Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Repubblica Dominicana?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Repubblica Dominicana

853 Collaboratori
Aeroporti a Repubblica Dominicana Belvedere a Repubblica Dominicana Cascate a Repubblica Dominicana Castelli a Repubblica Dominicana Cattedrali a Repubblica Dominicana Centri Commerciali a Repubblica Dominicana Chiese a Repubblica Dominicana Città a Repubblica Dominicana Di interesse culturale a Repubblica Dominicana Di interesse sportivo a Repubblica Dominicana Di interesse turistico a Repubblica Dominicana Discoteche a Repubblica Dominicana Feste a Repubblica Dominicana Fiumi a Repubblica Dominicana Giardini a Repubblica Dominicana Golfi a Repubblica Dominicana Grotte a Repubblica Dominicana Informazione Turistica a Repubblica Dominicana Isole a Repubblica Dominicana Laghi a Repubblica Dominicana Mercati a Repubblica Dominicana Mercatini a Repubblica Dominicana Monumenti Storici a Repubblica Dominicana Mostre a Repubblica Dominicana Musei a Repubblica Dominicana Negozi a Repubblica Dominicana Palazzi a Repubblica Dominicana Parchi Acquatici a Repubblica Dominicana Parchi a Tema a Repubblica Dominicana Piazze a Repubblica Dominicana Porti a Repubblica Dominicana Posti insoliti a Repubblica Dominicana Pub a Repubblica Dominicana Pueblos de vacaciones a Repubblica Dominicana Riserve Naturali a Repubblica Dominicana Spiagge a Repubblica Dominicana Stabilimento Balneare a Repubblica Dominicana Statue a Repubblica Dominicana Strade a Repubblica Dominicana Terme a Repubblica Dominicana Valli a Repubblica Dominicana Vie a Repubblica Dominicana Villaggi a Repubblica Dominicana Zoo a Repubblica Dominicana

388 cose da fare a Repubblica Dominicana

Spiagge di Playa Bavaro
Spiaggia Bavaro a Punta Cana
(65)
Sabbia fine e bianca, acque turchesi cristalline, tiepide e bagnate dal mar dei Caraibi e vere e proprie selve di palme da cocco. Qualcosa simile al paradiso dove non c'è altro da fare a parte riposare rilassatamente "buttato" in una sdraio e dove automaticamente ti dimenticherai dei problemi quotidiani. Posso dire poco altro delle spiagge di Punta Cana, oggi tutti sappiamo più o meno di che si tratta, tutti conosciamo l'aspetto "teorico" grazie ai depliant e alla pubblicità nelle vetrine delle agenzie di viaggio, ma quello che è sicuro è che tutti quelli che vanno vogliono ritornare.. E un motivo ci sarà...
Isole di Higüey
Isola di Saona
(20)
In quest'isola si trova il vero paradiso. Vi si può accedere attraverso piccole e rapidi motoscafi, i quali fanno fermate nelle cosiddette piscine naturali, mettendo in contatto i turisti con la fauna marina. Oltre a pesci di tutti i colori, potrete trovare stelle marine e altri crostacei. L'isola parla da sé: la sabbia che sembra talco, le rigogliose palme verdi e l'acqua turchese.
Spiagge di Samanà
La spiaggia di Samanà
(21)
Sono di Samana e ho vissuto quasi tutta la mi vita lì. Probabilmente anche per questo mi piace così tanto ma non solo: Devo ammettere che vi sono delle spiagge molto belle. Qui l'ambiente è molto rilassante visto che è ancora una spiaggia incontaminata. È gradevole anche per praticare sport. Playa Rincon rimane la mia preferita anche se vi sono altre spiagge molto belle.
