Scarica la app di minube
E vivi i tuoi viaggi
Download
Dove vuoi andare?
Ti piace Agrigento?
Dillo a tutto il mondo!
Accedi con Google Plus

Cosa vedere a Agrigento

75 Collaboratori

27 cose da fare a Agrigento

Rovine di Agrigento
Valle dei Templi
(42)
Agrigento è una città nella costa meridionale della Sicilia, quasi sul Mediterraneo. La città è costruita sulla parte alta di una collina e la cosa più caratteristica e più visitata è La Valle dei Templi che scendono soavemente verso il Mare. Alcuni templi stanno ancora in piedei, risalgono all'epoca romana di Agrigento, posto privilegiato per i navigatori del Mediterraneo ma soprattutto strategico. I templi, alcuni in piedi ed altri in rovina sono fatti di una pietra calcarea propria della zona.... Sono costruiti tra oliveti vecchissimi, alcuni di più di 800 anni. Attorno una campagna completamente coltivata al fondo, quello celeste che si confonde col cielo, il Mediterraneo. È stato dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell' Umanità.
Città di Agrigento
Agrigento
(10)
Agrigento, come tutte le città e paesi che ho visitato in Sicilia, ha un centro storico ricco di palazzi storici e chiese, strade strette e soprattutto pieni di storia. Qui è nato Luigi Pirandello, premio Nobel per la Letteratura nel 1934. Tuttavia penso che Agrigento sia conosciuta molto di piú per la sua splendida Valle dei Templi ed i resti della antica città greca di Akragas. Ma oggi io non ho intenzione di parlare di questa parte di Agrigento, se non di un altro importante aspetto della cittá che é l'epoca Medievale che caratterizza soprattutto la parte piú alta di Agrigento. Al suo fianco ci sono i resti dell'epoca del dopoguerra, una Agrigento moderna e piena di edifici in cemento armato e poco altro. E nella valle, l'antica città greca e poi romana. Per accedere alla parte medievale, ad esempio, dalla stazione ferroviaria di Agrigento, non più in alto a sinistra e girare di nuovo a sinistra. Poi si entra nella strada principale, Via Atenea. Da lì, lasciati andare, curiosare tra i vicoli, e godere le ombre che si cobijarán mentre mucchi di rifiuti sorteáis ...
Musei di Agrigento
Museo Archeologico Regionale di Agrigento
(3)
Il Museo Archeologico Regionale è simile a quella di Siracusa, forse ci sono meno manufatti ma è comunque interessante. Ospita collezioni di reperti che vanno dall'età del bronzo all'epoca romana. I pezzi principali del museo sono la testa del Toro, caschi greci e romani, una collezione di vasi e il sarcofago di un bambino. Agrigento è una delle città più belle della Sicilia, con numerosi templi, come quello della Concordia. Non dimenticate di visitare questo museo.
Templi di Agrigento
Tempio dei Dioscuri
(5)
Stavo finendo la mia visita alla spettacolare Valle dei Templi di Agrigento nel sud ovest della Sicilia. Piú il tempo passava e piú faceva caldo, noltre pensavo che ormai la visita stava finendo...Una volta passato il Tempio di Zeus, dopo aver attraversato la strada, una strada sterrata che mi ha portato tra gli ulivi ed una vegetazione mediterranea sino a raggiungere l'ultimo tempio, quello di Castore e Polluce. Sono rimasto sorpreso perché gli alberi di ulivo si trovavno insieme, come formando un unico ambiente, ad una serie di resti di pietre, anticamente facenti parte delle costruzioni presenti nella città greca di Agrigento, entrambi (ulivi e pietre) sembravano trovarsi in perfetta simbiosi, sin saper ció che vi era in precedenza. Un quadro davvero curioso, davvero. Improvvisamente mi trovai in una zona piú libera dalla vegetazione e ho potuto vedere con maggiore chiarezza, da qui si ergevano...le restanti 4 colonne di questo tempio. Le colonne che sono diventati il ​​simbolo della moderna Agrigento, che si estende verso l'orizzonte dietro il tempio. Non sono lì solo, naturalmente. Tutto intorno sono altre rovine, più piani, molto curiosi. Ho letto che sicuramente sono santuari delle dee Demetra (dea greca dell'agricoltura) e Persefone. Non lo so, ma mi ha colpito un grandi edifici circolari, come ruote e mulini realizzati per giganti. Che cosa farà?! Le colonne di Castore e Polluce orfano ho trovato una bella, forte e fragile allo stesso tempo, e questo angolo come un tutto bloccato nella mia memoria come il più semplice, ma bella e particolare la Valle dei Templi.
Di interesse culturale di Agrigento
Tempio della Concordia
(4)
La Sicilia è una terra bellissima per trascorre le vacanze. Si va dal relax, con spiagge stupende, all'archeologia, con resti del passato greco e normanno, il tutto accompagnato dall'ospitalità della gente e dalla bontà della cucina locale. La cultura greca, più di altre, ha lasciato il segno; Agrigento, l'antica Acagras, fu una delle città più prospere dell'antica Magna Grecia, distrutta dai cartaginesi nel V secolo a.C.
Monumenti Storici di Agrigento
Tempio di Ercole
(2)
Il primo tempio che incontriamo di cammino sulla strada principale, è questo, il più antico della Valle dei Templi di Agrigento. Anche se rimangono solo 8 colonne erette, dà comunque facilmente l'idea delle dimensioni che potesse avere l'edificio. Le pietre color ocra conferiscono un certo calore a questo monumento.
Spiagge di Agrigento
Spiaggia
(1)
In primavera, sulla spiaggia di Siculiana Marina crescono i gigli di mare. La lunga distesa di sabbia fine e chiara arriva, costeggiandola a piedi, fino alla riserva di Torre Salsa. Bella la spiaggia, perfetta per i bambini per i bassi fondali. Si possono affittare pedalò, usare le docce a gettoni, comprare qualcosa di fresco nei bar che si affacciano sulla costa. Fuori si posteggia con comodità e malgrado sia affollata la battigia resta grande abbastanza da non farci sentire sardine stipate. Da provare.
Giardini di Agrigento
Giardino di Kolymbetra
(3)
Vicino al parco archeologico di Agrigento si trova il Giardino della Kolymbetra. Vi si accede attraverso il Tempio di Castore e Polluce, pagando un extra. Nel V sec. a.C. in questa zona si trovava un lago di cinque ettari. Nel XII secolo fu trasformato in un giardino. Oggi è uno dei parchi più belli d'Italia, con aranci, limoni, fichi e mirti.
