MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Taghazout?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus
Dove vuoi andare?

Cosa vedere a Taghazout

13 Collaboratori

5 cose da fare a Taghazout

Villaggi di Taghazout
Taghazout
(1)
La stessa sera in cui sono arrivato in città, mi sono arrampicato sul tetto del palazzo per vedere le stelle. Con mia grande sorpresa, ho visto una nuvola nel cielo notturno di Taghazout che ha creato uno strano alone tra gli edifici. Sono corso al piano di sotto per prendere la fotocamere, l'ho appoggiata sul davanzale e ho utilizzato l'autoscatto per fare la foto che vedete.
Spiagge di Taghazout
Spiaggia di Taghazout
(3)
Protetto alle spalle dall'imponente catena dell'Atlante e a nord da Capo Ghir, il villaggio di Thagazout, bianco e rosa, si affaccia su una delle più belle spiagge del Marocco. Il sole non manca mai a Taghazout, per quegli strani fenomeni che si chiamano microclimi. Taghazout gode infatti di un microclima favorevole. D'inverno è raro che la temperatura scenda sotto i 20 gradi e le notti, anche nelle estati più calde, sono sempre e comunque fresche. Gli hippies, che oggi assumono altri nomi, ma che restano sempre dei vagabondi alla ricerca di posti speciali, avevano puntualmente scoperto Taghazout all'inizio degli anni '60 e ne avevano fatto una delle loro roccaforti marocchine. All'epoca, il surf non era di moda da questa parte dell'Atlantico. Era più di moda fumare il marocchino nero che veniva dal Rif e da Ketama, altro paradiso artificiale di quegli anni. Poi, con l'arrivo dei turisti, gli hippies emigrarono altrove e attorno agli anni 90 furono sostituiti dai surfisti spagnoli, francesi e americani. La mattina i surfisti si ritrovano sulla grande spiaggia di sabbia a scrutare le onde alla ricerca del point break. Pare che le onde più belle le si trovi un paio di chilometri più a nord in una località chiamata Anchor Point, ma altre spiagge sono degne delle cavalcate sulle onde: Hash Point e la spiaggia di Panorama. Tra un'onda e l'altra ragazzi e ragazze in mute nere o blù, la fedele tavola sotto il braccio, si ritrovano al baretto più vicino alla spiaggia che alterna il cous cous agli hamburger in stile texano. Niente birra o alcol in generale, poiché il villaggio di Taghazout è rispettosamente proibizionista. Chi vuole farsi una birra prende l'autobus e in mezz'ora si ritrova ad Agadir, in un qualche complesso per turisti occidentali. Il fascino di Taghazout risiede invece nella sua calma e nella sua dimensione ridotta. Il tutto condito da un misto tra passato e presente. Quando le barche dei pescatori lasciano la spiaggia per il mare aperto, i ragazzi dai lunghi dreadlock che scendono sulle spalle e le atletiche ragazze che vengono dai mari più freddi del nord si fanno da parte e salutano con la mano. Le onde, possono aspettare... Per soggiornare a Taghazout la cosa migliore è affittare una delle casette di pescatori che si affacciano sul mare.
Mercati di Taghazout
Porti di Taghazout
Surf di Taghazout