Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Roma?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Mostre a Roma

19 mostre a Roma

Mostre di Roma
Arte di strada a Trastevere
(1)
Il quartiere di Trastevere, oltre ad essere un posto dalla vivace vita notturna, dai bar economici ed ospitare bellissime piazze come Campo dei Fiori, è uno spazio d'arte e di dialogo culturale. In questa zona convivono molti studenti provenienti da tutto il mondo con gli abitanti del quartiere di tutta la vita. Questa combinazione produce piccoli angoli che sono veramente emozionanti dal punto di vista artistico, dovuto alla loro semplicità e spontaneità. Colpisce il mix di cartelli, graffiti e lavori fatti con le bombolette che si trovano sui muri.
Mostre di Roma
Mappa dell'Impero Romano
Poco prima di raggiungere il Colosseo, in Via Del Fori Imperiali, in una delle pareti laterali del Foro Romano che affaccia su questa via, si trovano quattro mappe nelle quali si può apprezzare la vastità dell'Impero Romano nel corso dei secoli. La prima rappresenta l'estensione di Roma nel VIII secolo a.C. La seconda mappa copre il periodo che va dalla fine delle Guerre Puniche all'anno 14 a.C. La terza il periodo che va dalla morte di Augusto al 14 DC e la quarta e ultima il periodo compreso dal 98 al 117 DC. Con un solo colpo d'occhio si può vedere l'espansione dell'Impero.
Mostre di Roma
Street Art a Tor Marancia
Il quartiere di Tor Marancia è diventato da pochi mesi un autentico museo a cielo aperto grazie agli splendidi murales del comprensorio di piazza Ruffino che alcuni writers hanno dipinto sui muri dei palazzi, I graffiti sono enormi, suggestivi, come dei moderni affreschi. Tutta l'area del comprensorio è diventata un museo con tanto di visite guidate e targhe esposte con nomi e opere degli artisti. I dipinti sono sia astratti che disegni di paesaggi, nuovle, bambini, e sono coloratissimi. Si tratta di un qualcosa davvero suggestivo da vedere, diverso dalle classiche sculture e dipinti e altre opere d'arte che popolano Roma, ma interessante e divertente da vedere.
Mostre di Roma
Galleria Sciarra
(2)
Da anni vivo a Roma e non si contano le volte in cui mi è capitato di passare nei pressi della Fontana di Trevi e della Galleria Alberto Sordi, ma mai fino a ieri mi ero trovata in questa galleria la cui bellezza mi ha lasciato letteralmente attonita. Mi sono fermata dieci minuti ad ammirarla incredula. Si tratta di un passaggio pedonale da Piazza dell'Oratorio a Via Minghetti (come punto di riferimento potete prendere il Mc Donald's di via delle Muratte che si trova precisamente di fronte l'ingresso della Galleria). La galleria è illuminata dalla luce naturale grazie a un enorme "lucernario" a volta, realizzato in ferro e vetro. Durante la sua costruzione furono rinvenuti i resti della Porticus Vipsania, dei portici fatti costruire per conto della sorella di Marco Vipsiano Agrippa. Gli affreschi in stile Liberty raffigurano esempi virtuosi femminili.
Mostre di Roma
Abilmente - Mostra Internazionale della Manualità creativa
Dal 5 all'8 novembre si è tenuta, presso la Fiera di Roma, la Mostra "Abilmente" (Mostra internazionale della manualità creativa). La mostra, giunta alla sua seconda edizione, è un coacervo di nuove idee per tutti coloro che vivono di creatività. Racchiude in sé moltissime aree tematiche: dal patchwork allo scrapbooking, dal cucito al cake-design. Gli espositori sono in maggior parte di Roma, ma ci sono anche espositori provenienti da tutta Italia e dall'estero (Spagna, Germania, Belgio etc). Personalmente mi sono innamorata della tecnica dello scrapbooking e ho scoperto moltissimi strumenti che possono essere utilizzati a casa per riprodurre il tuo personalissimo album dei ricordi. Il biglietto costa sui 12 euro (io ho pagato 10 euro per sconto abbonamento Metrobus). Le date per il prossimo anno sono già fissate: 3-6 novembre 2016.
Mostre di Roma
Fiera di Roma
Dal 30 marzo al 2 aprile si è tenuto presso la Fiera di Roma l'annuale appuntamento con il "mondo dell'immagine". Periodica rassegna dedicata a professionisti ed appassionati della fotografia, nel corso della quale era anche possibile assistere e partecipare a "tavole rotonde, seminari e workshop" aventi per oggetto diverse tematiche inerenti il mondo dell'immagine. Come ogni anno, nel girare tra i vari espositori, non è mancata la possibilità di fare qualche scatto alle varie modelle presenti in alcuni stand.
