Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Accedi con Google Plus
Raccomanda a un posto
Ti piace Parte vecchia di Nizza?
Dillo a tutto il mondo!
Dove vuoi andare?

Parte vecchia di Nizza

info
salva
Salvato

26 opinioni su Parte vecchia di Nizza

10
Guarda le foto di paulinette
10 foto

Si dice che il turismo nacque a nizza...

Si dice che il turismo nacque a Nizza, sulla Costa Azzurra francese, attorno al XVIII secolo, quando l'aristocrazia inglese, russa e americana ci si recava per godere di un inverno mite e dell'ottima gastronomia della regione. poi il turismo si fece più popolare ed oggi la spiaggia di Nizza è piena di gente. Se ci si addentra nella parte vecchia della città si può ancora scoprire il paesino, tradizionale e con quel tocco "nicois" pieno di colori, e accenti del sud. Il nicois è il dialetto locale, ma oggi sono in pochi a parlarlo; assomiglia all'italiano. Passeggiando per le ombreggiate viuzze del centro ci si sente un po' come in Italia. I panni stessi asciugando sulle finestre, le gente che si parla sa un balcone all'altro, le donne che vanno in altre case con cibo da condividere. Occhio agli affreschi e alle facciate decorate. Il grande evento è il carnevale, in febbraio, con le sfilate di fiori, ma il turista non vi può partecipare. C'è anche il carnevale alternativo nelle vie del centro storico, che consiste nel lanciarsi uova e farina per due giorni. Si consiglia di perdersi un pomeriggio per le vie del centro, dal mercato dei fiori fino alla piazza Saint Francois, dove si vende il pesce.
paulinette
1
Guarda le foto di malagasyasian
1 foto

Si dice che il turismo nacque qui, su...

Si dice che il turismo nacque qui, sulla Riviera francese, nel XVIII secolo, quando aristocratici inglesi, russi e americani raggiungevano Nizza per passare le vacanze. In questa regione gli inverni sono miti e la gastronomia è ottima. Nizza è una città molto turistica ma, se ci si addentra nel centro storico, si possono ancora osservare scorci di vita della Nizza tradizionale. Ci si sente un po' come in Italia, lungo le viuzze strette della vecchia Nizza, con i vestiti appesi ad ascugare in strada e le persone che si parlano da un balcone all'altro. Si osservano, allo stesso tempo, affreschi, trucchi e altri elementi artistici tipici delle facciate del centro. C'è il mercato dei fiori e quello del pesce, proprio sulla Piazza Saint Francois.
malagasyasian
1
Guarda le foto di alessioRm75
1 foto

Casinò

Week-end all'insegna del divertimento nei vari casinò situati lungo tutta la costa azzurra, tra Cannes, Montecarlo con la macchina a caccia di fortuna, che il più delle volte non arriva mai!
Per gli appassionati del gioco d'azzardo e del lusso .
alessioRm75
15
Guarda le foto di Allan Robert P. J.
15 foto

Un viaggio a nizza è stata fissata pe...

