Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Angola?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Angola

100 Collaboratori

40 cose da fare a Angola

Spiagge di Luanda
Cabo Ledo
A circa 80 km da Luanda, nei pressi del Parco Nazionale di Quiçama, si trova questa meravigliosa spiaggia dove oltre a dormire in casette di legno in riva al mare, c'è un ristorante chiamato 'Carpe Diem' dove potrete mangiare come un re mentre guardate il tramonto, uno dei migliore che abbia mai visto.
Città di Luanda
(4)
Centri Commerciali di Luanda
(3)
Mercatini di Luanda
(2)
Isole di Luanda
(2)
Musei di Luanda
(1)
Vie di Luanda
(1)
Di interesse turistico di Malanje
(1)
Aeroporti di Benguela
(1)
Città di Lubango
(1)
Belvedere di Luanda
(2)
Cascate di Malanje
Villaggi di Caála
Spiagge di Luanda
(1)
Scogliera di Luanda
Città di Provincia di Malanje
Abbazie di Barra do Dande
El Portal de la Font
L’incantevole villaggio di Vilafames lo troviamo a soli 25 chilometri da Castellon, in posizione strategica da dove è possibile ammirare un bellissimo panorama su tutta la vallata circostante. Questo villaggio è circondato da mura che conservano importanti monumenti che riflettono lo splendore di epoche ormai remote. E passeggiando per il nucleo storico ci imbattiamo in una delle quattro porti esistenti nelle mura il Portal de la Font, porta che concedeva l’ingresso verso il suo interno attraversando l’attuale salita della via de la Font. Questa zona fu restaurata nel XVI secolo, quando venne costruita la nuova Chiesa dell’Assunzione e venne modificato il tracciato delle mura, adattandole alle nuove esigenze che l’artiglieria da guerra richiedeva. L’esistenza di questa porta ha contribuito chiaramente alla toponomastica e piano al urbanistico della città, con una parte andalusiana con strade strette e tortuose e una parte cristiana, con percorsi più lineari.
Di interesse culturale di N'Zeto
Nzeto
(1)
In Angola, soprattutto nella parte nord del paese, si possono trovare numerosi villaggi che vivono unicamente di pesca. La pesca è parte della vita di tutti gli abitanti. Gli uomini si occupano di uscire in mare ogni giorno, piova o nevichi, le donne si dedicano a pulire il pesce e a prepararlo alla vendita, i bambini aiutano i pescatori a portare le barche piene di pesce fino alla riva. È un lavoro che si fa in comune e il risultato è una perfetta armonia. L’ultima parte, la vendita è come se fosse il risultato dello sforzo di tutti e tutti se ne occupano, infatti si possono vedere tanto donne come uomini e bambini seduti sulla spiaggia vendendo. È un autentico privilegio poter osservare questo stile di vita da vicino poiché si apprendeno moltissime cose e si può capire l’organizzazione sociale di questi villaggi. Poiché il calore può rovinare il pesc, quel che si fa di solito è salarlo affinché duri più tempo; questo lavoro si fa nella stessa spiaggia. Effettivamente l’esperienza che tenemmo in questo villaggio fu impressionante, perché non ci limitammo solo a vedere come lavoravano ma alla fine anche noi partecipammo a delle attivitá, come per esempio pulire il pesce. Jorge ebbe l’opportunità di accompagnare i pescatori in alto mare e fu un’esperienza unica ed indimenticabile. Un’ altra cosa che colpisce sono le specie che si catturano. Le più pescate sono le murene, le orate, le razze, le sogliole, però ci sono anche altre specie che abbondano e che sorpendono, ad esempio le aragoste. In Angola le aragoste si pescano a migliaia e sembra incredibile perché da noi è considerato uno dei pesci più cari. Ce ne regalarono tante che alla fine per non farle andare a male, dovemmo farci dei panini.