Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Atene?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Atene

312 Collaboratori

136 cose da fare a Atene

Monumenti Storici di Atene
Acropolis
(65)
Nel cuore del centro storico di Atene, l’Acropoli, la rocca santa al cui interno possiamo trovare diverse rovine e templi dedicati agli dei greci, è l’attrazione turistica della città. Il biglietto d’entrata è abbastanza caro (12€), ma permette di visitare anche altri monumenti, come il tempio di Zeus, la biblioteca di Hadrian o la vecchia Agora. Stando a quanto scritto nella nostra guida, le visite sarebbero dovute cominciare alle ore 8:30. Arrivammo alle 8, pensando essere i primi, o quasi, ma c’era una coda incredibile, e stavano già entrando le prime persone. Un consiglio: Andateci prestissimo, soprattutto per evitare il caldo e la gente. E poi la luce del mattino è una delle migliori. E' impressionante! Al suo interno possiamo visitare il Partenone, che è il monumento più famoso della città, ma anche vecchi teatri ed un altro tempio dedicato ad Atena, in fase di ristrutturazione. Di notte la si può vedere illuminata dalle colline che la circondano. L'entrata è gratuita per gli studenti ,quindi non dimenticare il tuo libretto universitario!
Monumenti Storici di Atene
Partenone
(63)
Il Partenone è uno dei monumenti più grandiosi e magnificenti della storia greca, si dice che dentro il Partenone la luce entrasse ed illuminasse tutto; approfittando della posizione del sole, in questa foto vediamo come effettivamente attraversi le colonne mostrando un pò del suo misticismo degli dei.
Monumenti Storici di Atene
Tempio di Zeus
(32)
Una delle viste più tipiche di Atene è il denominato Tempio di Zeus Olimpico, uno dei più grandi del mondo antico. Il tempio è molto vicino al quartiere della Plaka e dell'Acropoli. attualmente si conservano solo 16 delle 104 colonne originali. Queste sono in stile corinzio e misurano 17 metri ognuna. Le colonne impressionano molto. Ciò che più mi è piaciuto di questo tempio è la rotondezza delle colonne e le loro dimensioni. Si può trovare anche qualche colonna abbattuta che da un tocco più apocalittico all'ambiente, un chiaro esempio della fine di un impero.
Di interesse culturale di Atene
Erechtheum
(40)
L'Erecteion è un capolavoro di ordine ionico. E' stato costruito tra il 421 e 406 a.C., e la cosa più famosa del tempio è la famosa tribuna delle Cariatidi. Si tratta di un portico con sei colonne policrome (in origine) con figure femminili. Tutte le figure sono copie, cinque delle originali sono al Museo dell'Acropoli e la sesta nel British Museum (Londra). La realizzazione di questo portico fu una gran novità per l'epoca: l'utilizzare al posto di colonne, delle Cariatidi.
Quartieri di Atene
Quartiere della Plaka ad Atene
(22)
Il quartiere di Plaka è sicuramente il quartiere più conosciuto di Atene, ed uno dei più antichi. Si trova giusto sotto l'Acropoli ed attrae molti turisti. È un agglomerato di piccole strade, alcune trafficate ed altre no, dove possiamo trovare oggigiorno numerosi ristoranti e negozi di souvenirs. Il quartiere si estende su un terreno di 35 ettari, da nord e l'est dell'Acropoli. La strada Adrianou che è una delle arterie più antiche della città, separa il quartiere in due parti: Alto Plaka che si estende fino al quartiere Anafiotika ed il Pianterreno Plaka che termina nella piazza Monastiraki. L'origine del nome di Plaka non è molto chiara, essendo due le varianti che si accettano: una versione afferma che il nome deriva dall'aggettivo "pliakou" che significa vecchio. La seconda versione fa capo ad una gran placca di pietra che si trovava tra le strade di Il quartiere di Plaka è sicuramente il quartiere più conosciuto di Atene, ed uno dei più antichi. Reddito giusto abbasso l'Acropoli, attrae a gran maggioranza dei turisti. È un agglomerato di piccole strade, alcune trafficate ed altre no, dove possiamo trovare oggigiorno numerosi ristoranti e negozi di ricordi. Il quartiere si estende su alcune 35 ettaro, al nord e l'est dell'Acropoli. La strada Adrianou che è una delle arterie più antiche della città, separa il quartiere in due parti: Alto Plaka che si estende fino al quartiere Anafiotika ed il Pianterreno Plaka che finisce nella piazza Monastiraki. L'origine del nome di Plaka non sta molto chiaro, essendo due le varianti che si accettano: una versione enuncia che il nome deriva dall'aggettivale albano pliakou che significa vecchio. La seconda versione sale ad una gran placca di pietra che era situata tra le strade Adrianou, Tripodon e Lysicratous. Plaka è piccola, per questo si può percorre in circa 15 minuti. È stato uno dei quartieri che più mi sono piaciuti, nonostante la gran quantità di turisti e negozi, per i suoi monumenti e strade storiche. Non è sicuramente il posto migliore per mangiare. I prezzi non sono esagerati, ma come in ogni posto turistico la qualità dei prodotti non è tra le migliori. Per cui è sicuramente meglio chiedere a qualcuno del posto se conosce un buon ristorante fuori dal quartiere.