Un viaggio a Nizza è stata fissata per il primo giorno di sole piovoso quella settimana (14 al 20 giugno 2010). Infine il Giovedi il sole è apparso come se non fosse mai piovuto. Per evitare il traffico della bellissima costa, si è deciso di percorrere la via più rapida via Autostrada Questo nonostante la distanza tra le due città è a soli 38 km, ma ci fu una corsa per raggiungere e realizzare lo scopo del viaggio: Assicurarsi che il mare Nizza è stato effettivamente più blu di Cannes. Nizza è una città molto più grande di Cannes, con i suoi quasi 350.000 contro i poco meno di 40.000 Cannes. E 'la quinta città più popolosa della Francia, la più grande città della Costa Azzurra e vicino al Principato di Monaco, quindi, più vicino a Italia di Cannes. Per inciso, la sua area metropolitana è il sesto del paese e confina con il Ventimiglia in Italia, un paese a cui apparteneva per un certo periodo, 1388, sotto il regno sardo-piemontese fino al 1860, quando fu annessa al Regno di Francia attraverso un plebiscito molto contestata. Durante la seconda guerra mondiale, tra il 1942 e il 1943, fu occupata dal Regno d'Italia. Per molto tempo la popolazione locale era culturalmente italiana, fino a quando il governo francese ha deciso di intervenire e "diventare francesizzato" la regione, chiudendo giornali locali in lingua italiana, cambiando cognomi - che è stato chiamato Bianchi ha iniziato ad avere la documentazione cognome Blanc, per esempio - cambiando i nomi e gli indirizzi di strada. In alcune vie del centro città con i segni nomi delle strade sono bilingue, utilizzando il nome francese e che Nizzardo in dialetto, l'antico dialetto della regione ligure. Secondo alcuni scavi archeologici, la zona era abitata 400.000 anni fa e la città fu fondata dagli abitanti di Marsiglia circa 2500 anni. Iscritto il Genoa nel VII secolo, ha partecipato a diverse guerre italiane, molto sofferto nella guerra tra Carlo I di Spagna e Francesco I di Francia, è stato attaccato da russo pirata Barbarossa, che conquistò la città sofferto dalla peste tra il 1550 e 1580, infine, la città è ricca di storia, nonostante moderna con una vita notturna molto intensa. La sola constatazione che interessa il viaggio, però, è stato chiaro: Il mare è più blu di Nizza a Cannes.

A viagem a Nice estava programada para o primeiro dia de sol daquela semana chuvosa (14 a 20 de Junho de 2010). Finalmente na quinta-feira o sol apareceu como se jamais tivesse chovido. Para evitar o trânsito da linda costa, ficou decidido viajar pelo caminho mais rápido, via Autostrada, Isso apesar da distância entre as duas cidades ser de apenas 38 km, mas havia pressa de chegar e atingir o objetivo da viagem: Verificar se o mar de Nice era realmente mais azul que o de Cannes.

Nice é uma cidade bem maior que Cannes, com seus quase 350.000 habitantes contra os pouco menos de 40.000 de Cannes. É a quinta cidade mais populosa da França, a maior cidade da Côte d’Azur e fica próxima do Principado de Mônaco, portanto, mais próxima da Itália que Cannes. Aliás, a sua região metropolitana é a sexta do país e confina com a de Ventimiglia, na Itália, país ao qual pertenceu por um certo período, de 1388 sob o reinado sardo-piemontês até 1860, quando foi anexada ao Reino da França através de um plebiscito muito contestado. Durante a Segunda Guerra, entre 1942 e 1943, foi ocupada pelo Reino da Itália.

Por muito tempo a população local era culturalmente italiana, até que o governo francês decidiu intervir e “afrancesar” a região, fechando jornais locais em língua italiana, mudando sobrenomes – quem se chamava Bianchi passou a ter nos documentos o sobrenome Blanc, por exemplo – e mudando nomes de logradouros. Em algumas ruas da cidade velha as placas com os nomes das ruas são bilingues, utilizando o nome francês e aquele em dialeto nizzardo, o antigo dialeto lígure da região.

Segundo algumas escavações arqueológicas, a área seria habitada há 400.000 anos e a cidade foi fundada pelos habitantes de Marselha a cerca de 2.500 anos. Uniu-se a Génova no século VII, participou de diversas guerras italianas, sofreu muito na guerra entre Carlos I da Espanha e Francisco I da França, foi atacada pelo pirata russo Barba Vermelha, que conquistou a cidade, sofreu com a peste entre 1550 e 1580, enfim, a cidade é riquíssima de história, apesar de moderna e com uma vida noturna muito agitada. A única constatação que interessava na viagem, porém, ficou clara: O mar de Nice é mais azul que o de Cannes.
Allan Robert P. J.
Traduci
Vedi l'originale
Leggi altre 10
Pubblica
3
Guarda le foto di Coline
3 foto

