Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Toledo?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Toledo

1.719 Collaboratori

593 cose da fare a Toledo

Cattedrali di Toledo
Cattedrale di Santa Maria
(188)
Una delle cattedrali gotiche più importanti di tutta la Spagna e, per taluni, la migliore se considerati solo gli spazi interni. È impressionante la trasparenza del tetto della cattedrale, così come tutte le sale. La parte esterna, realizzata in pietra bianca, è semplicemente magnifica; l'unico fattore negativo sono gli edifici che la circondano e ne rendono difficile una completa vista dall'esterno. Durante il XV secolo furono promulgate le 4 cattedrali più grandi di Spagna: Sancta Ovetensis (Oviedo), Pulchra Leonina (León), dives Toledana (Toledo) e fortis Salmantina (Salamanca).
Belvedere di Toledo
Mirador del Valle
(94)
Indubbiamente da qui si ottiene la migliore vista della città di Toledo. Questa strada conduce alla Virgen del Valle che collega i ponti di Alcantara e di San Martino (i 2 ingressi alla città). Durante questo breve tratto di strada abbiamo trovato diversi belvederi. La mia raccomandazione è di lasciare l'auto in uno di questi e fare due passi nella zona.
Monumenti Storici di Toledo
(94)
Monumenti Storici di Consuegra
Mulini a vento di Consuegra
(47)
La prima volta che visitai i mulini a vento di Consuegra, risalii il monte Calderico dal versante, opposto, quello sud. Non per scelta, ma perché stordita dal sole del mezzogiorno castillano-manchego non avevo capito quale fosse la via di accesso principale. E cosí il primo impatto con i mulini fu davvero di essere immersa nei percorsi cavallereschi, camminando lungo le pendici di una montagna che profumava di erba secca e rosmarino, e incontrandomi con un pastore e il suo gregge di pecore, cosí tipici che avrei voluto fotografarli, ma poi mi spiaceva trattare come un'attrazione turistica un uomo che stava solo facendo il suo lavoro. Arrivata in cima scoprii che i mulini si raggiungono tranquillamente in macchina e che i turisti che li affollano si scattano foto nelle pose piú ridicole. Oltretutto i mulini non sono originali, ma in buona parte ricostruzioni sulle rovine rimaste. Eppure il posto mantiene il suo fascino. Dei 13 mulini originari ne sono stati recuperati 11, di questi il mulino "Sancho", "Bolero", "Espartero" e "Rucio" posseggono ancora il completo ingranaggio di funzionamento. Nel mulino "Bolero" si trova l'ufficio del turismo, accanto un mulino con bar e prodotti tipici, mentre il mulino "Caballero de Verdegaban" ospita un ristorante.
Di interesse culturale di Toledo
Historic center of Toledo
(74)
In particolare dopo una certa ora quando ormai non c'è più nessuno in giro sembra di tornare indietro nel tempo quando questa città era ancora la capitale di Spagna.
Monumenti Storici di Toledo
Porta Antica di Bisagra
(62)
Come passare da Toledo e non conoscere la porta Bisagra! Questo edificio monumentale si puó dire che, oltre ad essere una porta di accesso alla cittá storica, è anche il primo monumento in cui ci si imbatte arrivando a Toledo, trovandosi proprio alle spalle del crocevia delle maggiori strade che circondano il centro storico. Una porta esisteva giá in epoca araba, ma fu durante il regno di Carlo V che la porta venne ricostruita con la struttura attuale. É chiaramente una struttura piú di carattere ornamentale che non difensivo, con un arco di trionfo in pietra bugnata, coronato da un enorme stemma imperiale della città e con l’inconfondibile aquila bicefala, fiancheggiato da due grandi torrioni semicircolari in muratura, in cui sono raffigurati i sovrani in posizione seduta, simbolo del buon governo nell’iconografia medievale. Superato l'arco esterno ci si trova in una piazza d'armi, dove è stata posta una statua di Carlo V, e al fondo due torrioni quadrati che racchiudono un arco a mezzo punto. Il nome della porta è di origine araba, Bab-Shagra, che significa "porta della festa".
Piazze di Toledo
Plaza de Zocodover
(58)
La Piazza di Zocodover è il cuore di Toledo. Punto di incontro tra viaggiaori e gente del luogo, è stata un antico mercato arabo. Attualmente nei suoi portici ospita degli uffici di informazione turistica e alcuni dei locali più esclusivi della città. Lo schema originale della piazza fu disegnato da Juan de Herrera durante il regno di Felipe II, con lo scopo - come era già successo nel caso della cattedrale - di essere espressione del dominio e dell'egemonia spagnola. Questa piazza è un posto perfetto per prendere la prima birra, come punto di incontro o semplicemente per osservare la vita della gente di Toledo. Di notte l'illuminazione la rende bellissima. Sebbene non sia di particolare interesse artistico, in questa piazza ribolle la vita, è la più importante della città. Per chi va a Toledo è una tappa obbligata.