Porti di Atene
Porto del Pireo
(15)
Questo porto corrisponde all'antico porto del Pireo, dove anticamente arrivava la pesca e dove questa veniva venduta. Con il tempo e la crescita della città, così come di Atene, il porto commerciale si spostò di alcune centinaia di metri in una nuova zona, molto più grande, adatta per ospitare i grandi traghetti e carghi che comunicano con tutto il mediterraneo. Il porto sportivo è in una “mini-baia” circolare, con uno stretto passaggio di acqua che porta al mare. Ha 8 paludi principali, contenendo gli ormeggi del porto i grandi yacht, principalmente di lusso. Il porto ha un'entrata principale per le macchine nelle parte centrale, ma non è chiuso come molti altri porti sportivi privati in Europa; quindi è facilmente accessibile da qualsiasi lato, attraverso i palazzi delle abitazioni che circondano il porto. Dall'altra parte del viale che accompagna le paludi, troviamo un bar dopo l'altro, alternati a ristoranti e qualche altro negozio. Generalmente sono bar e ristoranti pensati per i turisti e i padroni delle barche, motivo per cui i prezzi sono adeguati a questo fine.
Piazze di Atene
Piazza Sintagma di Atene
(16)
La Piazza Sintagma è uno dei posti piú centrali e frequentati di Atene. In essa risiede l'edificio del Parlamento, costruito tra il 1836 e il 1842 dall'architetto bavarese Von Gartner, che svolgeva le funzioni di Palazzo Reale. Nel 1935 si convertí nella sede del Parlamento greco e dal suo balcone fu promulgata la Costituzione, Syntagma in greco. Da qui deriva il nome della piazza. Nel Parlamento si trova il monumento ai caduti, conosciuto come la "Tomba del soldato sconosciuto", vigilato dagli "evzones", le guardie presidenziali che indossano un vestito molto particolare, composto da una gonna corta e bon bon. Ogni ora avviene il cambio della guardia, manifestazione a cui si consiglia di assistere. Consiste in una specie di ballo da eseguire in maniera perfetta; la domenico alle 11:00 si tiene una cerimonia speciale del cambio della guardia, alla quale participa anche la banda militare. Nella Piazza Sintagma sin trovano le sedi di altri importanti ministeri ed i Giardini Nazionali. Il centro della piazza è occupato da una bellissima fontana, sui lati ci sono lussuosi hotel, banche e negozi di vestiti. La piazza è sempre piena di gente e di venditori ambulanti di cibo; l'ambiente è fantastico ed è molto divertente fermarsi a riposare mentre si osserva il movimento della piazza. Inoltre, è uno dei punti d'incontro favoriti per gli ateniesi.
