Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Turchia?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Turchia

1.867 Collaboratori
Il più visitato a Turchia
Chiese di Istanbul
Basilica di Santa Sofia
(90)
Moschee di Istanbul
Moschea Blu
(77)
Mercati di Istanbul
Grande Bazar
(46)
Riserve Naturali di Pamukkale
Hierapolis & Pamukkale
(35)
Belvedere di Istanbul
Torre di Galata
(38)
Ponti di Istanbul
Ponte Galata
(31)
Di interesse culturale di Istanbul
Stretto del Bosforo
(43)
Palazzi di Istanbul
Palazzo Topkapi
(46)
Di interesse turistico di Göreme
Cappadocia in mongolfiera
(23)
Monumenti Storici di Istanbul
Cisterna Basilica
(48)
Mercati di Istanbul
Bazar Egiziano
(28)
Monumenti Storici di Selçuk
Efeso
(21)
Di interesse turistico di Nevsehir
Camini delle fate
(18)
Moschee di Istanbul
Moschea di Solimano
(27)
Moschee di Istanbul
Nuova Moschea di Istanbul
(11)
Rovine di Selçuk
Biblioteca di Selçuk
(6)
Chiese di Istanbul
Chiesa di San Salvatore in Chora
(11)
Città di Göreme
Göreme
(7)
Monumenti Storici di Istanbul
Cisterna Basilica
(48)
Monumenti Storici di Selçuk
Efeso
(21)
Monumenti Storici di Pamukkale
Hierápolis
(10)
Monumenti Storici di Aksaray
Monastero di Selime
(5)
Monumenti Storici di Ankara
Anitkabir (Mausoleo di Ataturk)
(6)
Monumenti Storici di Selçuk
Fontana di Traiano a Delfi
(2)
Monumenti Storici di Istanbul
Bagno Arabo Haseki Hürrem
Monumenti Storici di Istanbul
(2)
Monumenti Storici di Selçuk
Il tempio di Adriano a Efeso
(1)
Monumenti Storici di Istanbul
Colonna Serpentina a Istanbul
(4)
Monumenti Storici di Istanbul
Obelisco di Teodosio a Istanbul
(8)
Monumenti Storici di Adana
Dawn in Capadoccia
Monumenti Storici di Istanbul
Monumenti Storici di Çanakkale
Rovine di Troia
(2)
Monumenti Storici di Istanbul
The Rumeli Fortress
(2)
Monumenti Storici di Bursa
Mausoleo Verde
(3)
Monumenti Storici di Antalya
Porta di Adriano
(2)
Monumenti Storici di Pamukkale
Latrine Romane in Turchia
Monumenti Storici di Antalya
Il teatro romano di Aspendos
(1)
Monumenti Storici di Aksaray
Güzelyurt e la città sotterranea di Özkonak
(2)
Chiese di Istanbul
Basilica di Santa Sofia
(90)
Chiese di Istanbul
Chiesa di San Salvatore in Chora
(11)
Chiese di Istanbul
(1)
Chiese di Selçuk
Chiesa Doppia di Selçuk
Chiese di Ihlara
Egritas Kilisesi
Chiese di Ihlara
Karanlık Kale Kilisesi
Chiese di Istanbul
Chiese di Istanbul
(2)
Chiese di Istanbul
Moschee di Istanbul
Moschea Blu
(77)
Moschee di Istanbul
Moschea di Solimano
(27)
Moschee di Istanbul
Nuova Moschea di Istanbul
(11)
Moschee di Istanbul
Moschea di Ortaköy
(8)
Moschee di Istanbul
Eyüp Sultan Camii a Istambul
(7)
Moschee di Istanbul
Moschea Sokollu Mehmet Pasha
(7)
Moschee di Bursa
Ulu Camii
Moschee di Istanbul
Piccola Santa Sofia
(4)
Moschee di Ankara
Moschea di Kocatepe
(5)
Moschee di Istanbul
(3)
Moschee di Selçuk
Isa Bey Camii
Moschee di Agva
Eminönü Mosque
Moschee di Istanbul
Moschea Yavuz Selim
(1)
Moschee di Bursa
Moschee di Istanbul
(1)
Moschee di Istanbul
Moschee di Istanbul
Moschee di Izmir
Moschea di Konak
(1)
Palazzi di Istanbul
Palazzo Topkapi
(46)
Palazzi di Istanbul
(14)
Palazzi di Istanbul
Palazzo Dolmabahçe
(7)
Palazzi di Istanbul
Beylerbeyi Palace
(2)
Palazzi di Istanbul
(1)
Palazzi di Dogubeyazit
Palazzo di Ishak Pasha
(1)
Palazzi di Istanbul
Centro culturale Ataturk