Monumenti Storici di Toledo
Monastero di San Juan de los Reyes
(46)
Il Monastero francescano di San Juan de los Reyes fu costruito dall'architetto Juan Guas su incarico dei Re Cattolici, per commemorare la battaglia di Toro del 1476, ed è uno dei più notevoli esempi dello stile gotico "isabelino" in Spagna. Sulla facciata possiamo vedere i simboli dei sovrani, insieme all'aquila di San Juan e i simboli araldici. Il perimetro interno della chiesa è percorso da un listello su cui è scritto un testo commemorativo (una cosa molto comune in tutta l'arte araba). Il chiostro è considerato uno dei gioielli spagnoli dello stile gotico di transizione verso il Rinascimento. Anche se l'ingresso è a pagamento, la visita vale ampiamente la pena, è uno degli edifici più belli di tutta Toledo. Una nota curiosa: sulla facciata la regina fece appendere le catene degli schiavi cristiani liberati a Granada dopo la riconquista della città, e si possono vedere ancora oggi. Proprio a lato del Monastero vi è inoltre un ampio belvedere con vista eccellente sul fiume e sul centro storico di Toledo. È un luogo pieno di piccoli dettagli, tutti da scoprire.
Di interesse culturale di Toledo
Sinagoga Santa María la Blanca
(31)
La Sinagoga Santa María la Blanca è la sinagoga più grande del quartiere ebraico di Toledo. Fu eretta, secondo l'iscrizione che compare su una trave, nell'anno "quattromila novecentoquaranta" (1180 d.C.). Fu ricostruita nel XIII secolo e trasformata in tempio cristiano nel 1405. Nel Cinquecento divenne un ritiro di penitenza per ex peccatrici, e a questa epoca risalgono le tre cappelle del complesso absidale e un "retablo" attribuito a Berruguete o a Juan de Borgoña. Nel XVIII secolo fu trasformata in caserma e nel XIX subì gli effetti dell'alienazione dei beni ecclesiastici: divenne un magazzino. È considerata come il miglior esempio di arte almoade in Spagna; la sua bellezza, a mio giudizio, si basa sulla semplicità e sul contrasto fra la calce bianchissima e i mattoni. Un luogo traboccante spiritualità e che vale la pena di visitare (nonostante l'alto prezzo d'ingresso). Permette inoltre di farsi un'idea di come era la Toledo multiculturale del XVI secolo, con tre religioni e culture che convivevano senza problemi in questa piccola città da fiaba.
Scogliera di Burujón
(9)
Chiese di Toledo
Chiesa di Santo Tomé
(20)
Questo gran cuadro si trova nella piccola chiesa di Santo Tomè. Per poterlo vedere bisogna pagare il biglietto, ma ne vale la pena. L'immagine è divisa in due grandi zone, da una parte la zona celestiale dove appare Cristo, la Vergine, gli angeli e i santi con alcuni altri personaggi. Nella parte inferiore invece, nella zona della vita terrena, viene rappresentato un funerale. Sono presenti vari personaggi, alcuni ecclesiastici ed altri civili. Questo quadro fu incaricato da Andres Nunez (parroco di San Tomè) a El Greco nel 1586. Il quadro rappresenta il miracolo che avvenne in questa chiesa nel 1323 durante il funerale di Gonzalo Ruiz de Toledo, signore di Orgaz: Sant'Agostino e Santo Stefano scesero dal cielo per seppellirlo con le loro mani. Il quadro vuole ricordare questo evento e vuole anche esortare i visitanti alla preghiera ed alla solidarietà per poter raggiungere la vita eterna. Si tratta di un dipinto affascinante, esempio massimo del manierismo spagnolo.
Monumenti Storici di Toledo
Moschea Cristo de la Luz
(7)
La piccola moschea del Cristo de la Luz (nome originale arabo Bab Al Mardum), a metá di una ripida salita da Porta Bisagra alla sommitá del centro storico, è una delle poche moschee originali presenti a Toledo. Durante il periodo di dominazione araba furono infatti utilizzati come luoghi di culto preesistenti chiese dell'epoca visigota. La moschea del Cristo della Luz fu invece costruita a misura tra l'anno 999-1000, durante il periodo del Califfato. Pur nella sua raccolta dimensione, ha numerose caratteristiche tipiche dell'architettura araba. Tra queste, le sottili colonne con capitelli a forma di palme intrecciate, nove volte (tutte diverse tra loro) che chiudono la sommitá della moschea e proiettano lo sguardo in direzione ascensionale, la facciata con iscrizioni in arabo formate da pezzi di mattoni (é questa la testimonianza storica piú importante della moschea), la "quibla" il muro della moschea orientato verso la Mecca e infine 12 archi a serratura che posano sulle colonne formando uno stretto intreccio. La visita alla moschea costa 2,30€, ma il mercoledí a partire dalle 16:30 è gratuita per tutti i cittadini dell'unione europea.
