MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Spalato?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Spalato

223 Collaboratori
Attività a Spalato
GetYourGuide
(167)
100,74
GetYourGuide
(9)
100,74
GetYourGuide
(44)
50,37
GetYourGuide
(23)
32,04
GetYourGuide
(15)
54,95
GetYourGuide
(2)
36,63
GetYourGuide
36,63
GetYourGuide
24,73
GetYourGuide
(4)
77,84
GetYourGuide
59,53
GetYourGuide
(12)
61,36
GetYourGuide
(6)
105,32
Il più visitato a Spalato
Di interesse turistico di Spalato
Crociera nel MS Afrodita a Split
(6)
Porti di Spalato
Porto di Split
(4)
Statue di Spalato
Statua Grgur Ninski
(7)
Città di Spalato
Riva
(2)
Palazzi di Spalato
Palazzo di Diocleziano
(14)
Cattedrali di Spalato
Cattedrale di San Doimo
(3)
Monumenti Storici di Spalato
Porta Aurea
(2)
Palazzi di Spalato
Peristilio a Split
(5)
Boschi di Spalato
Marjan
(2)
Monumenti Storici di Spalato
Sottostruttura del palazzo
(2)
Monumenti Storici di Spalato
Porta d'Argento
(3)
Mercati di Spalato
Mercato della porta Aurea
Informazione Turistica di Spalato
Ufficio turistico
(2)
Vie di Spalato
Via Marmontova
(2)
Palazzi di Spalato
Palazzo Karepic
Pub di Spalato
Lvxor
(1)
Città di Spalato
Pjaca
(1)
Monumenti Storici di Spalato
I lazzaretti
(1)
Palazzi di Spalato
Palazzo di Diocleziano
(14)
Palazzi di Spalato
Peristilio a Split
(5)
Palazzi di Spalato
Palazzo Karepic
Palazzi di Spalato
Palazzo Augubio
Palazzi di Spalato
Palazzi di Spalato
(1)
Palazzi di Spalato
Palazzi di Spalato
(1)
Palazzi di Spalato
Monumenti Storici di Spalato
Porta Aurea
(2)
Monumenti Storici di Spalato
Sottostruttura del palazzo
(2)
Monumenti Storici di Spalato
Porta d'Argento
(3)
Monumenti Storici di Spalato
I lazzaretti
(1)
Monumenti Storici di Spalato
Vecchio Municipio
Monumenti Storici di Spalato
Monumenti Storici di Spalato
Porta Pistura
(2)
Monumenti Storici di Spalato
Porta Argentea
(2)
Mercati di Spalato
Mercato della porta Aurea
Mercati di Spalato
Mercato Pazar
(1)
Mercati di Spalato
Mercato del pesce
Mercati di Spalato
Mercati di Spalato
Chiese di Spalato
Chiesa di San Rocco
Chiese di Spalato
Chiese di Spalato
Chiese di Spalato

77 cose da fare a Spalato

Di interesse turistico di Spalato
Crociera nel MS Afrodita a Split
(6)
E' una crociera in barca a vela attraverso Dubrovnik e la costa della Dalmazia. La vendono come : " il Mediterraneo, tale com'era", che è un'ottima campagna pubblicitaria anche se poco realista. In ogni caso, la costa dalmata è un luogo bello da visitare e un'opzione interessante per conoscerla è una delle piccole crociere che la percorrono. Queste barche hanno un numero limitato di cabine (circa 15) e si crea così una buona atmosfera con il resto dei passeggeri. Le ore di navigazione si abbreviano prendendo il sole e la sera si possono visitare luoghi interessanti come: Dubrovnik, Korcula, Hvar, etc.
