Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Addis Abeba?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Addis Abeba

110 Collaboratori

41 cose da fare a Addis Abeba

Mercati di Addis Abeba
Mercato
(5)
Tutti vi diranno di non andare alla zona del Mercato, ad Addis Abeba, o di non portare macchina fotografica, documenti, oggetti di valore ... d'altra parte, se cercate un po' di notizie, leggerete che questo è il più grande mercato all'aperto dell'Africa. Quanto alla prima avvertenza, noi abbiamo lasciato tutto a casa: ci siamo portati dietro solo qualche spicciolo e una macchina fotografica ben legata al collo ... appena siamo arrivati, due poliziotti (o militari, non sono in grado di distinguerli) si sono subito avvicinati a noi e ci hanno fatto da "scorta". Non lo abbiamo visitato intero, abbiamo percorso solo una grande navata coperta, in cui c'erano bancarelle di artigianato e bancarelle di abbigliamento e attrezzature destinate alla popolazione locale ...Non ci è successo niente e non ci siamo sentiti in pericolo (ma questa è la nostra esperienza, naturalmente nessuno si accorge del pericolo fino a che non ha la sventura di incapparci personalmente). Quello che vi vorrei dire è che non si tratta più del più grande mercato "all'aria aperta" dell'Africa. No, . .. è diventato una grande estensione di strade in cui locali e edifici piuttosto malridotti, a volte vere e proprie baracche, sono stati convertiti in negozi o magazzini. La cosa che si conserva è, invece, l'organizzazione per settori: quindi se volete comprare una determinata cosa, sapete già in che zona dovete andare. Con la pioggia monsonica e il freddo (Addis si trova ad una notevole altezza, non fa caldo nemmeno nel mese di Agosto e gli unici momenti in cui si sta realmente bene sono in cielo c'è il sole, ma vi assicuro che non succede spesso) non ci è piaciuto molto passeggiare nella zona. Nonostante tutto questo, credo che valga la pena visitarlo. Se state attenti e avete un po' di tempo libero, direi che un luogo interessante.
Musei di Addis Abeba
Museo Nazionale dell'Etiopia
(2)
Lucy è lo scheletro di un pre-ominide appartenente alla specie Australopithecus afarensis, di 3,5 milioni di anni. Si trova nel Museo Nazionale di Addis Abeba e poter vedere Lucy era uno dei miei sogni durante questo favoloso viaggio. Si chiama così perché quando fu scoperto nel campo degli archeologi suonava la canzone dei Beatles "Lucy in the sky with diamons" ovvero Lucy nel cielo con i diamanti, una canzone favolosa. Il museo si trova nel centro della città, è piccolo ma tenuto davvero bene, ha un po' di tutto ed è molto interessante; vi sono dipinti di Lalibela, i troni di imperatori, vestiti e utensili. Vale davvero la pena visitarlo, un museo in Africa non è molto usuale e questo merita davvero.
Cattedrali di Addis Abeba
Cattedrale Bete Giorgis
(1)
La Cattedrale di San Giorgio, patrono d'Etiopia ad Addis Abeba, non è un must assoluto dal mio punto di vista...è stata costruita nel 1896 dall'imperatore Menelik II per la commemorazione della vittoria contro l'Italia nella battaglia di Adua (1896), ha una forma ottagonale e uno stile neoclassico, circondata da giardini. Il giorno in cui siamo andati non siamo potuti entrare, perché quel giorno si stava celebrando il funerale di un alto funzionario della Chiesa ortodossa etiope. Alle porte si agglomerava una folla che non poteva entrare...e abbiamo potuto vedere alcuni degli ombrelli parasole di velluto e altri tessuti, ricamati, che vengono utilizzati in occasioni particolari, come la Pasqua e processioni importanti.
Laghi di Addis Abeba
Lago Langano
Il lago Langano è enorme, fatto di acque dorate e circondato da foreste, abitate da una miriade di uccelli e da alcune scimmie. Questo è un altro dei laghi vulcanici dell'Etiopia, che in molte aree è affollata da turisti, con spiagge e tutto il resto. Noi eravamo nell'altra zona, quella meno affollata, immersa nella foresta che circonda le coste e che abbiamo deciso di lasciare all'alba in cerca di uccelli schivi alla telecamera. Meno male, perché dopo ha iniziato a piovere e non si è fermato fino a metà pomeriggio.