Il centro storico di nizza

Se vi è un settore da non perdere durante un soggiorno nella capitale di Nizza, è lontano dalla Croisette e le sue mille luci e lustrini, la città vecchia! Noi amiamo questo piccolo angolo di Mediterraneo, le sue pareti color arancio, i suoi filari di piccoli balconi affascinanti, serrande di tutti i colori, molti ristoranti per tutti i gusti e tutte le tasche ... Amiamo il film il giorno con i turisti che affollano i negozi tradizionali, ma anche il giorno in cui le terrazze dei bar e ristoranti riempiono le strade ...

Le vieux nice

S'il est un quartier à découvrir absolument lors d'un séjour dans la capitale niçoise, c'est bien, loin de la Croisette et de ses mille feux et paillettes, le vieux Nice ! On adore ce petit coin de Méditerrannée, ses façades orangées, ses alignements de petits balcons pleins de charme, ses volets de toutes les couleurs, ses nombreux restos pour tous les goûts et tous les budgets... On aime son animation le jour, avec les touristes qui se pressent dans les boutiques traditionnelles, mais aussi le jour lorsque les terrasses de restos et de bars envahissent les rues...
Coline
Traduci
Vedi l'originale
2
Guarda le foto di sprat decaste
2 foto

Questa è la parte più antica di nizza...

Questa è la parte più antica di Nizza. Questa è una zona della città era molto bella perché ha un raffreddamento naturale attraverso l'architettura che sfrutta le masse d'aria e dei venti marini. Troverete un sacco di negozi che vanno dalla tipica (spezie, olive ...) alla più moderna (tatuaggio, ready-to-wear ...). Questo posto è molto popolare durante la notte con Bella, ma l'autenticità riprende in pieno mattino, compreso il mercato Cours Saleya. Ci perdiamo nel divertimento con innumerevoli strade ...

C'est la partie la plus ancienne de Nice. C'est un quartier de la ville très agréable en été car elle bénéficie d'une climatisation naturelle grâce à l'architecture qui tire profit des masses d'air et des vents marins. Vous y trouverez de nombreux commerces, allant du plus typique (épices, olives...) au plus moderne (tatoueurs, prêt-à-porter...). Ce lieu est très populaire la nuit auprès des Niçois, mais l'authenticité reprend ses droit au petit matin, entre autres avec le marché du cours Saleya. On se perd avec plaisir dans les innombrables ruelles...
sprat decaste
Traduci
Vedi l'originale
3
Guarda le foto di Aurélie Nivalle
3 foto

Città vecchia

Lie Vecchia Nizza è bella la zona rappresenta il centro storico. Amo questa parte della città! Sentiamo la inflience italiano con i colori delle case, dal giallo all'arancio, e come aprire e chiudere le persiane. E soprattutto l'atmosfera italiana trovato su panni stesi sul figlio da una finestra ad un'altra ... un piccolo paesaggio mediterraneo. Angolo Oogni scopre segreti, come le piccole barre in atmosfera del sud, o scale su e giù al ritmo di questo quartiere.

Vieille ville

Lie Vieux Nice est le quartier de Nice représentant la vieille ville. J'adore cette partie de la ville ! On sent l’influence italienne dans les couleurs des maisons, du jaune à l'orangé, et sur la manière d'ouvrir et de fermer les volets. Et on retrouve surtout l'ambiance italienne sur le linge qui sèche sur des fils allant d'une fenêtre à l'autre... un petit dépaysement méditerranéen. Chaque coin de rue découvre des secrets, comme des petits bars à l'ambiance méridionale, ou des escaliers qui montent et qui descendent au rythme de ce quartier.
Aurélie Nivalle
Traduci
Vedi l'originale
3
Guarda le foto di Marie & Matt
3 foto

Il centro storico di nizza

Se c'è davvero un quartiere più tipico e imperdibile di Nizza, questa è la zona storica denominata "Vecchia Nizza". Qui, gli edifici non invecchiano e battere il marciapiede con i loro colori arancio, giallo per il minimo raggio di sole attraverso le loro tende intemperie. Piccoli negozi e ristoranti abbondano bistronomiques tanto che mangia soca e italiano allo stesso angolo. I turisti sono spesso molti ma non toglie il fascino di questa antica città della Riviera francese.

