Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Page?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Page

32 Collaboratori

12 cose da fare a Page

Canyon di Page
Upper Antelope Canyon
(28)
Situato vicino a Page, ai bordi del lago Powell e all'interno della riserva Navajo, l'Antelope Canyon vale davvero la pena di essere visto! Da milioni di anni l'acqua continua a penetrare nella roccia, formando questa impressionante scultura interna, oggetto di numerose fotografie! E' possibile visitare questo sito solamente con tour organizzati.
Riserve Naturali di Page
Horseshoe Bend
(27)
Questa volta credo che una foto valga più di 1000 parole... Il luogo è veramente spettacolare. Peccato che la mia fotocamera non disponesse di un grandangolo per ritrarlo per intero. Situato a pochi chilometri da Page, sulla costa occidentale degli USA (Arizona), è uno dei belvedere più impressionanti sul fiume Colorado. Situato quasi sulla stessa strada che collega Page al Canyon del Colorado. Bisogna camminare a piedi per meno di un chilometro dal posto in cui si lascia l’auto fino al belvedere. È necessario rimanervi almeno un paio di ore per poter contemplare il panorama tranquillamente.
Laghi di Page
Lago Powell
(9)
Siamo giunti al Lake Powell dopo l'escursione in auto al Gran Canyon. Dirigendosi verso Las Vegas troviamo questo immenso lago artificiale causato dalla costruzione di una immensa centrale elettrica, Hoover Dome, che ha deviato il corso del fiume Colorado, inondando i canyon deserti e creando paesaggi spettacolari. Il lago ora è meta turistica vi si possono fare tutti gli sport acquatici e pescare , nonché spettacolari crociere che vi lasceranno a bocca aperta.
1 attività
Fiumi di Page
Glen Canyon Bridge
(2)
A Coconino County, più precisamente a Page, abbiamo trovato questo ponte gestito dal Glen Canyon National Recreation Area, dove si trova anche la diga di Glen Canyon, il lago Powell e un po' più in là, separato dall'altra parte della città, l'Antelope Canyon, che dovete assolutamente vedere. Seguendo questa strada, lasciando Page sulla sinistra, troviamo Horseshoe Bend. Il ponte è piuttosto lungo, con circa 475 metri di lunghezza e un'altezza dal fondo del fiume di 178 metri. È stato costruito nel 1964 e prima, per passare dall'altra parte, bisognava fare un giro di più di 300 km. Di fatto se vi trovate sul South Rim del Grand Canyon e volete andare al North Rim dovete passare per forza per di qua, eppure così ci sono 400 km da percorrere però se il ponte non esistesse se ne dovrebbero aggiungere altre centinaia. È la US Route 89 che attraversa il fiume Colorado. Il ponte è stato costruito dalla US Bureau of Reclamation per facilitare il trasporto dei materiali per la diga Glen. Situata in un ambiente desertico ha convertito il posto in una zona con un enorme lago artificiale unico, il lago Powell. Dati tecnici della diga: Altezza: 216 metri (la ventiseiesima più alta del mondo) Hoover Dam raggiunge i 221 metri. In Spagna, non esiste alcuna diga specifica così alta. Lunghezza: 475 m Anno di costruzione: 1956-1966 Tipo: arco-gravità (in questo caso, l'arco è corto, non come a Hoover Dam) è all'interno della serie di parchi nazionali, dal momento che anche il bacino artificiale è diventato un centro turistico, gestito dalla: Glen Canyon National Recreation Area. La visita inizia presso il Centro dei visitatori, dove, come negli altri parchi esiste un centro di interpretazione che spiega la zona, la formazione del sito e dove si indicano i percorsi da raggiungere. Naturalmente c'e' anche un piccolo negozio di souvenir, libri .... Vi è una grande tenda dove possiamo avere una visione generale della diga e del lago. Il tour inizia nella parte alta della diga, che è chiusa al pubblico e alle auto, formati in piccoli gruppi guidati, dobbiamo dire che la nostra guida era molto peculiare ( si chiamava Megan e ci ha fatto capire in modo orgoglioso e patriottico tutta l' importanza dell'opera), mentre la ragazza camminava rivolta verso di noi durante tutto il tragitto per non perderci di vista ... già sapete nel caso in cui qualcuno facesse qualcosa di strano ... Di fronte si ha una vista del ponte, il Glen Canyon, che collega i due lati del canyon. La visita inizia presso la parte alta della diga, dove è esposta una casseruola che si utilizzava per il trasporto e l'immissione del cemento durante la costruzione della diga. In questi casi, in genere si utilizza un sistema chiamato Blondin, che non è altro che una sorta di carrucola che attraversa il fiume e trasporta il calcestruzzo da dove si produce a dove viene collocato. Questo ponte è da attraversare sia per raggiungere il Visitor Center, sia da coloro che vogliono arrivare a Bryce Canyon, o il Grand Canyon North Rim. Sono piuttosto vicini il ponte e la diga. Guardando in basso si vede la posizione della centrale. L'altezza della diga è importante, è l'equivalente di un edificio di 62 piani. Proseguiamo la visita all'interno dei tunnel della diga, scoprendone i segreti piu' nascosti. Dopo aver utilizzato un ascensore non adatto a claustrofobici si arriva ​​alla parte bassa con una vista incredibile della gola e del viadotto. Sorprende vedere la unione tra il cemento e la roccia. E' molto ben curato questo spazio inferiore, con un tappeto di erba artificiale. Per completare la visita si espone un pannello che aggiorna continuamente il beneficio generato dalla diga dal suo funzionamento, espresso in dollari patriottici. Questi dati vengono raccolti al termine della visita presso il Visitor Center, e si ottiene un confronto con altre grandi dighe americane.
