Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Accedi con Google Plus
Raccomanda a un posto
Ti piace Rovine di Palmira?
Dillo a tutto il mondo!
Dove vuoi andare?

Rovine di Palmira

info
salva
Salvato

10 opinioni su Rovine di Palmira

16
Guarda le foto di lamaga
16 foto

Conosciuta dai suoi abitanti come tad...

Conosciuta dai suoi abitanti come Tadmor (il suo nome arabo), Palmira costituisce la principale attrazione turistica della Siria e uno dei luoghi storici più splendidi del mondo. Per quanto possiate essere abituatu a visitare rovine archeologiche, rimmarete stupefatti dalla quantità di colonne, templi in rovina, torri funerarie.. In mezzo al deserto! Ovvero senza nulla nei paraggi e tra i cammelli. Questo luogo sembra un'oasi circondata dal nulla. Le rovine della città, una cinquantina, risalgono principalmente al II secolo d.C. e sono state ampiamente dissepellite (erano completamente interrate) e restaurate. Nonostante questo, gli archeologi continuano a trovare nuovi resti. Si potrebbero dire mille cose tecniche su queste rovine, ma come sempre in questi casi la miglior cosa da fare è restare in ammirazione, godere della sua vista senza fermarsi a leggere ogni singola storia di ogni tempio. Per ovvie ragioni, le migliori ore per visitare le rovine sono all'alba e al tramonto: il calore può diventare insopportabile. E stavolta sì che raccomando di noleggiare dei cammelli: le rovine occupano una estensione di spazio enorme ed è bello passeggiare tra di esse, sentendosi un viaggiatore stanco del deserto che arriva all'ultima città dell'Impero Romano per riprendere le forze. Assolutamente splendido, uno dei posti più affascinanti dove sia mai stato. Non credo che ci siano molte altre rovine comparabili con quelle di Palmira.. E la cosa migliore da fare all'arrivo: dormire in una tenda beduina sotto le stelle. Non ve lo dovete perdere!

Il Gran Colonnato è la spina dorsale dell'antica città di Palmira. si tratta di una grande strada con colonne che univa il principale tempio funebre della città con il magnifico tempio Bel. Era un percorso di circa un chilometro. A differenza del modello tipico romano, la strada non era retta e si doppiava in due punti. E' curioso come la moderna strada asfaltata attraversi questa strada. Si conserva ancora oggi una gran parte del percorso, è impressionante. A differenza dei portici che la circondano, questa strada non è mai stata asfaltata, probabilmente perché le carovane dei cammelli si sarebbero danneggiate. Ognuna delle immense colonne ha un piccolo sbalzo, nel quale anicamente si trovavano le statue di qualche vicino ricco o celebre che aveva aiutato, con denaro, la costruzione dell strada.

Oltre a fare una passeggiata a cammello per Palmira, contemplarne i costumi e parlare con la gente del posto è un'esperienza irripetibile. Situata nel deserto, Palmira è una città di cammelli: corse di cammelli, concorsi di bellezza di cammelli, scambi di cammelli, etc. Per vedere questi animali, si consiglia di farlo nel loro ambiente naturale, è bellissimo. Ancor di più lo è se si raggiunge una delle oasi che circondano la città, dove i padroni dei cammelli illustrano la storia e gli usi di questo animale, a cambio di una piccola mancia.

È la struttura più completa e impressionante di tutte le rovine di Palmyra: Il santuario di Bel. Questo posto può vantare un enorme cortile murato, un passaggio che collega il tempio con l'esterno del muro e il tempio stesso, pieno di busti di divinità e segni zodiacali nella cupola. Un bellissimo tempio.
lamaga
1
Guarda le foto di Giuseppe Compagno
1 foto

La dolcezza di questa mamma con in braccio il suo bambino

La Syria era un paese tranquilla ove ho visto e conosciuto persone meravigliose, persone umili ma nello stesso tempo felici
Giuseppe Compagno
26
Guarda le foto di joaquim cubarsi
26 foto

Erano i primi giorni di gennaio. avev...

Erano i primi giorni di gennaio. Avevo appena iniziato un nuovo anno. Tutto era relativo. Erano tutti nel deserto. Le rovine della capitale della carica Nabatei Zenobia. Habamos ieri sera e passeggiato tra le rovine con un freddo come habamos inferno ha deciso di tornare in albergo. Avevamo lasciato il volto congelato nella stanza e tornò in s. Il piano sarà cena presto per alzarsi presto e visitare le rovine. La notte si gelava fuori, non abbiamo invece desistere dalla nostra visita. Con paraorecchie, guanti, cappello e cappotto disponamos di camminare intorno alle rovine desrticas prime ore del mattino sfidando qualsiasi termometro. L'aria era vigilbamos glido e di non scivolare sulle pozzanghere ghiacciate. Con i primi raggi del mucchio di pietre ha cominciato a prendere forma. La custodia Adquira un'immagine di grandezza e di importanza. Un'esperienza di camminare e sedersi crollato nelle capitali enormi colonne colossali. Con nessuno in giro, solo una fredda mattina di gennaio. Il sole stava sorgendo e i primi turisti aparecan cammello. Era tempo di lasciare le rovine. Lo spettacolo di colori e aveva rovine finiti.

