Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace San Sebastian de la Gomera?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a San Sebastian de la Gomera

93 Collaboratori

39 cose da fare a San Sebastian de la Gomera

Chiese di San Sebastian de la Gomera
Chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione
(7)
Questa chiesa mi è apparsa davanti quando - in un giorno molto caldo - mi trovavo a La Gomera. Non che San Sebastian sia una città rumorosa, ma dopo aver fatto il giro dell'isola in auto è stato bello poter fare una passeggiata in tutta tranquillità. Ma parliamo della chiesa. Questa chiesa è quella principale della città ed è stata costruita sui resti di un'antica cappella. L'edificio originario fu eretto ai tempi di Hernán Peraza. Fu attaccata da pirati e danneggiata da incendi, per cui ha perso gran parte dei suoi archivi. All'interno conserva pezzi di artigianato mudéjar, tavole rinascimentali e diverse opere, tra cui ricordo un Cristo in croce di Luján Pérez. L'attuale chiesa coniuga elementi in stile mudéjar, gotico e barocco. La facciata presenta un corpo centrale con un l'entrata principale in tufo rosso e le due porte laterali in pietra bianca. Nella seconda metà del XVIII secolo la chiesa venne riformata e venne costruita la Cappella del Pilar, simbolo del trionfo degli abitanti dell'isola sugli invasori: in questa cappella c'è un affresco che raffigura il tentativo di invasione della città realizzato dall'ammiraglio inglese Charles Windhan nel 1743.
Città di San Sebastian de la Gomera
San Sebastián della Gomera
(5)
San Sebastián de la Gomera è il centro principale della splendida isola di La Gomera (Canarie). Si tratta di un piccolo paese di circa 9.000 abitanti. Si distingue per il suo bellissimo centro coloniale, con edifici di interesse storico. In questa piccola Cristoforo Colombo si fermò durante il suo viaggio verso le Americhe. Tra i vari luoghi di interesse turistico è possibile visitare la Cattedrale, la Torre del Conde, costruita nel 1447, e la casa di Columbus Museum. Mezza giornata è sufficiente per visitare la città, visto che il paese è piccolino e che sull'isola ci sono altri luoghi che meritano una visita. San Sebastian è come un collo di bottiglia, perché da qui si vedono le barche che girano tra le diverse isole e le isole vicine a Tenerife. Le compagnie che arrivano a La Gomera sono Naviera Armas e Fred Olsen. Gli aliscafi della Olsen arrivano a Tenerife in circa 45 minuti. Le navi di Naviera Armas sono più grandi e più lente, ma molto più economiche dell'aliscafo. Se siete a piedi, non preoccupatevi! Il porto si trova a soli 5 minuti dal centro di San Sebastian; ci sono che portano direttamente al porto. Il centro si può girare a piedi. È così piccolo che non c'è nemmeno bisogno di prendere l'autobus!
Monumenti Storici di San Sebastian de la Gomera
Torre del Conte
(6)
La Torre di "Los Perazas" è attualmente l'unica fortificazione medievale delle Canarie, ma è anche il più antico edificio del periodo spagnolo a rimanere in piedi. Venne costruita da Hernán Peraza "il vecchio", primo signore dell'isola, intorno al 1450. La fortezza, costruita ai tempi della conquista, era stata progettata più come difesa contro possibili attacchi esterni che contro gli assalti degli aborigeni, come dimostra la sua posizione al centro della valle. In stile gotico, la fortezza presenta molti tratti in comune con alcune costruzioni militari della Penisola, soprattutto quelle del nord. Attualmente al suo interno c'è un'esposizione di portulani del XVI secolo. Uno dei personaggi più controversi della storia di La Gomera abitò in questa fortezza, Beatriz de Bobadilla, moglie di Hernán Peraza il Giovane; quando il marito morì per mano dei ribelli aborigeni, Beatriz soppresse la ribellione con estrema crudeltà con l'aiuto del conquistatore di Gran Canaria, Pedro de Vera. Sposò poi Alonso Fernández de Lugo, un'altra figura chiave nella conquista delle Canarie. La sua figura è stata anche legata a Cristoforo Colombo, che venne ricevuto da lei durante le sue visite sull'isola. Morì nella Corte di Madrid nel 1504.
Vie di San Sebastian de la Gomera
Calle Ruiz de Padrón
(3)