Di interesse culturale di La Romana
Los Altos de Chavón a Santo Domingo
Probabilmente la costruzione più carismatica dell' Alto de Chavón è il suo imponente anfiteatro. Fu inaugurato nel 1982 da Frank Sinatra, e da allora sono passati importanti artisti di fama internazionale, del calibro di Sting, Gloria Estefan, Shakira, Julio Iglesias, Duran Duran...È il principale palco per spettacoli ed eventi del paese, e soprattutto dei residenti nel lussuoso quartiere residenziale della Casa de Campo. È costruito in pietra corallina, nello stile di un anfiteatro greco. La sua dimensione è impressionante, ed ha una capienza di 5000 spettatori. "Altos de Chavón" è stato concepito come centro culturale e di tempo libero per il lussuoso quartiere residenziale Casa de Campo, per cui è pieno di ristoranti, bar e negozi. Questi ultimi sono principalmente di abbigliamento, gioielli (dove si può comprare il celebre "larimar", una bella pietra dura dalle venature azzurre), gallerie d'arte, tabacchi, artigianato domenicano... Dato l'ambiente lussuoso e il quartiere esclusivo, i prezzi sono piuttosto elevati.
Cascate di Las Terrenas
Cascata Salto del Limone
(14)
Il salto del limone è situata in una foresta tropicale nella penisola di Samana. Un tour di circa 30 - 45 minuti a cavallo o a piedi, attraverso di un bosco che porta ai piedi di una cascata impressionante. La cascata è composta di tre uscite da dove sbocca l'acqua che scorre lungo una parete solida piena di verde. Culmina in una piscina naturale formata dalle sue acque fresche e cristalline. Se andate a Samana, nella Repubblica Dominicana, non esitate a passare per questo luogo così meraviglioso, non ve ne pentirete.
Spiagge di Santo Domingo
Spiaggia di Bayahibe
(44)
A soli 20 minuti da La Romana si trova Bayahibe, un piccolo paese di pescatori nel quale si trova una delle più belle spiaggia dell'Est. la spiaggia di Bayahibe. Le acque sono cristalline e si può placare la sete con il fresco liquido di un cocco appena caduto dall'albero. In qualche baretto della spiaggia si può degustare l'eccellente pesce ed i molluschi del Mare dei Caraibi. La spiaggia Dominicus è l'altra spiaggia famosa in questa zona. Da entrambe salpano barche, catamarani e motoscafi diretti all'Isola Saona e all'Isola Catalina. L'isola Saona è più grande di Catalina e si trova immersa nel Parco Nazionale dell'Est; è bellissima, le spiagge sono stupende e si possono praticare tutti gli sport acquatici.
Quartieri di Santo Domingo
Zona Coloniale di Santo Domingo
(44)
La città coloniale di Santo Domingo è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Il suo tracciato urbano a forma quadricolare e la sua eredità architettonica le hanno valso questa distinzione, anche se naturalmente ha subito un evoluzione nel corso del tempo. La città fu fondata nel 1498 da Bartolomé Colón; nei primi insediamenti le abitazioni erano a un piano solo, costruite in mattoni crudi e coperte con un tetto in fibra di palma. Nel XVII secolo le case si costruivano in pietra calcarea della zona, avevano due piani e tegole di legno, obbedendo il modello arabo che prevedeva un patio interno per la circolazione dell'aria, modello che durò quattro secoli. Il pianterreno era dedicato al commercio e il superiore alle stanze private. Le facciate avevano finestre e balconi, che all'inizio erano decorate con pannelli di legno e più tardi con inferriate (curiosamente chiamate "guardavecinos"-che proteggono dai vicini- per difendere gli abitanti da intrusi o ladri) o listoni torniti; alcune terminavano in archi decorati con vetrate a motivi geometrici. L'ingresso erano formate da due porte sufficientemente grandi per far passare le carrozze. È delizioso fare una passeggiata per il centro della zona coloniale ammirando le differenti costruzioni e le strade lastricate, immaginando come erano quelle passeggiate sul far della sera delle dame borghesi. Si può ancora vedere circolare qualche vettura trainata da cavalli, sebbene non siano "veri" ma una semplice attrazione turistica; ti trasportano comunque indietro di secoli.
Vie di Santo Domingo
Calle El Conde a Santo Domingo
(32)
La Calle El Conde scorre lungo il lato settentrionale del Parque Colón, unendolo con il Parque de la Independencia, dove si trova la Puerta del Conde. Fu battezzata con questo nome in onore del conte di Peñalba, governatore e capitano generale dell'isola all'inizio del XVII secolo, che guidò la trionfante battaglia in difesa della città contro gli inglesi nel 1655. È l'unica strada pedonale di Santo Domingo e attraversa, da est a ovest, tutta la zona coloniale; è molto rumorosa e qui si trovano i negozi più importanti, soprattutto quelli di scarpe, di gioielli e di souvenirs. All'angolo della Calle Conde con Calle Arzobispo Meriño si trovano il Cabildo (consiglio municipale) della città e il monumento a Bartolomé Colón. Nella zona che costeggia il Parque Colón il visitatore troverà inoltre un Hard Rock Café e il Museo del Ámbar (ambra).