Porti di Spalato
Porto di Split
(4)
Prima il porto della città era solo un bacino e un molo per le numerose barche che passavano di lì. Gli intensi affari e scambi commerciali con l'interno dei Balcani musulmani hanno contribuirono all'espansione e alla crescita economica di Spalato. L'espansione e l'efficienza del mercato resero il porto esterno in crescita dal XVII secolo con più moli, essendo uno dei porti principali del Mediterraneo a suo tempo. Ma le guerre di Candia nel 1645, e di Morea nel 1685, così come le lotte senza fine tra i Veneziani e i turchi, per il controllo della città, misero fine a questi affari in crescita, facendo di Split una cittadina più normale. Oggi è un porto importante per raggiungere le isole intorno, per esempio Hvar, una delle più belle della costa adriatica, partono traghetti ogni giorno al mattino e ritorna uno nel pomeriggio alla città di Hvar o a un porto più vicino. E' abbastanza caro, se si prende l'auto, ma a piedi sono 2 o 3€ per attraversare e nient'altro.
Statue di Spalato
Statua Grgur Ninski
(7)
La prima cosa da fare quando si arriva a Spalato è andare a vedere questa gigantesca statua situata all'ingresso principale del Palazzo di Diocleziano. Secondo la tradizione, toccarle il piede sinistro porterebbe fortuna. Un sacco di gente la pensa così per questo il piede della statua Ninski Grugur è senza la sua patina scura e mostra il cuore in bronzo. Spalato è una città magica, e l'immagine della statua non ne è da meno. Il personaggio che rappresenta ha avuto un'importanza fondamentale nella storia della Croazia: Grgur Ninski, o Gregorio di Nin, è stato un vescovo che visse nel X secolo e che si oppose alla messa in latino, incoraggiando l'uso della lingua croata.
Città di Spalato
Riva
(2)
La Riva è la passeggiata principale, stile lungomare della città. Mi piace perché, da un lato, si vedono le mura di Spalato, Palazzo di Diocleziano, piena di piccoli negozi, vivaci, mentre nell'altro lato c'è il porto con le barche da diporto e i traghetti in partenza per le isole vicine. Un mondo a parte, dove la gente va a fare una passeggiata e a prendere un gelato. questo si, tra le 9 e le 7 del pomeriggio ci sono solo turisti a Riva, la popolazione locale già sa che il caldo è troppo intenso per andare a piedi in questapiccola zona. Ci sono numerosi ristoranti situati nel chilometro di Riva. Hanno belle terrazze, e nessuno offre cibo a buon mercato, perö di qualità. Per una fetta di pizza si deve andare in centro. Qui offrono tovaglie bianche e posate d'argento. I prezzi sono in linea con questa cosa, ma si mangia pesce e pasta di qualità. Durante l'estate, potrete vedere tutti i tipi di concerti, festival e mercatini di Riva
Palazzi di Spalato
Palazzo di Diocleziano
(14)
Quello che oggi appare, a prima vista, come il quartiere più vecchio di Spalato, è in realtà il Palazzo di Diocleziano (Salona, 243 - Spalato, 311). L'imperatore romano governò dal 284 al 305, e in tale data si ritirò nello splendido Palazzo che aveva fatto costruire a partire dal 293. Il Palazzo si presenta come un grande quadrilatero fortificato lungo 215 metri e largo 180; le mura sono spesse 2 metri e arrivano ad un'altezza di 28. Ad ogni angolo si trova una torre e, al centro di ogni lato, si trova una porta d'accesso al Palazzo; le porte sono collegate secondo le due strade ortogonali: Il Cardo e il Decumanus. All'interno del Palazzo, ora ricco di negozi, bar, uffici e abitazioni, si trovano i resti dei monumenti d'epoca romana. E' ben visibile al centro il colonnato del peristilio, punto d'accesso all'area sacra, con i templi di Venere, Cibele e Giove (ora Battistero di S. Giovanni); il mausoleo di Diocleziano e la Chiesa di S. Domenico (XVII sec.) L'atmosfera è a dir poco suggestiva, un parco archeologico all'aperto, dove poter riposare con un gelato appoggiati ad una colonna romana. Incredibile come siano riusciti a costruire degli appartamenti "all'interno" delle mura di cinta: In effetti è uno dei quartieri più vivaci di Spalato. Consiglio di perdersi tra le viuzze per scoprire i bar arrampicati alle mura, le vecchie abitazioni, perfino i "corridoi" sopra le mura dove gli abitanti raccolgono i fiori spontanei!