La via Ruiz de Padrón è una strada parallela alla Calle Real di San Sebastián de la Gomera. Fa parte di quello che era il vecchio villaggio di San Sebastian e esisteva già al tempo in cui Colombo si fermò sull'isola in ciascuno dei suoi tre grandi viaggi verso le Americhe. Su questa strada potete vedere esempi di architettura tradizionale canaria, case gialle o bianche con balconi in legno verniciato, costruite su due o tre piani. C'è un bar chiamato Tasca, che è molto popolare, e un grande ristorante gomero, Cuatro Caminos. Alla fine della strada c'è un parco in cui si trova la Torre del Conde, uno dei più antichi monumenti della città coloniale. La torre servì come difesa al tempo della conquista delle Isole Canarie.
Trekking di San Sebastian de la Gomera
Trekking a La Gomera
(3)
La rete di sentieri da Gomera è ampia ed è composta da una serie di sentieri connessi tra loro. Sono tutti segnalati e facili da trovare. In totale stiamo parlando di più di 300 km di sentieri segnalati, articolati in percorsi a lunga distanza (GR) (GR 131 e GR 132) e 18 percorsi brevi (PR); ci sono poi dei percorsi secondari. Arrivati a La Gomera, è possibile cominciare subito a fare trekking. Ci sono alcuni posti in cui è possibile accamparsi, altrimenti ci sono rifugi e hotel. Ci sono dei bus che portano a San Sebastian, Valle Hermoso e agli altri villaggi dell'isola. Per motivi di sicurezza è meglio non girare soli o, almeno, avvisare qualcuno del percorso che si ha intenzione di seguire. L'intera isola è percorribile in 7 ore e non c'è rischio di perdersi.
Monumenti Storici di San Sebastian de la Gomera
Casa Echeverría
(1)
Questa casa è stata costruita alla fine del XVIII secolo da Miguel de Echeverria e Mayora, cavaliere della valle di Baztàn a Navarra e capitano delle milizie di Gomera. Fu anche amministratore della tenuta dei Conti di La Gomera e dei marchesi di Adeje. Si trova di fronte alla chiesa principale e ha delle dimensioni insolite: queste caratteristiche sono testimonianza dell'elevata posizione sociale dei proprietari. Nel XIX secolo fu divisa in due case: Las Armas- Echeverra e Echeverria, che attualmente funge da sede del museo archeologico di Gomera. Nel ventesimo secolo è stata utilizzata per diversi scopi: i piani bassi furono utilizzati come residenze e lattoneria, mentre il secondo piano ospitava il tribunale dell'isola. È anche conosciuta come Casa del Cañón per la presenza di un vecchio cannone in uno degli angoli. Sulla facciata c'è lo scudo degli Echeverria scolpito nel legno. È la tipica casa delle Canarie con balconi in legno: un posto bellissimo e molto ben conservato.
Vie di San Sebastian de la Gomera
Calle Real
(3)
Calle Real, chiamata anche Calle del Medio, fu una delle prime vie di San Sebastián de la Gomera. Nel XV secolo, quando Cristoforo Colombo fece una sosta con le sue navi, Calle Real era il centro della città. Oggi rimane un luogo vivace, con piccole caffetterie e terrazze. La strada inizia all'altezza della Plaza de las Americas. Qui si trova la Casa de la Aguada, conosciuta anche come la Casa Condal, ​​che fungeva da dogana e da luogo di soggiorno per l'equipaggio di Cristoforo Colombo. Accanto si trova l'ufficio turistico, che vi aiuterà a organizzare il vostro soggiorno a La Gomera. Le mappe sono molto ben fatte, con tutti i sentieri e le indicazioni di quanto tempo ci vuole. Nella Casa de La Aguada c'è un'esposizione su La Gomera e la scoperta dell'America. Un po' più in là si trova la chiesa della Madonna dell'Assunta, in cui si dice che Colombo e i suoi uomini pregarono prima di intraprendere il viaggio. La chiesa più antica che si vede alla fine della strada è la Cappella di San Sebastian. Accanto, vi è la casa di Colombo, che ora è un museo.
Spiagge di San Sebastian de la Gomera
Playa de La Cueva
È situata ai piedi della montagna con il punto panoramico. Magnifica vista sull'isola di Tenerife e sul Teide. Ci sono poche persone, per lo più turisti stranieri. Sabbia nera. Un sacco di sole, come in tutte le isole. Diventa pericolosa solo poche volte all'anno, ma quando lo fa è davvero inquietante. Il ristorante El Charcon si trova sulla spiaggia, di fronte al Teide.
Musei di San Sebastian de la Gomera
Museo Archeologico de La Gomera
(2)