(1)
Palazzi di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul
(1)
Centri Commerciali di Istanbul
(1)
Centri Commerciali di Antalya
Centro commerciale Migros
Centri Commerciali di Nevsehir
Centri Commerciali di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul
Centri Commerciali di Istanbul

667 cose da fare a Turchia

Chiese di Istanbul
Basilica di Santa Sofia
(90)
Le parole sono di troppo.. entrare qui è come entrare nella Basilica di San Pietro.. un'esperienza mistica anche per chi non è credente! Impossibile non rimanere sedotti dalle dimensioni, dalle decorazioni, da quel marmo levigato, quei mosaici dorati, quelle colonne imponenti, quelle volte perfette.. Varrebbe da sola un viaggio ad Istanbul (e invece no, per fortuna c'è tanto, tanto altro..). Non meraviglia affatto che sia il simbolo della città. Cara vecchia Hagia Sophia, o Santa Sofia, o Santa Sapienza.. La sapienza degli architetti bizantini che qui hanno ottenuto il loro capolavoro.
Moschee di Istanbul
Moschea Blu
(77)
Meravigliosa, superba, una stupenda opera d'arte e d'ingegneria! E al tramonto diventa un'icona romantica, tutta da godersi nello skyline cittadino. Il nome deriva naturalmente dal colore azzurro delle 21 mila piastrelle utilizzate per dare questo bellissimo effetto. Si dice che al tempo in cui fu costruita,nel XVII secolo, scatenò delle ire per la superbia con cui vennero aggiunti i sei minareti, un numero superiore a tutte le altre moschee e troppo 'vicino' ai sette della Mecca.
Mercati di Istanbul
Grande Bazar
(46)
Ci sono molti, moltissimi negozi interessanti dove ci si può fermare ore nel Gran Bazar di Istanbul. Il negozio Pashiminam nel numero 29-31 è un buon esempio. Il proprietario, Jesus Bay è un uomo adorabile, che è ben disposto a contrattare il prezzo, chiacchierare, ridere con chi ha tempo, calma e fiducia. I venditori di Istanbul amano la contrattazione, e non sono così insistenti come quelli del Marocco o della Tunisia, per esempio. Anche se i prezzi tendono a scendere abbastanza rispetto a ciò che viene chiesto all'inizio, si è abbastanza chiaro il limite sotto il quale non si può abbassare. Pashiminam è specializzato in trapunte, cuscini e tessuti in generale. I cuscini di grandi dimensioni sono affascinanti e di qualità molto buona (si può ottenere uno fantastico per circa cinque euro). Lo stesso vale per le loro coperte fatte a mano, ribassate all'incredibile prezzo di cinquanta euro). Un posto molto consigliabile dentro dell'enorme Gran Bazar di Istanbul. Il Gran Bazar è un mondo speciale, unico, diverso, una mescolanza di culture. Entrare nelle mille e una notte, le luci della strada delle gioiellerie, entrare e toccare qualche gioiello che sta in vetrina, che ha una tempra speciale, il gioco della contrattazione, se desideri comprare qualcosa più o meno importante, un tappeto, delle borse di cuoio, l'invito da parte del padrone del locale ad un tipico tè turco.. Anche se già non è lo stesso bazar di anni fa, hanno migliorato i bar all'interno e adesso sono di design, si può passeggiare per le strade di antiquariato e la zona dei libri. Insomma, ogni passo è un momeno indimenticabile, la tranquillità che hanno per vendere, vederli giocare.. È un luogo di cui ti innamori o che odi. Io per fortuna lo amo.