Trekking di Page
(6)
Informazione Turistica di Page
Carl Hayden Visitor Center
(1)
La diga di Glen Canyon è una delle attrazioni della zona di Page e del Lago Powell. Ma secondo me è inutile andare alla diga senza prima passare per il centro informazioni che si trova lì vicino dove è possibile ottenere informazioni dettagliate dalle guardie forestali e ci sono mostre permanenti aperte al pubblico (e gratuite, mentre il Tour Dam costa $ 5 per persona). Per chi ha tempo, può essere un modo per vedere in modo diverso la zona del lago dal punto di vista dell'energia e delle costruzioni umane.
Trekking di Page
Walk to Horse Shoe bend (Colorado River)
(2)
Page è una piccola e giovane cittadina dell’Arizona, è stata fondata nel 1957, ed è conosciuta soprattutto per le splendide attrazioni che la circondano tra cui spicca l’Horseshoe Bend, che si trova lungo la Hwy 89 a circa 5 miglia a sud della città. Lungo la strada trovi un unico cartello ‘Horseshoe Bend Overlook’, che ti indica una strada bianca che ti porta dritta ad uno spazio adibito a parcheggio, l’ingresso è gratuito. Lasciata la macchina bisogna proseguire a piedi per un trim lungo circa ¾ di miglio (1.200 metri). Si inizia con una piccola salita ed una volta in cima si apre una vallata con al centro una enorme buca, la strada è tutta in discesa, si cammina su di un sentiero di sabbia che verso la fine si trasforma in dura pietra arenaria, tutto intorno un’infinità di piccoli cespugli che per metà son secchi. Il sole ti accompagna implacabile, il caldo è soffocante, ma ciò che più impressiona sono le persone che tornano indietro, i bambini praticamente piangono tutti, gli adulti hanno il volto sconvolto, qualcuno barcolla, senti ripetere le lamentele di sempre ‘laprossimavoltacivienidasolo, ‘iosonovenutainvacanzamicaailavoriforzati’ e così continuando, oddio cosa ci aspetta? Finalmente si arriva a destinazione ed all’improvviso la terra ti si apre sotto i piedi e ti trovi sulla sommità di un canyon, un cerchio perfetto, è il fiume Colorado che compie quasi un giro completo che ricorda, per l’appunto, un ferro di cavallo, al centro si erge una roccia a due livelli dal profilo spezzato. Come recita un depliant il sito illustra la costante lotta tra la terra e l’acqua Il fiume scorre a circa 300 metri più in basso, è di un blu intenso con lunghe striature di verde smeraldo e riflessi di sole. La parete è a strapiombo tranne la parte più bassa che degrada dolcemente nell’acqua, non ci sono protezioni e conviene muoversi con cautela. Se vuoi fotografare tutto l’insieme conviene sdraiarsi a pancia sotto sul bordo ed allungare il collo, con un 18 mm non si riesce a riprendere al completo tutto lo scenario. Assolutamente da non camminare con la fotocamera attaccata all’occhio, ci sono alcuni tratti del camminamento sono ricoperti di un insidioso brecciolino. Le pareti son di vario tipo, dominano le sfumature di ocra con qualche concessione al rosa cipria, alcune son nere come se fossero state tagliate con una sega circolare, sui due bordi del fiume un po’ di vegetazione fa da contrasto alle nude rocce. Rocce lisce che verso la parte alta cambiano di fisionomia, assomigliano ad una enorme catasta di cartoni. Qua e là qualche grossa pietra in bilico che ti vien da chiederti come ci sia finita lì, la osservi con attenzione e sembra volerti prendere in giro. Uno spettacolo bellissimo, si rimane immobili a fissare affascinati il panorama, chissà come gli è venuto in mente al fiume di fare tutto sto giro, sarà forse un po’ vanitoso? Ti fermi un attimo a guardare gli uccelli planare tra le correnti del cielo, osservi le increspature del fiume cercando di capirne il verso di scorrimento, ti riempi le orecchie del silenzio che aleggia nell’aria. Non c’è fotocamera capace di fermare una immagine come questa. Si ritorna indietro, quasi per incanto quella che all’andata era una piacevole discesa si trasforma in un’infernale salita :-) La fatica comincia a farsi sentire, si fa ricorso alle ultime riserve d’acqua. C’è la tentazione di tagliare le curve, è più ripido, ma si accorcia la strada. Ma è un’idea malsana che non si deve mettere in atto e non solo perché comunque lo sforzo aumenta, ma soprattutto perché anche in questo ambiente desertico esiste un equilibrato ecosistema e quello che può sembrare una innocente impronta se la vai a sommare a tutte le persone che potenzialmente potrebbero passare di là porterebbe ad un rapido degrado di tutto l’ambiente circostante. Se passate da queste parti trovane un’oretta per far visita a questo sito, ne sarete ampiamente ripagati e, credetemi, non c’è descrizione o foto che possa rendere giustizia a questa meraviglia.
Parco Giochi di Page
(1)
Canyon di Page
(3)
Mostre di Page
(1)
Riserve Naturali di Page
Spiagge di Page