MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Masovia?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Masovia

434 Collaboratori
  • Monumenti
    87 posti
  • Paseggiate
    26 posti
  • Musei
    20 posti
  • All'aperto
    16 posti
  • Shopping
    11 posti
  • Vita notturna
    4 posti
Attività a Masovia
GetYourGuide
15,50
GetYourGuide
(19)
14,40
GetYourGuide
(5)
208
GetYourGuide
(12)
144
GetYourGuide
380
GetYourGuide
166
GetYourGuide
(3)
202
GetYourGuide
(7)
166
GetYourGuide
(2)
186
GetYourGuide
265
GetYourGuide
448
Il più visitato a Masovia
Palazzi di Varsavia
Palazzo della Cultura
(22)
Piazze di Varsavia
Piazza del Mercato
(14)
Giardini di Varsavia
Parco Lazienki
(8)
Stazioni Ferroviarie di Varsavia
Treni in Polonia
(7)
Vie di Varsavia
Quartiere Praga
(9)
Monumenti Storici di Varsavia
Monumento alla Rivolta
(7)
Palazzi di Varsavia
(11)
Di interesse culturale di Varsavia
Pasqua a Varsavia
(2)
Monumenti Storici di Varsavia
Barbacane
(3)
Piazze di Varsavia
Plac Zamkowy
(5)
Giardini di Varsavia
Saxon gardens
(2)
Stadi di Varsavia
Stadio nazionale
(1)
Cittadelle di Varsavia
Città vecchia
(2)
Cimiteri di Varsavia
Festa di Tutti i Santi
(1)
Monumenti Storici di Varsavia
Treblinka
(5)
Musei di Varsavia
Museo Dell'Insurrezione
(4)
Chiese di Varsavia
Il cuore di Chopin
(2)
Palazzi di Varsavia
Palazzo della Cultura
(22)
Palazzi di Varsavia
(11)
Palazzi di Varsavia
Palazzi di Varsavia
(1)
Palazzi di Varsavia
Palacio de los Krasiński
Palazzi di Varsavia
(1)
Palazzi di Varsavia
(1)
Palazzi di Varsavia
Palazzo della Corte Suprema
Palazzi di Varsavia
Palazzi di Varsavia
Palazzi di Varsavia
Palazzi di Varsavia
Palazzi di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumento alla Rivolta
(7)
Monumenti Storici di Varsavia
Barbacane
(3)
Monumenti Storici di Varsavia
Treblinka
(5)
Monumenti Storici di Varsavia
Tomba del Milite Ignoto
(3)
Monumenti Storici di Varsavia
Museo della Prigione Pawiak
Monumenti Storici di Varsavia
Monumento di Umschlagplatz
(1)
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
(2)
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
(1)
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
(1)
Monumenti Storici di Varsavia
Monumenti Storici di Varsavia
Musei di Varsavia
Museo Dell'Insurrezione
(4)
Musei di Varsavia
Palazzo Ostrogski
Musei di Varsavia
Museo Nazionale
(1)
Musei di Varsavia
(1)
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
(1)
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
Copernicus Science Centre
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
(1)
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
(1)
Musei di Varsavia
1 attività
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
Musei di Żelazowa Wola
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
Musei di Varsavia
Chiese di Varsavia
Il cuore di Chopin
(2)
Chiese di Varsavia
Chiesa della Visitazione
Chiese di Varsavia
(2)
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
(1)
Chiese di Varsavia
(1)
Chiese di Varsavia
Chiesa delle Visitandine
(1)
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
(2)
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Chiese di Varsavia
Piazze di Varsavia
Piazza del Mercato
(14)
Piazze di Varsavia
Plac Zamkowy
(5)
Piazze di Varsavia
Piazza Copernico
(3)
Piazze di Varsavia
Piazzetta Canonica
(1)
Piazze di Varsavia
Piazze di Varsavia
Piazza delle Tre Croci
Piazze di Varsavia
Piazza del Teatro
Piazze di Varsavia
Piazza delle Banche
Piazze di Varsavia
Piazza Krasinskich
Piazze di Varsavia

217 cose da fare a Masovia

Palazzi di Varsavia
Palazzo della Cultura
(22)
E' emozionante poter assistere alla metamorfosi della città, a Varsavia l'unico palazzo che svettava per grandezza e imponenza fino al 1989 era il palazzo della Cultura e della Scienza, dono dell'URSS alla Polonia. Oggi il simbolo della città è circondato da nuovi grattaceli che ne ridisegnano lo skyline cittadino. La fusione delle due architetture non stride ma crea un nuovo style in cui si creano interessanti combinazioni geometriche di forme, di luce e di ombre che stimolano l'occhio del fotografo.