Le vieux nice

S'il y a bien un quartier plus typique et inrâtable à Nice, c'est bien le quartier historique dit "le vieux Nice". Ici, les bâtisses n'ont pas d'âge et se battent le pavé avec leurs couleurs jaunes orangées pour obtenir le moindre rayon de soleil à travers leurs rideaux patinés. Les petites boutiques et les restaurants bistronomiques pullulent tant et si bien qu'on mange de la soca et italien au même coin de rue. Les touristes sont souvent nombreux mais cela n'enlève rien au charme de cette vieille ville azuréenne.
Marie & Matt
Traduci
Vedi l'originale
8
Guarda le foto di Jesse OC
8 foto

Giallo

La baia di sorrisi Nizza, la spiaggia di ciottoli piena di suoi grandi, denti ghignanti. Lei prende la mano. È notte e la spiaggia dorme. Preferisce spiagge rocciose. Non sono d'accordo a questo. Pffft alla sabbia dice, le sue labbra vibrano, sparando l'aria ansiosa. Due canne da pesca si levano in piedi sepolti. Desolate e abbandonate, come se due figure emaciate, monaci forse, le loro linee cadono docilmente nel Mediterraneo. Abbiamo anatra sotto di loro e collasso, ridendo. La brezza si sente morbido come potenza mano calmante. I suoi capelli castani scioglie dalla sua coda di cavallo. Sentiamo le auto sul lungomare inglese; Castle Hill incombe su di noi. Le sue dita lucidare un sassolino. Guardo il suo turno più e più volte con le mani, sapientemente. Si gira, le sopracciglia sollevate in festa, come se un bambino precoce ve aveva appena fuori witted suo genitore sordo. Non puoi farlo con la vostra sabbia. Si cresce e seguo le sue bianche infradito al bordo delle acque. Le luci dalla riva producono una pellicola traslucida in acqua come la pelle di zuppa scotto. Un'onda rompe sui suoi piedi e salta. Nel tumulto, uno flip-flop diventa sgangherata e scende come un'ancora in acqua ribollente. Le mie scarpe, lei urla. Rido. Le sue braccia si tuffano selvaggiamente nell'acqua come se stesse cercando di arpionare il pesce. Riesce a corral il fuggitivo flip-flop prima di sganciare l'altro e entrambi gettando sulla riva. Lei si rilassa e rimette a fuoco la sua attenzione sulla ghiaia situata in mano. Si deposita la pietra tra il pollice e l'indice, angoli il polso e gli incendi. La roccia colpisce un'onda mezzaluna e scompare. Abbassa la testa e se ne va più lontano. Non inevitabile, ma ci aspettavamo. Le luci gambo il litorale intorno alla baia. Nella parte più lontana, i colori si confondono e si fondono in un disegno imperscrutabile una chimera, rimbalzando e fuori fuoco. Lei è scomparso nella notte. Su una terrazza, nei pressi del porto turistico pieno, il sole che tramonta dietro le mans ricco giocattolo-torace, beviamo. Pratico il mio francese e ordino la nostra birra. I camerieri tollerano i miei sforzi ubriachi oh gli orrori di turisti hosting. Mi sento cosmopolita e mondana. Un cittadino globale, si integrano facilmente fattibile in qualsiasi ambiente straniero. Yawn. Naturalmente, Nizza non è sempre stato prospero. Dico. Alza gli occhi. Dopo la seconda guerra mondiale, la città vecchia è stata una vera e propria ratti den. Non sempre il poque Belle. Non sempre Champagne o cabaret o Marcel Proust. Lei sorseggia la sua birra mentre i tavoli si riempiono intorno a noi. Parla dei suoi segreti. I suoi occhi ingrandimento come l'elio