MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Tunisia

1.122 Collaboratori
  • Monumenti
    112 posti
  • All'aperto
    52 posti
  • Paseggiate
    46 posti
  • Musei
    28 posti
  • Spiagge
    16 posti
  • Divertimento
    9 posti
Il più visitato a Tunisia
Villaggi di Sidi Bou Said
Sidi Bou Said
(16)
Rovine di Cartagine
Le terme di Cartagine
(3)
Laghi di Tozeur
Chott El Djerid
(10)
Laghi di Tozeur
Mountain Oasis, Chebika
(3)
Zone di Shopping di Tunisi
Medina di Tunisi
(11)
Monumenti Storici di El Jem
Anfiteatro romano
(11)
Palazzi di Monastir
Palazzo Ribat
(4)
Siti Archeologici di Bajah
Dougga
Spiagge di Tunisi
Spiaggia Sousse Port Kantaoui
(7)
Rovine di Cartagine
Cartago
(4)
Spiagge di Ras-al-Jabal
Spiagge di Djerba
Spiaggia di Djerba
(4)
Musei di Tunisi
Museo del Bardo
(3)
Monumenti Storici di Monastir
Mausoleo dei Bourguiba
(5)
Città di Kairouan
Kairouan
(1)
Di interesse turistico di Naftah
Star Wars: Mos Spa (Pianeta Tatooine)
(7)
Moschee di Tunisi
Moschea al-Zaytuna
(3)
Templi di Kairouan
Grand Mosque Kairouan
(3)
Monumenti Storici di El Jem
Anfiteatro romano
(11)
Monumenti Storici di Monastir
Mausoleo dei Bourguiba
(5)
Monumenti Storici di Bajah
Dougga Roman Theatre
(1)
Monumenti Storici di Tunisi
Torre dell'orologio
(1)
Monumenti Storici di Gumrassin
Fortezza Ksar Haddada a Gumrassin
Monumenti Storici di Monastir
Mura cittadine
Monumenti Storici di Monastir
Monumento al Milite Ignoto
Monumenti Storici di Kairouan
Zaouia - Abu Zama el-Belaoui Mausoleum
(1)
Monumenti Storici di Monastir
Bab Brikcha
Monumenti Storici di Cartagine
Byrsa Hill
Monumenti Storici di Bajah
Hot Springs Licinianas
(1)
Monumenti Storici di Bajah
Hot springs of the Cyclopes
Monumenti Storici di Kairouan
Murallas de Kairouán
Monumenti Storici di Bajah
dit d'Atban Mausoleum
Monumenti Storici di Kairouan
Aglabitas Tanks
Monumenti Storici di Tunisi
Monumenti Storici di Cartagine
Acquedotto di Cartagine
Monumenti Storici di Midoun
(2)
Monumenti Storici di Tozeur
Architecture of Tozeur
(1)
Monumenti Storici di Tunisi
Moschee di Tunisi
Moschea al-Zaytuna
(3)
Moschee di Susah
Moschea di Sousse
(1)
Moschee di Monastir
Moschea Bourguiba
(1)
Moschee di Monastir
Moschea Saida
Moschee di Kairouan
Mosque of Sidi Sahab
Moschee di Bardaw
Le Bardo Mosque
Moschee di Kairouan
Mosque: the call to prayer
(1)
Moschee di El Jem
Great mosque of the Jem
Moschee di Tozeur
Al-Ferdous Mosque
(1)
Moschee di Sidi Bou Said
Mosquée Abu Said al - Beji
Moschee di Kairouan
Sidi Okba Mosque
(1)
Moschee di Naftah
Sidi M'Khareg Mosque
Moschee di Cartagine
(4)
Moschee di Tozeur
Moschee di Tunisi
Musei di Tunisi
Museo del Bardo
(3)
Musei di Bardaw
Tiles Romm
Musei di Sidi Bou Said
Dar el Annabi house
(1)
Musei di Bardaw
Room Virgilio
Musei di Bardaw
Room Mahdia
Musei di Bardaw
Room Carthage
