MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Siria?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Siria

135 Collaboratori
Il più visitato a Siria
Rovine di Saimbeyli
Rovine di Palmira
(4)
Internet Point di Damasco
Spotnet Cafè a Damasco
Monumenti Storici di Aleppo
Cittadella di Aleppo
(1)
Fiumi di Dayr Az Zawr
Il fiume Eufrate
(10)
Belvedere di Damasco
Paesaggio di Maalula
Musei di Damasco
Museo nazionale di Damasco
(3)
Zone di Shopping di Damasco
Il mercato Al-Hamidiyya a Damasco
(1)
Villaggi di Bosra
Villaggio di Bosra
(1)
Monumenti Storici di Bosra
Anfiteatro di Bosra
(1)
Cattedrali di Bosra
Cattedrale di Bosra in Siria
Mercati di Damasco
Il mercato di Damasco
Di interesse culturale di Saimbeyli
Musica beduina
(1)
Villaggi di Damasco
Paese di Maalula
(1)
Di interesse culturale di Aleppo
Aleppo
Monumenti Storici di Damasco
Stazione ferroviaria di Hejaz a Damasco
Monumenti Storici di Aleppo
Cittadella di Aleppo
(1)
Monumenti Storici di Bosra
Anfiteatro di Bosra
(1)
Monumenti Storici di Damasco
Stazione ferroviaria di Hejaz a Damasco
Monumenti Storici di Bosra
Bosra Citadel
Monumenti Storici di Bosra
La città antica di Bosra, Damasco
Monumenti Storici di Bosra
Decumanus di Bosra a Damasco
Monumenti Storici di Damasco
Convento di Santa Tecla a Damasco
Monumenti Storici di Bosra
Fontana pubblica Il Ninfeo a Damasco
Monumenti Storici di Aleppo
La grande moschea di Aleppo
Monumenti Storici di Hama
Rovine di Saimbeyli
Rovine di Palmira
(4)
Rovine di Bosra
Rovine di Damasco
Rovine di Al-Suqaylabiyah
Rovine di Apamea
(1)
Rovine di Tell Mardikh
Rovine di Ebla

59 cose da fare a Siria

Rovine di Saimbeyli
Rovine di Palmira
(4)
Conosciuta dai suoi abitanti come Tadmor (il suo nome arabo), Palmira costituisce la principale attrazione turistica della Siria e uno dei luoghi storici più splendidi del mondo. Per quanto possiate essere abituatu a visitare rovine archeologiche, rimmarete stupefatti dalla quantità di colonne, templi in rovina, torri funerarie.. In mezzo al deserto! Ovvero senza nulla nei paraggi e tra i cammelli. Questo luogo sembra un'oasi circondata dal nulla. Le rovine della città, una cinquantina, risalgono principalmente al II secolo d.C. e sono state ampiamente dissepellite (erano completamente interrate) e restaurate. Nonostante questo, gli archeologi continuano a trovare nuovi resti. Si potrebbero dire mille cose tecniche su queste rovine, ma come sempre in questi casi la miglior cosa da fare è restare in ammirazione, godere della sua vista senza fermarsi a leggere ogni singola storia di ogni tempio. Per ovvie ragioni, le migliori ore per visitare le rovine sono all'alba e al tramonto: il calore può diventare insopportabile. E stavolta sì che raccomando di noleggiare dei cammelli: le rovine occupano una estensione di spazio enorme ed è bello passeggiare tra di esse, sentendosi un viaggiatore stanco del deserto che arriva all'ultima città dell'Impero Romano per riprendere le forze. Assolutamente splendido, uno dei posti più affascinanti dove sia mai stato. Non credo che ci siano molte altre rovine comparabili con quelle di Palmira.. E la cosa migliore da fare all'arrivo: dormire in una tenda beduina sotto le stelle. Non ve lo dovete perdere! Il Gran Colonnato è la spina dorsale dell'antica città di Palmira. si tratta di una grande strada con colonne che univa il principale tempio funebre della città con il magnifico tempio Bel. Era un percorso di circa un chilometro. A differenza del modello tipico romano, la strada non era retta e si doppiava in due punti. E' curioso come la moderna strada asfaltata attraversi questa strada. Si conserva ancora oggi una gran parte del percorso, è impressionante. A differenza dei portici che la circondano, questa strada non è mai stata asfaltata, probabilmente perché le carovane dei cammelli si sarebbero danneggiate. Ognuna delle immense colonne ha un piccolo sbalzo, nel quale anicamente si trovavano le statue di qualche vicino ricco o celebre che aveva aiutato, con denaro, la costruzione dell strada. Oltre a fare una passeggiata a cammello per Palmira, contemplarne i costumi e parlare con la gente del posto è un'esperienza irripetibile. Situata nel deserto, Palmira è una città di cammelli: corse di cammelli, concorsi di bellezza di cammelli, scambi di cammelli, etc. Per vedere questi animali, si consiglia di farlo nel loro ambiente naturale, è bellissimo. Ancor di più lo è se si raggiunge una delle oasi che circondano la città, dove i padroni dei cammelli illustrano la storia e gli usi di questo animale, a cambio di una piccola mancia. È la struttura più completa e impressionante di tutte le rovine di Palmyra: Il santuario di Bel. Questo posto può vantare un enorme cortile murato, un passaggio che collega il tempio con l'esterno del muro e il tempio stesso, pieno di busti di divinità e segni zodiacali nella cupola. Un bellissimo tempio.
