Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Leon?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Leon

640 Collaboratori
  • Monumenti
    79 posti
  • Paseggiate
    28 posti
  • Shopping
    30 posti
  • Vita notturna
    27 posti
  • Musei
    16 posti
  • All'aperto
    22 posti
  • Divertimento
    9 posti
Il più visitato a Leon
Cattedrali di Leon
La Cattedrale di León
(146)
Palazzi di Leon
Casa Botines
(56)
Quartieri di Leon
Il Quartiere Humedo, Leon
(69)
Piazze di Leon
Plaza del Grano a Leon
(27)
Vie di Leon
Calle Ancha a Leon
(17)
Piazze di Leon
Plaza Mayor a León
(19)
Giardini di Leon
Parco di Quevedo a León
(13)
Monumenti Storici di Leon
Ponte dei Leoni a Leon
(9)
Zone di Shopping di Leon
Calle Ordoño II a Leon
(3)
Spettacoli di Leon
Feste di San Froilán a León
(4)
Centri Commerciali di Leon
Centro Comercial Espacio León
(8)
Chiese di Leon
Chiesa di Sant'Anna, Leon
(1)
Chiese di Leon
Chiese di Leon
(4)
Chiese di Leon
(3)
Chiese di Leon
(2)
Chiese di Leon
(1)
Chiese di Leon
(1)
Chiese di Leon
(2)
Chiese di Leon
Piazze di Leon
Plaza del Grano a Leon
(27)
Piazze di Leon
Plaza Mayor a León
(19)
Piazze di Leon
Piazze di Leon
(2)
Piazze di Leon
(1)
Piazze di Leon
(1)
Piazze di Leon
Piazze di Leon
Piazze di Leon
Piazze di Leon
Giardini di Leon
Parco di Quevedo a León
(13)
Giardini di Leon
Parco del Chantre di León
(4)
Giardini di Leon
(3)
Giardini di Leon
Parco del Cid di León
(2)
Giardini di Leon
Il Parco La Granja a Leon
(1)
Giardini di Leon
Parco dei Re di León
(1)
Giardini di Leon
(2)
Giardini di Leon
Giardini di Leon
(1)
Giardini di Leon
Giardini di Leon
(2)
Musei di Leon
(1)
Musei di Leon
Musei di Leon
Palazzi di Leon
Casa Botines
(56)
Palazzi di Leon
Palazzi di Leon
(1)
Palazzi di Leon
Palazzi di Leon
Palazzi di Leon
Palazzi di Leon
(1)

320 cose da fare a Leon

Cattedrali di Leon
La Cattedrale di León
(146)
Ci siamo stati un fine settimana, un giorno a León e l'altro nelle Asturie. La cattedrale, l'esempio più puro del gotico francese in Spagna, non è grande nelle dimensioni, ma è la più grandiosa in concezione e spiritualità. La luminosità, dovuta alle sue magnifiche ed enormi vetrate, conferisce un valore speciale all'edificio, il quale può contare in uno degli insiemi di vetrate più importanti in Europa. Potrei aggiungere infiniti altri dettagli artistici, dato che sono uno studente d'arte, ma credo che sia già abbastanza. La leggenda più famosa della cattedrale di León, e quasi dell'intera città, è quella del topo della cattedrale. Se ci andate noterete che nell'entrata principale, appesa in alto c'è una strana figura che non appartiene alla cattedrale. La leggenda narra che mentre costruivano la cattedrale i muratori terminata una parete andarono a casa; il giorno dopo, quando tornarono a lavoro, la parete che avevano alzato era crollato, e così per molti giorni, finchè si accorsero che era tutta colpa di un topo che si divertiva a distruggere ciò che loro costruivano, e una notte lo apettarono nascosti e lo uccisero. Si dice che i muratori lasciarono il topo seppellito tra le pareti, proprio in cima alla porta principale. Questo è tutto quello che vi posso raccontare, se passate per León non dimenticate di visitare la cattedrale, si può anche usufruire di visite guidate affinché non vi perdiate nulla, e l'entrata è gratuita.