Musei di Bardaw
Room Sousse
Musei di Bardaw
Dougga room
Musei di Midoun
(3)
Musei di Douz
Musei di Cartagine
(1)
Musei di Tozeur
Musei di Tunisi
Musei di Nabeul
Musei di El Jem
Musei di Matmatat-al-Qadimah
Spiagge di Tunisi
Spiaggia Sousse Port Kantaoui
(7)
Spiagge di Ras-al-Jabal
Spiagge di Djerba
Spiaggia di Djerba
(4)
Spiagge di Hammamet
Yasmine Hammamet Beach
(5)
Spiagge di Jarjis
Spiaggia di Zarzis
(1)
Spiagge di Susah
Spiaggia di Sousse
(1)
Spiagge di Hammamet
(1)
Spiagge di Monastir
Spiaggia di Monastir
(1)
Spiagge di Gammarth
Spiaggia di Gammarth
Spiagge di Sidi Bou Said
Spiagge di Nabeul
(3)
Spiagge di Sidi Bu Zayd
Spiagge di Houmt Souk
Spiagge di Djerba
Villaggi di Sidi Bou Said
Sidi Bou Said
(16)
Villaggi di Mahdia
Mahdia
(1)
Villaggi di Matmata
Tamezret
Villaggi di Takrouna
(1)
Villaggi di Mahdia
(1)
Villaggi di Matmata
Ancient Matmata
Villaggi di Tatawin
(1)
Villaggi di Sidi Bou Said
(1)
Villaggi di Bajah
(3)
Villaggi di Tabarka
(1)
Villaggi di Tatawin
(1)
Villaggi di Qabis
(1)
Villaggi di Al Marsà
Villaggi di Cartagine
Villaggi di Tatawin
Souk Douiret
Villaggi di Tunisi
El Jem
Villaggi di Rafraf

449 cose da fare a Tunisia

Villaggi di Sidi Bou Said
Sidi Bou Said
(16)
Cosa dire di Sidi Bou Saïd... Che posto meraviglioso!! Molto vicino a Cartago, a circa 20km. dalla capitale Tunisi (e a 10 dall’aeroporto) si trova questo villaggio pittoresco, in cima ad una collina vicina alla baia di Cartago sulle sponde del Mediterraneo. È bianco e azzurro; bianco per il calcare e la luce, e azzurro per il mare, il cielo e la vernice con cui sono dipinte porte, finestre e facciate, forma tradizionale di augurare fortuna nel mondo arabo. Nei piccoli caffè situati in un raggio di 300 metri attorno alla moschea ci mettono a disposizione ogni tipo di tè, con menta, miele, pinoli... Per le strane è facile imbattersi in artisti plastici, scrittori, poeti e molta gente un po’ pazza e alternativa. Ad entrambi i lati della strada senza marciapiedi si aprono dozzine di negozi di ogni tipo, soprattutto bazar e piccole officine in cui gli artigiani producono piatti di rame o lavorano l’argento. Io consiglio di seguire la strada principale (e turistica) per poi perdersi tra le perpendicolari. Sidi Bou Said è il posto ideale per riposare dopo aver percorso in fretta e furia i classici percorsi turistici. Se uno va a Tunisi, consiglio questo paesino come meta obbligata.
Rovine di Cartagine
Le terme di Cartagine
(3)
Se fate una escursione organizzata sicuramente non avrete molto tempo per visitare queste terme; nel mio caso, che avevo solo alcune ore per visitare la città, ancora meno. E' un peccato che le terme non si siano conservate meglio visto che probabilmente in passato dovevano essere impressionanti, essendo le seconde per importanza dell'impero romano.