in un palloncino. Torment che a lungo avevano angosciato dentro di lei le bolle come una polverizzazione di lava da un vulcano presa in giro. Lei ingoia il suo disgusto montaggio. Mi aveva fiducia. Lei sa tutto quello che dico, prima lo dico. Il suo orologio offre un conforto più dolce, società più compassionevole. Offro le banalità di un pappagallo affascinante. Siamo d'accordo la birra è ragionevolmente prezzi per una tale posizione sciccoso. Poi un tranquillo arriva rapidamente, solo notato dopo arriva come una febbre o un sogno ad occhi aperti. Sento che ha rotto, forse, viaggi splendido ideale: Rinascimento. Il luogo in cui la Golden Age dura per sempre, dove né una guerra infuria, né un edificio brucia. Il tempo in cui inizi allungano-out in un tramonto infinito e le persone che amate possono soddisfare le vostre esigenze. In Plaza Gibraldi, gli edifici gialli stretti con finestre con persiane verdi e balconi pieni di piante in vaso inclinati e far scorrere le une nelle altre. Tavoli pieni decorano la piazza carino. I bambini scappano da con coni gelato. Uomini anziani seduti davanti ai loro negozi sbiaditi, i colori pastello in decomposizione nella luce d'estate, e guardare i turisti scuttle da come scarafaggi determinati attraverso i vicoli freddi sezionare Vieux Nice. La povertà una volta sbocciato qui. Ora espatriati e turisti strizzano l'occhio a vicenda sulle ultime bistrot alla moda o il ristorante che marinare la migliore anguilla. I colori inebriano, tutto nuovo. Il giallo è spettacolare. Mi sento come se dovessi camminare in una sole. Lontano dalla piazza, i vicoli tranquillo e possiamo sentire i passi di famiglie che esercitano i loro compiti banali e straordinarie a madri di rimprovero gridare seguito da un padre Sullen ammonimento. I raggi pomeridiani cadono lackadaisically; scooter si siedono silenziosamente al di fuori di porte chiuse. Attraverso due finestre dalle persiane verdi, articoli di abbigliamento bagnati appesi su una linea tesa. Vita sporca e prosaica si asciuga al sole contro la bellezza arrugginito, una città ebbe il suo primo. Faccio una foto. La vita chugs-on. Per me, è una bella amalgama di caducità e della resilienza delle cose. Lei non è interessato e ora capisco. Cresce frustrato con me. Lei desidera ardentemente ora. Si sente che scivola tra le dita. Faccio una foto. L'architettura è più italiano dato che apparteneva a Italia fino al 1860. Non le importa. Ha bisogno né spiegazione né elementi di prova. Perché andare da nessuna parte se tale rottura è già incrinato la fondazione. Siamo diversi a Nizza. Lei sa che, ma ha bisogno di credere nella promessa di cene a lume di candela. Potremmo essere ovunque. Lei dice. Ma siamo a Nizza. Rispondo. Noi sosteniamo ancora più in là, con attenzione punta di piedi intorno la posta in gioco effettivi, non rivelando ciò che entrambi avrebbe devastato. E forse tra dieci anni ci ripensa a Nizza e ri-inventarsi questi tre giorni gloriosi per soddisfare qualsiasi narrazione che scegliamo di credere. Nulla è concreto, tutto interpretazione. O forse ci chiedersi cosa c'era dietro quella porta chiusa a sinistra e i profumi dei fiori toccata O forse Nizza rimarrà inosservato al momento dimenticati per sempre da qualche parte in passato irrilevante. Faccio una foto.

