Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Turingia?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Monumenti Storici a Turingia

Le destinazioni più popolari

4 monumenti storici a Turingia

Monumenti Storici di Weimar
Buchenwald concentration camp
(1)
Per entrare nel campo di concentramento di Buchenwald, si deve passare entrare in fitte foreste piantate dai nazisti per nascondere l'orrore del luogo dove terminavano i deportati. Una volta sul posto, non ci si sente comodi, con l'idea di visitare un luogo dove altre persone sono venute a morire. E, successivamente, si entra nel campo, e fa venire veramente i brividi. Accanto al campo c'era un mini zoo per divertire i figli dei funzionari nazisti. Una porta, con la scritta "Arbeit macht frei", che si sentiva quasi vergogna a scattare una foto. Negli edifici c' erano vasi pieni di denti e di capelli, per capire l'atrocità del genocidio. Sulle pareti, ci sono enormi mucchi di fotografie di cadaveri magrissimi. Penso che questo sia quello che dovrebbe essere fatto per educare i giovani alla Shoah, una visita ad un campo di concentramento.
Monumenti Storici di Weimar
Bauhaus di Weimar
(2)
Il Bauhaus è un'Università che ha sede a Weimar. Ospita la Scuola di artigianato artistico, l' Accademia di architettura, arti figurative e artigianato e l'Accademia di architettura e di ingegneria. In quest'esperienza riporto la foto del fondatore e direttore della scuola, Walter Gropius, oltre ad altri particolari che hanno attirato la mia attenzione.
Monumenti Storici di Steinthaleben
Monumenti Storici di Weimar
Monumento a Hafiz e Goethe
Camminando per Weimar e all'iterno del park an der Ilm, fate caso a queso curioso monumento, dedicato ad Hafiz, poeta persiano lirico del 1500, e Goethe, famoso poeta e drammaturgo tedesco. Il poeta persiano infatti era molto ammirato ed apprezzato dal tedesco Goethe. Questo monumento è costituito da due sedie in granito rivolte una di fronte all'altro: le due sedie simboleggiano i due poeti, che rivolti uno davanti all'altro, è come se si parlassero. Il monumento vuole essere un invito al dialogo interculturale.