Il Museo archeologico di la Gomera, o MAG, ci introduce alla cultura degli antichi abitanti dell'isola. Le informazioni esposte nelle diverse sale sono il risultato di una recente ricerca archeologica e dello studio dei documenti. Il museo è aperto tutti i giorni e l'ingresso è gratuito. L'esposizione si distribuisce su due piani ed è ospitata all'interno di Casa Echeverra, una tipica casa antica delle Canarie. Il museo vi farà fare un salto nel passato. Al piano terra si parla dell'archeologia e del patrimonio di La Gomera, una piccola isola in cui la gente non si preoccupa molto dei siti di valore storico. Da lì si continua il percorso e si può vedere come vivevano i primi coloni che si installarono sull'isola. Provenienti dall'Africa, i guanches vivevano nelle grotte e parlavano una lingua simile al berbero, la lingua parlata attualmente in Marocco e in Algeria. Poi viene spiegato quali fossero le risorse naturali dell'isola, le pratiche magico-religiose e il simbolismo. Tutto questo patrimonio venne distrutto in seguito alla conquista dell'isola.
Trekking di San Sebastian de la Gomera
Da Las Casetas a Jaragán
Questo sentiero inizia da un luogo chiamato Las Casetas, ma è possibile iniziarlo anche da San Sebastian. L'isola è molto piccola e si può percorrere in lungo e in largo in circa 8 ore. Il percorso passa attraverso la parte superiore del Comune di San Sebastian e gode di una splendida vista sui villaggi nascosti sotto le colline. Le colture non sono così ampie come prima, ma quando ci sono stata io l'isola era molto verde, in primo luogo perché era inverno, e poi perché grazie a un ingegnoso sistema di dighe, si riesce ad avere l'acqua tutto l'anno. Se lo desiderate potete anche raggiungere la cima del Taguluche, attraversando la gola di Juel. Su queste scarpate ci sono molte capre: questi sono i luoghi in cui si produce il famoso formaggio gomero. Attenzione agli alveari: le api vi possono pungere se le disturbate.
Spiagge di San Sebastian de la Gomera
Spiaggia di Avalos
(1)
Vuota e tranquilla, questa spiaggia si trova alla fine del burrone dallo stesso nome e a pochi km. da San Sebastian de la Gomera. Circa anni fa si è cominiciato a costruire, ma i lavori sono rimaste incompiuti. Il loro finanziatore, un inglese, ha avuto dei problemi con la legge ed è scomparso. Si dice che è di sabbia e ghiaia nera, ma, secondo me, è composta solo da pietre. Si trova tra delle scogliere e la sua acqua è pura e cristallina. L'unica volta in cui ho fatto il bagno era trasparente. Di fronte il mare, dietro il masso e le palme. Non ci sono servizi, eccetto il catamarano con cui sono arrivato.
Porti di San Sebastian de la Gomera
Traghetto per La Gomera
(2)
Abbiamo oltrepassato Los Cristianos, nel sud di Tenerife, per andare a trascorrere qualche giorno sull'isola di La Gomera. Siamo andati con la nave, perché era più economica e perché ci permetteva di portarci dietro il nostro pick-up per gli spostamenti sull'isola. La nave partiva la mattina alle 9 e il ritorno lo avevamo prenotato per le cinque del pomeriggio successivo. Il biglietto per due persone più la macchina ci è costato 110 euro. C'è anche un'altra compagnia, Fred Olsen, ma è molto più costosa. Vale la pena prendere un aliscafo se si pensa di fare un'escursione giornaliera, altrimenti meglio la Naveria Armas. Fred Olsen parte e arriva solamente al porto di Los Cristianos, mentre Armas prosegue poi fino all'isola di La Palma. Per raggiungere tutte le altre isole è necessario fare scalo a Tenerife. La nave è molto grande e dispone di saloni, poltrone, caffetteria e ponti esterni che permettono di vedere il paesaggio.
Piazze di San Sebastian de la Gomera
Di interesse culturale di San Sebastian de la Gomera
Carnevale di La Gomera
(1)
Il Carnevale de la Gomera è una festa che si concentra prevalentemente a San Sebastian, la località più importante dell'isola. Come nelle altre isole Canarie, è un evento importante e gioioso e le sfilate sono spettacolari. A esempio nel 2008 il tema del carnevale è stato "mille e una notte" e sono state organizzati concorsi di bellezza con ragazze che indossavano costumi allegorici, molte travestite da orientali ... Viene scelta una "reginetta" bambina e una adulta. Poi c'è un "Coso", che è l'apoteosi del carnevale, in cui premi vengono assegnati premi ai migliori carri e ai migliori costumi. Martedì grasso si celebra il "Gran Coso", mentre il giorno dopo c'è il rituale della "sepoltura della sardina". Tutto finisce quando si brucia la sardina sulla spiaggia di San Sebastian. Una festa che dura tutto il giorno e a cui puoi assistere anche senza alloggiare a San Sebastian, perché l'isola è così piccola che è facile raggiungerla in giornata.