Internet Point di Damasco
Spotnet Cafè a Damasco
Damasco è una bella città ma, come il resto della Siria hauna comunicazione molto ristretta a causa di diversi blocchi economici e di censura. E tutto ciò si traduce con il poter incontrare un unico internet cafè nel centro storico di Damasco in buone condizioni. Il Spotnetcafè ha cuffie e microfoni per poter parlare con skype, ha anche diversi siti aperti affinché possano consultarsi la maggior parte dei servizi di google. Ma è impossibile per esempio accedere a Facebook e a Youtube, a causa della censura del Governo. Il prezzo di navigazione è di un euro circa ogni ora, e anche se la connessione non è molto veloce, è una delle migliori del paese.
Monumenti Storici di Aleppo
Cittadella di Aleppo
(1)
Aleppo è una splendida città. Puoi vivere l'esperienza di stare in diversi quartieri con diverse culture camminando solo per due ore. Di tutto il nostro viaggio in Siria nel 2001, una delle cose che più mi ha colpito è stata la cittadella di Aleppo. Solo stare sulle mura è una grande emozione. Si può mangiare lì, in alcuni ristoranti a prezzi accessibili. Quando arrivi, la cosa migliore è perdersi tra le sue viette. Troverai bagni, prigioni di superficie e sotterranee e anche un salone per eventi di recente ricostruzione. Spettacolare. Il castello all'interno è molto ben conservato e vale la pena visitarlo: dura circa 3 ore e ti consiglio di portarti molta acqua. Noi siamo stati in agosto e faceva moto caldo. C'è un bar nella parte superiore per prendere un caffè e con una bella vista sulla città. Ma la cittadella è bella anche di notte,per il suo spettacolare gioco di luci. E non perdetevi l'interno del castello, la sala e i piani inferiori sono splendidi!
Fiumi di Dayr Az Zawr
Il fiume Eufrate
(10)
Il fiume Eufrate è uno dei fiumi più tradizionali nella storia dell'uomo. La storia racconta che, sulle sue rive, è stata fondata la prima civiltà e già per gli ebrei era un fiume sacro, fonte della vita, della cultura e della civiltà. Oggi passa attraverso la Turchia, la Siria e l'Iraq. Recentemente è una fonte di controversie, perché i turchi stanno costruendo molte dighe che trattengono l'acqua nel proprio territorio, provocando la desertificazione e la perdita di Siria e Iraq. Nonostante tutto (o forse proprio per questo motivo) la civiltà si concentrò attorno a questo magico fiume; in una terra arida e brulla questo fiume è la fonte della vita, della storia e della saggezza.
Belvedere di Damasco
Paesaggio di Maalula
Il meglio di Maalula è, senza dubbio, l'incredibile posizione all'interno di una scogliera. La visita a questo paesino è indimenticabile proprio per via degli splendidi panorami che si osservano dal Monastero di Santa Tecla. Le case appoggiate sulla roccia come per magia, i bambini giocando tra burroni e la terra color ocra, che sembra parlare aramaico, la lingua locale, una delle più antiche del mondo.