Spiagge di Agrigento
Eraclea Minoa
A Sud della Sicilia, in provincia di Agrigento, su una rupe calcarea, troviamo le rovine della città greca di Eraclea Minoa. La spiaggia che si trova in questa zona è fantastica. Le sue acque cristalline, la sabbia e le poche persone che di solito la frequentano, la rendono a mio parere uno dei migliori dell'isola. Essere lontana da grandi centri popolati, e in una zona dove non arrivano le autostrade dell'isola, la rende un angolo idilliaco.
Statue di Agrigento
Statua di Icaro caduto
(2)
Davanti al tempio della Concordia di Agrigento è stata collocata, nel 2011, una statua di Igor Mitoray, morto nel 2014, uno scultore polacco-francese di fama internazionale. Le sue opere sono bellissime; Mitoraj utilizza il corpo umano per esprimere concetti metafisici. Non è un caso se la statua di Icaro è stata collocata ad Agrigento. La storia racconta che Dedalo e Icaro fuggirono da Minosse su una barca. Icaro, però, venne trovato da Minosse. Icaro rappresenta il sogno dell'uomo: la possibilità di volare. L'Icaro scolpito da Mitoraj ha le ali danneggiate dalla caduta, ma il suo volto è sereno e non sembra aver paura. Anche se Icaro ebbe qualche problema con la gravità, il suo sesso sembra non averne avuto!
Templi di Agrigento
Tempio di Giunone
È strano che si chiami "Valle dei Templi", quando invece - questa concentrazione di strutture religiose - si trova sulla cima di una collina. Il più alto dei templi è quello di Giunone Lacinia, che si trova nella parte est. Visto dal basso sembra dominare l'acropoli, con le sue 34 colonne dorate che si stagliano contro l'azzurro del cielo di Agrigento. Certo, questo tempio è un po' più modesto di quello della Concordia. Fino al XVIII secolo il tempio aveva una splendida colonnata dorica. Questo tempio risale al V sec. a.C.
Monumenti Storici di Agrigento
Capra girgentana
La Capra girgentana è una razza tipica della zona ed è autoctona siciliana. Vicino alla Valle dei Templi ne potete vedere alcuni esemplari. La Capra girgentana ha origine dalla capra Mark-hor, un animale nativo dell'Afghanistan settentrionale e del Beloushistan. Importate probabilmente dai Greci, queste capre sono oggi tipiche della zona di Agrigento. Ciò che le rende particolari sono le corna ritorte; hanno il pelo lungo, folto e bianco; a volte hanno delle macchie.
Monumenti Storici di Agrigento
Villa Aurea
All'inizio del Novecento il capitano inglese Alexander Hardcastle si innamorò delle rovine di Agrigento. Decise quindi di acquistare una villa situata tra il Tempio di Ercole e quello della Concordia, in una zona con vista sul mare. La villa fu denominata "Villa Aurea". Questo ex ufficiale della Marina Inglese partecipò a scavi archeologici e al recupero delle Colonne del Tempio di Ercole (se dovessi proprio dire la mia, direi anche che ha contribuito a migliorare il paesaggio costruendo questo edificio). Il suo impegno nel campo dell'archeologia è stato omaggiato con la collocazione, davanti alla villa, di un busto che lo ritrae.
Villaggi di Agrigento
Zingarello
In vacanza in Sicilia ho affittato un appartamento in località zingarello. È un posto poco conosciuto vicino san leone che è molto più caotica e turistica. A 100 metri dall'appartamento si trova la spiaggia, anch'essa molto selvaggia ma con un mare pulito. In lontananza si vede punta bianca con la sua roccia calcarea che risalta tra le rocce scure del promontorio. La spiaggia è tranquilla, molto grande e ci si può ricavare il proprio spazio. In spiaggia ci si arriva tramite un sentiero ripido in mezzo alla vegetazione di tipo mediterraneo.
Rovine di Agrigento
Necropoli Paleocristiana
(1)
Visitando la Valle dei Templi, la gente non fa attenzione ai resti che si trovano lungo il percorso tra il Tempio di Giunone e quello della Concordia: si tratta dei resti dell'antica città greca, posteriormente occupata dai Romani. Nella zona tra i due templi in epoca greca sorgevano le mura della città. Mentre il Tempio della Concordia fu riconvertito in chiesa (Chiesa dei Santi Pietro e Paolo), la zona delle mura venne utilizzata come necropoli: ci sono tombe scavate "arcosolium". Potete ancora riconoscerne le caratteristiche. In origine gli archi erano dipinti: adesso sembrano quasi dei grandi pezzi di formaggio groviera. Siccome sono all'aria aperta e non all'interno di un ipogeo, gli specialisti le denominano "sepolture sub divo".
Musei di Agrigento
Antiquarium di agrigento paleocristiana casa pace
Antiquarium Paleocristiano e Bizantino di "Casa Pace" (Agrigento), dispone di una sala dove si espongono reperti siciliani risalenti all'inizio dell'era cristiana e da diversi scavi effettuati dalla Soprintendenza di Agrigento e del territorio circostante.Nel museo possiamo trovareuna gran quantità di frammenti architettonici,lamapde e un sarcofago.
Negozi di Agrigento
Fam Fabbriche Chiaramontane
Agrigento è città bellissima, con una storia gloriosa e solida, ma adesso, come molte città del Sud, ha bisogno di luoghi dove continuare a creare situazioni culturali, dove favorire occasioni di incontro fra influssi artistici, dove godere di mostre ed eventi. Gestito dall’Associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento, la Fam nasce e rivitalizza i luoghi che furono parte del complesso monumentale della chiesa di San Francesco d’Assisi (o chiesa dell’Immacolata). Da vedere, fruire, conoscere. Qui l'arte è esigenza oltre che culturale anche sociale
Spiagge di Agrigento
Spiaggia di punta bianca agrigento
(1)
La spiaggia di Punta Bianca è caratterizzata dalla presenza di una roccia bianca calcarea scavata dal mare fino a creare una sorta di grande gradinata naturale. La spiaggia offre piccole insenature delle quali è possibile trovare la propria intimità. La natura intorno è molto suggestiva e selvaggia. La spiaggia è raggiungibile attraverso un sentiero ripido da scendere a piedi e ancor prima da una strada sterrata che non prometterebbe nulla di buono (noi abbiamo trovato dei bidoni di immondizia incendiati). Consigliamo chi è nella zona di agrigento di fare tappa in questo meraviglioso posto.

