MINUBE
Continua sull'app
Apri
Dove vuoi andare?
Ti piace Le Boulou?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Le Boulou

12 Collaboratori

5 cose da fare a Le Boulou

Negozi di Le Boulou
Couleur Jardin
(1)
Il negozio Couleur Jardin lo troviamo nel villaggio di Le Boulou, nella Piazza della Vittoria, ai piedi dai Pirenei a pochi chilometri dalla Spagna. I proprietari Annie e Henri Parayre ci accolgono calorosamente nel loro grazioso negozio e ci lasciano curiosare tra gli scaffali in cerca di un regalo originale che possa soddisfare le nostre esigenze. Scopriamo molte soluzioni, suggerimenti ed idee per arredare gli spazi all’aria aperta, con accessori e mobili da giardino, illuminazioni per interni ed esterni davvero originali. Il negozio Couleur Jardin offre una grande selezione di prodotti di qualità per decorare la casa e il giardino, con la possibilità di fare liste di battesimi e di matrimonio, proponendo idee per regali singolari ed esclusivi. All’interno del negozio le grandi sale in pietra espongono con grande cura oggetti di uso quotidiano come grembiuli, tovagliette, profumi, candele, giocattoli. Tra poche settimane sarà Natale ed anche il negozio Couleur Jardin offre oggetti curiosi ed eleganti per rendere ancora più piacevole questa festa, dove l’armonia di colori e profumi si uniscono in una magica dolcezza.
Chiese di Le Boulou
Portale della chiesa di Santa Maria
Nel cuore dell’arte romana, uno scultore anonimo ed itinerante lascia opere uniche, di uno stile incomparabile, che con l’insieme delle sue opere lascia percepire il suo mistero senza svelarlo. Visitando il centro storico del borgo di Le Boulou in Francia si ha la possibilità di ammirare con stupore il portale della chiesa di Santa Maria, dichiarato monumento storico nel 1910 e risalente alla seconda metà del XII secolo, la cui opera è da attribuirsi al Maestro di Cabenasty.Questa splendida opera di epoca romanica attrae per le sue decorazioni imponenti, sculture uniche che rappresentano visi di personaggi anonimi, scene della vita di Cristo come l’annunciazione , la natività, il battesimo, l’adorazione dei magi, la fuga in Egitto. Quello che colpisce è l’assenza della separazione delle scene, la sua originalità nella composizione in sequenza, le espressioni dei visi come solo uno Maestro può realizzare con tanta bravura e talento. Opera accattivante che lascia un segno nella storia dell’arte.
Terme di Le Boulou
Le terme di Le Boulou
Lo stabilimento termale di Le Boulou si trova appena fuori dal centro abitato e a soli 4 chilometri dalla Spagna, non distante dal mare e circondato da colline con pini, ulivi e querce da sughero. L’esistenza di queste acque fredde risale al IX secolo e non vennero sfruttate dai Romani in quanto non erano interessati se non ad acque calde. Le acque vennero analizzate per la prima volta nel 1754 e solamente due anni più tardi ebbero il riconoscimento della loro qualità terapeutica all’apparato digestivo, biliare e renale. Nacque così nel 1859 l’esigenza di uno stabilimento dove poter ospitare e curare i malati e poco distante, anche una fabbrica dove veniva imbottigliata l’acqua curativa per poter essere venduta successivamente, attività che restò in funzione sino al 2000. All’ingresso vi è una fontanella dalla quale ci si può servire di un buon bicchiere di acqua ricco di calcio, magnesio e bicarbonato. Il personale è altamente qualificato, aiuta i pazienti nei trattamenti al fine di migliorare lo stato di salute, con programmi mirati e personalizzati. Lo stabilimento ha inoltre una spa termale, una palestra, un piccolo bar e una boutique. Se volete provare una giornata di benessere alla scoperta delle acque curative basta prenotarsi, sarà un’esperienza meravigliosa !
Di interesse turistico di Le Boulou
La Torre Quadrangolare
Durante il XI e il XIII secolo numerose comunità della provincia erano determinate nel difendersi dalle incursioni saracene e dalle guerre feudali, decisero così di proteggersi con la costruzione di alcune fortificazioni. Questo segnò la costruzione della Torre Quadrangolare nel 1197 a Le Boulou. Nel 1462 il villaggio era fortificato e ben protetto. La città era circondata da mura e protetta da tre torri, ognuna di esse corrispondeva alle porte che davano accesso al villaggio. La prima torre si trovava ad oriente, sulla strada chiamata “nuova”; la seconda era stata costruita ad occidente e soprannominata “il portalet” e si trovava all’estremità della via Rouille. La terza torre si trovava a sud della città, chiamata Torre Quadrangolare, fatta di pietre e ciottoli, con feritoie che servivano per difendere il passaggio sul fiume, via obbligatoria che portava in Spagna o verso i porti della costa. Intorno al 1930 la torre venne abbassata di tre metri in seguito al cedimento e alla caduta di alcune pietre. Solamente tra il 1999 e il 2005 venne finalmente restaurata come oggi ci è possibile ammirarla, in tutto il suo splendore, l’unica rimasta delle tre torri originarie.
Chiese di Le Boulou
Cappella di Sant’Antonio
La Cappella di Sant’Antonio la troviamo nella città di Le Boulou, nella regione Laguedoc-Roussilon, della provincia dei Pirenei Orientali. La Cappella è dedicata al secondo patrono del villaggio, che viene festeggiato ogni anno il 17 gennaio. Si tratta di una piccola cappella, molto semplice, poche panche in legno, con un altare centrale e una via Crucis ai lati. L’altare dedicato a Sant’Antonio venne costruito nel 1712 e dorato successivamente. E’un altare molto bello con pannelli scolpiti in legno che rievocano scene di vita di questo periodo. Questo altare venne posto nella cappella laterale costruita nel 1765. La parte più antica dell’edificio religioso si trova sopra a quello che probabilmente custodiva l’antico cimitero. Venne costruita nel 1417 come cappella funeraria dove venne sepolto Guillaume Nègre, commerciante di stoffe di Perpignan. Prima della rivoluzione del 1789 la cappella veniva utilizzata come aula di studi per gli scolari della scuola del villaggio. Durante la guerra di Napoleone la cappella venne utilizzata come magazzino per stoccare la farina del corpo di guardia, con la costruzione di due enormi forni per la cottura del pane per le forze armate. Finalmente nel 1853 venne restituita come luogo di culto ai fedeli.
Attività a Le Boulou
GetYourGuide
(10)
9,09
GetYourGuide
(7)
11,91
GetYourGuide
(206)
9
GetYourGuide
(47)
62
GetYourGuide
189
GetYourGuide
39