Mostre di Roma
Mosaici del Salone delle Fontane Eur
Passato vicino: no, non è un controsenso. E' quello che viene in mente quando si guarda il Salone delle Fontane, nel quartiere di Roma creato per l'Esposizione Universale alla fine degli anni Trenta del secolo scorso che avrebbe dovuto magnificare nel 1942 le gesta del fascismo. Oggi rimangono gli edifici di architettura razionalista e questa area all'aperto, caratterizzata da fontane che zampillano su una serie di mosaici in bianco e nero, in parte purtroppo molto rovinati, ma ancora bene visibili. Gli ideatori, si legge in un cartello nei pressi, sono stati Gino Severini, Giovanni Guerrini, Giulio Rosso. In fondo al salone, una statua un po' isolata che dà l'idea di tristezza, un massiccio soldato con un bastone in mano: sembra dovesse fare parte di una scultura più grande in grado di infervorare le truppe italiane alle grandi battaglie.
Mostre di Roma
Murales del Trullo
(1)
Il Trullo, una zona periferica di Roma anche se ben collegata al centro storio, in particolare con la zona di Trastevere, è divenuta da pochi anni al centro di un progetto di riqualificazione del Comune di Roma. Oltre alle attività comunali organizzate qui, il Trullo ha acquisito visibilità recentemente grazie alle attività di un gruppo di writer, chiamati Pittori ANonimi del Trullo, che durante la notte hanno dipinto sui muri delle case di costruzione popolare, moltissimi murales colorati che hanno reso dalla sera alla mattina, il quartire molto più vivace, spezzando la monotonia del monocolore delle abitazioni. L'interro quartiere è stato ridipinto, sia on disegni astratti che con dipinti che rappresentano figure reali. Inoltre da alcuni mesi, l'amministrazione ha sceltro il Trullo come una delle zone facenti parte del progetto di opere d'arte in strada, in cui alcune opere d'arte, moderna nel caso di quelle destinate al Trullo, sono uscite dai musei e sono state esposte in strada. L'idea è nata dall'artista francese Julien de Casabianca, e ora in diverse zone di Roma, soprattutto zone popolari, è possibile osservare alcuni di questi quadri.
Mostre di Roma
Le madonnelle
I romani le conoscono come "madonnelle": sono le immagini che si osservano (in genere a testa in su...) a certi angoli delle strade del centro di Roma. Alcune sono proprio antiche, altre più recenti, tutte sono unite dalla religiosità semplice e popolare, dalla speranza che, con quelle sculture o quei dipinti, qualcosa di buono possa accadere, magari soffermandosi davanti e recitando una piccola preghiera... Poi però ci sono pure i miracoli collegate a qualcuna di esse. Nella zona che va da largo Argentina, a via del Plebiscito, a via del Corso, di madonnelle ce ne sono diverse: quella che sta a via delle Botteghe Oscure, angolo Piazza dell'Enciclopedia Italiana, è particolarmente famosa. E' la Madonna Annunciata, del XVIII secolo. Come si legge nella targa che le sta sotto, il 7 luglio 1796 mosse gli occhi. E quindi si gridò al miracolo. Tanto più perché entrarono in movimento anche gli occhi di altre madonnelle in giro per Roma. Quindi, fermarci sotto e apprezzarne foggia, materiali, decori, va sempre bene, in ogni periodo, il nostro spirito ne troverà beneficio e anche la nostra voglia di arte popolare. Se poi si vuole una certa sicurezza, in termini di indulgenza plenaria, recitando le litanie alla Vergine sotto l'effigie della Madonna Addolorata di piazza del Gesù (pochi passi da largo Argentina), per ordine del papa Pio VI, sarà così.
Mostre di Roma
Street Art in Via della Renella
Un muro con tanto di cancello tirato su alla meno-e-peggio per evitare che gli sguardi finissero sui ruderi di alcuni edifici forse investiti da una futura quanto improbabile ristrutturazione. E invece, adesso, a via della Renella a Roma, non si fa altro che guardare proprio quel muro ora è reso vivo e appetibile grazie a una serie di murales forse di Blu, l'artista di strada italiano di cui si conosce poco (sarebbe nato a Senigallia e vivrebbe a Bologna), ma che ha arricchito con i suoi schizzi d'effetto numerosi muri sparsi per il mondo. Figure umane grandiose e animali speciali per richiamare l'attenzione sulle bellezze che ci stanno intorno. Magari però è un altro street artist ancora più sconosciuto di lui: opere comunque che lasciano il segno e rimangono nel cuore, abbellendo il grigio delle città.