Piazze di Addis Abeba
Piazza Menelik II
(1)
La piazza è una piazza vicino ad uno degli estremi di via Churchill, una delle strade principali di Addis Abeba. Questo è uno dei punti che i tassisti e la gente a piedi saprà indicarvi, considerando che qui i nomi "ufficiali" delle strade e piazze (quelli che appaiono nelle mappe della città), non sono comuni e non si conoscono. E non solo è un buon punto, ma nelle vicinanze si trovano molti negozi dove rifornirsi di oggetti che forse potrebbero servirvi se li avete dimenticati a casa :) prima di partire per il Sud, per esempio, e alcuni negozi di souvenir per gli utlimi acquisti (anche se ce ne sono molti di più e migliori dall'altra parte della via Churchill). Per esempio, c'è una strada piena di gioiellerie il cui aspetto può risultare squallido, ma dove potrete acquistare ciondoli, orecchini, ecc., di argento e oro in peso. Qui la vita della città brulica costantemente, con il traffico folle caratteristico delle città africane, la sua particolare estetica per richiamare l'attenzione dei clienti alle vetrine o sul marciapiede stesso, e ci sono anche alcuni bar molto piacevoli dove prenere un caffè, un tè, e anche un dolce o una torta. Come sempre in questi siti con molta gente, occhio alle borse, portafogli e macchine fotografiche. Approfitto per commentare che i taxi di Addis sono di colore blu e bianco. Questi sono i legali, anche se di solito non mettono il tassametro e, naturalmente, bisogna contrattare il prezzo prima di salire a bordo. Ce ne sono tanti da turismo, come furgoncini con 10 posti, anche se, naturalmente, è facile che entrino 20 persone o più. Se siete in più, potete negoziare uno di questi taxi-furgoni "in esclusiva" perché non vi fermiate e deviate dal vostro obiettivo, raccogliendo più persone ... tocca a voi, ma sempre negoziare il prezzo prima. Attenzione alla decorazione all'interno :-)
Palazzi di Addis Abeba
Palazzo di Menelik II
A circa 8 km da Addis Abeba c'è una montagna su cui si trova il Palazzo di Menilik II. Questo personaggio fu il fondatore dell'attuale capitale dell'Etiopia e morì nel 1913. La storia che gira attorno alla sua morte è molto curiosa: si dice che fosse convinto che mangiando le pagine della Bibbia sarebbe guarito da ogni male; così un giorno provò a mangiare l'intero Libro dei Re, ma morì durante il tentativo. Dal palazzo si può vedere l'intera Addis Abeba. Immagino che ai suoi tempi non ci fosse così tanto inquinamento, ma vale la pena lo stesso salire fin qui e guardarsi attorno. Si pensa che Menilik I fosse figlio della Regina di Saba e di Salomone.
Cimiteri di Addis Abeba
Cimitero di San Giorgio
Il cimitero di San Giorgio si trova proprio accanto alla Cattedrale con lo stesso nome. Ho deciso di camminare tra le sue tombe, anche se può sembrare morboso, cerco sempre di visitare i cimiteri delle città dove vado ... Penso che siano parte della cultura e della religione di ogni luogo, e mi piace la loro diversità ed i modi che si usano per rappresentare e ricordare i loro morti. In questo caso, il cimitero era molto approssimativo ... le tombe sono molto simili a quelle dei nostri cimiteri cattolici, anche se ho trovato un po' di eccentricità come una tomba che riproduce fedelmente la famosa chiesa scavata nella roccia di Lalibela, la Chiesa di San Giorgio, con la forma di una croce. Le erbacce, le ragnatele, ed alcuni rifiuti, sparsi tra le lapidi, con sentieri stretti tra di loro ... qualcosa che mia ha chiamato l'attenzione è che c'erano due ragazze che erano sedute alle porte di una piccola cappella, che era raggiunta da una scala. Mi avvicinai, e volevano fare conversazione con me. In inglese, mi hanno chiesto dove mi trovavo, e quello che ho fatto. Poi, la più loquace (l'altra praticamente non detto nulla, ma mi sorrise costantemente), ingegnosa e risoluta, mi ha detto che studiava magistero e il suo sogno era quello di lasciare il suo paese, per emigrare verso l'Occidente. Le ho chiesto perché. Le ho detto che non c'era futuro, in modo forte e chiaro. Quando le ho lasciate, le ho chiesto di poter farle una foto, le ho guardate in una maniera dirette e seria, come se stessi in uno studio fotografico .. Me la ha mostrato , io ho annuito solennemente e le ho detto addio. Questi incontri sono quelli che mi piacciono sono quelli che danno un senso ai viaggi. Soprattutto, a scambiare qualche parola con la gente del posto, si hanno un po'di informazioni sulla loro vita, mi fa capire, più se possibile, di quanto siamo privilegiati. Davvero a volte dà un po'di "imbarazzo" per avere ciò che si fa e come si vive qui, quando le differenze sono abissali.