Cattedrali di Higüey
Nuestra Señora La Altagracia Basilica
(21)
La più venerata immagine dei caraibi Dominicani! La verità è che non immaginavo che nella Repubblica Dominicana ci fossero tanti credenti, né che venerassero con tanto fervore un'immagine come la Vergine di Altagracia, e me ne sono reso conto nella Basilica che ospita l'immagine del Santo, che è la chiesa più importante di tutta la Repubblica Dominicana. La Basilica di Nostra Signora di La Altagracia si trova nel centro della città di Higuey, e ha la pianta a croce latina. Ciò che ha attirato la mia attenzione è stata la porta d'ingresso al tempio, che ci ha detto il nostro amico domenicano è fatta di bronzo placcato in oro a 24 carati. In cima al massiccio edificio c'era il campanile che ha 45 campane di bronzo, stesso materiale usato anche per la porta. Ma la cosa più importante della Basilica e l'immagine più venerata del luogo e in parte dell'America Latina, è l'immagine di Nostra Signora di La Altagracia patrona dei dominicani, la cui festa si celebra il 21 gennaio. Su suggerimento del ​​nostro amico, abbiamo fatto la cosa più tradizionale lì che è salire fino all'altare, mettere la mano destra sul vetro e chiedere un desiderio alla Sanao ... E se si avvera dicono che ritornare nella Repubblica Dominicana ... Quindi vi dirò!
Giardini di Santo Domingo
Giardino Botanico
(28)
L'Orto Botanico di Santo Domingo è una tappa obbligata per i turisti che visitano la brillante capitale di questa bella isola. Tra la sua collezione esuberante di piante endemiche, potrete trovare alcune specie sconosciute anche alla gente del posto. Si tratta di una zona protetta di dimensioni impressionanti. I suoi spazi sono destinati alla ricerca, alla formazione e alla sensibilizzazione dei cittadini. È interessante notare che, ogni tanto, questo giardino venga usato per attività quali maratone di beneficenza per aiutare i bambini in difficoltà o chi è affetto da diabete. Infine mi sembra importante sottolineare che tra le diverse aree che compongono il nostro giardino botanico, il giardino giapponese è senza dubbio quella più bella.
Riserve Naturali di Santo Domingo
Parco Nazionale Los tres ojos a Santo Domingo
(28)
Questo bellissimo posto è così chiamato perché ci sono quattro laghi d'acqua dolce sommersi in una grotta impressionante di 15 metri di profondità, e ai quali si accede tramite una scala. Solo che, quando hanno scoperto questo luogo, ne videro solo tre e il nome è rimasto quello. I laghi sono collegati tra loro, rendendo più facile il passare da una parte all'altra con piccole imbarcazioni o ponticelli. E' pieno di vegetazione tropicale, e di stalagmiti e stalattiti ce n'è ovunque. Ci hanno detto che è stata utilizzata come luogo per girare alcuni pezzi del film di Tarzan. Il primo lago è quello dell'"Acqua di zolfo", che è stato scoperto nel 1916, ha 20 metri di profondità. Il secondo lago è conosciuto come "Il frigorifero" e il terzo è "Il lago delle donne". Il Parco Naturale di Los Tres Ojos è aperto dalle 8:30-17:30 ed è ha un prezzo ridotto di 5$ per i bambini e di 10$ per gli adulti. I laghi hanno acque chiare e cristalline, e ti viene vogliamo di fartici una nuotata, dopo esserti fatto tutte le scale, ma non lo permettono, altrimenti sarebbe magnifico. Ah! C'è anche una leggenda che dice che ci vive un alligatore, ma noi non l'abbiamo visto ... ah ah.
