MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Kyoto?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Kyoto

397 Collaboratori
  • Monumenti
    78 posti
  • Paseggiate
    18 posti
  • All'aperto
    13 posti
  • Shopping
    13 posti
  • Musei
    6 posti
Attività a Kyoto
GetYourGuide
(40)
93,52
GetYourGuide
88,60
GetYourGuide
(3)
79,11
GetYourGuide
(8)
50,36
Templi di Kyoto
Fushimi Inari Shrine
(42)
Templi di Kyoto
Tempio Kiyomizu
(19)
Templi di Kyoto
Tempio Ryoanji
(15)
Templi di Kyoto
Tenryuji Temple
(5)
Templi di Kyoto
Sanjusangen-do a Kyoto
(3)
Templi di Kyoto
Enryaku-ji di Kyoto
Templi di Kyoto
(4)
Templi di Kyoto
(2)
Templi di Kyoto
(4)
Templi di Kyoto
(4)
Templi di Kyoto
(1)
Templi di Kyoto
(3)
Templi di Kyoto
Honen-in
(1)
Templi di Kyoto
Templo Toji
Templi di Kyoto
Daigoji
Templi di Kyoto

159 cose da fare a Kyoto

Templi di Kyoto
Padiglione d'oro (Kinkaku-ji)
(46)
Non importa quale tempo troverai, se luce, nebbia, pioggia... In ogni condizione atmosferica e in ogni stagione il Giappone è così bello e i suoi posti così caratteristici che non ci sarà mai una foto brutta. Il Giappone, tutto, è un incredibile meta per gli amanti delle foto. Il Padiglione d'oro (Kinkaku-ji) dentro al quale non potete entrare, ma che potete ammirare dall'esterno, passeggiando nel suo splendido giardino, è un tempio bellissimo che sembra fluttuare sulle acque del lago che lo circonda. Quando entrerete nel giardino (dovete aver pazienza per le foto, è sempre pieno di turisti aimhè) rimarrete a bocca aperta: esso è tutto d'oro, il suo riflesso si staglia sulle acque limpide del lago, il verde degli alberi e il giardino ben curato completano la magia.
Templi di Kyoto
Fushimi Inari Shrine
(42)
Il santuario Fushimi Inari Taisha è un tempio che è in realtà una montagna con numerose cappelle e templi scintoisti. Alle falde del monte si trova un certo numero di edifici caratterizzati da statue che rappresentano i custodi delle stesse, che hanno l'immagine di volpi. Anche se questo luogo non è tra i più famosi per i turisti, ritengo che valga la pena visitarlo. A caratterizzare questo posto sono anche gli incredibili corridoi, realizzati mediante serie di O-tori (porte Scinto) di seguito. Infatti, uno dei corridoi di questo tempio è quello che appare nel film "Memorie di una Geisha", anche se poi nel film fu trattato digitalmente e sembra di essere nella parte vecchia di Kyoto (quando in realtà così non è). Passeggiare in cima alla collina del Santuario, oltre a darti un grande senso di pace e tranquillità, permette di vedere un incredibile paesaggio dalle zone più elevate (ci sono diversi percorsi, alcuni brevi alle falde, altri lunghi e difficili sul fianco della montagna). Nel video si spiega il significato di questi O-Torii e come arrivare a questo posto.
Quartieri di Kyoto
Quartiere Gion di Kyoto
(16)
La magia del quartiere di Gion, con le sue case basse in legno e le strade strette che conservano lo stile classico giapponese, riportano indietro di 300 anni sino ai tempi dello splendore di questa zona. Il quartiere nacque 500 anni fa, ai piedi della Cappella di Yasaka, e divenne molto importante all'inizio del XVIII secolo, allorché le "ochaya" (case del tè) offrivano tra i loro servizi Maikos e Geishe, caratteristiche per cui il quartiere è famoso ancora oggi. Un altro quartiere simile a questo è Pontocho; Gion ospita il festival più importante di tutto il Giappone, il Kyoto Gion Matsuri.
1 attività
Templi di Kyoto
Tempio Kiyomizu
(19)
Kiyomizudera significa in giapponese tempio di acqua pura ed è uno dei templi più famosi di Kyoto, nominato per essere una delle 7 meraviglie del mondo contemporanee, anche se non lo fu. Il tempio originale fu costruito nel 778, anche se gli edifici attuali sono restaurazioni e ricostruzioni di circa 400 anni fa. Prendo il suo nome dalle cascate che scendono dalle colline circostanti. Distacca la cascata di Otowa-no-taki, che arriva al tempio sottoforma di tre canali di acqua che convergono in uno stagno. Bere quest'acqua significa avere salute, longevità, esito negli studi, a seconda di quale canale scegli per berla, secondo la tradizione puoi farlo solo da uno dei tre.
Riserve Naturali di Kyoto
Boschi di Bambù di Arashiyama
(25)