Laghi di Tozeur
Chott El Djerid
(10)
Chotte el Jerid è un grande lago salato che si trova nella zona centro-occidentale della Tunisia. E' attraversato nel mezzo da una strada dalla quale si possono ammirare dei paesaggi incredibili per la loro unicità. In questo la bicicletta aiuta a gustare appieno ogni metro, e se decidete di pedalare al mattino presto avrete anche il vantaggio di essere quasi gli unici sulla strada, e di fotografare il mix di colori del cielo al sorgere del sole. Questo luogo è inoltre divenuto famoso dopo che negli anni '70 vi sono state girate alcune scene della saga Guerre Stellari, e in effetti quelli dello Chotte el Jerid sono paesaggi davvero...lunari! Pensare che poco più avanti si trova il Grand Erg, ovvero il deserto del Sahara, due scenari meravigliosi così differenti e vicini tra loro. Va detto che la strada che taglia lo Chotte el Jerid è lunga una sessantina di chilometri e non ci sono molti punti di ristoro lungo essa, per cui è bene pedalare di buona lena, o essere attrezzati per bere e per uno spuntino. Ad ogni modo la strada non presenta particolari pendenze e anche i meno allenati la potranno percorrere in non più di tre ore.
Laghi di Tozeur
Mountain Oasis, Chebika
(3)
Chebika è, insieme a Tamerza e Mides, uno delle tre oasi di montagna più famose in Tunisia. La sua attrazione principale è la sua pittoresca piscina naturale, situata nella parte inferiore del vecchio villaggio berbero, con un piccolo palmeto e una cascata. Alimenta una serie di piccoli corsi d'acqua sotterranei e una rete di canali sotterranei che arrivano ai pozzi, attraverso i quali si coltivano gli alberi da frutta in un territorio del tutto arido. Questa oasi deve la sua prosperità a un sofisticato sistema di irrigazione. Per garantire l'equilibrio, bisogna mantenere una equa distribuzione dell'acqua a tutti i campi. Per questo, anticamente c'era una stanza curiosa (che si trova dietro i bagni pubblici), dove all'interno c'era un orologio particolare costituito da due giare che erano appese a una corda a diverse altezze per consentire all'acqua di passare da una all'altra. Sulla base del tempo impiegato per riempire la giara più in basso, un incaricato apriva o chiudeva i cancelli del sistema di irrigazione. Il modo migliore per esplorare Chebika e il suo palmeto è salire il sentiero roccioso che conduce alle rovine della città vecchia, da dove si può godere di una magnifica vista sulle montagne dell'Atlante inferiore, che forma un canyon di 150 metri di altezza con le palme ai suoi piedi. Poi si scende giù per le scale fatte di roccia, fino a un bellissimo canyon. Percorrendo il sentiero si arriva ad una piccola cascata che alimenta una la palude. Si ritorna lungo il sentiero che costeggia il canyon e si sale di nuovo per altre scale. Sopra c'è una zona "turistica", con bancarelle che vendono bibite e souvenir. Noi siamo arrivati fin qui in una escursione in 4x4 che avevamo preso a Nefta.
Zone di Shopping di Tunisi
Medina di Tunisi
(11)
La città di Tunisi è magica per la sua medina, cosa indiscutibile. Si può stare ore persi in questo labirinto di negozi, di posti di lavoro e anche moschee. La visita alla capitale del paese è giustificata da questo gigantesco mercato dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Non smettete di contrattare, di parlare con i commercianti -in una lingua indescrivibile che mescolerà inglese, castigliano e francese. Offrire una bottiglia di vino può essere la porta d'entrata alla loro amicizia e ai loro articoli. Certamente, vi inviteranno nel retrobottega a prendere un buonissimo tè alla menta. Se andate in compagnia non smettete di farlo. Lampade fatte di pelle di cammello, puff di cuoio, borse, cachimba, belle stoffe, gioielli, babucce .... La varietà è infinita. Oltre al fatto che comprerete sicuramente bei oggetti soltanto passeggiare per la Medina è un'esperienza indimenticabile.