Piazze di Varsavia
Piazza del Mercato
(14)
Conosciuta anche con il nome di Piazza di San Sigismondo (Rynek Starego Miasta), fu iniziata nel XIII secolo e conclusa nel XIV. Le facciate combinano elementi del Rinascimento, del Barocco e del Gotico. E' la piazza più famosa di Varsavia e in essa si svolgevano un tempo le fiere cittadine. Al centro della piazza c'è la statua di una sirena, emblema della città di Varsavia. Quella che vediamo oggi è una ricostruzione dell'originale che andò distrutta durante la seconda guerra mondiale. Nella piazza ci sono molti stabilimenti turistici, soprattutto bar e ristoranti.
Giardini di Varsavia
Parco Lazienki
(8)
Beh, mio caro amico Minubiano, credetti di entrare a visitare il solito mega parco verde con alberi secolari, siepi ben curate, statue ovunque e il tutto a far da contorno alla solita villa dalla magnificente opulenza aristocratica e invece sono rimasto basito, sorpreso, felicemente sorpreso. Vedete, a me piace la musica, anche quella sinfonica, i concerti per piano ed orchestra, le ouverture o un pianista che ti bea le orecchie suonando Mozart su di un palcoscenico di un teatro stile greco, all'aperto. Meraviglioso. E' ciò che ho trovato in questo splendido parco, un'anfiteatro costruito adiacente al lago del parco, con le gradinate zeppe di turisti e abitanti del luogo che si godevano la musica,la quiete del lago, il sole, il verde del bosco attorno e le bianche architetture della sontuosa abitazione di re Stanislao. Io che da sempre ho amato il teatro greco, la musica classica, ho avuto un tuffo al cuore. Piccola curiosità: per un'attimo ho creduto di vedere una gondola ed ho pensato "no, questa pacchianeria, non possono averla fatta. La gondola sta a Venezia e basta"; in effetti non si trattava di una gondola, ma di un'imbarcazione che vi fa visitare il lago dalla forma molto simile, vista da lontano, poi si nota bene che è più larga, ha un tetto parasole verde e non ha il classico pettine o "ferro di prua" delle gondole veneziane. Da visitare assolutamente.
Palazzi di Varsavia
Łazienki Palace - Palazzo sull'isola
(8)
Il Palace sull'Acqua è uno dei luoghi più belli della città; è circondato da un ampio giardino e da un lago. Si trova su un'isola artificiale nel lago e ha due ponti che la collegano alla terraferma. Per entrare è necessario indossare scarpe di tela perché il pavimento del palazzo è quello originale in legno. Al piano terra si trovano: il soggiorno di Bacco, i bagni reali, la sala da ballo, la sala dei ritratti, la sala di Salomone, una pinacoteca, la cappella del palazzo e la sala da pranzo. Al piano superiore ci sono gli appartamenti reali, una galleria di dipinti, i balconi, la stanza del re, gli appartamenti della famiglia reale, il guardaroba e la sala degli ufficiali. I riflessi del Palazzo nel lago sono molto belli.
