Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Loreto?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Loreto

126 Collaboratori
Il più visitato a Loreto
Città di Iquitos
Iquitos
(7)
Foreste di Iquitos
Peruvian Amazon fauna
(4)
Riserve Naturali di Iquitos
Allpahuayo-Mishana national reserve
(3)
Riserve Naturali di Loreto
Pacaya Samiria National Reserve
(6)
Foreste di Nauta
Grau indigenous community
(2)
Cittadelle di Iquitos
Belén district
(2)
Fiumi di Nauta
Birth of the Amazon
Belvedere di Nauta
Viewpoint of Nauta
(1)
Belvedere di Nauta
Miguel Grau Viewpoint
(1)
Laghi di Iquitos
Lago Yarina
(2)
Di interesse culturale di Iquitos
Port of Belen
(5)
Riserve Naturali di Iquitos
Llanchama- iquitos
(2)
Di interesse culturale di Yurimaguas
Balsapuerto
(1)
Foreste di Iquitos
Foreste di Iquitos
Peruvian Amazon fauna
(4)
Foreste di Nauta
Grau indigenous community
(2)
Foreste di Iquitos
Foreste di Nauta
(1)
Foreste di Iquitos
(1)
Foreste di Iquitos
Foreste di Yurimaguas
(1)
Riserve Naturali di Iquitos
Allpahuayo-Mishana national reserve
(3)
Riserve Naturali di Loreto
Pacaya Samiria National Reserve
(6)
Riserve Naturali di Iquitos
Llanchama- iquitos
(2)
Riserve Naturali di Mariscal Ramón Castilla
(4)
Riserve Naturali di Iquitos
(2)
Riserve Naturali di Iquitos
(2)

47 cose da fare a Loreto

Città di Iquitos
Iquitos
(7)
Grandissima esperienza, grandissime persone e una magica avventura difficile da descrivere a parole. Bisogna viverla per poter sentire ciascuno dei momenti che ruotano attorno alla mia avventura peruviana.
Foreste di Iquitos
Peruvian Amazon fauna
(4)
Una delle gite che si fanno quando andiamo in spedizione nella giungla, è quello di osservare la ricca fauna...che é appunto selvaggia. Come ad esempio le scimmie, alcuni delle quali, si sa, se ti vedono con una banana sono capaci di fare di tutto per ottenerla. Ma in generale, è bene stare sempre all'erta perché questo non è un lavoro facile, non è così facile come nella savana africana, perché qui devi andare in mezzo alla fitta vegetazione della savana. Tuttavia, potrete vedere molti animali, rari, come il tapiro, Huacamayos, tucani, scimmie mille tipi diversi, gatti pigri (si spera ... o sfortunati, a seconda della prospettiva), serpenti, alligatori, iguane, piranha, delfini rosa ... Questo in parte di un milione e mezzo di insetti e aracnidi, di tutti i tipi, colori, forme e dimensioni.
Riserve Naturali di Iquitos
Allpahuayo-Mishana national reserve
(3)
Il meglio del tour fu godere delle abitudini della gente di questa zona della giungla peruviana, vicino alla città di Iquitos, con persone che conoscono la foresta ed i suoi attributi, e non venditori di pacchetti come là fuor. Il viaggio fu fantastico, passammo la notte in tende e in quelle che chiamano zanzariere, con guide esperte in giungla, come il signor Luis Yoplack, che ve lo raccomando. Il modo migliore per arrivarci è in auto dall'ingresso di Zungarococha, un'ora e mezzo dalla piazza principale di Iquitos.
Riserve Naturali di Loreto
Pacaya Samiria National Reserve
(6)
Il Pacaya Samiria è un paradiso dalle sensazioni indescrivibili che può essere vissuto in questo viaggio pieno di avventure in mezzo alla natura. Esplora il fiume Ucayali per raggiungere la foresta di specchi, che prende il nome dal fatto si possono vedere le nuvole e gli alberi riflettersi su un maestoso fiume scuro, dove la vasta vegetazione ed il fogliame replicano l'aspetto di uno specchio immenso e naturale.
Foreste di Nauta
Grau indigenous community
(2)
Grau è la comunità nativa dell'Amazzonia peruviana tra le piú visitate dai turisti. Oltre alla sua vicinanza (3 km circa) con Nauta, ha un punto di belvedere molto bello, il punto di vista di Miguel Grau, da cui è possibile osservare quello che si chiama come il giacimento dell'Amazzonia. Inoltre é possibile vedere da un altro punto la grande e rigogliosa vegetazione della giungla e si spera poter osservare i delfini rosa (da qui è necessario portare un binocolo). La comunità è uno dei più piccoli, ma è cresciuta intorno al turismo, che genera il punto di vista. Veden artigianato locale, e alcuni di loro sono responsabili per fare escursioni Nauta Nauta-Grau, con partenza tutti i giorni in stagione. E alcune brevi incursioni nella giungla per l'iniziazione alla conoscenza della flora locale.
