MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Matmata?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Matmata

20 Collaboratori

7 cose da fare a Matmata

Grotte di Matmata
Abitazioni troglodite di Matmata
(4)
Matmata sorge dal nulla, nel bel mezzo di una vasta estensione di sabbia e terra arida, e sorprende vedere com'è abitata. Queste primitive case sono situate nella regione presahariana e sono un vero e proprio esempio d'artiginato e usanze Bereber. Questo popolo ha costruito le sue case sotto terra, dentro piccole grotte, fresche e comode d'estate e calde d'inverno. Non si scorge nulla né da lontano né da vicino, solo stando sopra queste cavità circolari (di circa 6-7 metri di profondità), s'intravedono le entrate delle case e un mondo sotterraneo pieno di vita. Tutte le entate delle grotte hanno un simbolo dipinto, segno di protezione. Con tutto il caldo che faceva ci hanno offerto un tè caldo, molto caldo che ha funzionato a stabilizzarci la temperatura e a mantenerci freschi. Le anziane del posto sono magiche, piene di tatuaggi e per qualche spicciolo ti mostrano le loro case, le loro usanze e abitudini. Per fortuna, il governo tunisino ha provvisto alcune case di elettricità, anche se, in generale, questa gente vive con poco, proprio poco. È davvero magico e soprendente, a tal punto che qui vi hanno girato il famoso film "La guerra delle galassie".
Di interesse culturale di Matmata
New Matmata or Matmata Nouvelle
Nuovo Matmata è l'unico nucleo urbano della regione di El Dahar in cui vivono circa 18.000 abitanti. E 'stato creato nel 1976 col fine di migliorare le condizioni di vita dei berberi che vivevano nelle cosiddette "case troglodita" del vecchio Matmata (situato 15 km a sud), creando una struttura urbana di case e infrastrutture di irrigazione per poveri campi circostanti di colture di cereali. Data la sua scarsa antichità, la città non possiede nessun interesse turistico, esclusi i servizi minimi di una popolazione "normale": servizio louages ​​(autobus per Gabès), pullman regionali verso la Tunisia, ufficio postale, banca, e negozio di alimentari . Pertanto, le case scavate nella roccia dell'antica Matmata vengono abbandonate, e presto sarà una mera attrazione turistica. Nueva Matmata è l'unico villaggio della regione di El Dahar in cui vivono circa 18.000 abitanti. E 'stato creato nel 1976 con l'obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei berberi che vivevano nelle cosiddette "case grotta" del vecchio Matmata (che si trova a 15 km a sud), creando una struttura urbana di abitazioni e infrastrutture di irrigazione per i campi circostanti di colture di cereali. Data la sua breve storia, la città non ha attrazioni esclusi i servizi minimi di una popolazione "normale": autobus per Gabès, autocarri regionali, ufficio postale, banca, e negozio di alimentari . Pertanto, le case scavate nella roccia dell'antica Matmata vengono abbandonate, e presto saranno una mera attrazione turistica.
Villaggi di Matmata
Tamezret
Tamezret è un pittoresco villaggio situato sulla cima di una collina che domina El Dahar, a 10 km dalla vecchia Matmata per la strada di Douz e Kebili (C-104). E'un villaggio di pietra le cui case hanno parti sotterranee. Purtroppo, questo si sta perdendo perché i suoi abitanti si stanno muovendo in nuove case di cemento, e il villaggio si sta deteriorando progressivamente. Il dedalo di strade è stato di recente pavimentato con piastrelle, in cima alla città c'è la piazza principale con il municipio, la moschea e un bar arredato in tipico stile berbero.
Di interesse culturale di Matmata
Macinando il grano
Una signora ti invita a sedersi al suo fianco, in una piccola stanza. Qualcuno chiede cosa fa quella signora. Forse non ci si ricorda che per anni anche in Spagna il grano è stato macinato così. Pietra su pietra. Alla rotazione, il grano viene ridotto in polvere. La signora ha le mani callose. Fa tre giri di mulino per poche monete. In Tunisia, manca poco e anche respirare costerà un dinaro, anche se non è obbligatorio pagare. Ogni persona priva di memoria storica fa la sua foto girando il macinino, seduta su un tappeto assurdo. Suonano le monetine. La signora ci congeda. Il mulino continua a macinare e nuovi turisti vengono a scoprire la grotta di Matmata.
Posti insoliti di Matmata
El Dahar
Questo incredibile paesaggio lunare è diventato famoso per essere una delle scene di riprese della trilogia di Star Wars. L'altopiano del Dahar si estende, dividendo in due il sud tunisino, dai monti Matmata (al sud di Gabès) fin oltre il confine libico. Il paesaggio è incredibile, diciamo simile alla Luna: sono rilievi calcarei coperti da strati sabbiosi e argillosi, profondamente tagliati e rotti dalla forte erosione, formando una serie di caratteristici crateri. Queste colline erose sono coperte da una vegetazione di tipo steppario, così come di erbe aromatiche (come il timo o rosmarino) e, in alcuni casi, di terrazze da piantagione. I crateri scavati nell'altopiano corrispondono ciascuno a villaggi abitati dai berberi (che si stabilirono in questo territorio in fuga dalla colonizzazione araba), dando luogo alle note abitazioni rupestri o città-tumulo. Alcune città e villaggi che compongono questo altopiano sono: Antigua Matmata, Haddej, Medenine, Tamezret, Chenini, Zeraua, Téchiné, Toujane, Metameur e Tataouine.