Monumenti Storici di Atene
Odeo di Erode Attico
(13)
Questa grandiosa costruzione, chiamata anche Odeon di Herodes Atticus o Herodeon, si trova nel lato sudovest dell'Acropoli di Atene. Il Teatro risale al 161 a.C., data in cui fu costruito da Herodes Atticus in onore a sua moglie Regilla, che era morta l'anno anteriore. La funzione principale del Teatro era quella di scenario per spettacoli musicali e opere teatrali, e poteva accogliere nel suo interno fino a 5.000 persone. Essendo di una famiglia poderosa, e siccome lui era stato capace di mantenere la sua fortuna durante tutta la sua vita, dedicò gran parte della stessa per nuovi edifici pubblici e progetti popolari. Uno di essi fu il Teatro. Esistono rumori che dicono, che il Teatro di Herodes Atticus fu costruito in onore della sposa che lo stesso Herodes aveva assassinato. Al principio, prima del restauro, lo stato del Teatro era come quello della maggioranza dei monumenti del centro di Atene: una rovina. In concreto, ciò che rimaneva del Teatro era un enorme muro di pietra, parte del “telone” del Teatro. Lo scenario dovette essere cambiato, come le gradinate. Il restauro è stato realizzato in marmo, il materiale originale. Attualmente il Teatro si usa annualmente, visto che il festival che si celebra qui, è uno dei più importanti di tutta la Grecia. La visita al Teatro si può fare solo da fuori,perché l'entrata all'interno è proibita. Ma se lo vuoi vedere da un'altra prospettiva (sicuramente la migliore e la più completa) devi pagare l'entrata generale per l'Acropoli, gratuita per studenti della UE (con la tessera internazionale di studente) e 12€ per il resto.
Monumenti Storici di Atene
Tempio di Efesto
(24)
Nella maestosa Agorà di Atene e sempre sotto l'occhio vigile dell'Acropoli, sorge Efestione, uno splendido tempio di marmo con le sue colonne doriche. Come ho detto si trova nell'Agorà. E che è l'Agorà? Ebbene l'Agorà di Atene era il centro principale di attività politica, e sociale della capitale. Passeggiare per l'Agora è una meraviglia perché torni indietro a tempi in cui le cose erano molto diverse: gli Dei, le leggi, i filosofi, i grandi templi. ... mitologia viva. Efestione è conosciuto anche come Theseion, perché si crede che vi riposino i resti delle ossa del leggendario eroe greco Teseo. Ma noi continuiamo con il nome comune, Efestione, perché è dove adoravano Efesto (Che era il Dio del fuoco e della fucina, ma anche degli artigiani, dei fabbri, dei metalli, degli scultori e della metallurgia) e ad Atena. Come si può vedere la sua struttura è molto ben conservata, infatti, è uno dei monumenti che si sono conservati meglio nel corso degli anni. Ho messo anche una panoramica dell'Agorà e della vista sull'Acropoli presa da questo bellissimo tempio.
Belvedere di Atene
Areopagus
(13)
Il belvedere migliore della città è la Collina di Ares, conosciuta anche come Roccia del Areópago. Si tratta di un complesso di rocce elevate dalle quali si ha una vista su tutta Atene, sulle sue gemme più preziose e sui tramonti da sogno. Si può vedere l'Acropoli, tutta la Agora antica, Roccia del Areópago, Hefesion, il museo dell'Agora. L'Acropoli si vede nella sua totalità e, durante il tramonto, assume tonalità rosaceo-marroni incredibili per diventare magica quando viene illuminata. Il Monte Licabeto, dal quale si gode della migliore vista della città e dell'Acropoli. Ci si arriva con la funicolare e molte persone ci vanno per vedere il tramonto.