Stazioni Ferroviarie di Varsavia
Treni in Polonia
(7)
Il trasporto più usato in Polonia per andare da una città all'altra è il treno, non perché siano veloci, ma perché le strade non sono molto buone, e c'è solo un'autostrada in tutto il paese, qundi è molto meglio andare in treno. Andare da una città all'altra è tutta un'avventura, per attraversare il paese ci si possono mettere dalle 6 alle 18 ore! Dipende se si è fortunati con le coincidenze. Prima di mettersi in viaggio è meglio consultare la pagina web nella quale si riportano tutti glio orari e tutti i tipi di treno. Io sono stato da mezzanotte fino alle 3 del mattino in attesa di un treno in una stazione in cui c'erano solo un paio di panchine, senza porte, senza molte persone ... Ma con un paio di guardie che facevano la ronda. Il treno era pieno e sono stato 4 ore, la durata del viaggio, in piedi! È meglio asicurarsi che sia un treno diretto. I vagoni sono scomparti per 8, due sedili da 4 persone posti uno di fronte all'altro, molto confortevoli, con luce, tendine, riscaldamento e uno specchio. Non sono molto moderni, ma hanno un fascino particolare e se non sono troppo pieni e se il viaggio è breve, sono comodi per dormire. Un suggerimento per andare in treno in Polonia... Armatevi di pazienza! Portate con voi un libro, del cibo e delle bevande, chiaccherate con i vostri compagni di viaggio, perché il viaggio sarà tutt'altro che breve. Approfittate per rilassarvi e godetevi il panorama: piccole cittadine, fiumi e laghi, lentamente.
Vie di Varsavia
Quartiere Praga
(9)
Il quartiere di Praga è il meno conosciuto e meno visitato di Varsavia. Si trova dall'altra parte del fiume e i ponti per raggiungerlo sono lunghi ed enormi, quindi sarà qualcosa di più che una passeggiata. Di notte non è raccomandato, ma il giorno è il quartiere più alla moda della città, con gallerie d'arte, negozi di artigianato, moda, le botteghe dei giovani designer polacchi si trovano lì. Vi è una chiesa ortodossa molto vecchia, centro commerciale. Non è adatto per chi visita Varsavia per poco tempo. Uno dei monumenti più famosi del quartiere di Praga, sono questi musicisti si riuniscono in una delle piazze più importanti del quartiere. C'è un negozio di fiori proprio dietro ed è molto vicino alla Chiesa di St. Michel. I musicisti offrono un buono sfondo per scattare fotografie dei monumenti circostanti. Si trova in via Jagiellońska 15.
Monumenti Storici di Varsavia
Monumento alla Rivolta
(7)
I nazisti consideravano la creazione di ghetti come una misura provvisoria per controllare e segregare gli ebrei. Il più grande ghetto in Polonia è stato il ghetto di Varsavia, in cui vivevano circa 450.000 ebrei in un'area di 1,3 chilometri quadrati. La rivolta del ghetto di Varsavia scoppiò quando i nazisti cominciarono a mettere in atto la seconda deportazione di massa nei campi di concentramento e di sterminio durante la seconda guerra mondiale. Ebbe luogo tra il 19 aprile e il 6 maggio del 1943 e fu capitanata da Mordechai Anielewicz, un membro del movimento giovanile ebraico "Hashomer Hatzair". La rivolta venne sedata dalle truppe delle SS alla guida di Jürgen Stroop. Con questo monumento situato nel cuore del Ghetto si vogliono ricordare questi eroi. E' possibile ripercorrere i confini del ghetto seguendo le foto esposte lungo il perimetro.
Palazzi di Varsavia
(11)
Di interesse culturale di Varsavia
Pasqua a Varsavia
(2)
I polacchi sono molto religiosi e la loro fede si avverte con maggior vigore soprattutto in occasione delle feste di Pasqua. A Varsavia le chiese indossano i loro abiti migliori per esporre il Santissimo Sacramento. Ogni chiesa viene addobbata in maniera differente, con Cristo in croce, Cristo giacente, il cero pasquale ... e in tutte le chiese viene esposto il santissimo sacramento. Quello che mi è più piaciuto è stato uno che rappresentava il sepolcro: si entrava in una camera buia, illuminata solo da candele, e il corpo di Gesù era coperto da un lenzuolo bianco; le pareti della camera sembravano di roccia... era tutto davvero impressionante! La gente fa code chilometriche per poterli vedere.