Palazzi di Leon
Casa Botines
(56)
Magnifico edificio neoclassico ubicato accanto al Palazzo dei Guzmanes. Fu costruito da Gaudí, con dei blocchi di marmo proveniente dalle montagne di Leon. Quello che risalta di più della sua facciata sono i quattro torrioni agli angoli, rifiniti in pinnacoli di ardesia. Sopra la porta principale d'accesso c'è un'impressionante scultura che rappresenta San Giorgio che uccide il drago. All'interno ci sono vetrate impiombate sopra una base di cemento, bellissime. Di fronte all'edifico c'è una scultura urbana in bronzo realizzata da Antonio Gaudí seduto su una panca. Attualmente è la sede di Cajaespaña, e qui si organizzano mostre temporanee d'arte (solo si può visitare l'interno se c'è qualche mostra). L'edificio è stato dichiarato Monumento Storico nel 1969, vale la pena di visitarlo, anche se solo all'esterno.
Quartieri di Leon
Il Quartiere Humedo, Leon
(69)
Nella storica città vecchia di León, il distretto Humedo (umido) rappresenta la zona delle chiacchiere nel tempo libero per eccellenza della città, in particolare la Plaza San Martín, dove si possono gustare i prodotti tipici di questa città. La cecina, sanguinaccio, il picadillo, ecc. Insieme al vino tipico di queste terre o alla birra a buon mercato, è possibile passare dei momenti piacevoli, soprattutto se si dispone di una buona compagnia. La Plaza Mayor è un esempio tipico di una piazza Castigliana con i suoi portici e il suo mercato del Sabato. In un angolo, le colonne di legno a sostegno delle case che stanno sopra e una nicchia vuota ricorda un tempo questo angolo poteva un luogo di preghiere per i vicini che pregavano dirigendosi verso le immagini sacre che avevano a casa.
Chiese di Leon
Convento di San Marcos a León
(30)
Uno dei capolavori del plateresco spagnolo, voluto dai re Cattolici e commissionato al maestro Pedro de Larrea a favore dell'Ordine dei cavalieri e frati di Santiago. All'esecuzione parteciparono anche Martín de Villarreal e Juan de Orozco. Il balcone centrale della facciata è un'opera barocca posteriore. La facciata è carica della tipica decorazione con medaglioni, nei quali sono rappresentati personaggi classici e dell'epoca. La chiesa fu terminanta nel 1531 e consacrata 10 anni più tardi; è formata da un'ampia navata coperta con volte stellate. Sulla porta principale appaiono due rilievi, rispettivamente della Crocifissione e della Deposizione, opera di Juan de Orozco e di Juan de Juni o Juan de Angers.
Piazze di Leon
Plaza del Grano a Leon
(27)
A mio parere, è la più bella piazza di Leon. Situata nel centro storico, nella parte inferiore nel quartiere Humedo. È grande, tutta asfaltata e circondata da case porticate. Nel centro della piazza c'è una fontana del 1769, con le sculture di due bambini che rappresentano la confluenza dei due fiumi di Leon (il Torio e il Bernesga) e una colonna centrale. Di fronte alla fontana c'è una pietra a croce considerata come il simbolo della città. Sulla Piazza del Grano sono due edifici religiosi: la popolare Chiesa del Mercato (monumento nazionale) e il convento di Carbajal (che attualmente è un ostello per i pellegrini, nella cui chiesa si trovano le reliquie di S. Adriano e di sua moglie Santa Natalia che riposavano un tempo nell'antico Monastero di San Pedro de Eslonza). Questa piazza è parte del Camino de Santiago francese, essendo la chiesa la tappa finale. Questa piazza è la scena di alcune delle feste più importanti della città, come ad esempio le processioni di Pasqua e la sfilata di automobili decorate di San Froilan.
Musei di Leon
Museo d'Arte Contemporanea di Castilla y Leon
(28)
Il MUSAC è il Museo d'Arte Contemporanea della Castiglia y León e si trova nel nuovo poligono di Eras de Renueva, nei pressi dell'Auditorium e dell'enorme edificio amministrativo della Giunta di Castiglia y León. L'edificio in sé è un'opera d'arte, disegnato da Emilio Tuñón e Luis Mansilla ha ottenuto diversi riconoscimenti come il Premio Mies Van der Rohe di Architettura Contemporanea dell'Unione Europea nel 2007. L'edificio presenta un solo piano e distinti corpi che conformano le diverse sale esposizioni, collegate tra loro da corridoi e patii coperti. Fu costruito in cemento e spicca il colore della facciata, ottenuto grazie all'impiego di cristalli colorati. Le esposizioni sono temporanee e cambiano ogni tre mesi. L'edificio dispone anche di biblioteca, caffè, negozio souvenirs ed il Ristorante Cidon, raccomandato dalla Guida Michelin del 2008. Orari: da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 13.00 e dalle 17:00 alle 20:00; sabato e festivi 10:00-13:00 e 17:00-21:00, lunedì chiuso. Ci si arriva con i bus urbani 7,11 e 12.