Eran los primeros días del mes de Enero. Acababa de empezar un año nuevo. Todo era muy relativo.
Estaban allí en medio del desierto. Las ruinas de la capital de los nabateos con Zenobia al mando.
La noche anterior ya habíamos dado un paseo por las ruinas, con un frío de mil demonios habíamos decidido volver al hotel. Nos había quedado la cara helada y en la habitación volvimos en sí. El plan sería cenar pronto para levantarnos temprano y visitar la ruinas.
La noche a fuera era helada, nosotros en cambio no desistíamos de nuestra visita. Con orejeras, guantes, gorro y abrigo nos disponíamos a dar una vuelta por las desérticas ruinas a primeras horas de la mañana desafiando cualquier termómetro. El aire era gélido y vigilábamos no resbalar en los charcos helados.
Con los primeros rayos solares el montón de piedras empezaba a tomar forma. El recinto adquiría una imagen de grandiosidad y importancia. Toda una experiencia pasearse ante derrumbados enormes capiteles y sentarse en colosales columnas. Sin nadie alrededor, sólo el frio de una mañana de Enero.
El sol iba subiendo y aparecían los primeros turistas en camello. Era el momento de abandonar las ruinas. El espectáculo de colores y ruinas había terminado.
joaquim cubarsi
Traduci
Vedi l'originale
3
Guarda le foto di Encarna y sus viajes
3 foto

Un grande museo archeologico

Le rovine di Palmira, sono 3 km. Tadmor della città corrente, appartenente alla tristemente famosa provincia di Homs oggi. Le sue rovine sono una delle più grandi musei del mondo all'aperto. Nelle compresse di Mari, del XVIII secolo aC e menzionato nella Bibbia e poi come TADMAR o Tadmor. Si trova a 240 km a nord di Damasco. E 'stato uno dei passi più importanti delle antiche carovane mondo. Zenobia era una regina, Cleopatra una figura così importante. Queste pietre di cui habrn tanti cammelli, vogliono fondersi e diventare uno di loro, che si riflette nella foto che proietta la Tetrapyln.

Un gran museo arqueológico

Las ruinas de Palmira, se encuentran a 3 km. de la actual ciudad Tadmor, perteneciente a la tristemente hoy famosa provincia de Homs.
Sus ruinas son uno de los mayores museos que existen al aire libre. En las tablillas de Mari, del siglo XVIII a de C. ya la mencionaban y posteriormente en la Biblia como Tadmar o Tadmor. Está situada a 240 km al norte de Damasco. Fue uno de los pasos de caravanas mas importante del mundo antiguo. Tuvo como reina a Zenobia, una figura tan importante como Cleopatra.

Estas piedras que tantos camellos habrán contemplado, quieren mimetizarse y convertirse en uno de ellos, como refleja la foto que proyecta el Tetrapylón.
Encarna y sus viajes
Traduci
Vedi l'originale
Leggi altre 6
Pubblica
6
Guarda le foto di [claudàtor]
6 foto

Palmira (nei pressi dell'attuale citt...

Palmira (nei pressi dell'attuale città di Tadmur) si trova nel cuore della Siria, nel desierto.Se è una delle più grandi collezioni di Roman piccolo mondo dell'architettura, un riflesso dell'importanza che la città aveva dato il suo punto di passaggio per le carovane che collegavano Oriente ai tempi dell'Impero Romano. Importanti anche un lungo colonnato, il tempio di Bel e un anfiteatro restaurato.

Palmira (junto a la actual ciudad de Tadmur) se sitúa en el corazón de Siria, en pleno desierto.Se trata de uno de los mayores conjuntos arquitectónicos de época romana del mundo, reflejo de la importancia que en su día tuvo la ciudad como punto de paso para las caravanas que comunicaban Oriente con el Imperio romano.

Destacan su larga columnata, el templo de Bel y un restaurado anfiteatro.
[claudàtor]
Traduci
Vedi l'originale
1
Guarda le foto di juan soldevila adán
1 foto

La città del deserto

Palmyra è uno di quei luoghi mitici che s solo giustificano la visita di un paese. E 'stata la città di roulotte, incroci e culture, oasi nel deserto e melting pot di civiltà diverse. Palmira copiato a Roma, ma ha mantenuto un'impronta singolare di magntica bellezza.

La ciudad el desierto

Palmira es de aquellos lugares míticos que por sí solos justifican la visita de un país. Era la ciudad de las caravanas, encrucijada de caminos y culturas, oasis en medio del desierto y crisol de civilizaciones diversas. Palmira copió a Roma, pero mantuvo una impronta singular de magnética belleza.
juan soldevila adán
Traduci
Vedi l'originale
6
Guarda le foto di davidalep
6 foto

Palmyra, un bellissimo week-end inver...

Palmyra, un bellissimo week-end invernale. Zenobia aveva lasciato nessun indirizzo, così ho cercato attraverso il labirinto di colonne della sua città. Ho finalmente trovato nel suo giardino, seduta regalmente su un muro.

Palmyre, par un beau week-end d'hiver. Zénobie n'avait pas laissé d'adresse, alors je l'ai cherchée à travers le dédale de colonnes de sa cité. Je l'ai finalement trouvée dans son jardin, royalement assise sur un muret.
davidalep
Traduci
Vedi l'originale

Tramonto fantastico, che riempie i se...

Tramonto fantastico, che riempie i sensi, in cui è possibile trasportare l'antichità senza molto sforzo. Ammirate il lavoro svolto dagli antenati, senza i mezzi per conoscere, e dire: Grazie. Gerard.

Fabuloso atardecer, que te llena los sentidos, donde te puedes transportar a la antigüedad sin demasiado esfuerzo. Admirar el trabajo hecho por los antepasados, sin los medios que conocemos, y decir: Gracias.

Gerard.
Gerardlo
Traduci
Vedi l'originale
4
Guarda le foto di Francisco Dominguez Penis
4 foto
Francisco Dominguez Penis
1
Guarda le foto di josep maria madrid subirana
1 foto
josep maria madrid subirana
Pubblica
Leggi altre 6

Informazioni Rovine di Palmira