Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Fès-Boulemane?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Fes-Boulemane

415 Collaboratori

198 cose da fare a Fès-Boulemane

Quartieri di Fez
La Medina di Fez
Sono fortunata di aver visto Medina di Fes più volte e ogni volta lo scopro di più, imparo di più, lo cerco e lo trovo affascinante. Medina di Fes e la più vecchia e più bella del paese con la sua vita che si svolge ancora nel periodo medievale. Una visita di solo un giorno non basta per conoscere la vita, la cultura, le tradizioni, la Medina lo scopri in ogni momento con tanta pazienza e rispetto per questo posto religioso e artistico. Una volta passata una delle sue porte ti troverai in un altro mondo, e come hai fato un salto indietro nel tempo, viuzze anguste e sinuose, cortili, vicoli, scale, una infinita di passaggi, ti perderai di sicuro, la cosa migliore da fare e abbandonarsi ai sensi, cosi continuerai la tua strada senza preoccuparti. Puoi prendere una guida si vuoi ma perderai la tua libertà di assaggiare questo mondo affascinante. Tanti colori, il rosso per i tappetti, il blu di Fes per la ceramica, negozi di gioielli, vestiti, spezie e tantissimi odori, diversi odori e uno spettacolo di scene di vita. Fra negozi, moschee, mederse, le scuole coraniche con la loro ricchissima decorazione troverai le concerie, tutto si confonde come gli odori. Sto guardando il lavoro in una conceria, davvero l’impressione che sei in periodo medievale, tantissime vasche per il trattamento delle pelli grezze o per pitturarle. I conciatori, curvi nelle vasche, lavorano con l’acqua alle ginocchia e le braccia immerse fino ai gomiti, dei movimenti continui, e questo per ore, l’odore domina, un lavoro davvero duro. Non puoi avvicinarti tropo senza avere con te qualche foglia di menta. E poi entro in un negozio e guardo la fine, il risultato di questo lavoro, le pelli sono morbide, i colori attraenti, tantissimi modelli, una merce per il mondo intero. Il mio pensiero rimane a questi conciatori, alla loro vita....gli ultime raggi di sole accarezzano un angolo della conceria, l’odore domina e tanti colori. E guardo ancora una volta, il muezzin chiama la preghiera dal minareto, io guardo, un ultimo sguardo.
Piazze di Fez
Place des Tanneurs a Fez
(9)
Le concerie di Fez sono molto affascinanti e, attraverso un labirinto di viuzze e passaggi, riportano il visitatore indietro nel tempo. La lavorazione e colorazione delle pelli non è cambiata minimamente rispetto al Medioevo; il terreno argilloso, deteriorato dai secoli, è cosparso di innumerevoli vasche che contengono acqua e tinta di colore. A volte è un rosso intenso o un giallo, o blu, etc. Le vasche non sono coperte e, pertanto, gli uomini lavorano tutto il giorno sotto il sole cocente. Una volta tinte, le pelli sono messe a seccare sulle terrazze o stese al suolo sopra una strato di paglia. La zona, caratterizzata da un odore nauseabondo, nasconde l'inizio della catena di produzione di sandali, cinture, giacche, borse e portafogli.
Monumenti Storici di Fez
Bab Bou Jeloud a Fez
(3)
Bisogna dire che questa famosissima porta è stata per anni il biglietto da visita del Marocco: veniva ritratta nella guide e nei libri. Qui tutto è in fermento: il rumore, le macchine, la gente che cammina, il tipo che imita il canto degli uccelli con un giochetto di plastica, gli uccelli della piazza, i camerieri che ti chiamano ad alta voce per attirare la tua attenzione, le guide turistiche ufficiali (sempre vanno documentate) e quelli che si arrangiano e si offrono per portati alla Medina. Laciatevi colpire da questo panorama! È l’entrata principale alla Medina più grande del mondo; una volta entrati, si accede a un altro mondo… All’inizio si resta di stucco: tutte le sedie dei bar e ristoranti sono rivolte verso la piazza e si ha la sensazione che mille occhi ti stiano vigilando, però non è così, semplicemente guardano davanti mentre sorseggiano un tè o un caffè.
Palazzi di Fez
Palazzo Reale
(6)
Si tratta di uno dei palazzi più antichi e grandi in Marocco, è stato costruito nel XIV secolo, ha anche ricevuto il nome di Dar El Makhzen. Dovuto alle sue grandi dimensioni (80 ettari) è stato costruito al di fuori della vecchia medina, così dopo la costruzione sorse un altra nuova medina per rifornire il palazzo,si chiama Fes el-Jdid , nelle prossimità si trova il quartiere Mellah o ebraico. Non è consentito di visitare, tutto quello che potete vedere e fotografare è una spianata nella quale ci sono porte molto grande e preziose in bronzo, piastrelle in ceramica con cornice in prevalenza blu e verde Fez Islam. Ci sono sette porte di diverse dimensioni che rappresentano i sette giorni della settimana ed i 7 livelli della monarchia.
