MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Sarzana

14 Collaboratori

6 cose da fare a Sarzana

Castelli di Sarzana
Piazze di Sarzana
Piazza Matteotti
(3)
La forma irregolare della Piazza Giacomo Matteotti non era prevista inizialmente, ma è frutto di un lunghissimo lavoro di adattamento dell'uomo per stabilirsi in questo luogo particolare: quest'area tra il torrente Calcandola e il Burgus Sarzane (secolo XI), era originariamente una vasta estensione di terreno alluvionale formato da rocce e sedimenti che frequentemente subiva inondazioni del torrente Calcandola. I primi edifici cominciarono a costruirsi alla fine del secolo XII e nel Quattrocento la Piazza Calcandola (così si chiamava allora) era già lo spazio civico più importante di Sarzana e per questo si decise di costruire lì il nuovo edificio del palazzo Comunale. Si può considerare che nel Cinquecento la piazza era già stata definita nelle sue linee principali e adotta le forme che possiamo osservare attualmente: si completa il Palazzo Comunale e la Casa della Famiglia Parentuncelli, si ampliano altre costruzioni esistenti e si costruiscono nuovi edifici. Nei secoli successici, fino all'Ottocento, continuò la costruzione di nuovi e ancor più belli edifici. Nella Piazza Giacomo Matteotti si trovano i seguenti palazzi: Palazzo Roderio (Palazzo Comunale,), Palazzo Podestà Lucciardi (all'incrocio con via Mazzini), Palazzo Fontana, Palazzo Remedi (all'incrocio con via Fiasella), Palazzo Lucri (casa della famiglia Parentucelli), Palazzo Zacchia - Arzelà, Palazzo Benedetti, Oratorio di San Rocco e il monumento ai Caduti. Anche se da allora le sue forme ed edifici sono cambiati un poco, una delle poche cose che è cambiata da allora è il monumento che si alza nel centro della piazza. Nel luogo che adesso occupa il monumento ai caduti di tutte le guerre dello scultore sarzanese Carlo Fontana, anteriormente si innalzava una statua che rappresentava San Giorgio e il dragon, che venne distrutta durante una rivolta popolare nel 1797. Si tratta di una piazza con un incanto e una bellezza starordinari. Osservare il tramonto seduto in una delle terrazze è stato un privilegio inaspettato e indimenticabile.
Chiese di Sarzana
Cattedrale di Santa Maria Assunta
(1)
La Cattedrale di Santa Maria Assunta è il più importante edificio di culto cattolico della città di Sarzana, nella provincia di La Spezia. Fu edificata a partire dal XIII secolo in corrispondenza di una pre esistente chiesa dedicata a San Basilio e fu completata, almeno nelle sue parti fondamentali, verso la metà del XIV secolo. Elegante e raffinata la facciata a capanna, in marmo bianco, impreziosita da un rosone realizzato dallo scultore Lorenzo da Pietrasanta attorno al 1474. Bellissimo il campanile, con struttura in pietra a vista, aperture a fori crescenti, merlatura di sommità e cuspide a forma piramidale. La fama di questa cattedrale è legata in massima parte al fatto che in essa è custodita la Croce Dipinta del Maestro Guglielmo, risalente al 1138, considerata il più antico esempio di questo tipo di opera in Italia, nonché un’alta espressione della pittura romanica.
Vie di Sarzana
Pieve di Sant'Andrea
La Pieve di Sant’Andrea è un edificio di culto cattolico che si trova nella città di Sarzana, in provincia di La Spezia. La chiesa è situata lungo la centralissima via Mazzini ed è considerata la più antica costruzione di tutta la città. L’originaria edificazione è infatti fatta risalire al X secolo, ma l’estetica attuale è il frutto di diversi interventi di ristrutturazione, modifica e ampliamento succedutisi nei periodi successivi. Lo stato di conservazione è ottimo e consente di apprezzare la struttura in pietre irregolari a vista, che, nel caso della facciata, creano un sorprendente contrasto con l’eleganza della cornice in marmo bianco del portone principale. Degno di nota anche il campanile, che, nella sua austerità, si sposa molto bene con il resto della struttura, presentando peraltro tratti molto simili a quello della vicina Cattedrale di Santa Maria.
Mostre di Sarzana
Porta Romana
(1)
Porta Romana, detta anche Porta Nuova o Porta di San Bartolomeo, rappresenta uno degli antichi accessi che consentivano l’attraversamento della cinta muraria della città di Sarzana, in provincia di La Spezia. È situata al margine orientale della centralissima via Mazzini, nei pressi della Cittadella di Sarzana, e presenta oggi una connotazione architettonica di tipo neoclassico legata a un importante intervento di ristrutturazione eseguito verso la fine del XVIII secolo dal carrarese Pietro De Franchi. La facciata verso l’esterno della città è rivestita in lastre di marmo bianco, con mezze colonne e un’ampia serie di abbellimenti sovrastati da una nicchia con una statua della Beata Vergine in preghiera.
Di interesse culturale di Sarzana
Art Primitive Gallery