Dove vuoi andare?
Entra
Il mio profilo
Modifica profilo
Chiudi sessione
Condividere esperienza
Pubblicare

23 opinioni su Ghats di Varanasi

Life in Ganga (गंगा)

Preghiere, pulizia della biancheria, vasche da bagno, pellegrinaggi, feste, cremazioni, la meditazione ... o semplicemente contemplare un mondo così vicino e così lontano in un momento, questa è la vita nel Gange. Conosciuto in India come Ganga Maa (Madre Ganga) o Ganga Devi (dea Ganga) in questo fiume, pur essendo il più inquinato del mondo, si può avere la possibilità di vedere gli animali morti galleggiante in acqua o anche resti umani (in alcuni punti di passaggio, come la città santa di Benares), il colore verde marcio delle sue acque, ecc, ecc, ecc, è, nonostante tutto, un luogo di vita, credenze e tradizioni. Forse la speranza che la casa gli indiani che ogni tuffo nel fiume serve per espiare un peccato o disperdere le ceneri di un cadavere nel Gange impedisce il ciclo della reincarnazione del defunto, fa un gran numero di indù effettuare dei continui pellegrinaggi al fiume per fare il bagno in esso o meditare sulle sue sponde, o semplicemente per ragioni di ordine pratico, dal momento che nel suo viaggio di 2510 km è irriga le acque territoriali (secondo dati del 2005, il Gange e dei suoi affluenti drenante un fertile 907,000 km ² del bacino delle risorse naturali, che fornisce circa 400 milioni di persone (credo che siano molti, ma i dati sono offerti dalla edizione online di El Pais del 21/11/09), come se fosse poco!. La città dove il fiume acquisisce maggior rilievo è senza dubbio Varanasi (Benares o), prima di Kashi (Città della Luce), abitata da un milione di persone, e ogni anno è molto visitato durante la stagione dei pellegrinaggi da un altro milione di persone (tra cui le persone che sono venute qui in cerca del loro "cimitero degli elefanti", perché se si muore qui, si è a metà strada per rompere il ciclo della reincarnazione). Comunque, in entrambi i casi, questo fiume è speciale (a parte la vita offerto a loro modo) e si sente nell'ambiente. Personalmente preferisco la zona nei pressi della nascita del fiume, come la città di Rishikesh (della quale vi ho già detto qualcosa), ho potuto godere di alcuni tramonti con come sfondo la sintonia dei cantici qualche anima swami che medita sulle sue rive, quindi se siete in grado di lasciare che i vostri pensieri volino grazie ai suoni e sentire la pace che ospita la tua anima, per un attimo, prima che gli ultimi raggi, vi spingano involontariamente a guardarli, sentire, meditare, e lasciare che la pace assoluta invada il vostro essere per consentire che le vostre idee si perdano, come si vede il giorno appena passato prima della notte (non in senso religioso o esoterico, solo provando la sensazione di qualcosa che è dentro di voi ed in momenti come questo che si è in grado di sentire o indovinare con grande chiarezza). Forse ha qualcosa a che fare con la magia della vita sul Gange.

Leggi tutto
+18

Tutti gli indù devono fare un ...

Tutti gli indù devono fare un pellegrinaggio nella zona di Varanasi, almeno una volta nella vita, e dire che se si muore lì, le ceneri vengano gettate nel fiume per terminare il ciclo della reincarnazione. Così non è raro vedere intere famiglie che si siedono sui gradini dei Ghati, bagnandosi e sommergendosi in quest'acqua e repetendolo varie volte giá che ogni volta che ci si sommerge ci viene perdonato un peccato. Se si considera il numero di microrganismi (e poi non sono cosí micro...ve lo posso assicurare), che ci sono nel Gange, possiamo pensare che sia quasi un suicidio lavarsi i denti, fare gargarismi, o bere l'acqua ..

Leggi tutto
+4
Conosci questo posto?
Aiuta gli altri viaggiatori a scoprire con la tua esperienza e foto