Cittadelle di Iquitos
Belén district
(2)
Un dramma umano non dovrebbe in alcun caso diventare un'attrazione turistica, tuttavia, questa zona di Iquitos è una splendida dimostrazione della capacità di adattazione dell'essere umano. Un paesaggio di case costruite su zattere di tronchi galleggianti in un'acqua che servono per tutto, incluso percorrere nella distanza una enclave sorprendente di Iquitos.
Fiumi di Nauta
Birth of the Amazon
Per la nostra escursione sul Rio delle Amazzoni, siamo partiti su una barca a motore da Nauta, sul fiume Maranon, e dopo circa 2 km di navigazione tranquilla, siamo arriati a questa enorme Y che forma con l'Ucayali, per dare alla luce il fiume più lungo e possente del mondo, l'imponente Rio delle Amazzoni. C'è una piccola oasi alla confluenza, perfetta per guardare i famosi delfini rosa d'acqua dolce. Sulla riva destra del Ucayali vi è una comunità indigena chiamata Castiglia, e nel margine sinistro del neonato Rio delle Amazzoni, un'altra chiamata Grau. Quest'ultima ha un belissimo panorama con una fantastica vista di questo punto e della giungla.
Foreste di Iquitos
Botany raid in the Peruvian Amazon
(1)
Si tratta di una delle attività che hanno si fanno quando si va diversi giorni di spedizione nella giungla: Una gita alla scoperta della flora. Si tratta di una delle prime che si fa, perché ti insegnano a distinguere le piante velenose, tossiche o allucinogene, a distinguere i funghi commestibili, le radici e le liane dalle quali è possibile ottenere acqua, ed i benefici medici di molte altre.Sono cose molto importanti per spostarsi attraverso la giungla. I viaggi durano in genere circa 2-3 ore, nei dintorni dell'alloggio o della comunità indigena, ma in realtà, durante tutto il tempo che si trascorre durante la spedizione si imparano i rischi e i benefici dell'Amazzonia. Molte di queste sono lezioni che non dimenticherete mai più. Una delle attività più interessanti che vengono svolte ... Anche se qui quasi tutto è estremamente curioso. Qualsiasi spedizione organizzata lo includerà come essenziale.
Belvedere di Nauta
Viewpoint of Nauta
(1)
In primo luogo arrivare a Iquitos, in volo da Lima, un viaggio di un'ora e venti minuti. In seguito dall'aeroporto si possono contattare gli agenti di viaggio di guidare fino a Nauta. Una volta lì, contattare coloro che conducono i turisti al Belvedere de Nauta, a circa due chilometri di distanza. Farete un viaggio in acqua su una barca a motore. Si arriva alla città di Grau. Sarete portati al belvedere, dove si potrà osservare l'unione dei fiumi Maranon e Ucayali per formare il maestoso Rio delle Amazzoni, che ha più di 6800 km, superando il fiume Nilo, che ha 40 kilometri in meno. Dopo aver contemplato questa meraviglia, si possono mangiare cose tipiche del posto, tornando a Nauta. Huanchaco: è un porto costiero presso il Dipartimento della Libertà a pochi chilometri dalla città di Trujillo. Con una spiaggia ampia e pulita. Con la possibilità di praticare il surf, oltre che navigare guidati da esperti sugli antichi cavalli di canne. È possibile pernottare in qualunque degli hotel, comodi e confortevoli che ci sono nel porto. Per il cibo non bisogna preoccuparsi, vengono offerti principalmente piatti preparati a base di pesce fresco. Reccomando un bollito di cernia. Per arrivare fin qui si può prendere un volo da Lima, per 50 minuti o per terra otto ore di viaggio in autobus panoramici. Visitate subito questo splendido angolo.
