Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Siracusa?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Monumenti Storici a Siracusa

6 Monumenti Storici a Siracusa

Monumenti Storici di Siracusa
Tempio di Apollo
(5)
La zona secondo me più bella di Siracusa è Ortigia, un piccolo borgo antico circondato dal mare. Qui c’è il Tempo di Apollo, un sito molto grande lungo circa 60 metri. È del sesto secolo dopo Cristo ed è considerato uno tra i primi templi dorici della Sicilia. Col passare degli anni perse la sua funzione di tempio e divenne una basilica bizantina e poi addirittura una moschea; sono rimasta molto affascinata dal fatto che tre diverse religioni hanno usato questo luogo una dopo l’altra. È come il punto di unione di culti e culture spesso in conflitto tra loro. Le rovine del tempio sono molto belle, perché l’area è spaziosa ma in mezzo alla città. Ci sono ancora delle colonne e una parte di muro, e alcuni scalini. Consiglio di andare a cercarlo mentre si è in giro per Ortigia perché, anche se i templi in Sicilia non mancano, il fatto che questo templio sia stato usato anche da arabi e cristiani lo rende molto particolare.
Monumenti Storici di Siracusa
Bastioni di Ortigia
(1)
Percorrendo la cintura esterna dell'isola di Ortigia (Siracusa) si incontrano diversi bastioni che anticamente erano le mura difensive di attacco della città da parte degli spagnoli che l'hanno saccheggiata. Le mura pur restaurate e ben conservate, simboleggiano il fascino e la custodia di questa perla di Sicilia che è l'Isola di Ortigia. I bastioni presenti sono: Bastione Maniace e San Giovannello.
Monumenti Storici di Siracusa
Catacombe di San Giovanni
(1)
Le catacombe di San Giovanni sono davvero uniche nel suo genere e non si può fare a meno a non visitarle. Nel corso dei secoli la loro costruzione risale tra il 315 - 360 d.c. Inizialmente furono create come serbatoi d'acqua, antico acquedotto greco, successivamente invece come tombe cimiteriali. Hanno ospitato anche San Paolo, durante i suoi viaggi da predicatore, ne parla anche la scrittura, è stato persino sepolto San Marziano dove ancora è visibile la sua cripta. L'ambiente è davvero unico nel suo genere, basti pensare che sono seconde a quelle di Roma. Da non perdere!
Monumenti Storici di Siracusa
Bagno Ebraico
(1)
Nel centro storico di Ortigia, vi consiglio vivamente di visitare il Bagno Ebraico. Tale sito rappresenta l'esistenza di una comunità ebraica siracusana, tra le più importanti ed antiche del mediterraneo. Il bagno "miqwé" di purificazione rituale è situato a circa 18 metri del livello stradale ed è alimentato da acqua pura sorgiva dalle viscere della terra. Un legame rituale si ha anche con il cristianesimo. La pratica dell'immersione per morire al peccato e risorgere a vita nuova. Il bagno ebraico si trova dentro l'Hotel "Alla Giudecca". Da visitare!
Monumenti Storici di Siracusa
Fontana di Diana
Mentre Piazza del Duomo e Piazza Minerva non hanno vegetazione, Piazza Archimede, che si trova lì vicino, ha al centro una splendida fontana. Nella parte superiore si trova una rappresentazione di Artemide, la Diana romana, ben riconoscibile grazie alla faretra che tiene tra le braccia. Ai suoi piedi c'è la bella ninfa Aretusa che le implora di intercedere per lei e di liberarla dalle avances di Alfeo.
Monumenti Storici di Siracusa
Orecchio di Dionisio
(1)
L'Orecchio di Dionisio è una grotta artificiale che si trova a Siracusa, in Sicilia. È impressionante per la sua altezza, in quanto misura non meno di 23 metri. Prende il nome dalla sua somiglianza con un orecchio umano ed è stato il pittore Caravaggio che se lo diede nel 1586 durante una visita a Siracusa. Ci sono diverse leggende che circolano attorno a questa magnifica grotta. La prima racconta che Dionisio I di Siracusa, un noto tiranno, utilizzava la grotta come prigione e che, per la sua acustica, ascoltava i piani dei suoi prigionieri di guerra, grazie a un'apertura del tetto della cavità. Un'altra leggenda dice che Dioniso ha ordinato la costruzione di questa grotta per espandere le urla dei prigionieri, quando venivano torturati. E forse la più azzeccata di tutte, è quella che sostiene che venne utilizzata come cassa di risonanza per produrre effetti sonori per quando si realizzavano rappresentazioni nel teatro greco che si trovava lì vicino. Qualunque sia la vera leggenda, ciò che è certo è che questa grotta gode di un'acustica particolare che consente ingigantire qualsiasi suono che si produca in essa.