Monumenti Storici di El Jem
Anfiteatro romano
(11)
L'Anfiteatro Romano di El Jem è il migliore di tutta l'Africa ed il quarto più grande del mondo. Secondo il mio parere è conservato meglio del Colosseo di Roma o almeno è possibile scendere fino alla sabbia e percorrere i vari sentieri .Si possono ancora ammirare le fosse dei leoni ed il complicato sistema delle cisterne. Se visitate Tunisi, non potete non andare a visitarlo!Le sue dimensioni e la sua bellezza sono veramente impressionanti! Rappresenta inoltre la migliore testimonianza dell'Impero Romano insieme alle Terme di Cartagine e al Museo Nazionale del Bardo. Se riuscite, fotografatelo al tramonto quando la luce del sole accentua il colore rossiccio del monumento.
Palazzi di Monastir
Palazzo Ribat
(4)
Il primo giorno siamo rimasti a Monastir, per il mercatino, per il porto, abbiamo fumato narghilè in qualche caffetteria, e abbiamo bevuto tè. Dopodiché abbiamo visitato il Ribat.Sono rimasta esterrefatta. E' magnifico, incredibile. Accanto c'è il cimitero di Monastir. La maggior parte delle tombe sono fatte di piastrelle, e a volte di un semplice mucchio di sabbia. Abbiamo assistito a un funerale, dove una fila di persone aspettava che i familiari del defunto gli dessero del pane. A quanto pare è una tradizione. Poi siamo entrati nel Ribat, che ha delle viste incredibili della città e del mare. Fu costruito nel 796. Puoi accedere a tutto, torri, mura, sotterranei. Siamo saliti sulla torre più alta, Nador, c'era molta aria, ma la vista era magnifica. Si vedeva l'immensità del mare, il sentiero, il cimitero accanto, e il mausoleo di Bughiba, una specie di Taj Mahal in miniatura, che si fece costruire Burguiba per essere essere sepolto. Vale la pena visitarlo, in più è stato lo scenario del film dei Monty Python "Life of Brian", uno dei miei film favoriti.
Siti Archeologici di Bajah
Dougga
Il sito dell'antica città di Thugga è uno dei più importanti siti archeologici della Tunisia e dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO dal 1997. Si trova a circa 110 km a sud ovest della capitale, nella valle del Oued Khalled,il viaggio dura circa 2 ore. Il sito archeologico è di circa 65 ettari, e conserva una grande quantità di monumenti e templi, che rappresentano i momenti più diversi dal regno di Massinissa al III secolo dC, la città fu occupata da diverse civiltà: la punica, la Numidia , romana e bizantina. Le rovine si trovano su pendici collinari (a nord) e pendenze più dolci (a sud). La città è stata costruita senza disegno (a differenza di molte città romane), in modo che gli edifici si trovano in un labirinto di stradine acciottolate. Il più rappresentativo (diventata simbolo identificativo) è dit d'Atban Mausolée un mausoleo libico-punico risalente al II secolo aC. Allo stesso modo, il Campidoglio è considerato uno dei più belli costruito dai Romani in Tunisia e il teatro romano è uno dei meglio conservati nel Nord Africa. Conserva anche un sacco di templi, il più notevole quell di Saturno e di Giunone Caelestis, e diversi altri temi, come i Ciclopi. Il Campidoglio è considerato uno dei più bei edifici romani in tutta l'Africa. Fu costruito nel 167 dC e fu dedicato agli dei Giove, Minerva e Giunone (la Triade Capitolina). Si compone di un santuario preceduto da un portico, al quale si accede tramite una scala monumentale. Di questo portico sono conservate sei colonne scanalate con capitelli corinzi che sostengono un frontone decorato, il cui timpano è scolpito in rilievo con la rappresentazione dell'uomo rapito da un'aquila. Lo spazio interno misura di lunghezza 24 e di larghezza 38,5 metri. Lo sfondo è con una nicchia dove sarebbe ospitata una statua colossale di Giove oltre 6 metri di altezza (la cui testa e piedi sono esposti nella Sala Sousse del Museo del Bardo), e ai lati di Giunone e Minerva. Sotto di loro c'è una cripta a tre navate, forse utilizzata in seguito come chiesa bizantina.