Mostre di Roma
Maria Domenica Fumasoni Biondi
Un piccolo slargo a Trastevere, quasi nascosto dagli ombrelloni e dai tavolini di tanti locali che lo affollano. Eppure, ci si sofferma volentieri poiché nel giro di pochi metri sono rappresentati diversi periodi storici di Roma: ci sono tracce romane, del cristianesimo primitivo, del rinascimento, tra colonne, capitelli, edicole di varia dimensione, fregi a forma di conchiglia e non. Il tutto è intitolato a Maria Domenica Fumasoni Biondi, originaria di Marino, che si sposò con l'archeologo Luigi Biondi alla fine del 1700. Durante uno scavo condotto dal marito a Frascati, relativo a un sepolcro romano, scoprì una tela di amianto, interpretando il modo con cui era stata tessuta. Ecco, gironzolando per la città si fanno incontri davvero inaspettati. E interessanti, senza dubbio.
Mostre di Roma
Murales di Spinaceto
(1)
Tra Viale Caduti nella Guerra di Liberazione e via dei Martiri di Marzabotto, nel quartiere romano di Spinaceto, un edificio industriale tutto di grigio cemento (sede tra l'altro di una succursale del Municipio IX), periodicamente fiorisce con la street art, forma artistica di strada appunto che ormai vola alto. Infatti, addirittura il Comune di Roma ha creato una mappa-guida dei luoghi in città dove poter ammirare murales di volta in volta curiosi, strani, divertenti, tristi. Anche qui a Spinaceto, i colori sono intensi, vibranti e spesso le figure risultano irriverenti, ma c'è pure spazio per scene di rasserenanti paesaggi che inneggiano a un futuro di libertà e fantasia. Un duetto che gli anonimi artisti di strada conoscono bene.
Mostre di Roma
Stele Fontana Il lavoro dei campi
Le tante storie degli italiani, artigiani, contadini, allevatori, in procinto di mungere il latte, arare i campi, vendemmiare... Tante "scenette" sulla vita del tempo che fu in una enorme stele di marmo su un'altura nel parco del turismo, a Roma Eur, più o meno davanti alla fermata della metro B della Magliana. E' un'opera dell'artista Ercole Drei che l'ha realizzata tra il 1940 e il 1942, ma terminata e messa al suo posto venti anni dopo. Si chiama "Il lavoro dei campi" e mostra un'Italia che proprio non c'è più. Assolutamente gigantesca: ai piedi una fontana che però non è funzionante e sul davanti una piazzetta con stella al centro. Ma non è finita qui: basta aggirarla e anche il suo lato b è degno di nota, con incisioni dei segni zodiacali e le quattro stagioni. In basso, una frase in latino di Orazio che in italiano dice più o meno questo: tu te ne stai in città, io lodo l'incanto della vita in campagna...
Mostre di Roma
Il cancello di Jannis Kounellis
L'artista greco Jannis Kounellis ha ideato qualche anno fa, nel 2007, un particolare cancello che si può vedere ancora oggi a ridosso della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma: è tutto di ferro ritorto, quasi un merletto, con appesi un po' ovunque grossi cristalli di Murano colorati. Rappresentano i frutti dell'orto monacale che questo singolare portone chiude alla visita ma non agli sguardi. Sbirciando attraverso la texture metallica si può infatti intravedere uno spazio ricco di alberi da frutta, dove si coltivavano ortaggi e verdure. A forma di croce, l'orto (che oggi è ridotto solo a un giardino), assieme a tutto il complesso della Basilica, è stato costruito sulle rovine dell'antico anfiteatro castrense dell'imperatore Eliogabalo del III secolo. I secoli che si rinnovano con la contemporaneità dell'arte.
Mostre di Roma
Rassegna Mariana
Dietro il vecchio santuario del Divino Amore, lasciandolo alla nostra sinistra, dirigendoci verso il locale punto di ristoro, c'è sicuramente da andare a vedere una speciale Rassegna Mariana, un luogo a metà tra museo e mostra. Qui sono conservate le immagini di tante Madonne sparse in giro per l'Italia e numerose anche per il mondo. Si inizia con una cartina geografica del Belpaese, in cui sono segnalati i santuari mariani più famosi. Poi ci sono diverse teche con i cosiddetti 'messaggi', ovvero le storie di come e perché una certa chiesa è dedicata a quella particolare Madonna. Insomma, un vero e proprio tour mariano, incentrato sulla ricerca della conoscenza delle diverse effigi della 'mamma' di Gesù, un culto che non accenna a diminuire.