Musei di Damasco
Museo nazionale di Damasco
(3)
Il museo Nazionale di Damasco è la galleria più importante della Siria e vale la pena dedicarle un paio d’ore prima di continuare a visitare altri luoghi di interesse del paese. Non dobbiamo aspettarci un museo moderno europeo, interattivo, ben organizzato e con illuminazione adeguata. Entrare nella galleria è come retrocedere ai quei musei degli anni 40, come quelli che Indiana Jones riempiva con i suoi tesori. Vale la pena visitare questo museo. All’entrata vi è un giardino, la facciata dell’edificio è piuttosto imponente, si tratta di un’entrata che era un antico palazzo di un accampamento militare del VI sec. situato nel deserto, vicino Palmira e che fu trasportato pietra per pietra fino a Damasco. La parte interna del museo sembra un caos, così vi conviene selezionare bene ciò che volete visitare per non finire stressati dal calore e dagli oggetti artistici. Vi raccomando la sinagoga del II sec., famosa per le rappresentazioni dell’Antico Testamento. L’unica con rappresentazioni del mondo, dato che Talmud proibì le rappresentazioni umane. Per accedere in questa zona dell’edificio è necessario chiedere le chiavi ad uno dei guardiani. Imprescindibili è anche l’hipogeo di Yarhai, un assemblaggio di camere mortuarie trovate nella Valle delle Tombe a Palmira, con sculture molto curiose ed espressive. Infine è necessario chiedere ad uno dei guardiani che vi apra le sale di legno tagliato che creano una antica mansione araba.
Chiese di Aleppo
Basilica di San Simeone a Aleppo
(2)
A circa sessanta chilometri da Aleppo si trovano le rovine della basilica di San Simeone. Per arrivare da Aleppo, la forma più comoda e rapida è prendere un taxi che ti porti e ti aspetti per poi tornare indietro. La visita si può fare in un'ora. La leggenda racconta che in questa basilica viveva il famoso San Simeone conosciuto come l'esule che visse parte della sua vita sull'alto di una colonna di diciotto metri per pregare Dio e allontanarsi dai credenti che lo andavano a vedere. Nella basilica manca solo una piccola porzione di quella che era la colonna del Santo. Il paesaggio di andata e ritorno a Aleppo e dall'alto della collina dove si trova la Basilica merita una visita.
Monumenti Storici di Damasco
Porta del Tempio Romano di Giove a Damasco
Continuando sino alla fine del Zoco Al-Hamidiyya si torna a vedere la luce, attraverso l'evocatrice porta occidentale di quello che fu il tempio romano di Giove, oggi Moschea Omeya. Il posto è fortemente evocativo dal momento che non si tratta di un museo ma che è tutt'oggi vissuto dalla gente. Le pietre dell'antico tempio sono le pareti di molte bancarelle che vendono cibo, bibite, etc. Un posto pieno di vita tanto di giorno quanto di notte, dove approfittare per conoscere le usanze locali e chiacchierare.
Zone di Shopping di Damasco
Il mercato Al-Hamidiyya a Damasco
(1)
A sud della cittadella si trova il mercato più importante di Damasco, l' Al-Hamadiyya. Si tratta di un grande mercato coperto in pieno centro della Città Vecchia. Ricorda un po' Parigi, un po' i magazzini, un po' un vecchio mercato medievale. Si tratta di un insieme di vie selciate con negozi di tutti i tipi (da negozi di bici, gelaterie, gioiellerie o negozi per fidanzati). Tutta la volta di ferro è tutta forata da piccoli buchetti, come punti di luce, che sembrano piccole stelle. Questi buchetti sono il prodotto delle pallottole che causarono le mitragliatrici dell'aviazione francese durante la ribellione nazionalista della Siria nel 1925! Un posto molto divertente per passeggiare (anche se per comprare artigianato sono più piacevoli i negozi del centro storico). Di solito è pieno di gente, per quello è meglio prenderselo con calma e godere dell'atmosfera senza fretta. Questo mercato arabo, insieme alla Moschea Omeya, è il principale punto di riferimento per orientarsi in questa meravigliosa città senza insegne delle vie...
Villaggi di Bosra
Villaggio di Bosra
(1)
E' uno dei villaggi più affascinanti della Siria. Oltre a possedere alcuni teatri romani meglio conservati del mondo, circondato da una fortezza araba, è costruito per la maggior parte in basalto nero. Un'escursione di un giorno risulta sufficiente per esplorarlo e visitarlo con calma. Bosra è menzionato già negli archivi egizi del 1300 a.C. e si è convertito nella capitale della provincia di Arabia dell'Impero Romano. Durante l'epoca bizaantina, in questo villaggio venne costruita una grande cattedrale. La tradizione racconta che qui un giovane Muhammad apprese i pilastri fondamentaali del cristianesimo per mano del Monte Boheria.