Cattedrali di Spalato
Cattedrale di San Doimo
(3)
In croato "Katedrala Svatog Drujma" è davvero imponente, subito dopo la Porta Argentea. Dei lavori di ristrutturazione l'anno riportata al suo antico splendore. Anticamente la Cattedrale era tutt'uno con l'imponente Palazzo di Diocleziano. E' dedicata al martire cattolico cristiano Domnio che è il protettore della città. Anticamente veniva svolto il culto Salonitano. La cattedrale è visitabile all'interno ed inoltre si può accedere anche al Campanile dove si domina un panorama mozzafiato della citta' dalmata!
Monumenti Storici di Spalato
Porta Aurea
(2)
La Porta Aurea è una delle entrate principali delle mura della città di Spalato, sul lato est. Di fronte alla porta, sorge l'enorme statua di Grgur Ninski, simbolo della città, che bisogna toccare con la punta del piede perché porta fortuna. Le pareti e la porta in pochi minuti ti riportano a secoli fa, quando tutto questo era il palazzo dell'imperatore Diocleziano, e la città viveva sotto la protezione dei Veneziani ma con la minaccia dei Turchi. Tutto il perimetro della città vecchia fa parte del patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO. Ci sono quattro ingressi al palazzo, la Porta Aurea (zlarna vrata), che è questa, dorata, poi la porta d'argento, la porta di ferro e la porta Aenea. Ma non sei entrato in un mezzo alle rovine. E' l'ingresso della città vecchia. La gente vive nel palazzo, che è grande, si dice che le rovine vivano, bisogna vederle.
Palazzi di Spalato
Peristilio a Split
(5)
Il peristilio è un patio monumentale , che costituiva l'accesso settentrionale agli appartamenti imperiali di Diocleziano. Ora è il cuore del palazzo, che rimane una "rovina viva", molto vivace, con i turisti naturalmente, ma anche sulla loro grate c'è un bar dove le persone vengono a bere qualcosa, una banca, e l'ufficio informazioni turistico. Il peristilio dava accesso al mausoleo di Diocleziano, che è oggi la cattedrale di San Domnio di Split, e tre templi sul lato ovest. Due di essi sono stati distrutti, il terzo è ora un battistero. La porta dalla quale si entrava a questa parte del palazzo era la più sontuosa, la porta d'oro. È un luogo magico, circondato da uccelli che fanno un sacco di rumore la sera, è unico. In architettura greca e romana, il peristilio era un luogo con colonne che circondavano un cortile, un luogo di vita più che altro, dove la gente si riuniva per parlare, mostrare e vendere le loro cose. L'intero recinto è patrimonio mondiale dell'UNESCO.
Boschi di Spalato
Marjan
(2)
Marjan è una collina che domina Spalato. Considerando il traffico che c'è in città, direi che è molto meglio raggiungerla a piedi dal centro, piuttosto che arrivarci in macchina. Nel centro della città c'è una scala che porta fino in cima a questa collina: da qui potrete contemplare una splendida vista sul centro storico e sul Palazzo di Diocleziano. Questo posto mi è piaciuto particolarmente, perché è come trovarsi all'interno di una bolla di tranquillità nonostante si sia ancora in città... la gente sale in collina per camminare, fare sport, andare in bicicletta ... Il punto più alto è il Telegrin, che arriva a 174 metri di altezza. È possibile anche scalare la parete meridionale della collina. Fin dall'epoca del rinascimento le cappelle venivano nascoste tra le rocce della collina di Marjan. La tradizione mette in relazione queste cappelle con il culto di San Girolamo e San Ciriaco: si dice che questi luoghi fossero meta di pellegrinaggi già dal XIII secolo. La piccola chiesa che si trova accanto alla grotta più grande ha un altare e un rilievo con San Girolamo. La collina di Marjan accoglie molte chiese e cappelle, tra cui quella di San Nicola, nella parte est, quella di San Girolamo e della Vergine di Betlemme.