Mostre di Roma
Pietre Parlanti vicino al Santuario del Divino Amore
Giungendo al parcheggio del santuario del Divino Amore, lungo la via Ardeatina, lasciando la macchina e dirigendosi nella zona dove ci sono prima la Torre del miracolo e poi la nuova chiesa, in mezzo a prati e anche alberi di eucalipti, si nota un insieme di pietre che in un primo momento sembrano semplicemente decori rocciosi. Invece no. Avvicinandosi, si vede che ciascun masso è stato disegnato in modo naif, ma non per questo meno suggestivo, e racconta la storia dell'evento miracoloso che ha dato origine al complesso sacro. I lupi, il viandante che si era perso in questo luogo, la richiesta di aiuto. Bello il fatto che le pietre scelte seguano quasi le forme dei diversi 'attori', in particolare quelle dei lupi che davvero danno l'idea di 'movimento'. C'è anche la possibilità di ascoltare le parole di papa Giovanni Paolo II in visita al santuario tanto tempo fa, grazie a un'apposita struttura che funziona a pagamento.
Mostre di Roma
Parione 9 - Studio Bandazzi
Lo studio Bandazzi - Parione 9 si trova ubicato nella via omonima, a due passi da Piazza Navona e dal Chiostro del Bramante, e deve il suo nome dalla crasi dei cognomi delle sue proprietarie: Elettra Bottazzi e Marta Bandini. Le due donne hanno aperto questa piccola galleria d'arte per dare spazio a giovani creativi che qui possono far conoscere le loro opere. La galleria organizza periodicamente eventi e mostre personali o collettive. Se siete di Roma sarebbe quindi bello tornarci ogni mese per vedere come è cambiato l'allestimento. Io sono stata al Parione 9 durante la mostra di Diego Vollaro, un artista che non conoscevo e che mi è piaciuto molto (sito web dell'artista: http://www.diegovollaro.it/index.html). Ci sono stampe di varie dimensioni che possono essere acquistate al negozio a prezzi accessibili.
Mostre di Roma
Murale L'asino che vola
Mi è capitato di trovarmi su via di Tor di Nona, ovvero la strada che fiancheggia il Lungotevere omonimo, e ho scoperto qualcosa che non avevo mai visto, che mi ha incuriosito e che mi ha fatto dire per l'ennesima volta: "Roma non finisce proprio mai di stupirti e non la conoscerai mai abbastanza". Quell'insegna "Murale Asino che vola" indicava un asino volante dipinto sulla facciata di un palazzo. Mi sono chiesta per quale motivo il comune avesse deciso di segnalarne la presenza. Cosa abbastanza insolita per un'opera di street art. Tornata a casa mi sono documentata e ho scoperto il valore storico di tale disegno. L'asino è ciò che resta di un murale molto più grande che è stato dipinto negli anni '70 da un collettivo di studenti di architettura (tra cui Isabella Rossellini) come gesto di protesta pacifico verso lo stato di degrado e di squallore in cui riversava la strada. La via, infatti, nonostante la centralità e la vicinanza al Senato e a Piazza Navona, era caduta nel dimenticatoio e necessitava ingenti interventi per essere riqualificata. L'asino volante simboleggia l'utopia e la speranza. Oggi il murale cancellato è stato riprodotto sulla parete di fronte l'asino dagli stessi studenti di un tempo.
Attività a Roma
Civitatis
(4.638)
55
Salta le Code
Civitatis
(4.083)
40
In Vendita / Salta le Code
Civitatis
(551)
136
Salta le Code
Civitatis
(956)
35
Civitatis
(120)
113
Salta le Code
Civitatis
(535)
29,50
Civitatis
(367)
28
Civitatis
(164)
28
Civitatis
(92)
19
Civitatis
(50)
45
Civitatis
(11)
18
Civitatis
(20)
65
Civitatis
(138)
25
Civitatis
(32)
41
Scontato
Civitatis
(16)
50
Civitatis
(10)
35
Scontato
Civitatis
(17)
30
Civitatis
(13)
50
Civitatis
(3)
50
Civitatis
30