Riserve Naturali di Pamukkale
Hierapolis & Pamukkale
(35)
A causa degli effetti negativi per l'ecosistema provocati dall'arrivo del turismo di massa, è attualmente proibito fare il bagno nelle piscine di travertino di Pamukkale. Rimane l'opzione di pagare l'entrata per fare il bagno nell'antica piscina di Hierapolis, o godere delle acque termali nella varie piscine pubbliche situate sulla strada principale. Se non si dispone di molto tempo e si vuole scegliere l'opzione gratuita e divertente, ci si può sempre tirare nei canali che attraversano l'intera montagna. L'acqua, a più di 30 C°, è una vera benedizione per i piedi freddi e consumati dalle camminate. Oltre ad essere acque termali molto indicate per i dolori ossei, è un'occasione per fare delle nuove conoscenze e condividere esperienze. La maggior parte dei viaggiatori che si recano alla città di Pamukkale lo fa per le sue vasche di travertino. Anche se l'accesso ad esse, e farsi il bagno, è vietato, vale proprio la pena di andare, e vagare tra le formazioni calcaree, per ammirare il color turchese delle sue acque, e le sue bianche pietre. Richiama molto l'attenzione il contrasto tra il paesaggio ruvido, e molto terrestre, e queste piscine che sembrano fatte con la neve più candida. Un posto molto speciale, che anche gli antichi Romani conoscevano e utilizzavano come terme in estate, visto che le sue acque ricche di calcio, sono buone per muscoli e tendini.
Belvedere di Istanbul
Torre di Galata
(38)
Di giorno o di notte, la Torre di Galata è sembre bella da vedere. Di giorno potete passare per ammirarne i dettagli, dal solido tronco di pietra fino al tetto celeste appuntito; all'ora del tramonto, grazie ai suoi 67 metri d'altezza, si formano grandi code per poter salire (entrata a pagamento) e ammirare il panorama sul Bosforo; di notte la torre si illumina, quasi a ricordare la sua antica funzione di faro. Trovandosi sulla cima di un colle, è un elemento che individuerete spesso nello skyline della città. La zona brulica di ristorantini e locali, per cui la sera si converte in un punto di riferimento ideale.
Ponti di Istanbul
Ponte Galata
(31)
Se c'è un luogo magico e suggestivo ad Instambul, è il Ponte Gàlata. I suoi pescatori sono unici. Di giorno e di notte, instancabili, sempre con un sorriso in volto e il loro secchio di pesci freschi ai piedi, sembra che i pescatori non dormano. Una fila serpeggiante di pescatori sul ponte, scostano un poco i loro ami al passaggio delle barche per il Cuerno de Oro. Scende la notte e cominciano ad accendere i loro falò. È giunto il momento di mangiare i pomodori, gli asparagi, le verdure alla griglia assieme a quei pesci. I migliori saranno appartati per essere venduti ai ristoranti all'aria aperta e vicini ai traghetti. Se nel mondo c'è magia, questa si trova ad Instambul. Se c'è una metafora per esprimere quello che significa per me questa città, è quella dei pescatori di Gàlata a mezzanotte.
Di interesse culturale di Istanbul
Stretto del Bosforo
(43)
1973: il quarto ponte sospeso più lungo del mondo, è stato inaugurato a Istanbul. Si chiama il ponte del Bosforo. Per la prima volta esiste un collegamento fisico tra gli stretti che separano l'Europa e l'Asia. Ora si che la città sta con un "piede in Europa e uno in Asia", come disse il poeta Espronceda. Un'autentica meraviglia. La mia barca attraversa questo ponte moderno ed elegante, da sotto ancora più sorprendente. Il traffico sul ponte è diventato così denso, le comunicazioni tra l'Asia e l'Europa così strette, che il suo costo si è ammortizzato in meno di dieci anni. Poi è arrivata l'illuminazione. Dalle rive del Corno d'Oro, per tutta la notte, il ponte sul Bosforo, attira gli sguardi di tutti i turisti su di sè con uno spettacolo di luci colorate meraviglioso. La gente del posto indica gli stranieri divertita e sorpresa dalla loro sorpresa. Costa pensare perché non rimangono per tutta la notte a fissare la sua magica città, guardando il Bosforo ... Ma si abitua a tutto l'essere umano ... E per prima cosa alla bellezza. Una delle cartoline più autentiche dello stretto del Bosforo sono i suoi pescatori pensierosi nei moli dei quartieri della periferia di Istanbul. Come in un film dell'epoca, quasi come nei cartoni animati, i pescatori si sistemano i cappelli, fumano la pipa, guardano l'orizzonte dove inizia il Mar Nero e aggiustano le loro reti. Per chi ama le foto, sono l'obiettivo perfetto, non c'è miglior ritratto che quello del loro viso pensieroso, che contempla l'andare e venire dei turisti.