Se visitate Kyoto non potete perdervi questo posto stupendo. La foresta di bambù è sicuramente una delle tappe obbligatorie durante il soggiorno a Kyoto. Purtroppo essendo una meta molto turistica è sempre piena di gente e l'affollamento toglie quella che potrebbe essere la magia del posto. Se potete visitatelo in settimana e non nel week end, nelle priem ore del mattino e se proprio volete fare delle foto con poca gente scegliete una giornata piovosa. Guardando le guide e leggendo i commenti mi aspettavo una foresta sterminata invece si tratta di una piccola passeggiata ma comunque ne vale assolutamente la pena. Piccoli negozi di souvenirs e ristorantini vi accompagneranno lungo la strada che porta al sito
Castelli di Kyoto
Castello Nijo
(17)
Il castello Nijo (Nijojo) è una delle visite da non perdere di Kyoto. Costruito nel 1603 è uno degli esempi meglio conservati di questo tipo di architettura. L'area è molto vasta e si può camminare fra gli splendidi giardini (che devono essere splendidi in primavera) ma certamente il momento più emozionante è la visita del palazzo Ninomaru, nel quale risiedeva lo shogun durante la permanenza a Kyoto. Vi dovrete togliere le scarpe per camminare sul legno scuro, che cigola a ogni passo (una scelta precisa: funzionava come sistema di allarme). Le stanze, ampie e spartane, forse sono un po' ripetitive, se si eccettuano alcuni meravigliosi dipinti, ma la visita non annoia di certo. La sala del ricevimento dello shogun contiene invece decine di manichini in costume e l'effetto non è pacchiano come rischia di essere in questi casi, ma al contrario piuttosto efficace. A due passi dalla fermata Nijo della metropolitana.
Templi di Kyoto
Tempio Ryoanji
(15)
"The Rock Garden", meglio conosciuto nel mondo come "il giardino roccioso". Dichiarato patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, è il più noto "giardino zen", giardino tipico della cultura giapponese. Questo giardino è una composizione di pietre poste su uno strato di sabbia bianca. Numerose le interpretazioni, per la sua storia incerta e per il simbolismo che dovrebbe rappresentare, certamente è un luogo dove sedersi e contemplare è un tutt'uno. Il "giardino roccioso" lo troviamo all'interno del "Ryoanji Temple" ma, la sua notevole fama raggiunta nel tempo, tende ad offuscare le altre cose presenti nel Tempio, in modo particolare il giardino con il laghetto Kyoyo molto bello, forse la cosa più bella di tutto il complesso.
Templi di Kyoto
Tempio d'Argento - Ginkaku-ji
(8)
Questo tempio zen chiamato Ginkakuji si trova nella zona di Higashiyama, e fu costruito nel 1482 su ordine dello shogun Ashikaga Yoshimasa. All'inizio lo si voleva ricoprire con foglie d'argento, ma alla fine ciò non avvenne mai, per la penuria economica causata dalla guerra. Per arrivare al tempio possiamo scendere alla stazione della Keihan Railway chiamata "Demachi-yanagi" e poi camminare per una ventina di minuti, o prendere i City Bus fino alla fermata "Ginkakuji-michi" o "Ginkakuji-mae".
Di interesse culturale di Kyoto
Pontochō a Kyoto
(14)
Pontocho è uno dei quartieri più famosi e tradizionali di Kyoto. Assieme al quartiere popolare di Gion, è il più conosciuto dell'antica capitale nipponica, per i suoi rapporti con il mondo delle geishe e delle Maiko, conosciuto come mondo del fiore e del salice. Questi quartieri conservano la propria magia nonostante siamo nel XXI secolo e, molte volte, ci si sorprende passeggiando per le loro vie. La miglior maniera di scoprire Pontocho è andarci in autobus o metro e scendere a Shijo-Kawaramachi, per poi proseguire lungo le vie sulla destra appena prima del ponte che attraversa il Kamogawa fino a Gion.
Di interesse culturale di Kyoto
Heian Jingu a Kyoto
(8)
Il "Santuario Heian Jingu", con le sue sale molto colorate, si trova circondato da quattro splenditi giardini, all'interno dei quali sono inserite molte cose, tra queste, uno stagno spettacolare, dove fa bella mostra di se il "Taihei-Katu Bridge". Tra le altre cose, vi troviamo il "Garyu-Kyo" e lo "Shobi Kan". Il Santuario è stato costruito nel 1895, in occasione di un anniversario della fondazione di Kyoto (il 1.100). La parola "Jingu" sta a significare che questo è un Santuario Imperiale, dedicato alla memoria di due imperatori. Vi si entra attraverso un "torii" alto 24 metri e largo 33. L'ingresso al santuario è libero. Per i girdini, invece, bisogna acquistare il biglietto, ma ne vale assolutamente la pena.
Di interesse culturale di Kyoto
Arashiyama a Kyoto
(6)
Arashiyama è un luogo situato nella periferia di Kyoto, lontano dalla caotica città e circondato da fiumi e montagne, ma comunque facilmente raggiungibile con le linee metro JR o Hankyu. Si tratta di una zona molto frequentata soprattutto dagli stessi giapponesi, in quanto è autentica e trasmette un senso di pace interiore..potrete vedere il famoso ponte Togetsukyou (渡月橋) che attraversa il fiume ed i templi che conferiscono al luogo un fascino speciale...
