MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Candelária?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Candelaria

83 Collaboratori

31 cose da fare a Candelária

Chiese di Candelária
(19)
Di interesse turistico di Candelária
Vergine di Candelaria, patrona delle Canarie
(8)
La città di Candelaria è intimamente legata al culto della Vergine della Candelaria, che le ha dato il nome e che, in ragione dell'apparizione, ha attratto i primi abitanti. Da allora, Candelaria è principale luogo di venerazione e pellegrinaggio dell'arcipelago della Canarie, specialmente il 15 agosto, giorno in cui si celebra l'apparizione sebbene la festività cristiana cada il 2 febbraio. Fu canonizzata nel 1899 dal Vescovo di Tenerife Ramón Torrijos e nominata patrona dell'arcipelago da Papa Clemente VIII nel 1599, titolo ratificato da Pio IX nel 1867. La Vergine presiede l'Altare Maggiore della Basilica e fu realizzata da Fernando Estávanez del Sacramento nel 1827, dal momento che l'originale andò perso un anno prima. È una Vergine mora, di piccole dimensioni, che porta il Bambino Gesù nel braccio destro ed una candela nella mano sinistra.
Villaggi di Candelária
(4)
Piazze di Candelária
(5)
Statue di Candelária
I Menceyes di Candelaria
(9)
Le statue dei Novenos Menceys sono una delle cose di cui vanno più orgogliosi gli abitanti delle Isole Canarie, dal momento che ricordano le gesta dei Guanches, i colonizzatori delle isole. Si trovano proprio ai piedi della Basilica di Nuestra Señora de Candelaria, patrona delle isole Canarie. Il panorama che si osserva dal belvedere è magnifico, dal momento che si vede tutta la costa e la spiaggia di sabbia nera di Candelária.
Piazze di Candelária
Piazza della Patrona delle Canarie
(8)
Questa piazza è il cuore della città di Candelaria, un punto di incontro per i pellegrini ed i festeggiamenti più importanti della città. Si tratta di una gigantesca piazza in cui vi sono i principali luoghi di interesse storico della città. Se veniamo dalla strada Obispo Pérez Cáceres lungo la costa troviamo: di fronte, la Basilica della Candelaria, patrona delle isole Canarie, con il convento domenicano annesso (che ospita il Museo di Arte Sacra); sulla sinistra le sculture Menceyes ed il Paseo de San Blas; sulla destra la Fonte dei pellegrini ed il quartiere di Santa Ana, con le sue pittoresche case, la Chiesa ed il suo bel vedere, con una vista magnifica su tutta la piazza. In questa piazza ci sono anche diversi bar caffetterie con terrazze esterne dove si può bere qualcosa in una piacevole atmosfera.
Vie di Candelária
Paseo di San Blas a Candelaria
(7)
Il Paseo di San Blas è una continuazione del lungomare, che scorre parallelo alla costa fino a terminare nella Cueva de los Camellos. Si trova in uno dei laterali della Piazza de la Patrona de Canarias, assieme alla basilica. Ciò che più si nota sono una serie di sculture, realizzate nel 1993, in bronzo, dallo scultore di Tenerife, Josè Abad, che rappresentano i nove re guanches che governavano l'isola nel momento della conquista. Sono collocate su piedistalli e sono a grandezza naturale
Chiese di Candelária
Chiesa di Santa Ana a Candelaria
(3)
Questa chiesa si trova nella zona alta di Candelaria, nel pittoresco quartiere omonimo, al quale si può accedere a piedi attraverso delle scale che partono dalla Piazza della Patrona de Canarias. Venne costruita nel XVI secolo anche se restrutturata e apliata successivamente. Ha un'architettura tipica canaria, con facciate in pietra e una sola navata con cappelle laterali. Il soffitto è rivestito da legno. Anche se non sembra, al suo interno ospita numerosi altari e sculture. L'altare maggiore è presieduto dall'immagine di Santa Ana, accompagnata dalla Vergine Bambina, realizzate da Miguel Bermejo. Sono importanti anche le sculture di San Antonio, San Giovanni Battista, la Vergine dei Dolori, il Cristo dell'espirazione e la Sacra Familia. Data la confusione sul tema, Santa Ana era la patrona della città della Candelaria, e la Vergine della Candelaria è patrona delle Canarie. Candelaria celebra le sue feste patronali durante il mese di luglio. La chiesa è aperta solo la domenica per la messa delle 11 e li vicino si trova il belvedere Santa Ana.
Spiagge di Candelária
Playa de Las Caletillas a Tenerife
(1)
Non so perché, ma pensavo si trattasse di una spiaggia famosa, ma quando me la sono trovata di fronte, mi è sembrato un luogo orribile!!Si trova leggermente in periferia, in uno dei quartieri di Candelaria, in direzione nord (verso Igueste). Si tratta di una piccola cala, lunga 20 metri, caratterizzata da sassi di colore scuro e pezzi di pietra al posto della sabbia..veramente una spiaggia brutta e scomoda!!
Vie di Candelária
Lungomare di Punta Larga a Tenerife
(5)
Questo lungo lungomare costeggia il litorale nei pressi di Punta Larga. Si trova nell'immediata periferia di Candelaria, in una zona residenziale e completamente devota al turismo. Il lungomare è stato da poco rifatto, con rampe di accesso alla spiaggia, passerelle di legno con piccoli belvedere, zone con parchi giochi per bambini, aree con piante autoctone delle isole e palme. Ci sono anche numerosi bar e caffè con terrazza, nei quali sedersi e bere qualcosa.