Foreste di Iquitos
Watching birds in the Peruvian Amazon
Una delle uscite dell'albergo è quando si passano un paio di giorni di spedizione nella giungla per il bird watching. L'idea è praticarlo dove il cielo è chiaro, e così dicendo, si riferisce a grandi fiumi o laghi / lagune. Noi l'abbiamo fatto al Lago Yarina. Bisogna alzarsi molto presto, perché gli uccelli sono mattinieri, e dopo l'alba, il compito diventa più complicato. Trovarli è compito difficile, perché bisogna guardare tra la fitta vegetazione, e il suono della giungla non aiuta molto, perché suonano pio-pio ovunque, a volte nemmeno quello che sembra un cinguettio appartiene agli uccelli, e altre volte, uccelli imitatori ti fanno pensare che lì ci siano scimmie. Si consiglia di portare binocolo e un buon zoom, se si vuole immortalare almeno una sagoma.
Foreste di Nauta
Castile indigenous community
VILLAGGI INDIGENI Castilla è una delle comunità indigene che si visitano quando si fa un'escursione nella giungla da Nauta o Iquitos; nonostante la brevità del tragitto, Castilla è una delle comunità che si visitano per la sua collocazione. Si trova sulla riva destra del fiume Ucayali, proprio dove si unisce con il Marañón a formare la nascita dell'Amazon, cosa che è facile osservare insieme ai famosi delfini rosa. E' un'oasi di pace che nell'anno 2007, e nonostante la sua vicinanza con Nauta (circa 3 km), non aveva elettricità. I bambini giocano a calcio, a biglie e con le trottole in un campetto; le ragazze saltano la corda e giocano a campana tra polli, anatre e porcellini. Il bucato si fa con acqua di fiume e c'è sempre vita nelle "strade".
Belvedere di Nauta
Miguel Grau Viewpoint
(1)
Il Mirador de Grau, si trova nella comunità indigena con lo stesso nome. Sulla riva sinistra del neonato Rio delle Amazzoni (a partire dal fiume Marañón). Si tratta di una torre di ferro, di 30 metri di altezza, con 10 piani. Un piano basso, uno intermedio e 3 piattaforme in legno per l'osservazione della zona. E 'un ottimo posto per osservare dove il Rio delle Amazzoni nasce prendendo il proprio nome, la Y formata dall'unione del Ucayali (a sinistra da questo punto di vista) con il Marañón (a destra). Se si dispone di un binocolo, e di fortuna, è possibile vedere i delfini rosa del Rio delle Amazzoni. Inoltre siamo in grado di vedere la fitta giungla dall'alto, e le capanne della comunità Grau. Una tappa obbligatoria se si viaggia nell'Amazzonia peruviana.
Laghi di Iquitos
Lago Yarina
(2)
In qualche parte sconosciuta dell'Amazzonia peruviana, davanti ai nostri occhi attoniti, una "pianura" verde chiaro, di narcisi acquatici, ci permetteva di comunicare con il nostro austero alloggio selvatico. La laguna è navigabile in "micro-balsitas" costruite su un tronco tagliato e scolpito. Se avete fortuna (e benzina) utilizzano un motore di 4 cavalli, con l'elica alla fine di un lungo tubo, che devono adattarsi alla profondità e alla vegetazione del lago. Tutte le sistemazioni e le comunità indigene dell'Amazzonia peruviana, si trovano vicino a fiumi o alle lagune che si formano dovute alla stagione secca, all'abbassarsi del livello dei fiumi, affiorando così pezzi di terra che lasciano depositi isolati di acqua di diverse dimensioni. Nella stagione delle piogge la laguna Yarina è solo un braccio del fiume Yanupara (affluente del Rio delle Amazzoni). Il nostro ostello era situato sul margine destro, verso il fondo di questo lago, che abbiamo usato nei giorni successivi per l'avvistamento di uccelli (ce ne sono un'infinità), per pescare piranas, cercare coccodrilli di sera (piccolini) e farci il bagno in alcuni giorni.
Di interesse culturale di Iquitos
Port of Belen
(5)
Situato sulla riva sinistra del fiume Itaya, a sud-est della città di Iquitos. Le sue origini risalgono agli inizi del XX secolo ed è costituito da case costruite su zattere che galleggiano sulla superficie dell'acqua in piena stagione, lo stile tradizionale della regione. Con il tempo e l'aumento demografico della città, la struttura è cambiata in case fisse su pali tondi (talafitas) e su pali di legno alti fino a 2 piani: durante la bassa stagione si utilizzavano entrambi i piani, nell'alta stagione viene utilizzaro solo il secondo piano, quindi tutta la zona di Betlemme resta sommersa e gli abitanti del villaggio si muovono in barca o in canoa, perché la considerano la "Venezia di Loreto". Si offrono visite sul battello dai fiumi Itaya e Amazon. Betlemme è composta da due zone: la zona superiore, che ospita il mercato e il fornitore maggiore della zona, e la più bassa, porto informale e un centro di commercio movimento centrale di prodotti forestali. Attualmente, si cercano costruzioni di materiali nobili. Questo ed altro lo trovi su www.perutravelling.com
Riserve Naturali di Iquitos
Llanchama- iquitos
(2)
E' un luogo bellissimo e diverso da altri posti comuni. Si trova al confine della riserva Allpahuayo-Mishana a circa 25 km dalla città di Iquitos e a circa 50 minuti di strada. Ha una vegetazione unica della zona di sabbia bianca, foreste umide, con specie che si possono trovare solo lì. Ha molte varietà di uccelli, anche sconosciuti alla scienza. Si può anche fare il bagno nelle sue splendide acque scurei con la sabbia. Mi raccomando .......... andate a Llanchama.