Musei di Toledo
(7)
Monumenti Storici di Toledo
Ponte di San Martín
(18)
L'imponente e maestoso ponte di San Martín è uno degli accessi monumentali al centro storico di Toledo, sul lato ovest della cittá. É di origine medioevale, un primo impianto del ponte finí peró distrutto durante la guerra tra Don Pedro I e Don Enrique de Trastámara. Il ponte come lo vediamo oggi fu ricostruito nel 1390 su ordine dell'arcivescovo Pedro Tenorio. A proposito della sua ricostruzione, viene raccontata una leggenda: Si dice che l'architetto incaricato di ricostruirlo sbaglió alcuni calcoli, di cui si rese conto quando ancora il ponte era sorretto da centina e impalcature, ma a cui non poteva piú porre rimedio. Mano a mano che si avvicinava il momento di disarmare il ponte, l'architetto si sentiva piú disperato e intrappolato nella sorte di un sicuro castigo. La moglie, scoperto il motivo del malessere dello sposo, decise porre soluzione al problema incendiando una notte le impalcature di modo che sembrasse tutta una fatalitá. Questo in effetti pensarono i toledani e al marito venne data l'opportunitá di ricostruire da capo il ponte. Che la storia sia vera o meno (so di un toledano che dice di essere discendente del famoso architetto e giura che la storia sia autentica), sicuro che un ricordo della coraggiosa donna resta ancora ora sul ponte, con il volto della donna in una nicchia su una delle due torri che delimitano il ponte. Recentemente è stata anche aggiunta una ceramica che ricorda la leggenda.
Castelli di Toledo
Castello di San Servando a Toledo
(14)
Attraversando il ponte di Alcántara, dal centro storico di Toledo, si incontra il castello di San Servando, una fortezza del XIV secolo costruita su una precedente costruzione difensiva musulmana, di cui ancora restano le fondamenta. A sua volta, il castello musulmano era stato eretto su una chiesa visigota, e questa su una fortezza romana... Di tutti questi strati ci sono giunti dei resti nella malta e nella struttura e ci permettono di farci un'idea dell'importanza strategica dell'enclave in cui si trova il castello. Trascorsi alcuni anni, quest'ultimo fu trasformato in proprietà del re per la difesa di Toledo, ma nell'Ottocento, a causa del crollo di uno dei muri, si iniziò a usarlo come magazzino per la polvere da sparo. Fu a punto di essere venduto per 3000 pesetas, ma fortunatamente venne dichiarato monumento nazionale. Attualmente si può visitare previa prenotazione, e la cosa più affascinante è che una parte del castello è stata trasformata in ostello della REAJ (Red Española de Albergues Juveniles). Anche se non ci ho mai soggiornato credo che sia un'esperienza unica (e molto economica...) Chi non ha mai sognato di dormire in un castello?
Giardini di Carranque
Parco Archeologico di Carranque
(4)
Esattamente come vi ho preannunciato nel racconto della mia esperienza al magnifico Mac Museo, pubblicherò parecchie foto che credo chiudano il cerchio di questo grande angolo. Le foto sono state scattate durante la mia visita nel 2006. Spero che vi piacciano o che per lo meno vi siano di aiuto o spunto per i vostri viaggi.
Musei di Toledo
Museo del Greco
(10)
A Toledo El Greco conobbe la fama e sicuramente trovò l'ispirazione per numerosi dei suoi quadri grazie anche alla bellezza della città...gli vennero infatti commissionate così tante opere che non se ne andò più via da qui. Leggo che per l'opera "El expolio" ricevette 400 real...un quadro in cui l'immagine pare elevarsi sino al cielo, come se lo spirito fuggisse dalle forme umane...anime che si elevano alla ricerca della perfezione. Sicuramente El Greco trovo qui a Toledo la perfezione.
Musei di Toledo
Museo di Santa Cruz di Toledo
(10)
Il Museo di Santa Cruz, nel centro di Toledo, organizza regolarmente interessanti esposizione gratuito in un ambiente privilegiato come questo antico ospedale in stile plateresco. Nel 2008 si è tenuta l'esposizione della collezione di ritratti provenienti dalla pinacoteca di El Prado di Madrid, intitolata "Il ritratto spagnolo nel Prado: da Goya a Sorolla". Suddivisi per epoche e stili, i dipinti vanno dai primi ritratti di Goya sino agli ultimi di Sorolla, coprendo per intero il XIX secolo. È molto interessante vedere il cambiamento di stili, mode ed espressioni man mano che trascorre il secolo in oggetto. Si segnalano, su tutti, "La Menina" di Sorolla ed il ritratto del Re Fernando VII di Goya. Situato proprio nel cuore della città, accanto alla Piazza di Zocodover e alla statua di Cervantes, il Museo di Santa Cruz è una tappa obbligata della visita a Toledo. Si tratta di un antico convento riconvertito in museo, che ospita diverse esposizioni durante tutto l'anno. Pittura, scultura e rappresentazioni storiche sempre molto interessanti. È, inoltre, uno di quei musei orientati alla realizzazione di esposizioni didattiche rivolte ai più piccoli, utili a far conoscere ai bambini l'arte e la cultura in maniera divertente.