Palazzi di Kyoto
(8)
Di interesse culturale di Kyoto
Le Geisha e le Maiko, Kyoto
(3)
Kyoto è la casa delle Geisha e delle Maiko (apprendista Geisha), anche se un tempo erano diffuse in tutto il Giappone, ma la loro origine è appunto di Kyoto (allora capitale del paese) ed è qui che si trovano le scuole più prestigiose. Spesso e in modo erroeno vengono associate con la prostituzione, ma il loro lavoro sociale è molto diverso, molto più concentrato sull'arte, l'eleganza e il divertimento che verso il sesso. Le Geisha e le Maiko a poco a poco stanno scomparendo, il loro declino è iniziato nella seconda guerra mondiale e ora ce ne sono meno di 1.000 in tutto il Giappone. Nei quartieri classici di Kyoto, di Ponto-cho e di Gion è però ancora possibile vederne alcune. Purtroppo però la maggior parte sono Henshin (Maiko false), vale a dire, ragazze giapponesi pagate per vestirsi e recitare questo ruolo, per potersi sentire protagoniste e farsi delle foto. Alcune Henshin sono così ben vestite e truccate che potremmo distinguerle da una vera Geisha o Maiko solo per il comportamento.
Monumenti Storici di Kyoto
Monte Hiei di Kyoto
(3)
Il Monte Hiei, Hieizan, è un santuario che si trova tra le regioni di Kyoto e Shiga, nel quale si trova il celebre Enryaku-ji, che in realtà non è un tempio ma un complesso di templi. Sul versante del monte si scorgono altri luoghi sacri, sino ad arrivare alla parte più alta transitabile. È uno dei posti più sacri della zona ed è un centro d'insegnamento di buddhismo, meditazione zen e sutra. Posto ideale per passare una giornata tranquilla; per arrivarci si consiglia di andare sino alla stazione Hieizan-Sakamoto e prendere la funicolare sino a Enryaku.
Templi di Kyoto
Tenryuji Temple
(5)
Il vero gioiello di questo tempio buddista, a capo della scuola zen Rinzai e fondato nel 1339, patrimonio dell'Unesco dal 1994, è lo splendido giardino per il quale è giustamente famoso. Un grande giardino zen che si specchia in un lago, incastonato fra le colline e gli alberi di Arashiyama. Chiaramente l'ideale è visitarlo quando l'afflusso di turisti è più basso per poterlo apprezzare appieno. Come per molti templi gli edifici sono stati ricostruiti più volte e quindi sono relativamente recenti. E' possibile mangiare nel tempio (cucina vegeratiana, prenotazione necessaria). E' adiacente alla famosa foresta di bambù e la visita si può quindi facilmente abbinare.
Stazioni Ferroviarie di Kyoto
Stazione di Kyoto
(4)
Elegante, futuristica, imponente. Si sprecano gli aggettivi per la stazione ferroviaria di Kyoto, completata nel 1997 su progetto dell'architetto Hiroshi Hara. Se dall'esterno sembra un monolito ricoperto di vetri a specchio, all'interno ha un'architettura complessa, su ben 15 piani. Contiene, come molte stazioni, un enorme centro commerciale ed è collegata alla metropolitana e a diverse destinazioni nell'area con un'estesa rete di sottopassaggi frequentatissimi e stipati di negozi. E' tutt'uno col terminal dei bus. La cosa che stupisce delle stazioni giapponesi è che, pur non sfuggendo alla definizione di 'non luoghi', sono centrali nella vita delle persone, vivissimi per almeno 16-18 ore al giorno e non raccolgono presenze sospette e, a volte, inquietanti come accade in molte altre stazioni ferroviarie del mondo.
Chiese di Kyoto
Cappella di Yasaka
(4)
Il santuario o cappella di Yasaka, anticamente denominato Santuario di Gion, è un luogo sacro shintoista che si trova nel tradizionale quartiere di Gion, a Kyoto in fondo a Shijō-dōri. Fu costruito nel 656 d.C e include diversi edifici, portici ed un altare centrale con molti faretti, simbolo delle offerte e del santuario stesso. Nell'anno 869 i mikoshi, piccoli altari portatili, di questo tempio furono portati per tutta città con l'obiettivo di bloccare un'epidemia che stava colpendo Kyoto. Da questa commemorazione nacque il famoso Gion Masturi.
Templi di Kyoto
Sanjusangen-do a Kyoto
(3)
Il tempio Sanjusangendo (三十三间堂) a Kyoto risale al XII secolo ed è conosciuto per custodire 1.001 immagini della Dea Kannon, tutte diverse tra loro. La Dea Kannon è la divinità buddhista della pietà e della misericordia e vi sono molti altri templi a lei dedicati, come il Fukusai-ji. Trovandosi nei pressi della stazione JR di Kyoto è abbastanza conosciuto e visitato da turisti, fattore che toglie un po' di magia al momento della visita alla sala che custodisce le impressionanti sculture.