Vie di Leon
Calle Ancha a Leon
(17)
Calle Ancha è une delle principali vie di León, in quanto segue l'antico percorso romano della Legione VII, primo insediamento della città. Si tratta di una via pedonale che comincia in Plaza de San Marcelo per poi passare davanti al Palacio de los Guzmanes e Casa Botines e terminare in Plaza de Regla, dove si trova la Cattedrale. A destra di questa via, potrete vedere il celebre quartiere Húmedo, un luogo ideale per poter assaggiare le famose tapas (stuzzichini spagnoli). In questa via inoltre, numerose sono le processioni e le sfilate e nella parte alta, troverete la piccola cappella del Cristo della Vittoria. Ad entrami i lati della via, si trovano vari negoizi, bar e caffetterie.
Chiese di Leon
Collegiata Reale di San Isidoro a León
(20)
Questa chiesa è la Cappella Sistina della città di León, un gioiello del romanico castigliano. Il retablo (pala d'altare) è del XVI secolo, con un percorso iconografico molto vario: vita della Vergine, Passione di Cristo, vita di San Tommaso, più i dodici Apostoli sulla predella. La porta principale della chiesa è chiamata Puerta del Cordero (agnello), perché è questo il tema principale che compare sul timpano, l'Agnello di Dio sorretto da angeli, il sacrificio di Isacco, Sara sulla soglia della tenda, Ismael l'arciere che cavalca nel deserto. A sinistra c'è la figura di San Isidoro, a destra San Pelayo. Completano le immagini re Davide, cinque musici e i segni dello zodiaco. Puerta del Perdón è invece il nome dato al portale all'altezza della crociera, consacrato ai pellegrini. Un cane e un leone, guardiani del tempio, sorreggono il timpano con la Calata della Croce, le Marie davanti al Sepolcro e l'Ascensione. A entrambi i lati dell'arco appaiono San Pietro e San Paolo, Nel museo sono conservate dei bellissimi dipinti romanici, in generale in ottimo stato. I libri della biblioteca sono un'altra scoperta di questo luogo insolito. Il Gallo di metallo che coronava la torre della chiesa è un'icona della città. Così come Teruel possiede il Torico (torello), Valencia il Pipistrello, Almería l'Indalo (omino stilizzato di una pittura rupestre primitiva) e Córdoba, forse, il Puledro della piazza, Léon si identifica graficamente con questa interessante banderuola che ha governato la vita dei cittadini per quasi un millennio, e che oggi è stata trasformata in un prodotto artigianale.
Piazze di Leon
Plaza Mayor a León
(19)
La Plaza Mayor si trova nel Barrio Húmedo, la zona di bar e ristoranti più caratteristica della città. È pedonale, e di recente è stato costruito un parcheggio sotterraneo a cui si accede a piedi dalla piazza stessa e in macchina dalla Calle Caño Badillo. È la tipica piazza castigliana, circondata da case con portici, sotto cui si trovano una miriade di bar che con la bella stagione mettono i tavolini all'aperto, creando un luogo molto piacevole per bere un aperitivo. Tutti i mercoledì e sabato mattina si svolge un mercato tradizionale di frutta, verdura e ortaggi e -in alcune occasioni- di piccoli animali come conigli o galline. Ospita anche moltissimi eventi come concerti, fiera delle tapas e il tradizionale "encuentro" della processione del Venerdì Santo. Anticamente fungeva anche da "plaza de toros" per la corrida. Da segnalare in particolare due edifici: l'Hotel NH Plaza Mayor e l'antico Consistorio, un edificio dalla facciata barocca affiancato da due torri, che nel corso del tempo è servito per vari usi: scuola municipale, archivio municipale, pronto soccorso, tribunale, orfanatrofio...