Di interesse turistico di San Sebastian de la Gomera
La zona di Las Roques
(2)
Si può dare una spiegazione approssimativa di questo posto dicendo che si tratta del tappo di un vulcano rimasto scoperto in seguito all'erosione. Siccome a La Gomera l'attività vulcanica si è fermata milioni di anni fa, qui ci sono molte rocce. Penso che sia l'isola con più rocce. Alla vista sembrano pietre normali, ma poi mi è stato spiegato che origine avessero. Tutte hanno un proprio nome: Roccia del Leone o Tagasmiche, Rocca del Cappello o del Pan di Spagna, Roccia Agando e - le più impressionanti di tutte - le Rocce di Hermigua, o Roccia Grande e Roccia piccola... ecc. Questo è solo un piccolo esempio.
Trekking di San Sebastian de la Gomera
Spiaggia Santiago
(2)
Questo breve sentiero si chiama LG15. Mette in comunicazione la Spiaggia di Santiago alla località di Pajaritos passando per Taco e Imalda. Alcuni lo utilizzano anche per raggiungere Alajerò e Targa. Inizia a Pajarito, a un'altezza di circa 1400 m e continua in direzione di San Sebastiàn, in corrispondenza del quale il sentiero diventa sterrato. Passa poi sulla montagna di Juan Romo attraversando la valle Imada, a un livello di 900 m. Passerete attraverso alcuni villaggi, ma non aspettatevi di trovare nessun bar né ristorante, per cui portatevi dietro qualcosa da mangiare e da bere. Per finire arriverete alla valle di Gaurimiar e alla Spiaggia di Santiago, in cui troverete vari ristoranti. Questo sentiero è collegato anche ad altri sentieri più lunghi, che da Rumbazo arrivano fino a Alajerò o Targa.
Belvedere di San Sebastian de la Gomera
El Cabrito
(3)
Se visitate l'isola vi consiglio di fare una sosta in questo belvedere che può passare inosservato, perché non è ben segnalato. Dovete solo fermarvi un attimo e ammirare il panorama. Il Monumento Naturale del Canyon del Cabrito comprende in realtà due canyon, quello di Juan Vera, che forma un tutt'uno con quello del Cabrito, e quello de La Guancha: i due canyon sono separati da una lingua di terra con creste acute e impressionanti rocce, come quella de Magro o del Sombrero. Sulle pendici più impervie crescono alcune rare piante endemiche della flora di La Gomera. Il Canyon del Cabrito finisce in corrispondenza di una spiaggia di ciottoli accanto a un hotel che anticamente era un'area dedicata alla coltivazione di pomodori e banane. Alla fine degli anni '80, il controverso artista viennese Otto Mühl iniziò a rinnovare gli edifici della zona e nell'area venne costruito un hotel ecosostenibile raggiungibile solo in barca o tramite una lunga camminata. Da questo punto panoramico vedrete immensi campi di cereali. Per gran parte dell'anno cereali e grano non richiedevano grandi cure, quindi i contadini potevano dedicarsi ad altre cose. Quando veniva il periodo del raccolto, però, erano necessarie molte persone, quindi la gente arrivava fino a qui portandosi dietro i propri animali. Alloggiavano all'interno di granai, costruzioni semplici che normalmente servivano per stivare gli attrezzi agricoli. Verso la fine del XIX secolo si aprirono nuove opportunità lavorative a Tenerife, Cuba o in Venezuela e queste campagne vennero definitivamente abbandonate.
Mercati di San Sebastian de la Gomera
Mercato Municipale
Si tratta di un piccolo mercato particolarmente animato di mattina. È un po' fuori dal centro storico, ma il paese è così piccolo che "fuori dal centro" significa ad appena 5 minuti a piedi dalla chiesa principale. Il mercato si trova vicino alla stazione degli autobus, quindi potete fare acquisti prima di partire per esplorare l'isola. È composto da un supermercato Hiper Trèbol, molto economico, un panificio, un negozio di generi alimentari.... Ci sono poi bancarelle in cui si vende frutta, verdura a alcuni pesci, i famosi formaggi e mieli di La Gomera, e altri prodotti artigianali per i turisti. Ci avevano assicurato che sarebbe rimasto aperto fino alle 20, ma quando siamo tornati a fine escursione lo abbiamo già trovato quasi tutto chiuso. C'è una differenza abissale di prezzi tra i prodotti dell'isola (banane e pomodori) che costano meno di un euro a kg e i prodotti "importanti" (le mele stanno a 4 euro al kg).