Di interesse culturale di Las Terrenas
Las Terrenas
(8)
Las Terrenas si trova nella penisola di Samanà, nella costa nord tra foreste di palme e spiagge incontaminate. Quì il tempo sembra essersi fermato, la maggior parte delle strade non sono ancora asfaltate, infatti è solo da pochi anni che si stà aprendo al turismo, con però tutti i servizi essenziali, come negozi, farmacie, ristoranti, hotel e agenzie che organizzano escursioni nella penisola. La spiaggia del paese si chiama playa Punta Popy, ma non molto lontano si trovano playa Coson, playa Las Ballenas e playa Bonita, ce n'è veramente per tutti i gusti! Bellissimi i colori delle tele esposte, dai pittori haitiani, in bella mostra nelle strade del paese.
Spiagge di Boca Chica
Boca Chica
(9)
La spiaggia di Boca Chica è costituita da sabbia bianchissima ed è frequentata da molti giovani del posto. che vi si intrattengono bevendo rum e ballando merengue. Tantissimi bar e stabilimenti balneari, alcune parti sono riservate agli ospiti degli hotel, in altre è possibile fermarsi e stendersi al sole. L'acqua è limpida ed il fondale degrada lentamente, il che lo rende adatto anche si bambini. Alle spalle della bella spiaggia un bellissimo palmeto.
Isole di La Romana
Isola Catalina
(1)
L'isola di Catalina è dichiarata Monumento Naturale ed è una delle isole che compongono il Parco Nazionale dell'Est, a sud-est del Paese. Si tratta di una piccola isola di circa 9 km2, disabitata e tuttavia poco turistica. Un canale di 2 km di larghezza la separa dalla terraferma. La sua attrazione principale sono le immersioni subacquee (sia in superficie, lo snorkeling, sia in profondità, con le bombole), dato che nelle sue calde acque turchesi si puó trovare di tutto, da galeoni sommersi a migliaia di pesci colorati. Ovviamente sono idilliache le sue incontaminate spiagge di fine sabbia bianca, percorse da palme e mangrovie. In certi periodi dell'anno si possono vedere i delfini e le balene gobbe. I tour per l'isola di Catalina partono dal molo di Bayahibe o dal porto sportivo di La Romana. Si può raggiungere in catamarano o in piccole barche con il fondo di vetro.
Spiagge di Barahona
Barahona
(3)
La provincia di Santa Cruz de Barahona, è conosciuta come la "Perla del Sud". In epoca pre-colombiana faceva parte dei domini dei chiefdoms di Anacaona e Enriquillo. La sua popolazione supera i 200 mila abitanti che vivono in poco più di 1, 600 km2. La temperatura media a Santa Cruz è di 25 gradi Celsius. Le principali attività economiche a Barahona sono l'agricoltura, la produzione di caffè, di banane, di canna da zucchero, di sorgo e noci. Il settore minerario, che includono l'estrazione di Larimar (pietra semi preziosa che si trova solo in Barahona e in nessun'altra parte del mondo), gesso, salgemma, marmo, ecc, e anche l'industria del turismo. Maria Montez era una celebrità del cinema e del teatro a Hollywood e in Europa nel 1940, ha raggiunto la fama per il suo ruolo nel film di avventura come Arabian Nights, il primo film a colori realizzato dalla Universal, la casa di produzione che ha lavorato per Maria Montez, ha anche partecipato in Ali Baba e i quaranta ladroni. Lavorare in diversi film a colori gli valse il titolo di Regina del Technicolor. L'unico aeroporto a Barahona porta il suo nome. Frammento Www.Mariamontez.Net Cobra Donna 1944 film diretto da Robert Siodmak (che fa in questo doppio ruolo film, quella di una sacerdotessa del male e della sua gemella bonacciona. María Montez dell'Internet Movie Database (in inglese). La provincia di Barahona gode di bei paesaggi che uniscono mare e montagna. Spiagge che sembrano il Paradiso, le anatre (invece di soffice sabbia ha ciottoli), San Rafael, in lei converge il fiume più corto del paese, con lo stesso nome, che nasce dalla montagna vicino alla spiaggia ed è l'unico in oltre 100 anni che ha la stessa portata (il fiume è stato sfruttato, per raggiungere la spiaggia, con costruzione di piscine naturali). Purtroppo la spiaggia è frazionata), Bahoruco, Enriquillo e altri ci lasciano estasiati con questi colori incredibili. Al visitare Barahona prenda un po' più di tempo e si fermarmi a Paradise, godrete immensamente della vista del suo mare e della bella piazza proprio vicino alla spiaggia. Un attrazione che non deve assolutamente perdere è il Polo Magnetic meraviglia incredibile dove i veicoli, anche quando è spento, si spostano per una piccola collina. Non lasciatevi scappare l'opportunità di sperimentarlo e filmarlo. Sicuramente vi divertirete molto e sarà un'esperienza indimenticabile, molto particolare e significativa.