Monumenti Storici di Varsavia
Barbacane
(3)
Il Barbacane è stata costruito nel 1540 ed è uno dei pochi resti della complessa rete di fortificazioni storiche che circondavano la città di Varsavia. Durante la seconda guerra mondiale, in particolare durante l'assedio di Varsavia (1939) e la rivolta di Varsavia del 1944, il barbacane venne in gran parte distrutto, come la maggior parte degli edifici della città vecchia. È stato ricostruito dopo la guerra, tra il 1952 e il 1954, sulla base di alcune indicazioni contenute nei documenti seicenteschi. I mattoni che sono stati utilizzati per la ricostruzione sono stati recuperati dagli edifici storici abbandonati delle città di Nysa e Breslavia. Il Barbacane è stato ricostruito quasi per intero, a eccezione di due porte esterne e della torre più antica sul lato della città vecchia. Ora è una popolare attrazione turistica.
Piazze di Varsavia
Plac Zamkowy
(5)
Alla fine del Krakowskie Przedmiescie c'è la Plac Zamkowy o Piazza del Castello che è l'entrata al Stare Miasto o centro storico di Varsavia. Si può vedere il vecchio Castello Reale e una parte delle mura difensive. E 'anche possibile vedere lo stadio di Varsavia dall'altra parte del fiume Vistola. Come nel Predmiescie Krakowskie e la Nowy Swiat, gli edifici sono poco alti e in stile neoclassico. Si può vedere la targa che ricorda l'iscrizione dell'Unesco come patrimonio dell'Umanità del centro storico nel 1981. In una parte distaccata della piazza si trova la statua originale di Sigismondo III, re di Polonia Varsavia che divenne capitale a scapito di Cracovia. Nella piazza si possono vedere spettacoli teatrali che attirano un vasto pubblico.
Giardini di Varsavia
Saxon gardens
(2)
Proprio dietro alla Tomba del Milite Ignoto si trovano i Giardini Sassoni, i più antichi giardini pubblici di Varsavia, con un'estensione di 15,5 ettari. Sono stati creati tra il 1713 e il 1733 durante il regno di Augusto II il Forte. Nel 1727 diventarono il primo parco pubblico della Polonia. Oltre a ospitare fiori e fontane, in questo parco troverete 21 statue barocche. Molto bucolico!
Stadi di Varsavia
Stadio nazionale
(1)
Il Super Bowl polacco non è famoso e importante come quello degli Stati Uniti, ma può contare su degli stadi moderni. Io ho avuto modo di assistere alla finale di quest'anno, tra i Seahawks Gdynia e i Varsavia Eagles, tenuta al National Stadium. Visto che lo stadio era quasi vuoto, l'atmosfera non era un granché. Il biglietto più costoso si aggirava sui 10 €, quindi penso che ne valeva la pena! I biglietti possono essere acquistati su Internet o direttamente sul posto.
Cittadelle di Varsavia
Città vecchia
(2)
Passeggiata per la "città vecchia" di Varsavia e 'un viaggio nel tempo. Tutto è preservato come una volta, come si costruì alle sue origini. I suoi colori, le sue mura, il suo fossato che circonda tutta la città, l'eco prodotto dai passi sul selciato, il sole che taglia le strade ... Un autentico piacere visivo che aiuta molto che non ci sia traffico, grazie a Dio, solo qualche volta c'è qualche carrozza trainata da cavalli Percheron. Gli angoli della "città vecchia" ci lasciano in serbo un altro sguardo indietro nel tempo, visto che si conservano perfettamente le torri di guardia che in qualsiasi altra città murata si possono vedere, sì, ma qui sono uniche in quanto sono il tipo che abbiamo costruito con i giochi "Lego" o alcune volte abbiamo disegnato da bambini per passare l'esame di pittura...
Cimiteri di Varsavia
Festa di Tutti i Santi
(1)
I cimiteri della Polonia tornano in vita nel giorno di tutti i Santi: in Polonia non c'è l'usanza di mettere i fiori quando si va a visitare i morti, ma di accendere candele di varie forme e colori.Nelle settimane precedenti vedrete come tutti i supermercati sono pieni di candele. Se visitate un cimitero nel giorno di Tutti i Santi o in quello successivo, potrete assistere a uno spettacolo magico: le tombe sono tutte piene di piccole luci colorate che danzano al vento e sembrano parlare tra loro. Paradossalmente il cimitero sembra tornare in vita.