Monumenti Storici di Bosra
Anfiteatro di Bosra
(1)
Il magnifico anfiteatro di Bosra è circondato da una cittadella piena di nascondigli. Fu fortificato poiché durante l'Età Media l'edificio romano andava protetto dagli attacchi dei crociati. È un'esperienza unica perdersi nell'oscurità delle celle della fortezza per poi andare verso l'illuminato anfiteatro con posti in pietra. Si apprezza, inoltre, il fantastico anello di otto torri collegate da grossi muri che circonda il teatro, ben conservato. La torre di Sud Ovest ospita un museo di cultura e tradizioni popolari, con scene della vita quotidiana araba rappresentate con manichini e diverse esposizioni di abbigliamento e utensili.
Cattedrali di Bosra
Cattedrale di Bosra in Siria
A Sud del monastero si trova rovina la cattedrale di Bosra. Costruito intorno al 512, è ora in un penoso stato di conservazione, ma di notte, debolmente illuminata, è molto suggestiva. E 'stato il primo edificio a cupola con un cerchio su una base quadrata, ma le successive ricostruzioni hanno impoverito l'architettura. Oggi rimane solo la navata centrale e l'originale anticamera.
Mercati di Damasco
Il mercato di Damasco
Il Mercato di Damasco (souk)è uno dei migliori in tutta l'Asia, è uno spettacolo che merita di essere visto. Un'esplosione di colori e odori dove si può incontrare praticamente di tutto: spezie. gioielli, lavori di cuoio e di metalle. E' specialmente raccomandabile sedersi e godere una pipa di acqua mentre si osserva passare la gente. Ah dimenticavo: contrattare è un obbligo!!
Di interesse culturale di Saimbeyli
Musica beduina
(1)
Una visita in Siria non sarebbe completa se non abbiamo la possibilità di ascoltare la loro musica e ballare le loro danze. I siriani, come i Latini, si divertono molto a cantare e ballare nelle loro feste e piace che gli vengano insegnate canzoni differenti, cercando di suonare i loro strumenti e ballare le loro danze. Questo è proprio quello che abbiamo fatto a Palmyra, accompagnati da alcuni beduini che, per qualche cosa sono molto moderni (tutti hanno la TV via cavo e cellulari), ma che ancora seguonole loro tradizioni musicali e suonano con strumenti di pelle animale. Uno dei ricordi più belli che ho preso dal mio viaggio in Siria.
Mercati di Bosra
Mercato Romano a Damasco
si tratta di una delle rovine più visibili della città di Bosra..un'ampia superficie in cui un tempo veniva svolto il mercato romano. Oltre ad essere un punto panoramico incredibile, rappresenta una tappa obbligatoria per i bambini, in quanto vengono a giocare a nascondino qui!! La città di Bosra attualmente, è infatti un'oasi di rovine ed antichità sfruttate, in particolare proprio dai bambini!! Quindi non si tratta solamente di un "museo" da vedere e non da toccare!!
Villaggi di Damasco
Paese di Maalula
(1)
A circa mezz'ora da Damasco si trova il paese di Maalula. Si tratta di un piccolo e interessante borgo nel quale le case, dipinte con colori che vanno dal sabbia all'azzurro argentato, si trovano sulle scoscese pareti di una scogliera. L'unico posto da visitare qui è il Monastero di Santa Tecla, ma il paese nel suo insieme è molto affascinante. Si tratta, infatti, di uno dei pochissimi posti al mondo dove si parla ancora aramaico, l'antica lingua di Gesù. È una delle lingue vive più antiche del mondo ed assomiglia all'arabo e all'ebreo. La visita a Maalula è perfetta per un'escursione di un giorno fuori da Damasco. Si apprezza la tranquilla vita tipica delle zone rurali siriane e si possono fare due chiacchiere con gli abitanti del posto.
Di interesse culturale di Aleppo
Aleppo
Aleppo è una città che può essere visto in soli tre giorni. La verità è che è molto bella, e il suo sindaco, secondo alcuni siriani con cui abbiamo parlato, ha lavorato duramente per lasciare la città preparata per accogliere i turisti. E 'molto tranquilla la passeggiata per il bazar, si puö visitare la cittadella, in questa foto, e, soprattutto, andare nei ristoranti della zona cristiana, perché per pochi soldi si può mangiare molto, molto bene. Godendo di un viaggio che spero di rifare presto. 3500 foto sono molte! : D
Monumenti Storici di Damasco
Stazione ferroviaria di Hejaz a Damasco
Una bella stazione che risale al 1917 e che fu durante molto tempo la stazione dei pellegrini diretti a La Mecca. Si segnala il bellissimo tetto e le vetrate a colori. Attualmente la stazione è chiusa e si sta considerando cosa fare dell'edificio. Si può visitare solo l'atrio, e ne vale indubbiamente la pena.