Musei di Atene
Museo Archeologico di Atene
(6)
Semplicemente eccezionale. Il museo archeologico di Atene è senza dubbio uno dei musei più belli e toccanti del mondo, uno dei veri punti fermi della città. Anche per chi in genere non ama i musei. Il mio consiglio è di vederlo prima dell'Acropoli e soprattutto prima di Micene (se è fra le tappe che avete in programma). Perché solo così, dopo aver fatto il pieno di emozioni e aver volato con l'immaginazione su questi antichi reperti, potrete davvero immergervi in un luogo del quale restano poche rovine. Fra le sale più emozionanti del museo c'è sicuramente quella dedicata ai tesori ritrovati da Schliemann a Micene (fra cui la 'maschera di Agamennone'), ma fra i pezzi più famosi troverete anche la splendida oinochoe del Dyplon o la sala dedicata a Santorini con le antiche pitture murarie, fra cui quella famosa dei pugili. Personalmente ho trovato particolarmente commovente la sala dedicata ai monumenti funerari risalenti al periodo successivo alla peste di Atene del 430 a.c. Fra le note dolenti c'è che il museo è di concezione un po' vecchia: qualche panchina in più non avrebbe nuociuto. Il museo è non lontano da piazza Omonia (per chi usa la matro), ma ci arriva anche un gran numero di filobus che si possono prendere a piazza Sintagma. Chiuso il lunedì.
Aeroporti di Atene
Aeropuerto Internacional Eleftherios Venizelos
(6)
Eleftherios Venizelos è il nome del rinnovato aeroporto nazionale ed internazionale di Atene, che si trova nella città di Spata, a circa 38 km da Piazza Omonia. Da quando è entrato in funzione nel marzo del 2001, è considerato uno degli aeroporti più moderni d'Europa. Occupa i primi posti tra gli aeroporti europei e il terzo posto al mondo in quanto a servizi offerti. All'interno dell'aeroporto ci sono tantissimi esercizi commerciali: bar, ristoranti, banche, uffici di cambio, bancomat, agenzie di noleggio auto, farmacie. Ci sono poi spazi e servizi di assistenza sanitaria per le persone con disabilità o con qualche tipo di handicap. Oltre che con il taxi, si può raggiungere l'aeroporto con gli autobus speciali: Express E94 (che è collegato alla linea 3 della metropolitana), E95 (linee 2 e 3 della metropolitana) e E96 (Metro Linea 1). La tariffa di sola andata da o per l'aeroporto è di 8 €. L'aeroporto di Atene è anche collegato con il porto di Rafina da un autobus della Ktel che percorre il tratto tra l'Aeroporto Internazionale e Rafina.
Piazze di Atene
Monastiráki
(11)
Atene, delle città che ho visto è senza dubbio la capitale che piú mi ha sorpreso. Quest'insieme di Oriente e Occidente piú il caos tipico della cittá, la fanno un luogo perfetto per perdersi. Nelle mie ultime due visite ho soggiornato all'ostello Zeus, in Sofokleous Street, una strada che taglia perpendicolarmente Atene. Si trova nel centro, a 3 minuti da Piazza Omonia, 2 e 10 del mercato Monastiraki.L'hotel si presenta un poco arrangiato e frequentato assiduamente da personaggi non del tutto raccomandabili. Anche uno dei camerieri risultó essere un tipo curioso e simpatico, con cui feci amicizia. Atene ha molta vita ed é un piacere poter passeggiare per la zona. C'é sempre qualcosa da fare e da vedere. In questa via principale, appena prima di attraversare la piazza Monastiraki, ci sono pochi locali che restano aperti tutta la notte, e sono un buon posto per terminare la notte, la maggior parte sono caffetterie tipiche, non pub, con terrazze all'aperto che possono raccontare piu di una storia. Attraversando la strada ci imbattiamo con Monastiraki un posto dove sembra che il tempo si sia fermato e da qui possiamo scegliere di perdersi per il quartiere Plaka, soprattutto al calar della notte, o visitare il quartiere di Plaka oppure andare per la Via Ermou a fare shopping dal momento che é la zona piú commerciale di Atene. Mi piaceva, dopo aver visitato l'Acropoli, poter bere un drink (a prezzo d'oro, chiaramente) in una delle taverne e caffetterie che stanno dietro Monastiraki con una vista stupenda dell'Acropoli e dell'Agorà. È stato molto rilassante il viaggio e i greci sono stati molto ospitali. Un aneddoto che si puó raccontare é che il primo anno, appena arrivati al centro, ci mettemmo in un bar e ordinnammo acqua dal momento che faceva un caldo impressionante e spendemmo solo 70 centesimi a bottiglia, un prezzo veramente economico. Mentre che nella caffetteria successiva ci misero direttamente la brocca dell'acqua al tavolo...come dire che qui l'acqua é veramente gratis, al contrario di altre zone dove si aproffittano moltissimo dei turisti.