Monumenti Storici di Spalato
Sottostruttura del palazzo
(2)
È la parte che si trova a lato del peristilio del Palazzo di Diocleziano, nel cuore del centro storico di Spalato, patrimonio mondiale dell'UNESCO. Visitate questa struttura, che è molto ben conservata, con archi romanici, e che attualmente ospita un mercato di souvenir e prodotti locali. La residenza di Diocleziano si trovava appena sopra questa struttura, ma della residenza non rimane molto. In passato tentarono di riempire questa parte col cemento per ricavarci uno spazio al di sopra, ma gli organismi di protezione del patrimonio storico sono riusciti a preservarla e adesso questo bellissimo posto è in grado di combinare storia e modernità. La forma degli archi ci può dare un'idea di come fossero i locali che si trovavano al di sopra e che formavano le stanze dell'imperatore. Il resto, già lo sapete. Il tipico mercato di souvenir con cartoline, occhiali da sole, oggetti inutili, alcune pietre bianche tipiche della regione e veramente carine...è aperto dalle prime ore del mattino fino a tardi.
Monumenti Storici di Spalato
Porta d'Argento
(3)
La porta orientale del palazzo di Diocleziano, chiamata Porta dell'Argento, è un omaggio a S. Apollinare, un santo venerato all'inizio del cristianesimo in tutta la regione del Mediterraneo. Come al di sopra delle porte del nord e dell'ovest, anche su questa porta correva il cammino di guardia del palazzo. In questa zona venne poi costruita un chiesa nel VI secolo che venne dedicata a S. Apollinare, un santo che proteggeva la città dalle invasioni. Alcuni punti delle mura e della porta sono stati incorporati all'interno delle strutture dei vari edifici circostanti. È stato questo il caso della Chiesa dei Santi Innocenti, che fu distrutta durante la seconda guerra mondiale. Tramite la Porta dell'Argento si entra nel cuore del palazzo, fino al mausoleo, al peristilio e alla parte sotterranea, gli antichi bagni pubblici della città. Dall'altro lato della porta venne installato un mercato di verdure e formaggio. Non è facilmente raggiungibile se si utilizzano i mezzi pubblici o l'auto; quando si visita Spalato, generalmente questa porta viene utilizzata più come porta di uscita che come porta d'entrata.
Mercati di Spalato
Mercato della porta Aurea
È un mercato bellissimo, molto vivace e con molti colori. Il cibo croato in generale è molto buono: la frutta e le verdure sono deliziosi visto che si tratta di una terra molto fertile e soleggiata. Il mercato inizia proprio davanti al cancello d'oro, non appena uscite dal recinto imperiale del Palazzo di Diocleziano. Il mercato del pesce si trova dall'altra parte della città, in un edificio costruito appositamente; questo mercato vende solo verdure, frutta, formaggio e miele ed è all'aperto, con bancarelle che chiudono durante le ore più calde del giorno e riaprono alle sei di mattina. I prezzi sono molto bassi e se avete la possibilità di portarvi delle cose nel bagaglio a mano, non perdetevi i deliziosi formaggi della regione. Un formaggio grande costa 10 € o giù di lì ed è squisito. Il più famoso è quello dell'Isola di Pag, ma è più costoso, non si riesce a trovarlo sotto i 15 euro al chilo. La frutta non costa nulla; a luglio è facile trovare pesche, fichi, meloni e cocomeri.
