Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Finnmark?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Fiordi a Finnmark

Le destinazioni più popolari

3 fiordi a Finnmark

Fiordi di Alta
Altafjorden
Siamo partiti da Äkäslompolo di prima mattina con la sensazione che forse non torneremo mai più lì. Eravamo stati tredici giorni nella Lapponia filandesa. Per diversi chilometri e strade comuni della zona, quindi strette ma ben asfaltate, abbiamo continuato il nostro viaggio attraverso abeti rossi e pini finché non siamo arrivati ​​alla tundra, in cui il paesaggio diventa desolato e qui è arrivata la pioggia sottile che non ci ha lasciato fino all'arrivo ad Alta. La nostra intenzione originale era quella di mangiare qualcosa in questa città e visitare il centro della città. Missione impossibile. Il GPS è impazzito e anche se c'eravamo segnali che indicano la parola "Centrum", non siamo stati in grado di individuarla così abbiamo fatto un giro al porto. Come si suol dire, in assenza di pane sono buoni i dolci.
Fiordi di Honningsvåg
Traveling between reindeer: road E69 destination Nordkapp
L'autostrada E69 collega Olderfjord e Nordkapp (Capo Nord), corre parallela alla Porsangerfjorden o al fiordo Porsanger che è il primo fiordo che si apre nel nord dell'Oceano Artico, lungo 123 km e quarto fiordo più lungo della Norvegia. La sua acqua è di un blu turchese per via dei sedimenti che provengono dallo scioglimento dei ghiacciai. Questa strada offre un paesaggio completamente diverso da quello visto finora nel resto del Paese e varia da foreste di medie dimensioni a piccoli alberi (taiga) fino alla tundra. Salendo di latitudine il suolo è congelato la maggior parte dell'anno e non è quindi possibile che gli alberi crescano. Ma, certamente, la cosa più curiosa, oltre al cambiamento di scenario, è il fatto che su questa strada ci siano "compagni di viaggio" un po 'particolari e forse "pericolosi" se non si è preparati alla loro imprevedibile presenza: mandrie di renne selvatiche invadono la strada quando meno ce lo si aspetti e attraversano senza controllo. Una raccomandazione: naturalmente si deve andare molto lentamente, poiché anche il paesaggio lo merita, avere pazienza, fermare la macchina, fotografarli e attendere che liberino la strada.
Fiordi di Russenes
Porsangerfjorden
Siamo partiti dalla localitá di Alta con più dolore che gloria, ma pensando che comunque restava meno tragitto da percorrere per raggiungere la nostra destinazione finale che era l'isola di Mageroya ed il Capo Nord. Eravamo accompagnati da diverso tempo da una pioggia fine ma insistente che é tipica di questa zona e che stava preoccupando entrambe le guide e dopo poco che avevamo lasciato Alta, ancora una volta ci incontrammo con la Tundra e una serie di piccole fattorie di allevamento di renne che erano state completamente recintate da filo spinato per impedire alle renne di uscire ed a noi di trovarci davanti ostacoli pericolosi. Erano quasi le due del pomeriggio e il nostro stomaco cominciavano ad arrabbiarsi con la fame, così abbiamo deciso di smettere di mangiare, per fortuna, come sempre abbiamo avuto alcune cose in macchina per farlo e che la solitudine e la mancanza di qualsiasi paese o città erano evidenti. Il luogo che abbiamo scelto era una piccola baia piena Porsangerfjord nel Mare di Barents. Questo sito dovrebbe essere uno dei "più attivi" perché aveva un piccolo tavolo con panche in pietra e alcuni servizi, che erano latrine piuttosto dai tetti. Si scopre che in questo luogo abbiamo avuto il primo contatto con un certo numero di formazioni fatte di lastre di pietre che, secondo la leggenda, tutte le piccole torri che i visitatori hanno fatto il giorno dopo la notte divenne TROLLS. Poi ci rendiamo conto che in Lapponia norvegese, che la tradizione è molto diffusa.