Monumenti Storici di Fez
Attarin Medersa
La madrasa Attarin risale al XIV secolo ed è stata costruita per ordine del sultano Abu Said. È stata utilizzata, come tutte le madrase, come scuola religiosa, ne troviamo una nell Medina di Fez. La madrasa è adornata con intagli in legno pregiato, piastrelle e stucchi. Gli studenti dormivano nelle stanze del primo piano. Ha un bel patio porticato. La madrasa è aperta al pubblico ad un costo di circa 10 dhirams, gli orari di apertura sono: tutti i giorni dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18.30.
Piazze di Fez
Place Seffarine
(2)
Si tratta di una piccola piazza nel cuore della Medina, tra la zona dei tintori e conciatori, si svolge qui uno dei più antichi mestieri di Fez: quello del ramaio. I fabbri lavorano il rame per produrre articoli come: vassoi, teiere, ecc. anche se attualmente si dedicadano maggiormente alla riparazione. È una piazza molto affollata e rumorosa (rumore di martelli e scalpelli utilizzati dai fabbri).
Moschee di Fez
Moschea Qarawiyin
(2)
Nelle profondità della Medina rimane il cervello: dal IX secolo, la moschea chiamata Qarawiyin e la più importante di Fez, e forse anche la prima università al mondo. Possiede una delle più grandi biblioteche dell'Islam, e conteneva decine di tavoli e sedie. Ogni maestro o insegnante si circondava dei suoi alunni o studenti intorno al suo pilastro della sala di preghiera, per insegnare diritto, la lingua, la grammatica, la matematica, la medicina e l'astronomia. I non musulmani non possono visitarla, per adesso, un peccato perché il suo cortile abluzioni è il più bello del Marocco.
Valli di Boulemane
Paradise Valley
(1)
Questa valle si chiama, in realtà, Valle del Tifrit, ma è conosciuta come la Valle del Paradiso, nome che diedero gli hippie durante gli anni ’70, i quali scoprirono questo meraviglioso angolo. E’ situato al nordest di Agadir, vicino a Immouzer. E’ un’interessante visita, una parte del tragitto è possibile realizzarla in auto, percorrendo il pendio con il fiume e palme, mentre l’altra parte dell’escursione si dovrà procedere a piedi, o in una 4x4 o sul mulo. Quando arrivammo al fondo scoprimmo una piscina naturale della gola del Assif Tamraght e le cascate del Uadi Tinkert, quest’ultime cadono a diversi livelli su delle pareti calcaree, e per la sua bianchezza vengono chiamate “il velo della sposa”. Un luogo da non perdere assolutamente.
Musei di Fez
Museo Dar Batha
(3)
Si trova in un palazzo ispano-moresco che fu costruito nel tardo XIX secolo. Ospita una collezione d'arte molto interessante. Oltre alla collezione, potrete ammirare anche la bellezza dell'edificio, i materiali con cui è costruito, i pavimenti... Una delle sale più importanti è quella con la ceramica. In questa sala potrete vedere oggetti molto belli realizzati a mano dagli artigiani della città. Sono stati proprio questi artigiani a inventare il famoso "blu di Fez", che si ottiene utilizzando il cobalto. C'è poi una collezione di di astrolabi, degli strumenti utilizzati nell'antichità per individuare le posizioni del sole, la luna, i pianeti e le stelle nel firmamento. Il palazzo è circondato da un bellissimo giardino andaluso.
Città di Fez
Muley Yacub
(3)
Si tratta di un piccolo villaggio a circa 20 Km da Fez. È in mezzo al deserto ed ospita un'importante stazione termale. E' famoso soprattutto per le proprietà delle sue sorgenti termali, ricche di solfuro di sodio e la cui temperatura supera i 50. Accoglie ogni giorno decine di visitatori che vengono qui per curare le malattie della pelle, alleviare il dolore dei reumatismi o più semplicemente per seguire una cura terapeutica.
Negozi di Fez
Bazaar del Cuoio
In questo negozio vengono confezionati a mano e venduti capi differenti. Troverete tutto quello che potete immaginare e in differenti colori. I modelli sono quasi tutti originali, alcuni sembrano un po' psichedelici (ricordatevi che siete in Marocco), altri sono più alla moda. I prezzi sono più bassi rispetto a quelli spagnoli. Per non essere presi in giro è necessario saper riconoscere la pelliccia vera da quella falsa e confrontare i prezzi marocchini con quelli spagnoli. A volte, infatti, i commercianti gonfiano i prezzi per cercare di guadagnare di più e non si vergognano a sparare dei prezzi che equivalgono a 20 volte il valore reale di quell'oggetto. Capirete bene che è difficile incominciare a negoziare se non siete consapevoli del valore reale di quell'oggetto. Se avete sede, troverete tè e acqua, ma non comprate dal primo che vi capita davanti: date un'occhiata, confrontate i prezzi, cercate di negoziare. Non cercate di comprare prodotti di pelle vera al prezzo di un prodotto in plastica e cercate di non farvi ingannare dai mille trucchi dei mercanti. Vi consiglio, però, di non intavolare trattative se non siete interessati a comprare niente, fareste solamente perdere del tempo ai commercianti...