Cose da visitare e da fare a San Sebastian de la Gomera

Se c'è qualcosa da visitare a San Sebastián de la Gomera sono le sue aree naturali protette. Possiamo cominciare con uno degli spazi più rinomati che ci sono a Sebastian de la Gomera: la
Reserva Natural Integral de Benchijigua. Qui si possono trovare specie protette come chahorra e tajinaste. Continuiamo con il Monumento Naturale di Los Roques, dichiarato Monumento Naturale nel 1994, e con il Monumento Naturale di Barranco del Cabrito.

Seguendo questa linea, uno dei luoghi da vedere a San Sebastián de la Gomera è la Riserva Naturale Speciale di Puntallana , dove si possono trovare coleotteri esclusivi.

Anche la visita al Santuario di Nostra Signora di Guadalupe è una delle cose da fare a San Sebastian de la Gomera, si tratta di uno degli edifici più rappresentativi della città. È stato costruito prima del 1542 e ospita incisioni e
necropoli.

La tranquillità caratterizzerà le vostre vacanze, se scegliete questo posto, perciò molte delle cose da fare a San Sebastián de la Gomera sono legate alla natura e al divertimento. Inoltre, da questa isola si possono visitare anche gli altri paesi vicini e scoprire il loro fascino.

E se state pensando a cosa fare a San Sebastián de la Gomera oggi, vi consigliamo di cercare la guida RedGomera dove
potrete informarvi su tutti i monumenti, parchi, aree naturali, attività e altro ancora.