Musei di Atene
Museo dell'Acropoli di Atene
(10)
Il Museo dell'Acropoli è una visita obbligata per tutti quelli che vanno ad Atene. In quanto alle opere che possiamo vedere nel museo, distaccano, o per lo meno quelle che mi hanno colpito di più, sono le autentiche cariatidi che appartengono all'Erecteion. Sembra che le abbiano scolpite con persone dentro, perché presentano una perfezione sorprendente in ogni gesto. In più si possono vedere varie Korai, che sono sculture femminili, che datano il secolo VI e furono scoperte in una fossa dell'Acropoli, dove erano state sepolte dagli ateniesi, dopo la battaglia di Salamina. Queste statue erano dedicate alla dea Atena e ciascuna di loro portava un'offerta differente. Si trovano in buono stato di conservazione. La collezione di opere che ospita il museo si può vedere in ordine cronologico. La prima cosa che si espone, sono alcuni dei ritrovamenti anteriori al Partenone e che furono distrutti dai persiani, e tra i quali, risalta una scultura di un frontone che rappresenta Ercole. Si possono vedere dei resti del fregio del Partenone che rappresenta agli olimpi nella processione panatenaica. Senza dubbio tutti i tesori che ci sono in questo museo sono di un valore incalcolabile e aiutano a capire com'erano realmente gli edifici dell'Acropoli. Ci sono poche foto interiori perché è proibito farne.
Stadi di Atene
Primo Stadio Olimpico dell'Era Moderna ad Atene
(3)
Tornai mentalmente indietro, per un momento, al 1896 e m'immaginai partecipando ai Giochi Olimpici. Lo stadio è abbastanza più piccolo di quelli di adesso, ma sorprende immaginarsi come tutto il pubblico di allora si alzava in piedi e applaudeva i vincitori. Mi sorprese di vedere la semplicità dello stadio e come no, il simbolo dei GGOO, i cinque anelli olimpici. All' entrata potete vedere 4 pietre incise con tutti i GGOO della storia dal 1896 all' attualità. I Giochi Olimpici d'Estate si celebrarono ad Atene tra il 6 e il 15 di aprile del 1896 e il Re Giorgio I di Grecia li inaugurò. Parteciparono 241 atleti maschili (non ci fu partecipazione femminile) di 14 paesi, competendo in 9 sport e 43 specialità. I primi 9 sport del programma olimpico furono l'atletismo, il ciclismo, la scherma, la ginnastica, il tennis, il tiro, il nuoto, l'halterofilia (sollevamento pesi), e la lotta. Ogni 4 anni, atleti da tutti i paesi si riuniscono per competere tra loro. Solo le grandi guerre del secolo XX hanno impedito la realizzazione dei Giochi Olimpici, e appena terminarono, hanno continuato con la tradizione. Grecia organizzò nuovamente i Giochi Olimpici nel 2004.
Monumenti Storici di Atene
Torre dei Venti ad Atene
(11)
La Torre dei Venti nota anche come Horologion è una bellissima torre, molto ben conservata, che si trova nella parte vecchia dell'agorà romana. Si trova nella parte bassa dell'Acropoli. Nelle sue otto facciate, sono scolpiti i venti che soffiano in ogni direzione. La torre misura 12 metri di altezza e 8 di diametro. Se non si dispone del biglietto per l'agorà e il resto dei siti antichi, la si può vedere in lontananza dalle sbarre, che proteggono i monumenti da atti di vandalismo durante la notte. Ma è un monumento molto bello, che vale la pena di ammirare da più vicino. I venti rappresentati sono Borea, Zefiro, Skiron, Euros ... e ciascuno si trova personificato nel lato in cui soffia. All'interno della torre c'era un orologio che funzionava ad acqua. L'acqua veniva dalla collina dell'Acropoli fino alla torre. Ci sono alcuni segni su ogni lato della torre, che permettono di leggere il tempo come nelle meridiane. La torre ispirò la costruzione di altre torri del vento, come quella di Livorno o Sebastopol.