Vie di Addis Abeba
Via Re Giorgio Vi
Gli inglesi (quelli che parteciparono alla seconda guerra mondiale) sono ben noti al popolo etiope: a Churchill è dedicato un grande viale, mentre al re Giorgio VI un'importante strada in cui transitano minibus e taxi. Questa strada mi è sembrata la più importante e moderna della capitale: si trova sulla collina che porta fino all'autostrada nord del paese. Oserei dire che sembra un po' l'Avenue des Champs-Élysées etiope! La strada inizia in corrispondenza della rotonda Arat Kilo, in cui si trova il monumento del 28 magabit (secondo il calendario etiope), che commemora la liberazione di Addis Abeba avvenuta il 28 Aprile del 1941: si tratta di un obelisco sormontato dal leone di Giuda e con un pendolo le cui lancette segnalano le ore 11, l'orario in cui avvenne la liberazione della città. La via re Giorgio VI sale dolcemente verso Sidist Kilo e il campus universitario; su questa strada si trovano il Museo Nazionale e il ristorante Serenade, che consiglio vivamente.
Città di Addis Abeba
Addis Abeba
(4)
Addis Abeba è la capitale dell'Etiopia e in amarico -la lingua utilizzata in Etiopia-, significa "fiore nuovo". Oltre ad essere la principale città del paese è la più sviluppata e quella che possiede più infrastrutture, nonostante ciò è ancora una città molto povera e con poche risorse. La città è relativamente giovane, fu construída nel 1889, e si trova oltre i 2.000 metri di altitudine. Questo rende i suoi paraggi un'autenta meraviglia. Verde ovunque interrotto solamente da incredibili cascate. Ad Addis Abeba si accavallano le contraddizioni: un hotel di lusso imponente e sul marciapiede di fronte delle baracche che a stento rimangono in piedi o gente, senza una casa, che girovaga. La maggior parte delle strade non sono asfaltate e non possiedono un nome, cosicché perdersi è molto facile. Ad Addis Abeba ci sono anche edifici davvero belli come la cattedrale di San Giorgio o il Museo Nazionale, nel quale si trova Lucy, l'ominide più antico del mondo. La gente di Addis Abeba è piuttosto gentile, ma ti chiedono sempre di tutto: se indossi degli occhiali da sole faranno in modo che tu glieli dia e chiedono sempre dei birrs che è la moneta del paese. Arriva un momento in cui ti stanchi di ciò, ma non c'è altra soluzione che abituarsi. Non appena si esce dalla gran città si possono vedere case che a mala pena hanno un tetto e nelle quali vivono molte persone.
Di interesse culturale di Addis Abeba
Cerimonia del caffè
(2)
È possibile assistere alla cerimonia del caffè in molti ristoranti d'Etiopia. La cerimonia è tradizionale e si svolge con una persona che, dopo l'acquisto delle erbe fresche, tosta i chicchi del caffè su un braciere. I semi tostati vengono sottoposti al giudizio degli ospiti che, prima di procedere alla degustazione, devono odorare i chicchi. Vivamente consigliata.
Cattedrali di Addis Abeba
Cattedrale della Santissima Trinità
La maggior parte degli etiopi sono cristiani (copti ortodossi). Non è quindi sorprendente trovare una cattedrale nella capitale di Addis Abeba. Qui si trova la tomba dell'imperatore Haile Selassie. L'edificio è davvero impressionante, con il suo campanile, i suoi pinnacoli e i suoi archi. Sembra proprio una costruzione dell'America Centrale perché ha un'aria vagamente tropicale. Lasciate fuori le scarpe e ammirate le vetrate all'interno. Nel parco accanto c'è un giovane sacerdote pronto ad impartirvi una benedizione con la sua croce.
Musei di Addis Abeba
Museo Etnologico
Il Museo di Etnologia si trova nell'University Park. Qui potrete trascorrere un piacevole pomeriggio. Il museo è organizzato su due livelli. Al primo piano vengono presentate le diverse tribù e vengono esposti oggetti di uso quotidiano. Al secondo piano ci sono delle collezioni che hanno catturato la mia attenzione: sono esposti strumenti musicali a corda e dipinti religiosi del Medioevo. Dittici, trittici, polittici coloratissimi dalle chiese di Lalibela, Gondar e Tigray. Abbiamo visto anche il bagno dell'imperatore Haile Selassie.
Chiese di Addis Abeba
Monastero di Debré Libanos
(1)
Il monastero di Debre Libanos è uno dei monasteri più famosi dell'Etiopia: ho visto pellegrini arrivarci scalzi a piedi... si trova a circa 110 km di distanza da Addis Abeba! È dedicato a un santo etiope, Tekle Haymanot, ma la chiesa in sé è molto recente e non vale la pena visitarla. Al contrario, il paesaggio dei dintorni è magnifico e da qui potrete osservare le montagne dove vivono i babbuini. Nelle vicinanze potrete vedere piccoli croci in pietra rosa.