Musei di Leon
Centro Studi di Energie rinnovabili a León
Questo edificio è stato costruito sul Fiume Bernesga e ospita un centro di studi di energie rinnovabili. Si trova nei pressi del Ponte de los Leones e vi si accede dal Paseo de Papalaguinda. Tra le diverse strutture figurano una mini-centrale idro-elettrica rifornita dalle acque del Fiume Bernesga, pannelli solari,tanto termici per l'approvvigionamento quanto fotovoltaici per trasformare la luce solare in energia elettrica. L'area espositiva si trova al piano superiore, dove, attraverso pannelli illustrativi, materiali audiovisivi, elementi interattivi e modellini che spiegano cos'è l'energia, le fonti di energia disponibili. Il centro punta alla sensibilizzazione del visitatore circa la necessità di utilizzare energie rinnovabili, quali la solare e l'idraulica.
Comuni di Leon
Palacio de los Guzmanes - Diputación de León
(8)
Questo palazzo rinascimentale del XVI secolo si trova nel centro della città, vicino alla caratteristica Casa de los Botines di Gaudí. Attualmente ospita la sede della Diputación di León, ma l'ingresso è libero (tutti i giorni dalle 9 alle 15) e si possono fare anche visite guidate gratuite prenotando telefonicamente al 987-24 06 00. Fu progettato dall'architetto Enrique Gil de Hontañón e dichiarato Monumento Storico nel 1963. La pianta è a forma trapezoidale, con un torrione per angolo e numerosi balconi di ferro battuto; è costruito in pietra, e sulla facciata si può vedere lo scudo delle armi di Juan Quiñones y Guzmán, vescovo di Calahorra, che ne incaricò la costruzione (una statua di questo vescovo si trova nell'antisala). La cosa più bella è il patio interno, su due piani, circondato da una galleria formata da arcate poggiate su colonne ioniche. Sotto di esse ci sono due grandi scalinate che conducono al piano superiore (oggi sono uffici): ai piedi di una delle due spicca la statua di un "hidalgo" in armatura, a cavallo. Sono notevoli anche i gargoyles, a forma di animali mitologici uno diverso dall'altro, e il pozzo al centro del patio. Entrando dalla facciata laterale in Calle Ruiz de Salazar troveremo un ufficio di informazioni turistiche.
Giardini di Leon
Parco di Quevedo a León
(13)
Il Parco di Quevedo si trova sulla sponda del Fiume Bernesga, nei pressi dell'Hotel turistico San Marcos, tradizionale luogo di celebrazione delle nozze in questa città. Il parco è enorme, con una superficie di 48.000 m2 nella quale si trovano di verse specie di alberi e vegetali, identificabili grazie ad opportuna segnalazione predisposta dal Municipio. Il parco offre zona per riposare, parterre con fiori, una fontana, campi da basket, parchi giochi, pista da pattinaggio, tavoli da ping pong e campi da bocce. C'è poi un laghetto con cigni e paperi, ottimo per il divertimento dei più piccoli.
Piazze di Leon
Plaza de Regla o della Cattedrale a León
(9)
Nella parte più alta di León, alla fine della pedonale Calle Ancha, ci troviamo in Plaza Regla, dove c'è il monumento più importante: l'imponente Cattedrale gotica, che ospita il Museo Catedralicio y Diocesano. Questa piazza, tuttavia, offre vari luoghi interessanti, per esempio l'Ufficio di Informazione Turistica (nei sottoportici davanti alla Cattedrale), il Museo Sierra-Pambley, due sculture urbane (un omaggio ai Costruttori delle Cattedrali e un bambino con papà che ammirano la chiesa) e l'itinerario della León romana. La piazza è inoltre teatro di molti eventi (insieme alla Plaza de Santo Domingo).
Monumenti Storici di Leon
Ponte dei Leoni a Leon
(9)
Se ti rechi a Leon, sicuramente attraverserai questo ponte dato che è uno dei principali accessi alla città, sia da sud che dalle stazioni dei treni e degli autobus. E' un ponte molto largo, con cinque corsie di circolazione e due marciapiedi per i pedoni, che attraversa il fiume Bernesga dalla stazione dei treni fino alla Piazza Guzman il Bueno, e la principale strada commerciale della città. Prende il suo nome dai quattro leoni di pietra bianca che proteggono le entrate, opera di Victor de los Rios Campos, nel 1967, che si è convertito in uno dei simboli della città e dell'antico regno di Leon.