Di interesse culturale di Yurimaguas
Balsapuerto
(1)
Vi invito a visitare il Perù, in particolare Loreto, nella provincia Alto Amazonas dove si trova il distretto di Balsapuerto. Qui si trova la pietra più grande del mondo, scolpita da antichi indigeni. Mi auguro che un giorno veniate qui in visita
Foreste di Iquitos
Foreste di Iquitos
Expedition to the Peruvian Amazon
Le opzioni per visitare l’Amazzonia peruviana sono molteplici. La cosa da fare, secondo me adatta per essere la prima volta, è viaggiare fino a Iquitos, per poi considerare tale città come punto di partenza. A Iquitos non si può arrivare via terra, solo per via aerea o fluviale. L’aereo da Lima ci impiega circa due ore. La nave dipende dal punto di partenza, ma ci può mettere in media da 3 a 5 giorni. E potrete scegliere da nave con cabine, fino a navi commerciali sui cui adattano una copertura dove il viaggiatore può montare la sua amaca..3 o 5 giorni dormendo sull’amaca … A Iquitos sarà facile trovare agenzie che organizzano escursioni nella foresta. I prezzi sono cari, per questo è meglio consultarne diverse, confrontare le condizioni e contrattare. Potrete trovare da autentici bungalow, con aria condizionata, televisione, telefono e wi-fi, fino a cabine come quelle del nostro albergo. Ci sono anche gite in cui ogni giorno ti “costruisci” un rifugio per passare la notte. Hanno punti in comune e, oltre alle attività, tutte sono solite trovarsi vicino a un lago o a un fiume. La nostra si trovava a piedi del lago Yarina. Le opzioni sono infinite: parchi naturali, riserve zoologiche, foresta incontaminata, alla ricerca di anaconde, visite a villaggi indios della zona, esperienze sciamaniche, etc. Le escursioni partono dalla stessa Iquitos o da Nauta, secondo la zona della foresta che voglia esplorare, ci sono poi altre località “a valle” da considerare come “campo base”. E tutte le escursioni, o quasi tutte, includono: - Navigazione per l'Amazzonia. Se partite da Nauta percorrerete anche il fiume Maranon e un po' per Ucayali. - Avvistamento dei delfini rosa, nella nascita nominale Amazon. - Visita al belvedere di Grau, e alla comunità con lo stesso nome. - Visita alle comunità indigene, nel nostro caso siamo andati a San Miguel e a Castiglia. - Escursioni per conoscere la flora e le sue qualità. - Escursioni per avvistamento della fauna. - Uscite notturne in cerca di "bug". - Osservazione degli uccelli. - Uscita notturna sul fiume per vedere alligatori. - Giornata di pesca. Inoltre, abbiamo aggiunto una notte di campeggio. E poi quelle specifiche come Anaconda, indiani, Sciamani, ecc, saranno incluse una o più esperienze collegate. Se siete irrequieti potrete prendere fino a corsi di cucina indiana. E i "corsi" di sopravvivenza sono all'ordine del giorno ad ogni uscita. Tutte le sistemazioni, e in mancanza le guide, devono avere almeno una dose di antidoto per i morsi velenosi. Anche se questo è naturale, devono averlo. La cosa più importante, a parte l'antidoto, è l'acqua. La portano dalla città, perché nella foresta, se non in rare e limitate eccezioni, non c'è acqua potabile. Quindi è importante che abbiano almeno 2 litri al giorno per persona. Si suda tanto per il tempo, quindi c'è necessità di acqua più del doppio del solito. Altre curiosità sono: binocolo, un buono zoom, protettore per fotocamera per la pioggia, luce gialla. A seconda del senso di orientamento (dovrebbe essere diviso in 3 almeno), bussola o GPS.