Ksar di Matmata
Tunisian Ksours
Mi trovo a Matmata, un villaggio di origine berbera vicino a basse montagne. A pochi chilometri inizia il deserto tunisino. La terra qui arde, sembra fatta di fuoco. Per il calore proveniente dal suolo il cielo sembra scomparire. Sono arrivato qui dopo diverse ore di louages ​​'(taxi condivisi) sempre più deteriorati. A Matmata i viaggiatori indipendenti non riescono ad arrivarci, e' possibile solo con fuoristrada noleggiati dalle agenzie turistiche. Passano di qui per recarsi a Tataouine, nel Sahara tunisino, e si fermano a vedere quello che sono venuto a osservare io: le case sotterranee che secoli fa i berberi costruirono ingegnosamente in modo di proteggersi dal calore, dal vento costante, e per la conservazione dei cibi. Non ce ne sono molte, ma se ne possono ancora vedere alcune sorprendenti. Sono effettivamente ospitata in un ostello che e' come un ksar, come vengono chiamate queste case. Questo ksar è praticamente la stesso di quando si alloggiavano più famiglie, animali e conservavano il cibo. Gli ksour (plurale di ksar) sono scavati non orizzontale ma in verticale, in profondità a picco nel terreno. Immaginate di vedere piccoli crateri al filo della terra. Quando guardi, vedi, a sei metri di profondità, un cortile dove si collega a diverse stanze di varie dimensioni. Al Ksar si accede attraverso un tunnel che si scende lentamente verso il cortile centrale, che a sua volta e' collegato ad altri cortili dove sboccano più grotte o camere. Gli ksour sono color terra, si distinguono perché i loro bordi sono dipinti di bianco. Così e' il paesaggio lunare di Matmata, un orizzonte infinito di arenaria con crateri spazzati dal vento punteggiati e imbiancati. Dormire in una Ksar è un'esperienza religiosa. La mia camera è una cella di un monaco immacolata: qui non entra ne' la polvere ne' nessun rumore neanche la più piccola mosca. Non ho bagno privato, ma ho l' elettricità. Amo questo posto, il suo incredibile silenzio. Naturalmente, nulla è perfetto. Nel Ksar che mi ha ospitato sono state girate scene di Star Wars. Tanti turisti rompono la quiete del cortile per una foto sulla scena di George Lucas. Con la porta chiusa con un lucchetto, dormo la pennichella, consapevole del fatto che io sono a 6 metri di profondità. Poi vado a piedi. Rare passeggiate a Matmata. Basta ascoltare il vento, non si vede nessuno. La sensazione è che se ci non si aggrappa alla terra si volerà via.
Villaggi di Matmata
Ancient Matmata
L'antica città di Matmata si trova nella provincia di Gabes, nel sud del Paese. Per arrivarci, si possono prendere due strade: la C-107 dal nord e passando per Gabes, o la C-104 che da Douz si dirige ad ovest. La città prende il nome dalla tribù berbera che la abitava anticamente (il Matmata), con antiche tradizioni agricole e che si stabilirono in questa regione quanto stavano fuggendo dalle tribù arabe che hanno invaso le pianure del sud della Tunisia. Matmata è diventato molto famoso grazie a George Lucas. Qui infatti si girarono alcune sequenze della famosa saga di Star Wars (era il pianeta natale di Luke Skywalker), tant'é veroo che la nostra guida ci ha mostrato, in lontananza, una grande casa e ci ha assicurato che George Lucas viene ogni anno per trascorrere alcuni giorni di vacanza, dal momento che é rimasto affascinato da questa zona e che ricorda molto il paesaggio lunare. L'attrazione principale di Matmata sono le cosiddette "abitazioni rupestri" perché non hanno niente a che fare con gli antichi insediamenti, alcuni d'epoca preistorica ed altri risalenti al XVIII secolo. Queste aree si trovano sparse all'interno di una valle piuttosto arida e dall'accesso molto difficile, all'incirca in una zona grande poco piú di un chilometro quadrato, e sono visibili solo quando ci si avvicina molto, in quanto hanno la particolarità di essere state scavate verticalmente nella rocca. Così, due cose sono garantite: Sicurezza / Protezione e costante temperatura di circa 17 ° C durante tutto l'anno. Sono davvero qualcosa da vedere, in quanto hanno una architettura molto particolare. Il terreno è costituito da uno spesso strato di argilla, facilmente excavatable, trasportata dal vento dal deserto del Grande Erg Occidentale nel Quaternario. Si tratta di case in pozzi verticali costituite da profonde circa 8-10 metri che forma un cortile intorno al quale concessionario assegnato i vari ambienti della casa: cucina, pranzo, dispensa ... E anche fienili o stalle per animali. Attualmente vi abitano circa 500 persone, e anche se ora hanno elettricità e acqua corrente, gli abitanti stanno abbandonando case come foro per passare a nuove abitazioni Matmata. Quelli che sono abitate sono una grande attrazione turistica, ed i suoi abitanti sono disposti a mostrare loro a voi in cambio di una mancia. In Matmata c'è anche un piccolo museo berbero, e diversi alberghi (antiche abitazioni rupestri convertito in alloggio).