Mercati di Leon
Mercato tradizionale di León
(9)
Il mercato si tiene ogni mercoledì e sabato in Piazza Maggiore, ed è il più storico e frequentato della città. Si possono comprare frutta e verdura fresche, a prezzi buonissimi. Un tempo il mercato era completamente all'aperto, mentre adesso ci sono dei gazebo che vengono montati e smontati i giorni di mercato. Oltre ai vegetali, si trovano formaggi, imbottiti e altri prodotti artigianali tra cui il miele.
Zone di Shopping di Leon
Calle Ordoño II a Leon
(3)
Si tratta della via principale della città, dedicata al re di León, Ordoño II, il quale regnò per 10 anni (dal 914 al 924)e fu sepolto dietro l'altare maggiore della cattedrale. La via è delimitata da due importanti piazze, ovvero la Plaza de Guzmán el Bueno e dall'altra estremità, la centrale Plaza de Santo Domingo. Calle Ancha, che conduce direttamente alla cattedrale, è una continuazione di Calle Ordoño II ed è aperta al traffico. Qui si trovano inoltre i pincipali istituti finanziari della città (Banco Santander), uffici e numerosi negozi e caffetterie, come il Café Quijano.
Spettacoli di Leon
Feste di San Froilán a León
(4)
Una delle attività tipiche della festa di San Froilán è l'esibizione dei "Pendones" (stendardi). Più di cento paesi della provincia di Leon si recano nel capoluogo per mostrare i loro stendardi e partecipare alla festa. Quest'anno lo fanno in forma "di richiesta" al santo, affinché piova e non si secchi il raccolto; secondo loro, non il giorno dopo (perché è quello della festa) ma quello seguente, pioverà. Vedremo... Da ogni paese un certo numero di abitanti, vestiti tutti uguali, fanno a turno per tenere alti gli stendardi e, nella Plaz Mayor, fare le loro acrobazie, cosa che mi sembra complicatissima, visto che la maggioranza degli stendardi è lunga circa tredici metri. Oltre ai "pendones" vengono esibite anche le "pendonetas", come sono chiamati gli stendardi piccoli che prima erano tenuti dalle donne. Alcuni paesi vengono accompagnati da animali vestiti da gala per l'occasione, come asini e cani. San Froilán è la festa con più tradizione della città di León e si celebra in onore al Patrono della Diocesi di León. Il giorno centrale è il 5 ottobre, ma la festa inizia una settimana prima. Tra gli eventi principali si segnalano "Las Cantaderas", la riunione di pennoni, la sfilata dei carri. Per tutta la settimana si organizza un mercatino medievale con artigianato, teatro, animazione di strada, esibizioni di falconeria nella Piazza San Isidoro. In Piazza Santo Martino viene allestito un mercatino arabo; ci sono poi diversi concorsi nel quartiere Húmedo e degustazioni di prodotti locali in Piazza del Grano. Altre manifestazioni sono quelle di balli regionali di fronte al Palazzo dei Guzmanes ed alla Questura, la Fiera della Ceramica in Piazza San Marcelo e l'esposizione regionale di Gioielleria nell'antico Municipio. Durante le tradizionali feste di San Froilan (5 ottobre) hanno luogo diverse manifestazioni culturali di differente indole, tra le quali ci sono gli spettacoli di balli regionali. Di fronte al Palazzo di Botines si monta un palco nel quale hanno luogo spettacoli di musica e danza tradizionali, ai quali assistono gruppo regionali che provengono da diversi punti della Spagna. In concreto, quelli che ho visto io , i gruppi Esla e Carballeira, erano della provincia di Pontevedra. Gli spettacoli hanno luogo alle 19:30 durante il fine settimana. Una delle novità delle tradizionali Feste di San Froilán, apparsa nell'edizione 2009, è stata l'esibizione di sculture umane, celebratasi nella Via Ancha. Lungo la strada vi erano persone travestite che sono rimaste immobili per diverse ore, aspettando donazioni dei passanti per fare qualche mimo. Le maschere e l'interpretazione erano davvero ben fatti, ricordando alle molte statue umane che affollano quotidianamente la Rambla di Barcellona. Durante le festività patronali la Piazza del Grano si trasforma in uno dei punti centrali delle celebrazioni di San Froilán. Oltre alle diverse esibizioni all'atmosfera festiva, la piazza ospita la tradizionale degustazione di salsiccia e sanguinaccio, prodotti principali delle festa. Il vino è gratis e le bevande costano 1 euro; ottimo per uno spuntino a base di prodotti regionali.