Di interesse culturale di Addis Abeba
Croci ortodosse
(1)
La Chiesa ortodossa d'Etiopia attribuisce grande importanza agli interni dei suoi edifici. Spesso le chiese sono riccamente decorate con opere di oreficeria. Ogni sacerdote non può muoversi senza la sua propria croce "portatile", nascosta sotto le pieghe della tonaca. Quando i credenti richiedono di baciarla, il prete tira fuori la croce e permette di compiere quest'atto di estrema pietà religiosa. Consigliato.
Monumenti Storici di Addis Abeba
Piazza Yekatit 12
Sidist Kilo, Piazza del Yekatit secondo il calendario etiope, non è altro che una rotonda situata nella parte alta della città, nei pressi dello zoo. Il monumento, che occupa il centro della rotonda, è ben fatto dal punto di vista architettonico, ma i rilievi in bronzo non rappresentano un episodio allegro. Questo monumento ricorda le sanguinose rappresaglie che seguirono il tentato assassinio del governatore italiano, il generale Grazianni, il 19 febbraio 1937. Il generale, in risposta a questo evento, scatenò un vero e proprio bagno di sangue in città. Il realismo crudo delle sculture è davvero commovente.
Vie di Addis Abeba
Abey roads
(1)
A mio parere non è facile organizzare un tour partendo da Addis Abeba. Ho contattato dalla Francia il signor Abey, che ha una pagina web e che mette a disposizione dei turisti il proprio veicolo. Per trovarlo dovete scrivere "Abey roads" su Google. Ho quindi utilizzato il suo servizio che, anche se non è un granché, è pur sempre affidabile. Il signor Abey conosce molto bene questa zona, quindi le varie tappe sono ben organizzate. La sua Toyota può dare qualche problema sulle strade etiopi, però Abey viaggia sempre con benzina di riserva, in modo da evitare inconvenienti. Uscendo da Addis Abeba siamo passati da Lalibela, Makele, Axum, Siemen Park, Bahar Dar e dal lago Tana.
Feste di Addis Abeba
Festival Meskel, Addis Abeba
(1)
In generale è impressionante vedere qualcosa che arde, ma immaginate di veder bruciare delle croci formate da fiori poste al centro di una piazza piena di gente... vi assicuro che è DAVVERO impressionante. Gli etiopi si vestono con i loro abiti migliori, con colori accesi, e - dopo aver partecipato alla messa - vanno in processione a vedere il "falò della croce". Si tratta di una croce fatta con migliaia di margherite colorate che viene posta su una montagna di rami e a cui viene appiccato il fuoco. Questa festa si celebra il 27 settembre di ogni anno. Il Falò della Croce viene fatto ogni anno per commemorare la rivelazione della regina Elena, che indicò dove si trovava la Croce di Gesù Cristo. E' bellissimo vedere gli etiopi con vestiti colorati che si riuniscono in piazza Meskel.
Chiese di Addis Abeba
Cattedrale Medhane Alem
(1)
Questa è una delle più importanti chiese ortodosse del paese.

Cose da visitare e da fare a Addis Abeba

Cosa c'è a Addis Abeba? Se cerchi una risposta a questa domanda prima di viaggiare alla capitale etiope, sei nel posto giusto. La città più grande dell'Etiopia si caratterizza per essere la città con più abitanti dell'Etiopia e per il fiorente turismo. Su Minube troverai tutte le informazioni per sapere cosa visitare a Addis Abeba. Posti da vedere
a Addis Abeba che non puoi assolutamente perdere. La città ha numerosi templi appartenenti
alla Chiesa ortodossa etiope -una delle tre grandi religioni che coesistono nella zona- come la Cattedrale della Santa Trinità e la Cattedrale
Siddist Selassie
. Il famoso Merkato di Addis Abeba, il più frequentata zona della città, è un altro luogo da vedere proprio come il Palazzo di
Menilik, il fondatore della attuale Addis Abeba. Altri posti da vedere ad Addis Abeba sono il Lago Langano, uno dei grandi laghi della Valle del Rift, e le montagne
Entoto, che offrono una vista spettacolare sulla città, a più
di 3000 metri di altezza. Ma ci sono molte cose da vedere ad Addis Abeba. La città ha interessanti gallerie d'arte, teatri e musei come il Museo Archeologico Nazionale e il Museo Zoologico. Se vuoi saperne di più, su cosa vedere a Addis Abeba, non esitare a dare un'occhiata alle esperienze dei nostri utenti per poter poi
costruire la tua lista personalizzata sulle cose da fare e suoi luoghi da vedere ad Addis Abeba. Su Minube troverai inoltre tutte le informazioni per sapere cosa fare ad Addis Abeba oggi.