Monumenti Storici di Varsavia
Treblinka
(5)
Rimane poco o nulla di quello che fu il campo di concentramento di Treblinka, che si trova in un piccolo paese nei pressi di Varsavia. Tra il 1959 e il 1964 fu costruito un memorial nell'area del campo di sterminio. L'ingresso al memorial è contrassegnato da una grande lapide che riproduce la mappa del campo di concentramento nazista. Dietro a questa lapide ci sono sei pietre con iscrizioni in diverse lingue. Dopo aver superato questa "entrata", abbiamo raggiunto una zona con una scultura in pietra enorme progettata per rappresentare le linee ferroviarie costruite dai tedeschi. Al centro del campo c'è un memorial con un obelisco che sorregge una Menorah candelabro a sette braccia): alla base dell'obelisco c'è una scritta in yiddish, polacco, russo, inglese, tedesco e francese, "Mai più". L'obelisco è circondato da 17.000 lapidi simboliche, 700 delle quali riportano i nomi delle comunità ebraiche che furono sterminate. Non molta gente visita Treblinka (non a caso all'ufficio turistico mi hanno detto "non c'è niente") e vi consiglia di andarci in macchina perché il campo di concentramento rimane piuttosto lontano dalla stazione ferroviaria del villaggio. Io personalmente vi consiglio di visitarlo: il fatto che non ci sia mai nessuno vi permetterà di riflettere ancora più profondamente. Mentre ce ne stavamo andando, abbiamo incontrato nel parcheggio 3 autobus pieni di ebrei che venivano da Israele appositamente per rendere omaggio ai loro defunti.
Musei di Varsavia
Museo Dell'Insurrezione
(4)
Il museo dell'Insurrezione è uno dei più importanti della città (una volta un amico mi disse che andare a Varsavia e non visitarlo equivaleva ad andare a Parigi e non vedere il Louvre!). E' un vero e proprio simbolo storico. L'1 di Settembre del 1939 i nazisti invasero la Polonia, l' 1 di agosto del 1944 la città di Varsavia insorse contro i nazisti: furono 63 giorni di lotta. I nazisti invasero la città con i carri armati e gli aerei, mentre i polacchi cercavano di tenergli testa... la rivolta fu un fallimento e i nazisti distrussero oltre l'80% della città, ci furono decine di migliaia di vittime e di Varsavia non rimasero altro che macerie. La storia di questi eventi può essere ripercorsa all'interno di questo museo, che ricorda tutti coloro che parteciparono a vario titolo all'insurrezione,ma anche coloro che morirono o che furono deportati....è un museo molto triste, ma allo stesso tempo interessante, didattico e interattivo. E' possibile visitarlo lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8:00 alle 18:00, giovedì dalle 8:00 alle 20:00 e sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:00. Di domenica l'ingresso è gratuito; gli altri giorni il prezzo è di 14 PLN (circa 3.5 €)
Chiese di Varsavia
Il cuore di Chopin
(2)
Chopin nacque nel 1810 in una tenuta di campagna nei pressi di Varsavia, da madre polacca e padre francese. Morì la mattina del 17 ottobre 1849 a Parigi all'età di 39 anni. Il suo funerale si svolse nella chiesa di Santa Magdalena de Paris il giorno 30 di Ottobre e, durante la cerimonia di sepoltura al cimitero di Père-Lachaise, venne suonata come marcia funebre la sua Op. 35. Poco prima di morire chiese che il suo cuore venisse separato dal suo corpo e che tornasse alla sua amata patria. È stato collocato nella chiesa di Santa Croce a Varsavia, nel centro della città, al di sotto di un pilastro recante la scritta biblica: "Dov'è il tuo tesoro, là vi è il tuo cuore". Una curiosità: le autorità polacche hanno respinto la richiesta degli scienziati che volevano fare un test del DNA sul cuore di Chopin.