Spiagge di Tunisi
Spiaggia Sousse Port Kantaoui
(7)
Sono andato in Tunisia nel 2006 con mio marito. È stato il più bel viaggio che abbia fatto finora. La Tunisia ha qualcosa di speciale, non si può spiegare, si deve visitare per conoscerla. Ha un fascino speciale. Si tratta di un gioco di contrasti: olfatto, gusto, paesaggi, musica, gente, ecc. Sicuramente ci sono posti nel mondo più belli di questo, ma questo colpisce i turisti particolarmente. Non il cibo, non la spiaggia, non la sua gente, non il suo paesaggio non so spiegarvi cosa sia, è tutto questo ma non c'è niente di speciale, è un insieme di tutto. Tuttavia conosco persone che sono andate ed il posto non è piaciuto particolarmente ed altri, come me, che ha conquistato per sempre. Soprattutto, il deserto, merita particolare attenzione è spettacolare, è un sogno, si deve vedere.
Rovine di Cartagine
Cartago
(4)
Una delle poche vestigia del grande impero, offronoai turisti una tentazione difficile da evitare. Oltre a fare foto con le poche colonne rimanenti, piacedirigere l'obiettivo verso il proibito. A Tunisi non si possono fare foto agli spazi mlitari ma, giusto al lato delle terme si trova il Palazzo Presidenziale Tunisino. Quando scendi dal pulman ti dicono: " Proibito fare foto da questo lato" ed ecco che ci attira ancora di più dirigervi sopra l'obiettivo della nostra camera. La guida ci dice che proprio per la presenza del palazzo presidenziale si sono conservate le terme, tutto il resto della zona è diventata residenziale.
Spiagge di Ras-al-Jabal
Spiagge di Djerba
Spiaggia di Djerba
(4)
Quando sono stato in questo hotel club era molto ben situato. Non ero mai stato né in Tunisia né a Djerba e ho trovato tutto molto bello. La spiaggia è molto gradevole e, soprattutto, il mare è stupendo! Il Mar Mediterraneo, con i suoi colori verde e blu, e con una temperatura piuttosto piacevole ... Basta pensare di nuovo a questo posto e ci voglio andare!
Musei di Tunisi
Museo del Bardo
(3)
Uno dei luoghi più importanti e con più fascino di tutta Tunisi è il Museo del Bardo, situato a circa 4 chilometri dalla capitale.Si trova nell'antico Palazzo del Bardo e comprende la più importante collezione di mosaici provenienti da tutto il mondo.Nonostante i mosaici conservati datino epoche differenti,la maggior parte risalgono ai secoli II e IV.I mosaici sono organizzati in sezioni dedicate alla storia di Tunisi: all'epoca punica, greca, cartaginese, cristiana e islamica ....Di cada una di queste epoche scopriamo bei mosaici che ci narrano, tassello a tassello, la storia di questo splendido paese.Ciò che veramente sorprendente è la qualità e la quantità delle opere esposte.Ci sono così tanti mosaici che risultano innumerevoli, difficili da classificare.Infatti, siccome si trovano mosaici in ogni scavo, è piuttosto facile che qualche mercante ti offra tasselli autentici in regalo o ad un prezzo ridicolo.In poche parole è un luogo imprescindibile se vai a Tunisi.Splendido e molto speciale, e senza dubbio il miglior museo di tutta Tunisi.
Monumenti Storici di Monastir
Mausoleo dei Bourguiba
(5)
Sul mare nella città dove finì la vita dell' ormai vecchio presidente Boughiba che diede l' indipendenza al paese dai francesi è stato creato uno splendido mausoleo per ricordarlo, imponente la passeggiata dal castello per arrivarci un immenso viale alberato e ricco di palme, e sulla destra un cimitero di bianche tombe islamiche. Il mausoleo è riccamente decorato da splendidi mosaici ed esempi di arte islamica davvero interessanti.