Palazzi di Istanbul
Palazzo Topkapi
(46)
Il Corno d'Oro, il Mar di Marmara e il Bosforo ... Il Palazzo Topkapi è la punta di diamante di Istanbul, è il luogo dove concludono i suoi tre "mari", e dove si dice un piede in Asia e uno in Europa. Vale la pena di stare per un po' in uno dei magnifici belvedere del palazzo, a osservare le barche, a guardare i ponti sospesi, e ad ascoltare i suoni dei gabbiani. Questo luogo ti fa chiedere, come si sono sentiti i sultani quando costruirono il palazzo in un luogo così unico al mondo? Dai belvedere contemplavano le navi provenienti da Asia, dirigevano le loro battaglie e si meravigliavano delle esotiche visite. Pura magia. Il Divan Salonu o Camera del Consiglio Imperiale è un altro dei luoghi degni di nota del Palazzo Topkapi. In questo luogo, chiamato Divan (che significa consiglio) i ministri si riunivano per discutere gli affari dello Stato, semisdraiati in comodi divani. Ciò che è più curioso è che il sultano era solito nascondersi dietro una griglia che si può vedere ancora oggi, per ascoltare tutto ciò che veniva detto. Il complesso è realmente molto bello.
Di interesse turistico di Göreme
Cappadocia in mongolfiera
(23)
Un volo in mongolfiera in Cappadocia è un'esperienza da favola che rimane impressa nell'anima per sempre. Si parte da Goreme e zone limitrofe verso le 4, per poter assistere all'alba e per sfruttare la temperatura un po' più fresca del mattino. In tutti gli alberghi e in tutti gli uffici turistici troverete come organizzarla. Ricordate di trattare il prezzo! Verrete accolti in uno spiazzale dove vi offriranno la colazione, 16 per mongolfiera vi porteranno in cielo e ad accarezzare i camini delle fate, infine dopo l'atterraggio brindisi (che alle 8 e mezza di mattina è un po' traumatico) e certificato di volo firmato dal pilota.
Monumenti Storici di Istanbul
Cisterna Basilica
(48)
Questa cisterna si trova nella zona di Sultanahmet (in centro città) ed è un vero gioiello nell'insieme delle moltissime cose interessanti da vedere a Istanbul. Molto meno nota rispetto alla vicina cisterna Basilica, presenta in cambio alcuni vantaggi, che ne hanno fatto la nostra preferita durante la visita della città. In primo luogo, il biglietto d'ingresso è uguale a quello della Basilica però include una consumazione, e prendere un the in una cisterna del IV secolo è una delle cose più incredibili che si possano vivere! Questo edificio fu costruito infatti nel IV secolo dall'imperatore Costantino; in particolare spiccano le colonne, disegnate con dischi rotondi alla base per assorbire le scosse di eventuali sismi. Questa accorta misura ha permesso che le colonne si siano conservate quasi intatte fino a oggi; solo 12 su 224 sono state sostituite. In epoca ottomana su usata come magazzino per la seta, e fu allora che venne allestito il doppio pavimento, tuttora esistente. Oggi si stanno eseguendo lavori di ristrutturazione per adibire la basilica a centro per il tempo libero e la cultura, con un museo e una zona per eventi e mostre. È veramente uno dei luoghi più magici di Istanbul. La maggior parte dei turisti non ne visita l'interno, poiché non viene compresa negli itinerari classici e di trova un po'appartata. Questo è un dato a suo favore: la tranquillità che vi si respira è affascinante.