Informazione Turistica di Spalato
Ufficio turistico
(2)
L'ufficio turistico si trova all'interno dell'antica chiesa di Sveti Roka, proprio accanto al peristilio del Palazzo di Diocleziano. Il personale è molto cordiale e disponibile e ci ha aiutato a pianificare il resto del nostro viaggio verso le isole della costa dalmata. È un ufficio molto piccolo ed è uno dei tanti esempi in città di come gli edifici antichi siano stati riadattati e dotati di una nuova vita. Nonostante gli spazi ridotti, l'ufficio è funzionale. Al di fuori dell'ufficio ci sono schermi touch che vi forniscono informazioni generali sulla città, la sua cultura, le sue tradizioni, su dove alloggiare e dove mangiare, cosa mangiare, piatti tipici, agenzie di viaggio ... questi schermi sono accesi 24/24 h e sono molto comodi qualora l'ufficio turistico fosse chiuso. All'interno dell'ufficio organizzano visite guidate della città e, in particolare, al Palazzo di Diocleziano ogni giorno; le visite costano 90 kune, ovvero 13 euro. All'ufficio vi potranno fornire gli orari dei traghetti per le isole di Hvar e Korcula: vi risparmierete così la fatica di andare e venire dal porto (che si trova a mezz'ora a piedi) e di trovare qualcuno che parli inglese.
Vie di Spalato
Via Marmontova
(2)
Di giorno come di notte questa grande strada moderna di Spalato è piena di gente, che passeggia, che mangia un gelato o una delle deliziose pizze che servono in pezzi da portare. Durante il giorno, ci sono molti negozi, marche internazionali e moda locale, in genere ispirati alla moda italiana, la verità è che i prezzi mi sono sembrati abbastanza alti e mi aspettavo di trovare qualcosa di più economico, però sono di buona qualità, scarpe in pelle, abiti estivi per la maggior parte, il resto arriva da lontano ed è più caro della Spagna. La strada marmontova forma parte del secondo centro storico di Spalato, al di fuori delle mura del palazzo, quando si è iniziato a pianificare un po'più di una città vera e propria, e lo sviluppo del business con i turchi e i veneziani hanno reso necessario l'ampliamento della città, che si trasformava da villaggio a luogo importante.
Palazzi di Spalato
Palazzo Karepic
Questo palazzo si trova accanto al palazzo comunale gotico, in piazza Narodni, uno dei luoghi più vivaci di Spalato, soprattutto di notte. In stile rinascimentale, questo palazzo venne costruito dalla famiglia Karepic, una delle grandi famiglie mercantili di Spalato; la famiglia viveva a Trogir, a circa 30 miglia di distanza dalla città e nel secolo XIV aveva approfittato della floridezza economica della città per accrescere i propri commerci. Trogir, prima dello sviluppo di Spalato, era il centro mercantile più importante della Dalmazia. La famiglia si trasferì a Spalato nel 1300. Le parti più antiche del palazzo si trovano al di sopra di strutture in stile romanico. Si tratta di uno dei più antichi palazzi di Spalato, ma il suo aspetto odierno risale agli interventi del 1564, quando il padrone della casa era il vicario Ivan Karepic, ultimo rimasto della famiglia Karepic. L'iscrizione che si trova sotto le armi della famiglia nella facciata principale indica i progressi compiuti nel Rinascimento.
Pub di Spalato
Lvxor
(1)
Tramonto sul Palazzo di Diocleziano, il cuore della città vecchia di Spalato. La gente si avvicina al peristilio, nei pressi della cattedrale, dove l'antico imperatore romano riposa in pace. Gabbiani e altri uccelli volano tutt'intorno. E la caffetteria Luxor è piena. Non si tratta di una caffetteria normale, questo è un ulteriore esempio di come la gente di Spalato abbia dato nuova vita alle rovine. Qui, se ti siedi sugli spalti del peristilio del palazzo, immediatamente arriva un cameriere e puoi ordinare un cocktail! Per un maggiore comfort ci sono dei cuscini che delimitano i "tavoli"; in realtà non si può parlare né di sedie né di tavoli. Il Luxor non ha mai potuto avere uno spazio proprio con tavolini all'aperto, visto che si trova dove si trova, ma ha ovviato al problema ponendo cuscini sulle rovine del palazzo. Il posto non è molto costoso e di notte c'è un pianista che accompagna la serata con la musica. Ammirare da qui il tramonto è davvero magico.