Cose da visitare e da fare a Kyoto

La lista di cosa vedere a Kyoto è abbastanza lunga.

Iniziamo il nostro viaggio attraverso le strade di Kyoto iniziando direttamente dal centro. Qui si trova il Palazzo Imperiale, città natale della tradizione e della cultura giapponese e una delle principali cose da vedere a Kyoto.

Si consiglia di effettuare una prenotazione, almeno venti minuti prima, per vedere il palazzo. Le visite hanno un programma chiuso, con inizio alle 10:00 e si concludono alle 14:00.
A pochi metri si trova il Castello Nijo, che fu la residenza di shogun Tokugawa Ieyasu, uno dei luoghi da vedere a Kyoto imprescindibili per la sua lussuosa architettura.
Dall'arte alla cultura, perché il Gion Corner ospita la magia del teatro e delle arti più tradizionali del Giappone in un unico spazio. Questo è un altro tra gli spettacolari posti da vedere a Kyoto. Dopo questa sosta, e dopo un momento di riposo e di ristoro, persino i ristoranti vi sembreranno uno dei luoghi più belli. Il loro stile antico, la cura di ogni minimo sono un piacere per la vista.

Tra cosa c'è a
Kyoto
dobbiamo annoverare la zona di
Higashiyama. Qui si trova il
Tempio Sanjusangendo
con le sue 1001 statue in legno dorato raffiguranti Kannon, la dea della misericordia.

Tra le
cose da fare a
Kyoto
consigliamo di visitare i templi, che sono infiniti. Ce ne sono circa 300 e ognuno di loro ha un fascino speciale. Il Tempio Kiyomizu è molto famoso perché è costruito su pilastri di legno.
Le ville imperiali di Katsura e Shugakuin possiedono uno dei più bei giardini della città. Rappresentano il paradigma del tipico paesaggio giapponese e sono un orgoglio per il popolo del la zona. Se vuoi scoprire cosa fare a Kyoto oggi e cosa visitare a Kyoto naviga su minube.