Grotte di Candelária
Grotta di Achbinicó e cappella di san Blas a Candelária
(3)
Una delle visite d'obbligo a Candelária è questa grotta-cappella, dichiarata Bene d'Interesse Culturale dal governo spagnolo per il suo interesse storico, essendo strettamente vincolata alla fondazione della città. La grotta ospitò inizialmente la prima immagine della Vergine della Candelaria (patrona delle Canarie), venerata dagli isolani come "Chaxiraxi". Dopo la conquista di Tenerife nel 1497, la grotta fu dichiarata chiesa, e conservò l'immagine fino al 1526, anno in cui quest'ultima fu spostata in una nuova cappella costruita sul terreno dell'attuale basilica. Tuttavia l'edificio fu distrutto da un incendio nel 1789, e per questo fu eretta una costruzione di pietra squadrata addossata alla grotta (alta 14 metri, larga 6 e alta 5), per ospitare nuovamente la Vergine e accogliere i numerosi pellegrini che la visitavano; qui rimase fino al 1803. A partire dallo spostamento dell'Immagine alla Grotta di Achibincó, nelle vicinanze sorse un centro abitato, che prese il nome della Vergine, Candelária. Si trova alla fine del Paseo de San Blas, sotto la scogliera del Barranco de la Taipa, e insieme alla Grotta de los Camellos forma il complesso archeologico di Achbinicó, che significa "luogo di tosatura e mungitura". Il suo legame con l'attività pastorizia si è perpetuato, visto che la grotta-cappella è sotto la protezione di San Blas, patrono degli allevatori.
Grotte di Candelária
Grotta dei Camellos a Candelaria
(3)
Questa grotta si trova alla fine del Paseo di San Blas e costituisce, con l'Eremo-Grotta di San Blas, il complesso Archeologico di Achibincò, dichiarato Bene di Interesse Culturale per il suo interesse storico. E' una cavità non troppo grande, formata sotto la scogliera, alla foce del Barranco de Tapia, dove un tempo si trovava il Castello di San Pedro. Si chiama così perché li si riposavano i cammelli e i cavalli che trasportavano i pellegrini con le mercanzie, che volevano visitare la Virgen de Candelaria. Sporadicamente si organizzano dei concerti.
Spiagge di Candelária
Spiaggia di Punta Larga a Tenerife
(1)
La spiaggia di Punta Larga è la più grande del Municipio di Candelaria e si trova nella periferia del paese, tra la spiaggia La Hornilla e la spiaggia Las Caletitas. È una zona molto turistica, con edifici residenziali e un lungomare con caffè e bar. La spiaggia presenta molte pietre e il Municipio è intenzionato a rimodellarla con l'introduzione di sabbia, di una scogliera di protezione, solarium, piscina, bagni e spogliatoi, misure che stanno suscitando le proteste dei Verdi locali.
Spiagge di Candelária
Playa de La Arena di Tenerife
(1)
La spiaggia di La Arena è la più estesa di quelle del centro storico di Candelaría, snodandosi per 800 mt. lungo la costa. Inizia nella piccola spiaggia del Alcalde e arriva sino alla Via Obispo Pérez Cáceres per finire in Piazza de la Patrona de Canarias, di fronte alla Basilica. La spiaggia è lunga ma non particolarmente bella. La sabbia è nera e presenta molte pietre e ghiaia. La gente del posto preferisce fare il bagno all'inizio della spiaggia, zona dove si trovano anche i servizi di vigilanza e salvataggio.
Spiagge di Candelária
Spiaggia El Alcalde a Candelaria
(1)
La Spiaggia del Sindaco (anticamente chiamata spiaggia di Noria) è una piccola spiaggia di 30 metri di lunghezza, situata di fronte al Comune e al porto peschereccio, ed è quindi riparata dalle onde dai frangiflutti del molo. Non mi è piaciuta dato che, oltre a essere molto piccola, non è di sabbia ma di piccole pietre. Si trova tra le spiagge La Arena e El Pozo. Vi si accede tramite una rampa dal lungomare, che ha giardini e parchi giochi per bambini. C' un amplio parcheggio giusto di lat, di fronte all'ufficio di informazione turistica.
Vie di Candelária
Lungomare di Candelária
(2)
La costa della città di Candelária è percorsa da un lungomare pedonale abbastanza grande che, oltre a servire da punto di accesso alle spiagge di La Arena o El Alcalde, dispone di un'area con giochi per bambini e diverse zona per riposare all'ombra delle palme. È un posto abbastanza frequentato, dove la gente va per passeggiare.
Belvedere di Candelária
Belvedere Santa Ana, Candelária
(1)
Questo belvedere si trova nella zona alta della città, nel pittoresco quartiere di Santa Ana, vicino alla chiesa omonima. Da qui si gode di una vista spettacolare della città, specialmente della Plaza de la Patrona de Canarias e dell'oceano. Ci si può arrivare a piedi, con una scalinata che parte dalla piazza; se si preferisce l'auto, bisogna costeggiare il paese (il centro è pedonale) salendo per la Avenida Condesa S.M. De Abona e prendere la rotonda girando a sinistra, in senso opposto allo svincolo con l'autostrada TF-1.
Zone di Shopping di Candelária
Rambla Los Menceyes a Candelaria
(2)
Questo amplio viale scorre all'interno della città, ma parallelamente alla Spiaggia di Punta Larga. Ha quattro corsie di circolazione (due per ogni senso), separate da un viale pieno di giardini in cui troviamo varie sculture rappresentative degli antichi re guanci (Menceyes). Lungo il viale ci sono negozi di ogni tipo, essendo una delle zone commerciali per eccellenza della città.