Di interesse turistico di Fez
Via degli artigiani
(1)
La Via degli artigiani è una sorta di percorso ad anello che parte da Boujloud. Prima ancora di attraversare la piazza, troverete una deviazione a sinistra che vi porta direttamente su via Talaa Tabira; una volta superato un piccolo vicolo lungo solamente 10 metri, vedrete già il mercato con le verdure, la frutta e le spezie. Se girate a destra raggiungerete un'area piena di macellai e di chioschetti che vendono carne. Dopo la zona con le macellerie potrete continuare il percorso, lasciandovi guidare dalle centinaia di negozietti che si susseguono uno dietro l'altro. Non spaventatevi se non vedete la fine del percorso perché è davvero lungo, cercate piuttosto di orientarvi bene utilizzando come riferimento anche la via parallela, Talaa Seghira. Questa strada inizia anche in corrispondenza della Piazza Boujloud, ma per raggiungere la zona dei commercianti non è necessario prendere nessun vicolo: vi basterà imboccare la strada e continuare retto! Godetevi la visita!
Stabilimento Balneare di Fez
Sidi Haracem
Si tratta di uno dei più grandi centri benessere del Marocco. Si trova a 12 km da Fez e dispone di un hotel a 4 stelle. È dotato di una piscina mista e di una coperta riservata alle donne. L'acqua della piscina è un po' sgradevole in estate a causa della sua alta temperatura. Molti marocchini vengono qui a prendere un po' d'acqua che poi portano a casa e utilizzano a fini terapeutici. L'ingresso costa 40 Dh. L'uso degli spogliatoi costa 4 Dh.
Di interesse turistico di Fez
Tatuaggi all'Henné
È un'esperienza interessante farsi fare tatuaggi all'hennè. Se visitate il Marocco, di sicuro ci saranno molte donne che vi inviteranno a farvene fare uno. In molti negozi, prendendovi alla sprovvista, possono arrivare a chiedervi 2-10 euro per un tatuaggio. A noi è costato solo 2 dh, circa 20 centesimi, considerando che avevamo pranzato nel ristorante al piano superiore. Una delle ragazze della scuola di cucito che si trovava nell'edificio si è offerta di farcelo. Molte delle donne marocchine sanno come realizzare tatuaggi all'henné perché fa parte della loro cultura. Quindi, se ne volete uno, è sufficiente chiedere a una qualsiasi ragazza, ma cercate sempre di essere discreti: ricordate che la cultura marocchina è una cultura in cui a comandare è l'uomo, per cui assicuratevi che la ragazza a cui chiedete il tatuaggio abbia il permesso da parte di un uomo. Nonostante questo, devo dire che la condizione delle donne è notevolmente migliorata qui in Marocco rispetto a quando sono venuto più di 10 anni fa: adesso le donne si avvicinano ai turisti, sorridono sono un po' più libere... il cammino verso la l'uguaglianza è ancora lungo, ma hey... è già qualcosa. .
Moschee di Boulemane
Karaouiyine mosque
(1)
Umm Al Fatima Al Banini Fihriya ricca ereditiera, ordinò la costruzione della Al Karaouiyine (o Qarawiyyin o Kairaouine o Quaraouiyine ...) nel 857. Regnò con orgoglio nel cuore della Medina di Fez (designato dall'UNESCO patrimonio mondiale),ed era la più grande moschea in Marocco prima della costruzione di quella d' Hassan II.
Sinagoghe di Boulemane
Aben Danan Synagogue
La sinagoga Aben Danan del 16esimo secolo sarebbe scomparsa se non fosse stata rinnovata nel 1999, visto che rischiava di crollare. E 'il simbolo dell'ebraismo marocchino, e è diventato, dopo il suo restauro, monumento universale classificato come Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO. Ora non è solo un luogo di culto, ma anche un museo.
Belvedere di Fez
Belvedere Bordj Nord
Se attraversate il cimitero di Bab Mahrouk, il punto panoramico che si trova sopra la stazione degli autobus, e continuate a camminare in avanti, oltrepassando la magnifica fortezza (Tombeaux des Merinides) che sorge in cima alla collina, arriverete fino a questo splendido belvedere. Avrete la Medina ai vostri piedi e potrete contemplarla dall'alto. Si tratta di un tratto delle mura della città antica che ancora rimane in piedi. A parte la vista meravigliosa, se guardate all'indietro noterete un enorme hotel situato sul bordo di una roccia (non sono entrato a chiedere il prezzo) e la bellissima e ben conservata fortezza. Un luogo ideale in cui portare qualcosa da mangiare e bere e fermarsi a ammirare il panorama. Occhio, il sole è forte! Quindi portatevi dietro anche un cappello o qualcosa per coprire la testa. Concedetevi un po' di tempo per riposare e poi tornate in hotel.
Di interesse turistico di Fez
(1)