Mercati di Istanbul
Bazar Egiziano
(28)
Chiudi gli occhi, recita l'incantesimo magico che hai imaprato da piccolo, tre colpi di tacco e ..sarai nel Bazar delle spezie! Potrai incontrare di tutto, pozioni, lozioni, elixir. Questo edificio con più di 500 anni alle sue spalle e chiamato anticamente il Mercato Egizio, è territorio di maghi, streghe e amanti del thè e dei dolci artigianali. Oltre a spezie, frutta secca,favo di miele e saponi all'olio di oliva,incontrerai fichi, fanghi curativi, verdure secche e tantissmi gusti diversi di thè deliziosi.La maggior parte dei negozi dispone di contenitori sotto vuoto così che non sarà un problema portarsi alcune borse di queste delizie a casa. Si deve contrattare, parlare, scherzare annusare, toccare, assaggiare formaggio turco avvolto in pelle di capra, un dolcetto turco e correre tra il chiasso della gente! Benvenuto al Bazar delle spezie!
Monumenti Storici di Selçuk
Efeso
(21)
Annoverato tra le sette meraviglie del mondo antico, Efeso è la città ellenica meglio conservata! Abbiamo dedicato alla visita 4 ore, il biglietto d’ingresso è di 25 lire (circa 11 euro – luglio 2012). Vi arriviamo alle ore 13.45, e visto l’orario il sito è pressoché deserto! Siamo infatti fortunati e percorriamo la via Antica quasi priva di persone, un lusso dato che Efeso accoglie migliaia di turisti, alcuni provenienti via mare dalle isole greche! Rimaniamo affascinati dal Tempio di Adriano, per essere ancora più colpiti dalla magnifica Biblioteca di Celso, che ora è restaurata dallo stato austriaco! Abbiamo poi proseguito il percorso fino al Teatro, molto ben tenuto, immenso (era in grado di accogliere 300 mila persone) e al momento della nostra visita era in parte in ristrutturazione. Tornando verso l’entrata decidiamo di visitare le case a Terrazzi, per cui occorre pagare un biglietto supplementare di 15 lire (circa 7 euro).
Di interesse turistico di Nevsehir
Camini delle fate
(18)
Non so se qualificarlo come la cosa migliore, ma senza dubbio è la più spettacolare e originale di tutta la Cappadocia: i Camini delle Fate. Questo tipo di formazione rappresenta le immagini della regione e ammirarle è un'esperienza irripetibile. Le "peribacalar" (Camini delle Fate) si sono formate dall'erosione dello strato di lava che copriva la roccia vulcanica piroclastica. Questo ha fatto sì che siano rimasti allo scoperto dei pinnacoli isolati, i cosiddetti "camini". Questi pinnacoli possono arrivare a raggiungere un'altezza di più di 40 metri! Hanno una forma conica e sono incoronati sopra pietre compatte che riposano sopra colonne di pietra più morbida. A seconda di come li guardiamo (e dell'intenzione di chi guarda...) possono sembrare immensi falli, funghi smisurati... La gente della zona li chiama semplicemente "kalelar" (castelli). In Cappadocia vedremo queste formazioni e molte altre (vicino a Zelve c'è una montagna con un sacco di rocce a forma di "petto" gigante...) Senza ombra di dubbio una delle cose più spettacolari del mio viaggio in Turchia. L'unione di questi monumenti naturali con l'arido paesaggio ocra della zona, sono stati l'esperienza più particolare, più strana di tutta la Turchia.