Cose da visitare e da fare a Agrigento

Questa città siciliana è diventata famosa per i suoi templi greci. Si dice che siano le testimonianze di civiltà antiche meglio conservate che si trovano in tutto il mondo. Ma del suo ricco patrimonio artistico, questa è solo una delle cose da vedere a Agrigento. Per gli amamti dell'arte c'è molto di più. La città offre interessanti gallerie oltre al museo archeologico che non potete assolutamente perdere.

Inoltre, la zona è molto famosa per un Concorso Internazionale di Folclore che si celebra in occasione della Sagra del Mandorlo in Fiore. Partecipare a questa festa può essere interessante tra le cose da fare a Agrigento oggi.

Se invece apprezzate l'arte della Grecia Antica, una tra le cose da visitare a Agrigento sono i suoi Templi greci. Sono tutti di stile dorico e conservano ancora intatto il loro fascino nonostante i danni del terremoto.

Tra gli altri monumenti da vedere ad Agrigento, ci sono quelli religiosi, come la Chiesa di San Nicola. Oltre alla sua bellezza architettonica, gode anche di una privilegiata vista sulla Valle dei Templi.

Infine, non si può non menzionare il quartiere ellenistico-romano tra i luoghi da vedere a Agrigento. Sembra un museo della città in quanto ospita le vecchie strutture cittadine, fognature, scarichi, serbatoi e resti di affreschi e mosaici. Anche questo vale la pena di essere incluso tra le cose da visitare a Agrigento.