Monumenti Storici di Santiago
Il Monumento a los Héroes de la Restauración a Santiago
(46)
Imponente nelle dimensioni, si vede prima di raggiungere Santiago. Questo monumento all'inizio fu costruito in onore del despota Rafael Leónidas Trujillo e chiamato Monumento a la Paz de Trujillo, iniziato nel 1944 per celebrare l'indipendenza del Paese. La sua struttura è in parte ricoperta dal marmo estratto dalle mine di Samaná. All'esterno si trova un enorme statua di Trujillo che monta un cavallo. È alta 70 m. e 365 gradini conducono alla cima: sono 365 perché significava che il dittatore si occupava del suo popolo tutto l'anno. Presenta cornici a cassettoni, colonne ioniche e bellissime lampade. Al secondo livello si trovano i murales dipinti dallo spagnolo Vela Zanetti e in cima s'erige un'immensa statua di una donna, El Ángel de la Paz. Nel 1961, dopo l'assassinato di Trujillo, le sua statua venne abbattuta e il nome del monumento diventò Monumento a los Heroes de la Restauración. Nel 2008 è stato restaurato, soprattutto all'esterno, piantando nuovi alberi nei giardini e costruendo nuove piazze a tema con statue tanto di eroi e personaggi importanti nazionali, come di tradizioni, scrittori e giocatori di calcio locali famosi. I giardini e i bar circostanti sono molto frequentati dagli abitanti, soprattutto di sera e durante il fine settimana.
Aeroporti di Punta Cana
Punta Cana International Airport
(33)
L'Aeroporto di paglia! Nel mio ultimo viaggio per i Caraibi ho avuto modo di conoscere il piccolo aeroporto di Punta Cana e dico piccolo perchè a mio modo di vedere mi sembrò molto piccolo. Appena atterrati e scesi dalle scalette dell'aereo ti fanno andare a piedi fino all'aeroporto stesso dove appena entri ti scattano una foto con delle signorine locali per poi cercar di vendertela quando riparti l'ultimo giorno.Fondamentalmente la sensazione e di caldo e stanchezza anche perchè l'umidità è molto alta e come dicevo all'inizio sembra di paglia perchè il tetto è di paglia con qulache ventilatore appeso.Anche se devi aver già preparato insieme al passaporto il foglio con i tuoi dati ed i 10$ per entrare è qui dove ti mettono il visto di ingresso nel paese. Ed al ritorno,si compila un altro foglio d'uscita e si pagano altri 20 $ per l'uscita e ti mettono un altro visto d'uscita dal paese nel tuo passaporto. Devo riconoscere che questo aeroporto è così piccolo che quasi non ha negozi, ne aveva due uno con prodotti Dominicani carissimiiiiii,pensate una bottiglia di rum Brugal che in qualunque zona di Punta Cana la paghi 10 $, qui ti chiedevano 21 $, vedete voi stessi la differenza , il doppio!! L 'altro negozio era di prodotti internazionali si poteva comprare sigarette a un prezzo basso o profumi,vi era anche un negozio di alimentari,uno di Lacoste,un altro di quadri,e quello della foto dove ti vendevano la foto che avevi fatto al tuo arrivo per 5 $
Golfi di Pedernales
Baia de las Aguilas a Pedernales
Questa spiaggia si trova nel parco Bahoruco a Pedernales, nella Repubblica Dominicana. C'e moltissima diversità di specie tanto nella flora che nella fauna. La Baia de las Aguilas è caratterizzata dalla sua bellissima sabbia bianca, acqua limpida e il caldo sole caraibico. Amo andare in questo posto e godermi la sua spiaggia, il sole e il canto dei gabbiani.