Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Connecticut?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Connecticut

192 Collaboratori

74 cose da fare a Connecticut

Laghi di Danbury
Il lago di Candlewood
(1)
Il tramonto sul lago di Candlewood è davvero spettacolare, per questo ve lo voglio mostrare. Seduti sulla riva, si può contemplare il sole scendere e scomparire lentamente dietro le montagne e i raggi riflettersi sullo specchio d'acqua calma e piatta. Ho scattato questa foto dal balcone di casa mia.
Mercati di Greenwich
Mercato organico Whole Foods
Questo è uno dei tanti mercati che appartiene alla catena Whole Foods che è cominciata con un piccolo negozio nel 1980 e che ora si è estesa in tutti gli USA e anche in UK. Oggi conta 270 locali e sono leader indiscussi negli alimenti naturali e organici, sempre alla ricerca della migliore qualità, senza nessun colorante, additivo o conservante artificiale. Entrate in uno di questi mercati è un'esperienza piacevole e soprattutto in quello di Greenwich, che combina perfettamente con l'ambiente naturale rigoglioso. La disposizione della merce è realizzata con tanto gusto che viene voglia di scattare delle foto e l'odore della frutta ci profuma il cammino. Non ho potuto resistere alla tentazione di sentire il profumo di un'anguria e darli un leggero colpo col dito per farla risuonare e per vedere se era matura. Se passate per uno di questi locali, anche se non comprate nulla, godetene a pieni sensi.
Di interesse culturale di Hartford
Harriet Beecher Stowe Center
(1)
L'altro giorno Rusko ha visitato la casa di Harriet Beecher Stowe a Hartford, Connecticut. Harriet Beecher Stowe è stata autrice della capanna dello zio Tom, il libro più popolare del XVIII secolo oltre alla Bibbia, se è possibile. Harriet Beecher Stowe era la figlia di un ministro calvinista, fervente abolizionista e vantava tra il suo gruppo di amici, la presenza di Sojourner Truth. La casa si trova nella famosa "Nook Farm" (The Farm Nook), che era un posticino ad Hartford, su una curva della riva di un piccolo fiume, che ora ha cambiato rotta per fluire nel sotto terra. Di fatto, uno dei suoi vicino era il famossimo scrittore Mark Twain! Quando siamo arrivati ​​al centro turistico della cittadina, abbiamo firmato per una visita guidata ($ 9 per adulto) e in attesa della guida, abbiamo guardato un film sulla storia degli Stati Uniti e l'importanza della Capanna dello zio Tom nella lotta contro la schiavitù. In realtà, veniva proietta la storia di Harriet Beecher Stowe e Abraham Lincoln. Harriet, che era alta solo 1,50 metri, ha parlato con l'allora presidente degli Stati Uniti Lincoln e il signor Lincoln disse: "Quindi tu sei la piccola donna che ha scritto il libro che ha dato inizio a questa grande guerra." Lui stava parlando, naturalmente, della guerra civile, un conflitto che aveva come base l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti, tra le altre cose, e uno dei più importanti conflitti della storia Americana. Il libro godette di grande popolarità con molta pubblicità tra cui lampade, giocattoli, musica, giochi, ecc. Purtroppo, Harriet non godette mai dei soldi ottenuti dal libro e dai prodotti pubblicitari. Ha continuato a scrivere e ha pubblicato più di 20 romanzi, anche se la capanna dello zio Tom rimane il più famoso. (È stato tradotto in molte lingue in tutto il mondo.) Iniziammo il nostro tour a piedi attraverso il giardino. Harriet Beecher Stowe era una persona a cui piaceva molto curare il proprio giardino. È stato un passatempo comune in America vittoriana e il giardino era un modo per riflettere lo stile della famiglia. Il giardino ha una grande varietà di fiori e piante, ma dopo le alte temperature di luglio, la maggior parte delle piante erano bruciate o morte. Vi consiglio una visita ai primi di maggio, per potervi godere completamente la bellezza del giardino. Entrammo nella casa grigia (originariamente dipinta di un giallo senape, anche se Harriet avrebbe preferito grigio) attraverso un ampio porticato. Entrando siamo rimasti sorpresi dal legno scuro, tonalità gioiello dei tappeti e pareti ricoperte da vari modelli di carta. La prima camera che abbiamo visitato era la stanza dove c'era la scrivania su cui doveva aver scritto Harriet la capanna dello zio Tom. Abbiamo anche visto alcuni bozzetti dei suoi dipinti. Ad Harriet piaceva anche dipingere e la maggior parte dei suoi dipinti erano nature morte e sono stati appesi in casa sua. Continuiamo la visita con un'altra piccola stanza con un pianoforte e una grande finestra che lascia entrare il sole dal giardino. Le finestre che davano sul giardino erano piene di piante rampicanti che incorniciavano il vetro. È stato molto tranquillo e la guida ha attirato la nostra attenzione per ascoltare la musica per pianoforte di fondo. Le partiture sono state composte dalla signora Beecher Stowe. Al secondo piano si trovano le camere. Harriet Beecher Stowe ha avuto due figlie gemelle, Hattie (un soprannome per Harriet) e Eliza. Le figlie zitelle vivevano con la madre per averla aiutata con una vita di viaggi, escursioni