Città di Spalato
Pjaca
(1)
Spalato, come la maggior parte delle città della costa adriatica, conobbe tra il XIII e il XIV secolo una forte crescita economica e si convertì in una città autonoma, la civitas Spaleti. In quest'epoca vennero scritte le leggi comunali, il cui più antico esemplare conservato risale all'anno 1312. Questo periodo di sviluppo urbano è uno dei più intensi nella storia della città. La città si espande al di fuori del palazzo e del quartiere occidentale, che erano circondati da un semplice muro in pietra a secco, e viene circondata da una nuova muraglia. Gli altri quartieri, che fino allora erano eterogenei, vennero integrati all'interno della città: vennero costruite belle case per le famiglie ricche e una rete stradale ben progettata. L'area urbana si estendeva dalla piazza del rinascimento verso Nord e da lì verso Est, in direzione della Torre nordovest del palazzo. In questa nuova zona venne costruita una nuova piazza pubblica, chiamata Platea Sancti Lorenti, nel 1255. In questa piazza, Pjaca in croato, sotto l'amministrazione veneziana del XV vennero costruiti il Palazzo del Rettore e l'edificio principale della città, il Municipio.
Monumenti Storici di Spalato
I lazzaretti
(1)
Alla fine del XVI secolo le relazioni commerciali e politiche tra Veneziani e Turchi erano piuttosto tranquille, quindi la città di Spalato si convertì in un importante centro d'affari. I musulmani, che abitavano le terre senza accesso al mare, acquistavano a Spalato tutto il necessario per alimentarsi e sviluppare la loro economia. Con l'iniziativa di un commerciante ebreo di origine spagnole, Daniel Rodrigo, e con l'autorizzazione del potere centrale veneziano, si cominciò a costruire una serie di lazzaretti. Stavano vicino alla torre sudest del Palazzo di Diocleziano; si trattava di un gruppo di edifici con botteghe in cui si vendevano prodotti diversi. Qui arrivavano armi, spezie e altri prodotti, sia da Venezia, sia da altre parti del mondo. Marco Polo è nato vicino a Spalato, sull'isola di Korcula! La città trasse beneficio anche dai suoi viaggi in India. I lazzaretti avevano all'interno uffici doganali, banche, negozi e anche edifici di quarantena, per l'isolamento dei viaggiatori e degli animali che arrivavano da destinazioni lontane e che erano stati infettati da qualche tipo di malattia. Oggi questi edifici sono stati convertiti in negozi di gioielli e souvenir, ma è possibile vederli all'interno della muraglia del Palazzo di Diocleziano.

Cose da visitare e da fare a Spalato

Ci sono molte cose da vedere a Spalato, non dimenticate che l'UNESCO ha dichiarato la patrimonio dell'umanità nel 1979, ed è ricca culturalmente e punto strategico del turismo in Croazia. Cosa visitare a Spalato di molto rilevante è il Palazzo di Diocleziano, un monumento costruito per ordine dell'imperatore Diocleziano tra il III e il IV secolo d. C. e oggi è il cuore della città. E 'molto ben conservato ed è riconosciuto come uno dei più bei siti architettonici della costa adriatica della Croazia. In esso si possono vedere i resti archeologici della fortezza e del Tempio di Giove. Inoltre ospita anche il Duomo Domnio, antico mausoleo di Diocleziano, in cui sorge il campanile di stile romanico-gotico e le porte in legno con immagini della vita di Cristo. Il lungomare, piazza Republike, la chiesa romanica di San Lorenzo e Piazza Popolo sono altri posti da vedere a Spalato senza dubitare. Se hai tempo ti consigliamo di non perderti nessuno dei suoi monumenti. Cosa
vedere a Spalato
sono anche i suoi due importanti musei, il Museo Archeologico, uno dei più antichi in Croazia costruita nel 1820 e Museo Etnografico e Galleria d'Arte, fondata nel 1931. Sarai in grado di scoprire la cultura e la musica protagoniste della città. Oltre ai luoghi da vedere a Spalato,
si può passeggiare per le strade in modo da conoscere a fondo la città, che offee diversi stili architettonici, e dove respirare l'aria marittima. La quantità di cose da fare a Spalato ti lascerà senza parole.