Città di Kairouan
Kairouan
(1)
Mi lasciai alle spalle l'ambiente cosmopolita e turistico di Tunisi capitale e, questa mattina molto presto, mi sono presa un pulman per Kairouan, quarta città santa mussulmana dopo la Mecca, Medina e Gerusalemme. La città è posta 170 chilometri nell'entroterra al sud di Tunisi. Già solo intraprendere il viaggio fin lì mi mostrò un altro mondo. La "gare routiere" era uno spiegamento di mille colori. Le contadine che viaggiavano con me erano vestite (e coperte) secondo la loro etnia, però sempre con colori vistosissimi. I tunisini sono gentili e sono felici se possono aiutarti. E meno male, perché non sapevo nemmeno che pulman prendere. Non esistono i numeri, nessuno avvisa su dove si diragano i pulman e i nomi in arabo sono impossibili da pronunciare. Ossia, rinomato caos. Finalmente ce la feci e in tre ore ero a Kairouan, una città che s'innalza nel mezzo del nulla. Perché gli sia saltato in mente di costruire la Gran Moschea proprio qui, solo Allah lo saprà. Nemmeno gli stessi tunisini lo sanno, e basano la sua origine su una leggenda. Tuttavia ne rimasi subito affascinata. Questo era ciò che cercavo: una Tunisi reale, più conservatrice e ortodossa, la vita dei tuisini davanti agli occhi, zero turisti, molto cielo, il favoloso ritmo lento delle città arabe, e una medina completamente murata, labirintica, autentica, d'un bianco accecante e tranquilla. Tant'è che la chiamata all'orazione dall'alto dei minareti pare più stridente e più chiara che in altre medine tunisine. Kairouan, che inoltre è la capitale del tappeto, mi affascinò. E che dire dei suoi famosi "makrough" e della Grande Moschea? Ebbene, questi sono capitoli a parte.
Di interesse turistico di Naftah
Star Wars: Mos Spa (Pianeta Tatooine)
(7)
La città immaginaria creata con gesso e cartone dove sono state registrate alcune scene di Star Wars. E 'un posto piuttosto piccolo, ma che accende la curiosità di chiunque. Accogliente e simpatico, questo scenario lo si attraversa in appena mezz'ora ...
Moschee di Tunisi
Moschea al-Zaytuna
(3)
Tutte le mosche di Tunisi hanno come riferimento quella di Ez-Zitouna, la Moschea principale della città . L'edificio che si vede oggi è un affascinante insieme delle costruzioni di differenti epoche, dalle colonne e capitelli che arrivano dall'antica a un minareto ottomano, passando per cupole della Siria. I non mussulmani possono visitare solo il patio centrale da dove si indovina la sala delle colonne. Ma solo con il patio, ci si può fare un'idea della grandezza della stessa. Anche se personalmente preferisco le moschee più piccole e accessibili, è bello contemplare anche quelle ufficiali e monumentali.
Templi di Kairouan
Grand Mosque Kairouan
(3)
I musulmani arrivano a Kairouan non solo dalle altre città tunisine, ma da diverse parti del mondo arabo. Quarta moschea in ordine d'importanza dopo la Mecca, Medina e Gerusalemme, la Grande Moschea, costruita nel IX secolo, è la più antica del Nord Africa. La sua visita è, per diverse ragioni, impressionante. Situata sul lato della medina, quasi quando non ci sono più case, la sua enorme torre-almenar si staglia contro il cielo terso. Circondata dalle austere mura di cinta marroni, dall'esterno non assomiglia alle Moschee marocchine o turche: sembra più una fortezza. Tuttavia, nonappena entrati nel cortile con lastre di marmo si rimane a bocca aperta per la sua bellezza. Il colonnato che circonda il cortile è impressionante, gli archi senza fine, e le porte di accesso alla sala di preghiera. La Grande Moschea è stata, per me, una scoperta incredibile. Non solo per la sua architettura, ma anche perché si respira un'atmosfera di infinito raccoglimento.