Moschee di Istanbul
Moschea di Solimano
(27)
La Sülemaniye camii è una moschea imperiale ottomana di Istanbul, che fu edificata dal Solimano tra il 1550 e il 1557. Sorge sul sesto colle di Istanbul, nella parte occidentale della città, infatti è ben visibile dal Ponte del Bosforo proprio per la sua posizione elevata e dal Corno d'oro. La si raggiunge dopo dieci minuti di cammino a partire dal Corno d’Oro. Ristrutturata qualche anno fa, l'interno della moschea è caratterizzato da grandezza e semplicità, peculiarità che amplificano ancora di più le sensazioni di apertura e ariosità che si riescono a provare in spazi così ampi come le moschee. Noi ci siamo andati a luglio 2012, e il mausoleo di Solimano era chiuso al pubblico per ristrutturazione. Come tutte le moschee di Istanbul, l’ingresso è gratuito; le donne devono coprirsi gambe e capo, spalle e gambe (vengono forniti all’ingresso teli, io avevo comunque con me una pashmina per il capo). Occorre togliersi le scarpe, che possono essere inserite nelle borsine di plastica distribuite all’ingresso. Noi l'abbiamo visitata durante la preghiera delle 17, cosa ha reso la nostra visita ancora più affascinante! Collocata all’interno del quartiere di Fatih, Fatih Camii (ovvero la Moschea di Fatih) rappresenta il centro della vita religiosa di questo quartiere che si trova decentrata rispetto ai quartieri centrali e turistici di Istanbul. Questa bella ed imponente moschea fu fatta costruire nel periodo 1463-1470 per ordine del Sultano Fatih Sultan Mehmed, sepolto nel mausoleo ovviamente posto accanto alla Moschea, e rappresenta il primo progetto monumentale eretto secondo l’architettura ottomana. La sua visita mi ha ricordato per gli interni semplici e per la grandezza esterna la ben più famosa Moschea di Solimano.Visita consigliata!
Moschee di Istanbul
Nuova Moschea di Istanbul
(11)
La bellissima "Moschea Nuova" o "Yeni Cami", risale a oltre 400 anni fa e si trova accanto al Ponte Galata, sulla sponda del Corno d'Oro e vicino al Bazar di spezie ed al Gran Bazar. Si tratta veramente di una meraviglia architettonica, caratterizzata da un patio e da varie cupole che circondano l'impressionante cupola maggiore e da un interno magnifico decorato con mosaici e marmi dorati.
Rovine di Selçuk
Biblioteca di Selçuk
(6)
Per i miei gusti la cosa più bella della biblioteca di Selçuk sono la moltitudine di rilievi e statue bellissime che si trovano all'entrata. e nicchie della stessa ospitano statue ben conservate che rappresentano le virtù: Arete, bontà,Ennoia, pensiero, Episteme, conoscenza,Sofia, saggezza. Vale la pena fotografarle, osservarne i particolari e decifrare il greco antico delle loro iscrizioni. Per poter godere la biblioteca si deve così avvicinarsi alle sue statue e accedere all'interno. Sono molti i turisti che si fermano di fronte alla bellezza della facciata principale. E' in ogni caso uno degli edifici classici più belli che abbia mai visto.
Chiese di Istanbul
Chiesa di San Salvatore in Chora
(11)
In una zona distante dal centro si trova questo vero e proprio gioiello dell'arte bizantina, uno splendore da non perdere se ne avete il tempo. Il nome Chora (in greco) o Kariye (in turco) significa proprio 'fuori dalla città'. La cappella fu costruita prima del V secolo, quando le mura della città ancora non c'erano. Fu distrutta e ricostruita varie volte, ma quello che è fondamentale sapere (e si può notare) è la sua riconversione da antico templio cristiano a moschea. Fortunatamente gli splendidi mosaici e affreschi, risalenti al XIV secolo, sono giunti fino a noi. Nel 1945 viene trasformata in museo, ed oggi è visitabile a pagamento (15 lire). Rimarrete davvero stupefatti. In zona troverete anche molti negozietti di ceramica e piastrelle. Anche se gli edifici sono in uno stato decadente, la situazione è destinata a cambiare visto l'afflusso turistico.
Città di Göreme
Göreme
(7)
Il momento più fasntastico della giornata a Göreme è quando il sole tramonta, allora i suoi camini fiabeschi e le su belle case scavate nella roccia si accendono. Le strade, alle dieci e mezzo, sono deserte, e solo un paio di viaggiatori con zainetto vagano per le sue strade. Queste vie silenziose che sono piene di mistero, che potrebbero essere l' inizio di qualsiasi racconto mágico della nostra infanzia. Non sarebbe strano incontrare in questo momento qualsiasi strega, gnomo o nano. La bellezza è tale che tutto ciò che si fotografa e' spettacolare. Vale la pena visitare la Cappadocia solo per vedere la città di notte. Un posto indescrivibile che è diverso da qualsiasi cosa che abbia mai visto ...