Centri Commerciali di Leon
Centro Comercial Espacio León
(8)
Anche se può non sembrare vero, l’Espacio León è l’unico centro commerciale e di divertimento con cui può contare per il momento il capoluogo di Leon (con eccezione del Corte Inglés), sebbene sia in fase di costruzione un nuovo centro nel poligono Eras de Renueva (di fronte al Musac). E’ stato inaugurato nell’ottobre 2004, e si tratta di un luogo molto frequentato soprattutto da famiglie e in inverno, dato che è possibile trascorrere al calduccio una fredda giornata invernale. Si sviluppa su 37.000 m2 di superficie con 110 locali distribuiti su tre piani, oltre a due parcheggi sotterranei per 1300 posti auto gratuiti. La struttura assomiglia a quella di qualsiasi altro centro commerciale. Al piano terra si trova l’ipermercato (in questo caso Hipercor), alcuni negozi di bigiotteria e accessori, e un Mediamarket. Al primo piano si trovano negozi di abbigliamento, tra cui le principali catene come Zara (con un negozio immenso), H&M, Massimo Dutti, Mango, Trucco, Sfera Kids, Women Secret, Mango, Trucco, Sfera, ecc. Si trovano anche negozi di scarpe, attrezzatura sportiva (come Forum Sport),, videogiochi (Game), profumerie, telefonia (Movistar, Phone House...), negozi per la casa (Casa, Zara Home) ecc. Il terzo e ultimo piano è dedicato principalmente alla ristorazione e al divertimento. Si possono trovare posti fast-food come 100 Montaditos, Burguer King, Telepizza, Donner Kebab, la Cantina Mariachi... oltre ad alcuni snack-bar , un self- service, un ristorante giapponese (con buffet a prezzo fisso) e varie caffetterie. Si può trovare anche un multi-cine CineBox con 9 sale e sale di divertimento, sia videogiochi per i più grandi così come i recinti pieni di palline colorate per i più piccoli. Io resto affascinata da questi posti, dove puoi trovare tutti i tipi di negozi concentrati senza dover andare in giro per la città a morire di freddo, e, dopo aver fatto i miei acquisti, mangiarmi qualche cibo-spazzatura e poi andare al cinema. Un unico problema: la VISA diventa bollente!

Cose da visitare e da fare a Leon

Sin dal tempo dei Romani è stata una delle principali città della penisola. Ecco cosa vedere a Leon. In realtà, la maggior parte dei luoghi da vedere a León sono concentrati all'interno del vecchio muro, che rimane in gran parte intatto.
All'interno di esso, tra cosa c'è a Leon troviamo interessanti monumenti come la
Cattedrale, la Chiesa di San Isidoro, la Plaza Mayor ... e anche una grande sconosciuta, ovvero la Piazza del Grano che solitamente non viene inclusa tra i posti da vedere a Leon.
Si tratta di una piazza quadrata con una grande fontana al centro e un albero, circondato da piccoli portici dove ci sono bar e ristoranti. Una delle migliori cose da fare a Leon
è sedersi per sorseggiare un drink sulla terrazza durante le notti d'estate.

Pero le cose da vedere a León non si limitano al centro storico. Per esempio tra cosa visitare a Leon non dobbiamo dimenticare il Parador de San Marcos, che non è solo un hotel a 5 stelle, ma è anche uno dei più bei palazzi della città. Approfittando della passeggiata verso San Marcos , se non sapete cosa fare a Leon oggi, vi consigliamo di andare a visitare il MUSAC (Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León), non solo per le sue mostre, ma per l'edificio stesso che ha vinto numerosi premi di architettura in tutto il mondo. Questa città vi sorprenderà!