Yellow

The bay of Nice smiles, the pebbled-filled beach its big, grinning teeth. She takes my hand. It is night and the beach sleeps. She prefers rocky beaches. I cannot agree to this.

“Pffft to your sand” she says, her lips vibrate, shooting anxious air.

Two fishing rods stand buried. Desolate and abandoned, as if two emaciated figures, monks perhaps, their lines drop submissively into the Mediterranean. We duck under them and collapse, laughing. The breeze feels soft as calming hand might. Her brown hair loosens from her pony-tail.

We hear cars on the English promenade; Castle Hill looms over us.

Her fingers polish a pebble. I watch her turn it over and over through her hands, expertly. She turns, her eyebrows raised in celebration, as if a precocious child ve had just out-witted her dull parent.

“You can’t do this with your sand.”

She springs up and I follow her white flip-flops to the water’s edge. The lights from the shore produce a translucent film on the water like skin on overcooked soup. A wave breaks over her feet and she jumps. In the turmoil, one flip-flop becomes unhinged and drops like an anchor into the churning water.

“My shoes,” she screams. I laugh.

Her arms plunge wildly into the water as if trying to spear fish. She manages to corral the fugitive flip-flop before unfastening the other and tossing them both onto the shore.

She relaxes and refocuses her attention on the pebble nestled in her hand. She settles the stone between her thumb and forefinger, angles her wrist and fires. The rock hits a crescent wave and disappears.

She lowers her head and walks further away. Not inevitable, but expected.

The lights stalk the shoreline around the bay. At the furthest part, the colors blur and blend into one inscrutable design – a chimera, bouncing and unfocused.

She has disappeared into the night.

On a patio, near the yacht-filled harbor, the sun-setting behind the rich man’s toy-chest, we drink. I practice my French and order our beer. The waiters tolerate my drunken efforts – oh the horrors of hosting tourists. I feel cosmopolitan and worldly. A global citizen, easily integrate-able into any foreign milieu. Yawn.

“Of course, Nice was not always this prosperous.” I say. She rolls her eyes.

“After the Second World War, the Old Town was a veritable rat’s den. Not always the Belle Époque. Not always Champagne or Cabarets or Marcel Proust.”

She sips her beer as the tables fill around us.

She speaks of her secrets. Her eyes enlarging like helium into a balloon. Torment that had long anguished within her bubbles up like a sputtering of lava from a teasing volcano. She swallows her mounting distaste. She had trusted me.

She knows everything I say before I say it. Her wristwatch provides a sweeter solace, more compassionate company. I offer the platitudes of a charming parrot.

We agree the beer is reasonably prices for such a swanky location.

Then a quiet comes swiftly, only noticed after it arrives like a fever or a daydream. I sense she has broken it, perhaps, travel’s splendid ideal: Renaissance. The place where the Golden Age lasts forever, where neither a war rages nor a building burns. The time when beginnings stretch-out into an infinite sunset and people whom you love may meet your needs.

In Plaza Gibraldi, the narrow yellow buildings with green shuttered windows and balconies filled with potted plants slant and slide into each other. Filled tables decorate the cute plaza. Children scurry by with ice-cream cones. Elderly men sit in front of their faded stores, the pastel colors decaying in the summer light, and watch tourists scuttle by like determined beetles through the cool alleyways dissecting Vieux Nice.

Poverty once blossomed here. Now expats and tourists wink at each other about the latest trendy bistro or the restaurant that marinates the best eel.

The colors intoxicate, everything new. The yellow is spectacular. I feel as if I walk through the sun.

Away from the plaza, the alleys quiet and we can hear the footsteps of families carrying on their mundane and extraordinary tasks – a reproachful mother’s cry followed by a father’s sullen admonishment. Afternoon rays fall lackadaisically; scooters sit silently outside of closed doors.
Across two green-shuttered windows, articles of wet clothing hang over a taut line. Dirty and prosaic life dries in the sun against rusted beauty, a city passed its prime.

