chiese di Istanbul
Basilica di Santa Sofia
(89)
Durante un mio viaggio ad Istanbul mi sono imbattuto per puro caso nel visitare la basilica l'Aya Sofya, non appena entrato sono rimasto letteralmente a bocca aperta ma affascinato nel vedere questo capolavoro dell'architettura con la sua maestosa cupola dove vi sono raffigurati insieme (cosa splendida) mosaici cristiani con figure islamiche, ciò dovuto al passaggio nei tempi da basilica a moschea, ma non solo vi si possono ammirare tantissime altre opere visto che è divenuta museo.....
Chiese di Istanbul
Chiesa di San Salvatore in Chora
(11)
La Chiesa del Santo Salvatore di Chora si trova nella periferia di Istanbul (chora significa fuori o fuori dalle mura), un po' lontana dai pricipali posti di visita obbligata per i turisti, però vale la pena prendere un taxi e avvicinrsi per visitarla. Attualmente non è un luogo di culto, dato che ospita il Museo Kariye. Questa chiesa fu costruita nel secolo IV, anche se ha dovuto essere ricostruita in varie occasioni; quella che vediamo oggi è del sec. XI. Curiosamente, è stata una chiesa cristiana, ritrasformata in moschea dopo la conquista di Bisanzio dai turchi. Aveva bellissimi affreschi nella cupola e pareti che furono ricoperte con calce a cui si aggiunse il minareto. La chiesa è composta da varie cappelle addossate che le danno un aspetto a forma irregolare, così che si apprezza maggiormente la sua parte posteriore. Ma quello che più risalta si trova all'interno, con tutti quegli affreschi e mosaici, ora visibili, che costituiscono il museo e che sono considerati come il massimo splendore del Rinascimento bizantino. I più significativi si trovano nella cappella funeraria e nella cupola. L' entrata costa 10 lire turche, ed è aperta dalle 9:30 alle 16:30, eccetto il mercoledì.
Chiese di Istanbul
Chiesa di Santo Stefano dei Bulgari a Istambul
(1)
Sulle rive del Corno d'Oro, nei quartieri di Balat e Fernet - antichi e ricchi quartieri ebrei e greci - si trova la chiesa di Santo Stefano dei Bulgari. La chiesa si trova vicino all'edificio del patriarcato ecumenico ortodosso. È uno dei monumenti più curiosi ed interessanti della città, dal momento che è una chiesa neogotica costruita interamente in ferro fuso. La storia della sua costruzione è davvero interessante; fu costruita a Vienna per poi essere trasportata in barca sul Danubio. In seguito fu montata a Istanbul nel 1898; non è aperta al pubblico, bisogna avere la fortuna di incontrare il custode e risultargli simpatici, anche attraverso il pagamento di una piccola somma.
Chiese di Istanbul
(1)
Chiese di Istanbul
Chiese di Istanbul
(2)
Chiese di Istanbul
Chiese di Istanbul
Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli
(1)
Si trova nel quartiere di Fener, il quartiere greco di Istanbul, poco battuto dai turisti. Si tratta di un edificio importante per la storia della religione cristiana, in quanto sede della Chiesa ortodossa, per cui è importante per gli ortodossi come la nostra San Pietro di Roma lo è per i cattolici! La facciata bianca non dice molto ma vi assicuro che se entrate ne rimarrete affascinati: un bellissimo pulpito in madreperla e un altare dorato splendido! I banchi sono in legno e anche il lampadario è imponente. A differenza delle chiese cattoliche, non c’è l’organo. Vi sono tre icone – composta da mosaici- che rappresentano alcuni santi e inoltre vi è un chiodo che viene venerato come chiodo proveniente dalla croce di Cristo. Visita consigliata!
Chiese di Istanbul
Chiesa di Santa Maria dei Mongoli
(1)
Il rischio è quello di percorrere la strada senza notarla, visto che l'occhio cade soprattutto sulla gigantesca mole del liceo greco ortodosso. La chiesa di Santa Maria del Mongoli, detta anche Chiesa rossa, esteriormente può passare inosservata, ma nasconde un importante signficato storico. Si tratta infatti dell'unica chiesa bizantina di Istanbul a non essere mai stata trasformata in moschea. Memhet il Conquistare emise un decreto personale per "slavare" questo edificio consacrato nel XIII secolo. Se siete fortunati, la troverete anche aperta. La chiesa, in effetti, nonostante il suo signifcato, sembra essere dimenticata un po' da tutti.