Monumenti Storici di Atene
Parlamento greco a Atene
(3)
Il Parlamento greco, Voulì per i greci, è situato nella parte alta della Piazza Syntagma di Atene. In aspetti tecnici è una legislatura unicamerale di 300 membri, eletti in carica per un periodo di 4 anni. L'edificio parlamentare, fu costruito nel 1843 anche se, solo a partire dal 1929 si prese la decisione di usarlo per lo scopo che tutt'oggi ha. La camera principale del Parlamento è un anfiteatro con gran parte delle pareti in marmo con diversi ornamenti in oro. Come curiosità, al secondo piano c'è un'altra stanza quasi identica alla principale ma in più piccola scala, che doveva essere usata per il Senato. Dato che il Senato non fu presente per varie decadi, la sala non ha una funzione ufficiale ed è usate per le riunioni di partito. L'edficio ha due entrate principali: l'entrata ovest, che porta direttamente alla tomba del soldato sconosciuto e l'entrata est che è l'entrata ufficiale dalla quale si entra sempre salvo che per cerimonie ufficiali.
Rovine di Atene
Antica agora di Aíyion
(6)
Il foro romano o agora romana si trova a nord dell'Acropoli di Atene, un po' più lontano dall'agora greca. E' una zona poco estesa ma che ha molti begli edifici, fra i quali la torre dei venti, la porta di Atena e la moschea di Fethiye. L'entrata è compresa in un pass che si compra all'entrata del Partenone, per 12 euro puoi visitare 6 luoghi antichi per 4 giorni, è perfetto per visitare tranquillamente a tuo ritmo e non solo durante un giorno, che è una pazzia. Per quelli che sono stufi di camminare tra tante pietre vecchie, l'agora romana è circondata da buoni ristoranti, le taverne greche, che offrono anch'esse una bellissima vista sulle rovine, dato che l'altezza del suolo era più bassa prima, perciò le vedi da sotto. E' un po' turistico ma ne vale la pena.

Cose da visitare e da fare a Atene

Atene è famosa per i suoi numerosi siti archeologici presenti in ogni angolo della città. Uno tra i principali luoghi da vedere a Atene è l'Acropoli, il luogo più importante in tutta la Grecia e il Partenone, un tempio dorico situato all'interno della città dedicato alla dea greca Athena. Al suo fianco è il Tempio delle Cariatidi, un portico con sei colonne con figure femminili. Un altro dei
posti da vedere a Atene
è il Tempio di Zeus, un tempio che è stato costruito in colonne di marmo di 17 metri. Ci sono molte cose da vedere a Atene, lo Stadio Panathinaiko, il Teatro di Dioniso, la Biblioteca Adriano ... tutti con una grande storia, anche se il tempo ha consumato molte delle strutture restano molto preziosi per
la loro cultura. Nel centro città troverai Piazza Syntagma, dove
si trovano il Parlamento greco e molti altri musei e parchi. Qui si può assistere al celebre cambio della guardia o visitare la Tomba Milite Ignoto. Esistono innumerevoli cose da fare a Atene
ed è meglio organizzare il tuo viaggio per zone. Per fare questo dobbiamo sapere che ci sono diversi quartieri in città e ognuno ha il suo fascino. Plaka è conosciuto come il quartiere degli Dei, è la zona
più antica e ha strade strette dove si trovano vari negozi di souvenir. Monastirakies una delle principali zone commerciali della città, con i vicoli ricchi di negozi. Un altro quartieri importanti è Kolonaki,

una delle zone più eleganti e di lusso situato nel centro, vicino alla piazza Syntagma, certamente
cosa vedere a Atene
. Cosa fare a Atene oggi? Milioni di cose! Infatti Atene rappresenta le origini delle città europee attuali. Per gli amanti dei templi e dell' architettura, non c'è probabilmente nessuna città al mondo come Atene. Cosa visitare a Atene rende questa città una capitale con un patrimonio unico .