I take a picture.

Life chugs-on.

For me, it is a beautiful amalgam of the transience and resilience of things.

She is not interested and now I understand.

She grows frustrated with me. She craves now. She feels it slipping through her fingers.

I take a picture.

“The architecture is more Italian given that it belonged to Italy until 1860.”

She does not care. She needs neither explanation nor evidence. Why go anywhere if such a rupture has already cracked the foundation. We are different in Nice. She knows that but needs to believe in the promise of candlelit dinners.

“We could be anywhere.” She says.

“But we are in Nice.” I reply.

We argue further still, carefully tip-toeing around the actual stakes, never revealing what would devastate us both.

And maybe in ten years we will think back on Nice and re-invent these three glorious days to suit whichever narrative we choose to believe. Nothing is concrete, everything interpretation. Or maybe we will wonder what lay behind that door left unopened and the scents of flowers left untouched

Or maybe Nice will remain unremarked upon forgotten forever somewhere in the irrelevant past.

I take a picture.
Jesse OC
Traduci
Vedi l'originale

Bourlinguer il ct azzurro

Arrivo a Nizza 11 MAGGIO 2012 mattina presto. Ho prenotato le mie prime 3 notti b & b zaffiro, poi autobus dall'aeroporto al b & b e comincia l'avventura! Io non sono tornato in Francia dal 1982 e di Nizza da quando avevo 9 anni, quando stavo andando a visitare la mia bisnonna che viveva lì.

Bourlinguer sur la côté d'azur

Arrivée à Nice le 11 mai 2012 tôt le matin. J'ai réservé mes 3 premières nuits au b&b le saphir,alors bus de l'aéroport au b&b et l'aventure commence !
Je ne suis pas revenue en France depuis 1982 et à Nice depuis que j'avais 9 ans lorsque j'etais aller rendre visite à mon arrière grand-mère qui y vivait.
patricia gautier
Traduci
Vedi l'originale
1
Guarda le foto di Juanma Agudo Carrizo
1 foto

L'imponente carnevale di nizza

L'imponente carnevale di Nizza

El impresionante carnaval de niza

EL impresionante carnaval de Niza
Juanma Agudo Carrizo
Traduci
Vedi l'originale
1
Guarda le foto di Itzuri Burgos
1 foto

Proprio dove la città finisce e comincia il mare ....

dove solo il giorno e iniziare a stelle cadenti.

Justo donde termina la ciudad y comienza el mar....

donde acaba el día y empiezan a caer estrellas.
Itzuri Burgos
Traduci
Vedi l'originale
1
Guarda le foto di Nicolly Brito
1 foto

Sud della francia

Mar Mediterraneo, il mare più blu che abbia mai visto.

Sul da frança

Mar mediterrâneo, o mar mais azul que eu já vi.
Nicolly Brito
Traduci
Vedi l'originale

Mi piace

Mi piace il bel vecchio è abbastanza vecchio e bello allo stesso tempo, è molto bello la sera per passeggiare e gustare un drink o mangiare con gli amici. Non vedo l'ora di tornare quello che è davvero divertente c cool.

J'aime bien

j'aime bien le vieux nice c'est assez vieux et nice en même temps, c'est très sympa la soir de s'y balader et de prendre un verre ou de manger avec ses amis. J'ai hâte d'y retourner vraiment qu'est ce qu'on s'y amuse bien c cool .
omasselis
Traduci
Vedi l'originale
1
Guarda le foto di Natalia Romay
1 foto
Natalia Romay
Pubblica
Leggi altre 10

Informazioni Parte vecchia di Nizza

Numero di telefono Parte vecchia di Nizza
0 892 707 407
0 892 707 407
Indirizzo Parte vecchia di Nizza
Nice
Nice
carica altro