e inviando i propri libri da pubblicare. Le ragazze condivisero una camera con due letti singoli e un armadio molto piccolo per contenere tutti i loro abiti vittoriani. Su un tavolo c'erano strumenti d'argento utilizzati al momento. Anche un pennello grande per pulire la polvere dai vestiti, un gancio per annodare tutti i nastri e i bottoni degli stivali e vestiti e perni diversi per abiti (nessuna donna uscì senza toccare.) passata la stanza degli ospiti e la scrivania Harriet personale. Suo marito era un professore universitario e scrittore (aveva il suo ufficio al secondo piano). Siamo andati al piano di sotto per vedere la grande cucina. Harriet Beecher Stowe si dedicava molto a ricoprire il ruolo della casalinga americana. Ha pensato che fosse una professione nobile e ha scritto libri su come organizzare una cucina in modo più efficiente. Alcuni consigli consistono per esempio nell'utilizzare scaffali stretti e aperti per non comprare la stessa cosa due volte. Un'altra grande idea era quella di mettere il tavolo al centro della stanza per risparmiarsi alcuni passaggi. In realtà, i suoi consigli sono ancora usati nelle classi delle scuole superiori negli Stati Uniti. La visita si è conclusa con una sosta nella Giornata casa. È l'edificio accanto alla casa di Harriet Beecher Stowe ed è costruito in stile vittoriano con un ampio porticato e forme di legno molto ornate. Oggi giorno è usato come biblioteca del centro ed è aperto al pubblico per parlare di questioni di giustizia sociale ed è disponibile anche per eventi più piccoli. Il primo piano è magnifico, con un atrio pieno di piante, un ampio soggiorno con legno scuro e tappeti spessi. L'atmosfera vi trasporta nel passato. Un posto perfetto per una piccola celebrazione o un matrimonio molto intimo! Ci è piaciuto molto il Harriet Beecher Stowe Center, soprattutto perché abbiamo imparato molto di quello che è stato il nostro passato. La nostra guida è stata Cherie e ci ha spiegato bene le cose importanti della casa. Ci siamo resi conto di quanto fosse importante per una persona come Harriet Beecher Stowe dare voce alle sue opinioni. Lei era una donna con molta volontà e moderna per la sua epoca. Suo marito sapeva che avrebbe cambiato la storia e le consigliò di rimanere con il nome di Beecher. "Si tratta di una famiglia importante con molti collegamenti, con molti conoscenti importanti e molti meriti, sarai una donna letterata, una delle prime e più importanti degli Stati Uniti d'America".
Università di New Haven
Riserve Naturali di Niantic
Feste di Coventry
Di interesse culturale di New Haven
Yale University Art Gallery
(1)
La Yale University Art Gallery è una versione piccola del famoso Metropolitan Museum di New York. Qui potete trovare di tutto: arte moderna, orientale, africana, antica (greca, romana, babilonese), americana, italiana e così via. Sebbene il museo non sia molto grande, occorre mezza giornata per visitarlo bene, dato che ci sono tantissime opere molto interessanti. Fondato nel 1832, il museo ha circa 185,000 pezzi ed è a ingreso gratuito. Spesso vengono organizzate mostre ed eventi speciali, sia per studenti universitari che per bambini. E' uno dei miei musei preferiti in America, da non perdere se si visita New Haven. Un "must see" per chi ama arte e storia.
Golfi di Old Saybrook
(2)
Zoo di Mystic
(1)
Spiagge di East Lyme
(1)
Di interesse turistico di New Haven
Cherry Blossom Festival
(1)
Si tiene ogni anno ad aprile in Wooster Square, piazza storica di New Haven, che tra l'altro ospita una statua di Cristoforo Colombo, donata dagli italo-americani della città. Il festival dei fiori di ciliegio dura un week-end e si svolge sul parco della piazza. Oltre ai bellissimi alberi in fiore, qui ci sono anche stand con cibo, oggetti di artigianato, vestiti, giochi e così via. Ci sono anche varie associazioni di New Haven - ricordo di aver visto delle associazioni religiose italo-americane che avevano esposto fotografie vecchie, sia dell'Italia che degli Stati Uniti, con tutti i nomi degli italiani immigrati. Ingresso libero, vi consiglio di provare i cibi locali, soprattutto i dolciumi. Da visitare preferibilmente in una bella giornata di sole.
Di interesse turistico di New Haven
Yale Skull and Bones Hall
Lo Skull and Bones Hall non è visitabile, ma è uno degli edifici più misteriosi ed interessanti di Yale. Conosciuto anche con il nome di Tomb, lo Skull and Bones Hall è la sede della famosa società segreta di Yale, la Skull and Bones. Si dice che gli americani più potenti del mondo che hanno frequentato Yale ne siano membri. Ovviamente l'edificio è chiuso, non ci sono insegne e di notte non è illuminato. Nascosto tra due grandi palazzi, l'Hall si trova in High Street, vicino alla Yale Art Gallery. Un "must see" di New Haven, soprattutto per chi ama la storia delle società segrete e della massoneria. Putroppo lo si può solo ammirare da fuori, ma lo Skull and Bones Hall ha un grande fascino e mistero.
Villaggi di Simsbury Center
(1)
Musei di Stonington
Cantine di New Preston
(1)
Villaggi di Lebanon
Riserve Naturali di Union
Giardini di Hartford
(1)